annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

F.A.Q. , ovvero tutto ci che non si deve piu' chiedere ma si deve sapere

Comprimi
Questa discussione chiusa.
X
Questa una discussione evidenziata.
X
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • F.A.Q. , ovvero tutto ci che non si deve piu' chiedere ma si deve sapere

    Risposte alle domande piu’ comuni e basilari

    -ho visto una salamandra-tritone. O almeno credo che lo sia. Aveva quattro zampe e una coda. Che cosa e’ ?
    Risposta : metti una foto che te lo diciamo. Senza perdiamo solo del tempo. PRIMA di comprarla.

    -ho visto un tritone-salamandra e vorrei comprarlo. Come si tiene ? che devo fare ?
    Risposta : prima di comprarlo leggi bene questo tutorial (tutto) e usa il tasto cerca senza inutili domande. Le risposte sono gia’ scritte. Basta cercarle.

    -ho comprato un tritone o salamandra. Cos’ e’ ? Come si tiene? Cosa devo fare ?
    Risposta : Era meglio informarsi prima. metti una foto che capiamo che cos’e’ e te lo diciamo. Usa il tasto cerca e troverai tantissimo.

    -ho comprato un tritone. Cosa mangia ?
    Risposta : il meglio e’ cibo vivo. Vermi di terra, chironomus, tubifex vivi . camole del miele ogni tanto, kaimani meglio di no. Grilli per le specie terrestri.

    -devo integrare la loro dieta ?
    Risposta : si’, meglio somministrare 2 volte al mese calcio + vitamina d , o vitamine in generale, spolverando le polveri sopra il cibo e somministrandolo (a terra). In acqua non si puo’ dare, ma i vermi di terra sono molto nutrienti e ricchi di calcio, quindi non serve.

    -Quali sono le regole BASILARI per farli vivere bene?
    Risposta :
    NON metterli insieme ai pesci o ad altri animali
    NON dare loro da mangiare cibo secco in scaglie per pesci (mangiano cibo vivo)
    NON tenerli a temperature superiori a 24 gradi (si ammalano, smettono di nutrirsi e muoiono)
    NON tenerli in un acquario senza una zona emersa (DEVONO poter uscire dall ‘ acqua e far asciugare la pelle se vogliono)
    NON toccarli, maneggiarli, buttarli in acqua, farli muovere, tirarli fuori dall’ acquario. Meno stiamo a contatto con loro piu’ stanno bene.

    -ho visto un tritone , era il piu’ piccolo , aveva una zampina malata, volevo salvarlo : l ho comprato, ho fatto bene ?
    Risposta: Hai fatto malissimo, gia’ e’ difficile far campare un animale in apparenti buone condizioni, figurati uno malato, zoppo, con un problema che sembra piccolo ma che in realta’ e’ una condanna.

    -Ho visto svariati tritoni : erano tutti uguali, uno era obeso, uno magro, gli altri 30 erano simili. Ho preso il piu’ grasso e il piu’ magro. Ho fatto bene ?
    Risposta : hai fatto malissimo, bisogna scegliere con cura l animale. Non deve essere ne troppo grasso ne troppo magro. Prima di comprarlo devi vedere su internet molte foto. Troppo magro vuol dire denutrito e il piu’ delle volte morente. Troppo grasso potrebbe essere gonfio per infezioni interne (“Bloat”) o pieno di vermi.

    -Cosa devo guardare per comprare il mio primo urodele ?
    Risposta : Controlla la pelle, deve essere a posto, SENZA ulcere.Senza ustioni o chiazze strane, o funghi o verruche anomale. La coda non deve essere mozza. Le zampe devono esserci tutte, cosi come le dita. Non deve presentare segni di morsi, non deve sanguinare da qualche punto. Dalla cloaca non deve uscire l ‘ intestino (prolasso del retto) , non deve avere segni di abrasioni sul mento-capo per strusciamenti. Non deve vedersi la colonna vertebrale con le costole, non devono vedersi le “anche” superiormente l attaccatura della coda. Non deve intravedersi il teschio. Non deve essere gonfio , stare sempre a galla gonfio come un canotto. Non deve essere letargico, stare sempre fermo. Non deve avere infezioni agli occhi.
    Scegliere il migliore, il piu’ vispo, che si muove di piu’ , che magari mangia (chiedete al negoziante come li nutre e se vi fa vedere. Se mangia e’ gia una cosa OTTIMA, davvero) il piu’ in forma. Nessun senso di pena o da crocerossini. Alla prima esperienza portarsi a casa un animale malato non e’ il caso.

    -ho comprato un tritone o salamandra : puo’ convivere con pesci rossi, piranha, altri pesci, gamberi, rane o quant’ altro ?
    Risposta : NO, non puo’ ASSOLUTAMENTE convivere con NULLA, perche’ se lo mangia, o viene mangiato, o si stressa e cerca di scappare e smette di mangiare .

