annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Ragnetti saltatori?!?!

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Ragnetti saltatori?!?!

    Salve a tutti!!
    Nella mia casa in campagna ho sempre vicino ai muretti dei ragnetti marroncini/beije/bianchi/neri che se gli avvicini il dito iniziano a saltare e scappano, io li ho soprannominati ragni spizzy da piccolo, xD ma ora vorrei sapere il nome scientifico, e dato che li prendo in mano e li do sempre come cibo ai rospi vorrei sapere se sono velenosi o mordono. Grazie mille e ciaooo

  • #2
    Dirlo è impossibile, quella dei Salticidae è la famiglia più numerosa...
    Comunque prova Icius sp. o Menemerus sp.

    Commenta


    • #3
      siii sono questi ahhah grazie!

      Commenta


      • #4
        Magari evita di darli ai rospi..
        Ci sono tanti insetti da fornire come pasto ad un anfibio, non è necessario somministrare dei ragni..

        Commenta


        • #5
          almeno che non sia vietato darglieli se i rospi li accettano daglieli pure, anche i camaleonti li mangiano

          Commenta


          • #6
            No, non è vietato ma non ne vedo il motivo.. Sono aracnidi fantastici e molto intelligenti, mi sembrano davvero sprecati per essere utilizzati come pasto dal momento che è pieno di insetti da poter somministrare e che si possono tranquillamente allevare in qualità , appunto ,di cibo vivo .
            Inoltre, personalmente, eviterei sempre di fornire animali animali velenosi come pasto..
            Non sono rari i casi di anfibi e sauri morsi o punti sulla lingua da ragni, scorpioni o imenotteri di cui avevano provato a cibarsi..

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da Aracnojack Visualizza il messaggio
              Sono aracnidi fantastici e molto intelligenti, mi sembrano davvero sprecati per essere utilizzati come pasto

              Posso chiederti come mai li definisci "molto intelligenti"?

              Da ignorante quale sono ho sempre pensato che qualunque ragno, oppure (per esempio) mosca libellula o cavalletta non avesse alcun livello di intelligenza...

              Riflettendoci capisco da sola che è un'idea stupida, ma mi farebbe piacere capirne di più...
              Come si dimostra questa intelligenza?

              Commenta


              • #8
                Basta guardare per pochi minuti un Salticidae per scorgerne l'intelligenza negli occhi.
                Lo stile di caccia è elaborato e la capacità di comunicare con altri della stessa specie attraverso un complesso linguaggio di segni lo rende il più intelligente tra gli aracnidi.

                Commenta


                • #9
                  Quoto el ragno e aggiungo che, premettendo che il concetto d' intelligenza esteso alla maggior parte degli animali va preso con le pinze, dato che è quanto meno improprio abbinare tale vocabolo ai comportamenti istintivi di un rettile, un artropode, un pesce e via discorrendo, per quanto elaborati possano essere, senza i dubbio i Salticidae si sono rivelati autori di comportamenti complessi, oggetto di molti studi ed esperimenti, come la capacità di poter interagire con uno specchio o con una immagine propostagli .

                  Saluti .

                  Commenta


                  • #10
                    ne ho tenuto uno per un pò...li hai mai visti cacciare, bè è stupendo.

                    Commenta


                    • #11
                      Santo cielo mi state incuriosendo!

                      Non ho mai allevato animali di questo genere...

                      Ora faccio una rapida ricerca.
                      In linea di massima sapete indicarmi un documento "for dummies" per una ignorante totale su cattura, detenzione e allevamento dei salticidae?

                      Più semplicemente: ci sono cose che devo assolutamente sapere su questi argomenti?

                      Intanto uso il magico tasto "cerca" che tanto bene ha fatto a tutti noi.

                      Commenta


                      • #12
                        lasciamo stare la legislazione e cavoli vari perchè sennò la cosa si fà complessa
                        comunque lo catturi sipingendolo in un contenitore e lo chiudi.
                        un contenitore di 10 x 10 x 10 cm potrebbe andare bene, ameno il sopra però in zanzariera. alimentalo a drosophile, e se ci riesci trova la coppia così tenti la riproduzione( di cui non sò nulla)

                        Commenta


                        • #13
                          lo alimento a che??

                          Ehm no no lo alimento a formiche e mosche e zanzare che ne ho a chili... per il resto... benissimo grazie

                          Per la legislazione, nel frattempo, ho letto e cercato e i Salticidae si possono allevare, perché non sono in alcun modo pericolosi per l'uomo.

                          Voglio cercare uno o due di quelli colorati

                          Mi chiedevo solo se tenendone due non corro il rischio che si uccidano...?

                          Commenta


                          • #14
                            Vanno sempre tenuti separati. Come alimentazione vanno bene insetti di piccole dimensioni, come mosche, drosophile, zanzare, grilli piccoli, tarme della farina piccole, lepisma ecc. No insetti pericolosi o velenosi (formiche, altri ragni, coccinelle ecc.).
                            Per il terrario un cubo da 10 cm dovrebbe bastare, con 1 cm di torba o terriccio, molti nascondigli a terra e magari un rametto secco che arriva fino al coperchio. Sono ragni che preferiscono un ambiente secco, ma un angolino leggermente più umido lasciaglielo. Sono ragni diurni che vedono molto meglio rispetto agli altri ragni (quando ti seguono con lo sguardo sono fantastici!) per cui il fotoperiodo (basta la luce che entra da una stanza, mai il sole diretto) è fondamentale.
                            Spesso il dimorfismo sessuale è molto marcato, con femmine più grosse e tonde e con colori spenti e maschi molto appariscenti e spesso con i pedipalpi e il primo paio di zampe modificate a mo di "paletta segnalatrice".
                            L'accoppiamento inizia con una specie di danza del maschio ed un movimento ritmico delle "palette" che servono ad avvertire la femmina conspecifica delle sue intenzioni.
                            Una delle specie più comuni e di dimensioni non microscopiche (l'unica pecca dei Salticidae) è il Menenmerus semilimbatus.

                            Commenta


                            • #15
                              Grazie per queste spiegazioni

                              Scusa la domanda idiota ma (ehm) se si devono tenere sempre separati come si fa a riprodurli??

                              Inoltre:

                              Originariamente inviato da Elragno Visualizza il messaggio
                              Lo stile di caccia è elaborato e la capacità di comunicare con altri della stessa specie attraverso un complesso linguaggio di segni lo rende il più intelligente tra gli aracnidi.
                              Se comunicano sono bestie sociali no?
                              Ultima modifica di openmiki; 06-07-2010, 16:56.

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X