annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Chioccioline, che farne?

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Chioccioline, che farne?

    Posto le foto delle due chioccioline cresciute, che ho ottenuto comprendo l'Egeria.... non le voglio tenere, che farne?
    Sono nostrane e posso liberarle in natura??? Non sono dei nostri siti e le riporto al negozio???

    Altro?
    Grazie!
    File allegati

  • #2
    Le schiacci e le butti. In natura non le puoi liberare, in negozio, se le porti, ti ridono in faccia .

    Commenta


    • #3
      allevale, mangiano lo sporco del fondo

      Commenta


      • #4
        Io ti consiglio di non tenerle, per la mia esperienza fanno più sporco che pulizia, e non è proprio semplicissimo liberarsene visto che ne nascono in continuazione..

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da nellu90 Visualizza il messaggio
          Io ti consiglio di non tenerle, per la mia esperienza fanno più sporco che pulizia, e non è proprio semplicissimo liberarsene visto che ne nascono in continuazione..
          Aumentano quando trovano tanto da mangiare (piante marce, cibo avanzato), se mancano le risorse non aumentano.

          Commenta


          • #6
            Io ho una vasca di 40lt lordi senza filtro,
            il cibo lo do con lo stecco quindi niente avanzi, l'unica cosa le piante, quando vedo foglie morte le tolgo.. Non avendo filtro ma avendo piante vere credo sia inevitabile che trovino da mangiare, quindi prolificazione, e di conseguenza parecchi escrementi.

            Commenta


            • #7
              io le sguscio per bene e le do a mangiare al tritone...non penso vi siano controindicazioni e ne approfitto per farmi correggere nel caso sbagliassi.

              Commenta


              • #8
                I tritoni le mangiano, nessuna controindicazione. Le comuni chioccioline "infestanti", vale a dire le Physa, non danneggiano nessuna pianta, e ovviamente non sono pericolose per i pesci. Si nutrono esclusivamente di detrito organico e patine algali presenti sulle superfici solide e sulla superficie dell'acqua, quindi si possono considerare delle spazzine. In genere proliferano molto nei primi mesi di vita dell'acquario, quando il sistema cerca il suo equilibrio; successivamente, la popolazione si stabilizza o addirittura regredisce. Gli escrementi di queste chioccioline sono magari antiestetici (per chi vede l'acquario come qualcosa che deve essere idealmente "pulito"), ma non hanno un alto potere inquinante trattandosi soprattutto di fibre vegetali e batteri digeriti.

                Commenta


                • #9
                  Grazie per i suggerimenti!
                  Quelle bestiole producono escrementi a ritmo continuo!!!
                  Ed effettivamente più che pulire, sporcano tanto
                  Sono anche carine e mi spiace ma no, non le voglio tenere, proverò a sgusciarle e a darle in pasto ai tritoni...

                  Commenta


                  • #10
                    almeno muoiono per qualcosa

                    Commenta


                    • #11
                      Ripeto per pignoleria ma anche per correttezza: gli escrementi NON sono sporcizia, sono un elemento del ciclo della sostanza organica che regna in natura come nei nostri acquari. Quelle cacche diventeranno azoto, fosforo, carbonio, oligoelementi, ecc. che verranno assimilati dalle piante e dai batteri, che si riprodurranno, produrranno altri escrementi che diventeranno cibo per altri organismi, ecc. ecc., in un ciclo infinito.

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da cardisomacarnifex Visualizza il messaggio
                        Ripeto per pignoleria ma anche per correttezza: gli escrementi NON sono sporcizia, sono un elemento del ciclo della sostanza organica che regna in natura come nei nostri acquari. Quelle cacche diventeranno azoto, fosforo, carbonio, oligoelementi, ecc. che verranno assimilati dalle piante e dai batteri, che si riprodurranno, produrranno altri escrementi che diventeranno cibo per altri organismi, ecc. ecc., in un ciclo infinito.
                        Non è che in un acquario, magari anche piccolo il ciclo di suddetti escrementi sia diverso che in natura? Ne producono in quantità a dir poco industriali!

                        Commenta


                        • #13
                          Ragazzi, tanto non ci sono riuscita: né a schiacciarle, né a sgusciarle
                          Se pensate che quando in estate metto la ciotolina dell'acqua sul terrazzo a disposizione degli uccellini liberi (passerotti & C.) metto dentro un bastoncino o una cordicella che tocchi il bordo, così gli insetti che cadono dentro non affogano...
                          LE TENGO! Maledette simpatiche cagherelle! Ho diverse piante non acquatiche che tengo in acqua a radicare, le ho messe lì! Sono salve, anche i miei due tritoni adulti dalla loro montagna di cacca!!!

                          Commenta


                          • #14
                            bene

                            Commenta


                            • #15
                              Non è che in un acquario, magari anche piccolo il ciclo di suddetti escrementi sia diverso che in natura? Ne producono in quantità a dir poco industriali!
                              Stessa cosa medesima. Gli animali che possono sopravvivere in acquario sono quelli che lo spazio a disposizione può supportare in termini di risorse. Dopo l'esplosione iniziale, le chioccioline restano stabili in termini demografici, e parte quel ciclo di cui sopra. Se riesplodono, vuol dire che l'equilibrio è stato modificato: troppo cibo, pochi cambi parziali, ecc. ecc.

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X