annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Phyllomedusa sauvagei

Comprimi
Questa discussione è chiusa.
X
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Phyllomedusa sauvagei

    Visto che siamo in tema di riproduzioni vi racconto un po' come mi sta andando...

    Le P. sauvagei (5 maschi e 3 femmine) si sono ormai svegliati dal torpore della stagione fredda e hanno cominciato a mangiare.
    Da quando ho allevato i Pyxicephalus non avevo mai più visto mangiare così tanto una rana.

    Ho notato una cosa interessante. Le femmine sono tutte e tre mooooolto più attive dei maschi (di cui solo due sono veramente attivi tutte le notti) e ogni sera le trovo sveglie ed in caccia (al momento la temperatura notturna varia dai 15 ai 17 °C).
    La voracità di cui vi ho parlato riguarda prevalentemente le femmine che sembrano proprio un'altra specie se paragonate ai maschi in quanto a quantità di cibo. Si può dire che nel tempo che un maschio impiega per catturare ed ingollare una preda la femmina ne ha già mangiate almeno due o tre!

    Le sto nutrendo con Phoetalia pallida (blatte simili alle Nauphoeta cinerea ma provenienti da Cuba), grilli, camole della farina ed i loro adulti (sono tra i pochi Anfibi che ho visto mangiarsi gli adulti di Zophobas senza problemi) e qualche larva del miele.

    Nei prossimi giorni farò aumentare la temperatura notturna portandole in casa (notte circa 19-21 °C) nutrendole ancora di più.
    Infine penso che le metterò direttamente all'esterno, in una grossa gabbia per roditori (maglie molto strette) piena di piante.
    Pare che in natura ci sia un innalzamento delle temperature e poi di nuovo un brusco calo dovuto alle prime piogge primaverili.
    Questo brusco calo, insieme alle piogge scatena la produzione delle uova e l'amplesso (che avevo già avuto in passato ma senza deposizione).
    Uno dei maschi comincia a presentare i calli nuziali, li altri lo seguiranno tra non molto, ma di loro mi preoccupo meno, sono piuttosto "affanati" di solito...

    Un'altra idea era quella di metterli in rain chamber, ma solo se riesco a costruirne una grossa come dico io. Ho già i vetri in casa ma non sono molto bravo nell'uso del silicone quindi aspetto un amico che costruisce acquari...

    Basta, volevo solo rendervi partecipi del fatto che per ora tutto va coma da copione, speriamo bene!

    Ah, anche le P. azurea femmine stanno ingrossando parecchio.....


    Ciao
    Ema

  • #2
    complimenti lea phyllomadusa è stupenda.in bocca al lupo!

    Commenta


    • #3
      Viva il lupo!
      Ema

      Commenta


      • #4
        va beh dai.....ci metto anche quello che succede a me...
        i miei maschi....sono secchi secchi....e mangiano pochissimo....il mio letargo è stato abbastanza lungo con quasi 40 giorni di temperature tra i 21-22 di giorno e 8-10 di notte......ora iniziano la ripresa.........le mie femmine maniano da paura...i maschi un po' meno....ma ma comunque si danno da fare...calli nuziali.........non se ne vedono ancora....ma le femmine sono decisamente ingrossate......EMA ricordi la femminucia che avevi tenuto tu?....io la davo per spacciata...ma superato l'inverno....ore è ENORME...gonfia come una zampogna........

        io non utilizzero' la camera della pioggia, l'anno scorso facendolo ho avuto una brutta sorpresa.....aspetto ancora una decina di giorni e per i primi di maggio le rimetto in giardino...e aspetto che la natura faccia il suo corso...magari aiutando un po' la stagione delle piogge...con una setimana di irrigazione notturna...modello nubifragio pluviale.....così se non vogliono buscare troppa acqua, all'aperto, nella loro voliera, le bestiacce si possono cercare un riparo...cosa che nella camera della pioggia non succede.....e magari deporre......