    -ho comprato un tritone. Ne posso compare altri ? soffre la solitudine ?
    Risposta : alcune specie sono territoriali e aggressive e stanno bene da sole. Altre sono piu’ gregarie. NESSUNA soffre la solitudine, anche quelle gregarie a volte si mordono o si infastidiscono. meglio soli che mal accompagnati

    -Quanti animali posso mettere insieme, per farli vivere BENE ?
    Risposta : a seconda della grandezza del terrario-acquario e della territorialita’ della specie.

    Specie pacifiche :
    piccole: cynops, notophtalmus
    medie : pleurodeles - neurergus
    grandi : tylototriton , ambystoma mavortium-tigrinum-maculatum .

    Acquario di :
    30 litri : 2 piccoli, 1 medio, 0 grandi
    60 litri : 4 piccoli, 2 medi , 1 grande
    100 litri : 6 piccoli , 4medi , 2 grandi
    200 litri : 8-10 piccoli , 6 medi , 4 grandi

    Specie aggressive : paramesotriton , ambystoma mexicanum (axolotl), pachytriton
    In natura hanno territori di grandi dimensioni, e i perdenti possono scappare facilmente. In terrario vengono uccisi, danneggiati gravemente , stressati. Andrebbero tenuti singolarmente SEMPRE. Si possono fare piccoli gruppi partendo da acquari di 150 litri, rischiando comunque ogni giorno l ‘ incolumita’ dei piu’ deboli. In acquari piu’ grandi se ne possono tenere dai 2 ai 6 esemplari, offrendo rifugi, nascondigli, legni, piante per creare territori ben delimitati.

    I dieci comandamenti

    1- Compra responsabilmente. (leggi, informati, scegli, cerca consiglio, crea il terracquario E POI DOPO compra)
    2- Inizia dalle basi (cerca animali facili da trovare e da allevare, sui quali trovi molte notizie, che costano poco, che puoi rimpiazzare in caso di “errore” o “incidente”, facili da riprodurre e resistenti [specie consigliate : pleurodeles, axolotl, pachytriton, cynops]
    3- Scegli il piu’ forte. (non prendere il tritone-salamandra solo perche’ e’ “purino”[poverino] perche’ lo voglio salvare, perche’ se no muore, perche e’ tanto carino , perche costa poco proviamo, perche ha la zampina malata, rotta, la coda cadente, gli occhi gonfi. Scegli sempre l’ animale che sta MEGLIO di tutti, il piu’ grosso, il piu lungo, il piu grasso.)
    4- Da alla bestia le condizioni ottimali, come fosse in natura (piu’ SPAZIO c’e’ meglio e’ ; temperatura idonea, preferibilmente non oltre i 24 gradi, luce soffusa, ripari dove nascondersi, piante dove deporre uova, zona emersa per salire in caso di bisogno, acqua pulita, piccolo filtro per non fare troppa corrente etc.)
    5- Quarantena gli animali piu’ che puoi. (quarantena : da un minimo di 2 mesi a un massimo di 6, stando attenti a non usare le stesse pinze per i due contenitori che devono essere completamente separati. disinfetta le mani passando da un acquario all’ altro)
    6- Non mischiare. (non mettere nulla insieme al tritone-salamandra che non sia un suo simile. o un vegetale. O un inerte. No pesci, no lumache, no altre specie di anfibi, di rettili, di farfalle. Niente di niente. TASSATIVAMENTE)
    7- Attento alla territorialita’ . (Alcune specie arrivano in negozio piccole e crescono a dismisura (axolot= 30 cm max) e poi si mordono, alcune stabiliscono territori che poi difendono [pachytriton-paramesotriton] alcuni sono aggressivi solo tra maschi nel periodo del corteggiamento, fino ad uccidere i rivali [triturus vittatus].)
    8- Lascialo tranquillo. (regola base : meno si toccano-stuzzicano-spaventano meglio e’)
    9- Nutrilo a dovere. (non usare pellet, scaglie, gammarus secchi, esclusivamente cibi congelati, fiocchi, pastiglie. Nel dubbio ? USA IL LOMBRICO DI TERRA VIVO.
    10- Compra sempre, possibilmente, un piccolo gruppo di riproduzione. (se hai 4 animali e uno muore gli altri crescono e non devi ripartire da zero ma hai gia’ animali cresciuti o in crescita avanzata.)


