annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

domande sulla t° da un neofito...

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • domande sulla t° da un neofito...

    salve! da un po' di tempo seguo il forum sulle dendrobates perke' sono in procinto di allevarle!
    ho letto un bel po' di cose su vari siti compreso dendrobatesitalia.it (complimenti gran bel sito!) soprattutto su come allestire il terrario ... nonostante questo ho un po' di dubbi vari ...
    all inizio pensavo di allestire un terrario con una temperatura sui 25 ke avrei potuto ottenere anke con uno spot interno ... ma leggo pero' ke se poi e' troppo caldo le dendro riskiano di morire... a questo punto visto ke in casa sono sempre sui 21 in inverno kiedo se nn sia il caso di non preoccuparmi della temperatura. e' anke vero pero' ke una t° costante a 21 nn crea nessuno sblazo termico tra gg e notti.... semmai a questo punto mi pongo il problema inverso ovvero: come fate nei mesi estivi quando la t° skizza sui 30 e anke oltre? come tenete freski i vostri terrari?

    e questo e' il primo dubbio (di una lunga serie) ...

    ps: ma c'e' qualcuno ke le usa per sballarsi il sabato sera dando una leccatina? ^_______^

  • #2
    virtualmente non è impossibile,ma un minimo gradiente di escursione sarebbe opportuno e temperature un pelo piu alte(diciamo in media 25-27)poi dipende anche dalla specie.azureus pare riprodursi meglio con temperature piu basse e molte altre cessano ogni attività riproduttiva sopra certe soglie.per l'estate non mi sono mai posto troppi problemi.di solito se è molto caldo le si porta tipo in cantina.o anche una ventolina da computer,l'aria mossa è piu fresca di quella stagnante.ma le dendro hannoresitito hai 20 gradi di cesena come ai35 di quest'estate...
    ps: ma c'e' qualcuno ke le usa per sballarsi il sabato sera dando una leccatina?
    ogni tanto si prova ma i risultati mmigliori li hai coi phillobates di cattura

    Commenta


    • #3
      ... la temperatura è un pò un dilemma. Tutto dipende dalla specie ...
      molte specie resistono molto bene a temperature basse , mentre altre no
      IL problema più grosso è l'estate ... perchè oltre i 28° le dendroro stanno malissimo ...
      Quindi bisogna usare i metodi elencati da haunter ...

      .... sfido chiunque a leccare una pyllobates di cattura e a fare poi due passi !!!!
      cioè ....
      per uccidere una persona bastano 0,005 mg di veleno di pyllobates
      la rana ne produce 0,5 qundi fate voi i conti in quanto tempo schiattate !!!!

      Commenta


      • #4
        E' vivamente consigliabile, se non indispensabile (a seconda della specie) climatizzare il locale! Oltretutto a temperature sopra i 25-26 C° le drosophile prima rallentano e poi smettono di riprodursi del tutto, estinguendo la colonia! E così se volete farvi quattro risate a fine luglio fate un giro dalle mie parti: vedrete un nerd che impugna un retino entomologico e va a catturare plancton dei prati nei parchi cittadini...facendosi accompagnare da un ragazzino appassionato che funge da alibi nei confronti della gente che strabuzza gli occhi di fronte a tale assurdità!

        Commenta


        • #5
          per uccidere una persona bastano 0,005 mg di veleno di pyllobates
          la rana ne produce 0,5 qundi fate voi i conti in quanto tempo schiattate !!!!
          non hai dato il tempo che uno impiega a morire con 0.005...

          Commenta


          • #6
            Credo che non si riesca a calcolarlo, considerato quanto è breve!!!
            Però ricordiamoci che in natura si nutrono di specie di insetti (soprattutto formiche) velenosissime che da noi non si trovano nemmeno in cattività e da cui prendono le tossine! Per cui, in allevamento, non riescono a produrle!

            Ciao
            Robfrons

            Commenta


            • #7
              Dopo poco tempo (non so quanto ma nell'ordine dei giorni) perdono la loro tossicità anche quelli di cattura.
              Ciao
              Ema

              Commenta


              • #8
                Giusto Ema! Anche se era scontato dato che non vengono nutrite con le prede di cui parlavo da cui assimilano le tossine, è sempre meglio precisare, in modo che chi legge non pensi cose strane!!! (Noi ci siamo capiti, vero? )

                Ciao
                Robfrons

                Commenta


                • #9
                  Ben detto sempre essere chiari per evitare confusione vero Pablo anche perchè i nostri micro insetti non si nutrono comunque di piante tropicali velenose

                  Commenta


                  • #10
                    No Ema, dovrebbe essere nell'ordine di anni (fino a sei per Phyllobates terribilis)...
                    Formiche, curculionidi e millepiedi sono i principali responsabili della tossicità di alcune specie di Dendrobates.
                    A breve su www.dendrobatesitalia un estratto di un articolo su questo argomento! Il testo originale è del british dendrobatid group!

                    Commenta

                    Sto operando...
                    X