        UE ZENEISE..........mi raccomando......io ci provo a batterti sul tempo !!!!
        ٩(͡๏̯͡๏)۶ Brevices for life.... life for breviceps

        Commenta


        • #5
          Ragazzi le premesse sono più che buone buttatevi a capofitto e in un modo o nell'altro andrà.....non è facile fare i pionieri....ma a forza di prove la strada la si trova.
          Guardate me ho allevato xenopus x anni e nulla....quest'anno praticamente ogni giorno trovo uova in vasca e tutte feconde.
          L'idea della "voliera" o comunque la sistemazione esterna mi pare ottima per spingere sto processo latente.
          ..Se qualcosa mi va storto..lo RADDRIZZO a calci in CULO!?!
          Manuel
          www.Anfibitalia.it
          www.Sanguefreddo.net

          Commenta


          • #6
            Sì, è il "metodo Mascarino" (un'allevatrice della Florida che le riproduce all'aperto), grandi voliere con Ficus e altre piante simili.
            Ho da poco letto un interessante articolo sui "cerimoniali territoriali" dei maschi di Phyllomedusa sauvagei e c'era scritto che nel sito studiato le coppie usavano un albero di Citrus sp. per deporre. quindi suppongo vada bene anche questa pianta, visto che in natura (Argentina) la usano.
            Nel Chaco usano invece altre piante, ma sembra che al contrario di Phyllomedusa bicolor, non usino una foglia grande ma preferiscano tante foglie della grandezza di quelle di un Ficus (dopotutto le foglie grandi nel Chaco non so se siano molto diffuse vista la siccità prolungata del luogo, disperderebbero troppa umidità...)

            Hai ragione Manuel, ci vuole pazienza, ma ogni tanto vorrei prendere 20 Bombina orientalis e fare una secchiata di girini giusto per togliermi la voglia di riprodurre qualcosa e vederne il ciclo vitale.
            Sono anni che non ho esperienze di riproduzione ormai per colpa della mia testardaggine con le Phyllomedusa!

            Per Marco: è chiaro che se ci riesci prima tu di me mi regali qualche "girino del vincente" come segno di "motteggio" per il perdente!

            Ciao
            Ema

            Commenta


            • #7
              Azzz Ema vive in Florida! ai detto niente, in bocca al lupo a tutti e due e giustamente vinca il lupo.

              Commenta


              • #8
                Per Marco: è chiaro che se ci riesci prima tu di me mi regali qualche "girino del vincente" come segno di "motteggio" per il perdente!
                AHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAAH. ..se vinco sta "gara".......manco ti avviso...verdai il mio post su terraristic.com piangerai sconfitto e dovrai implorare per sapere i miei trucchi...mica vi dico tutto raga!!!!...........ma sono pessimista....gli anuri non sono la mia specialità
                ٩(͡๏̯͡๏)۶ Brevices for life.... life for breviceps

                Commenta


                • #9
                  Marco, sai che se fai ancora il furbo ti rimando a lavorare nel locale dell'altra sera senza "protezioni"??
                  A buon intenditor....

                  Sì, Mascarino (www.mascarino.com) è il paradiso per chi riproduce (o ci prova) rane. Però le sauvagei le ha riprodotte anche Christian Proy (i piccoli che ha Marco sono suoi), tedesco, quindi come clima sono adattabili, anche se lui ha usato la camera della pioggia.

                  Ciao
                  Ema

                  Commenta


                  • #10
                    Marco, sai che se fai ancora il furbo ti rimando a lavorare nel locale dell'altra sera senza "protezioni"??
                    A buon intenditor....
                    MAMMMMMMMAA MIAAAAAA.......mai avuto tanto successo...e......mai avuta tanta paura!!!!!........comunque Proy è austriaco e anche lui le tiene all'aperto in estate
                    ٩(͡๏̯͡๏)۶ Brevices for life.... life for breviceps

                    Commenta

                    Sto operando...
                    X