    Sabbia, Ghiaia , Sassi o niente ? chiarimenti. c'e' parecchia confusione su cosa e come mettere i vari substrati.

    partiamo sicuramente dalle dimensioni dell acquario.

    una vaschetta di 10 litri, o 20 difficilmente riuscira' a mantenere un suo equilibrio, soprattutto se sprovvista di filtro. di contro un acquario da 1 metro manterra' sicuramente i valori dell' acqua piu' stabili nel tempo, ma sara' molto difficile da pulire o da spostare.
    la vaschetta si puo' "svuotare" totalmente in caso di problemi (cibo che marcisce, piante decomposte, acqua gialla per radici non ben "ciclate") , mentre un acquario da 200 litri comporta piu' lavoro e due persone per spostarlo.


    nella vaschetta fino ai 40 litri non ci penso nemmeno a mettere del substrato, lascio vetro, soprattutto perche i filtri "appesi" sono solo meccanici e funzionano ben poco. dai 60 litri in su ci possono essere validi filtri interni, ma sicuramente il migliore filtro 'e un bidone esterno tipo askoll pratiko 100, poca spesa, tanta resa, tante regolazioni.


    parliamo dei materiali.

    -sabbia finissima. si trova bianca, grigia, antracite, ecc. quella bella costa parecchio, anche 30 euro al sacco da 15 kg. bianca non va bene, si sporca subito e si ricopre di alghe verdi. se volete far da voi comprate un sacco di sabbia per edilizia, la "sabbia del po" che viene estratta dalle cave del po. costa poco, va lavata benissimo in piccole quantita' (mezzo kg per volta in un catino, finche smuovendola l acqua non si sporca piu') per eliminare il limo , la polvere ecc.
    Volendo si puo' anche sterlizzare, ma tanto non e' che quella per acquari da 30 euro la sterilizzano per voi...per il discorso "metalli pesanti" eventualmente presenti... credo che ci possano essere, ma in percentuali talmente basse che e' come non averli.
    Personalmente non l ho mai sterilizzata, ma se volete si puo' fare in forno.

    -sabbia fine (fino a 1 mm di diametro) . La vendono di tutti i colori, in sacchi da 1-5 -15 kg nei negozi di acquari, e' bella. va bene, forse vedrei meglio quella finissima, che se ingerita passa con estrema facilita', mentre questa se ingerita in quantita' (20-30 granelli) puo' creare un effetto tappo molto pericoloso.

    -sabbia media(2-5mm) . E' bella da vedersi, non l ho mai trovata dai negozi di acquariofilia, se ingerita puo' tappare e creare anche emoraggie.

    -sassolini (1 cm) questi non vengono ingeriti, ma si deposita un sacco di sporco, non si riesce a sifonare bene, le pante non attechiscono bene, il cibo sia vivo che morto si deposita o si nasconde. un pessimo substrato.

    -sassi piu grandi (2-5 cm) vedi sopra.

    -vetro nudo . il mio preferito. non si deposita nulla, si puo' strofinare l alga che ci cresce sopra, il cibo viene trovato tutto e non avanzato, gli avanzi o i rigurgiti di cibo si trovano facilmente, si pulisce e si mantiene con facilita'.


    -Bestsoil (akadama) - per ultimo posso citarvi il mio substrato top, sia per la crescita delle piante che per la colonizzazione batterica.
    e' un substrato difficile da gestire, da toccare POCO, da lasciare anni in vasca senza movimenti o cambiamenti. va bene sia per la zona emersa sia per la sommersa, e' microporoso e funge anche da filtro biologico, l unico probmena e' che e' m olto polveroso, lavarlo per ore non serve a nulla, serve un buon filtro che tolga il particolato che inevitabilmente produce anche dopo mesi, appena si tocca... l acquario diventa marrone, costa 20 euro un sacchetto da 10 litri.


    ricreare un acquario-terrario-acquaterrario non e' facile, se un animale e' di torrente o di laghetto non vuol dire che si debba assolutamente usare pietre piu' grandi per il primo e sabietta per il secondo.
    per tutte le specie correntemente in commercio consiglio caldamente o il vetro nudo o la sabbia finissima o fine.
    ovviamente per animali piu' complessi come ad esempio desmognathus, ryachotriton, pseudotriton, euproctus, neurergus che sono specie di ruscello freddo, con acqua assai corrente, molto ossigenata non basta qualche pietrolina di fondo per farli vivere bene o riprodurli, ci vuole un acquario lungo e stretto, tanta corrente, decine di pietre da 2-3 kg l una, pietre piatte, radici, una zona emersa con molti rifugi... insomma un acquario molto ben strutturato, 3-400 litri, refrigeratore, pompe supplementari, eccetera.


    consiglio caldamente,comunque, di cercare la propria specie allevata e aggiungere su google "HABITAT" , cosi da vedere le foto in natura dei vari posti in cui vivono e regolarsi di conseguenza.
    Ultima modifica di cardisomacarnifex; 12-02-2012, 18:06.

Sto operando...
X