annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Come si svolge una visita veterinaria di controllo...toKay!

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Come si svolge una visita veterinaria di controllo...toKay!

    CIAO GECHETTI TUTTI!

    Questa mattina è finalmente arrivato il veterinario per TOKAY, il mio povero gechino inappetente (probabilmente è un fedele seguace di Pannella!)

    Ho pensato di postare questo argomento come "nuovo" perchè potrebbe tornare utile a qualche neofita come me sapere con quali modalità viene effettuata una visita a domicilio di un geco e cosa sarebbe utile che il veterinario trovasse "a portata di mano".

    1) E' preferibile che la teca sia libera da oggettistica varia, acqua, ciotole,tronchi, tane, ecc...; questo per consentire una maggiore facilità di movimento della mano "prensile" del medico ed evitare che l'animale possa ferirsi nel caso non ne voglia proprio sapere e inizi a saltare istericamente a destra e a manca (come avviene nel caso di un tokay, ben poco inclini al contatto fisico).

    2) Un paio di guanti da lavoro. Il veterinario, certo del fatto suo, all'inizio fingerà di non notarli...ma prima che voi pensiate sarà ben lieto di indossarli!

    3) E' sempre buona norma preparare uno spazio adeguato nei pressi della teca in una zona molto illuminata o posizionare una lampada (meglio se alogena) accanto a quello che potrebbe essere il piano di lavoro del medico. Io avevo steso 2 "traversine assorbenti" (quelle "usa e getta" che si mettono nei lettini dei bambini per evitare che bagnino il materasso); hanno il vantaggio di essere asettiche, ampie, completamente bianche, assorbenti e una volta usate raccogli il fagotto e butti via.

    4) Qualche etichetta adesiva vi tornerà utile per contrassegnare le provette contenenti i tamponi che il veterinario preleverà dalla "bocca", dalla "cloaca" dell'animale ed altri eventuali "reperti": il medico infatti non riuscirà a contrassegnare le provette mentre avrà il suo da fare per tenere il geco e procedere all'esame (non essendo la dea Kalì...).

    5) Una vaschetta con acqua tiepida, un asciugamano pulito e un disinfettante (nel caso il veterinario venisse "morso")...al mio non è accaduto ma potrebbe capitare. Meglio avere tutto a portata di mano!

    BENE, PASSIAMO AI FATTI!

    Tokay, ormai dato per morto, non appena ha visto affacciarsi alla SUA teca una faccia che non era la mia si è letteralmente trasformato in Yuri Chechi ai tempi delle medaglie d'oro olimpiche!
    Faceva le capriole carpiate saltando da una parte all'altra della teca (io ero allibita) e "abbaiava" e mordeva come un pitbull. Il dottor LUIGI DI MASO (lo scrivo perchè è un giovane medico appassionato, attento, competente, pieno di premure e anche simpatico...uno che ha scelto questa particolare specializzazione prima per passione che per interesse! Ha un iguanottero di 8 anni tutto pepe!) temeva potesse staccarsi la coda per difesa quindi ci ha messo diverso tempo prima di riuscire a prenderlo evitando che il geco compiesse questo gesto estremo. GRAZIE GRAZIE GRAZIE DOTT. DI MASO!!!!

    Una volta acchiappato "il finto morto che abbaia" ha controllato attentamente la pelle e le manine per escludere la presenza di parassiti, poi è passato al sessaggio. MASCHIO (non avevo dubbi)! Trattasi di un giovane maschio adulto di 32 cm. ben proporzionato con coda originale (non taroccata).
    Poi, le dolenti note: TAMPONE DELLA CLOACA (sodomia praticata con un cotton fioc per analizzare la presenza di parassiti e se sì di quale tipo) e TAMPONE OROLARINGOFARINGEO (medesime ragioni)...Tokay non ne voleva sapere di aprire la bocca e quando l'ha aperta ha afferrato il cotton fioc e l'ha mollato dopo 20 minuti di presa! Non c'è stato verso di riuscire a farglielo mollare prima!

    Pensate che al termine della visita ha dovuto rimetterlo nella teca con il guanto che aveva usato per maneggiarlo! Arrampicato sul tronco con il guanto a penzoloni stretto in bocca sembrava Linus con la sua copertina!

    MORALE: Tokay, come anche il grande Manu aveva rilevato dalle fotografie postate, è effettivamente un pò magro ma per niente messo male. Non è stata rilevata alcuna affezione parassitaria "visibile" pertanto occorre attendere i risultati delle analisi di laboratorio previsti per domani. Non presenta al momento problemi inerenti alla calcificazione ma naturalmente potrebbe averne se dovesse continuare il digiuno.
    Comunque una larvotta se l'è ingoiata "con le buone maniere"...per questa notte è a posto.

    Adesso è (tanto per cambiare) impastato a mò di poster sul vetro della teca e non mi rivolge nemmeno la parola!

    GRAZIE ANCORA A TUTTI PER I CONSIGLI SENZA I QUALI IL MIO GECO SAREBBE CERTAMENTE GIA' MORTO! VI ADORO!

  • #2
    Credo che il veterinario abbia fatto un buon lavoro, per cui attendiamo domani per sapere quali parassiti infestano il tuo geco

    Ciao Manu.

    P.S. Grazie per il grande

    Commenta


    • #3
      che sagome i tokay.. veramente una sfida.
      Sono animali timidissimi e incazzati perennemente, hanno bisogno di pace e tranquillitá
      Cmq il veterinario sembrava veramente competente ! speriamo che inizi a mangiare..
      ora che sta arrivando il caldo, vedi se riesci a trovare qualche succulento insetto..
      per le grosse cavallette verdi penso sia presto (di solito si trovano a fine estate), ma potresti trovare magari ragni, farfalle, prova a dargli un topo piccolo appena nato, se per caso mangia quello é ottimo: é una bomba di vitamine, calorie, e calcio

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da iveemci
        ora che sta arrivando il caldo, vedi se riesci a trovare qualche succulento insetto..
        per le grosse cavallette verdi penso sia presto (di solito si trovano a fine estate), ma potresti trovare magari ragni, farfalle, prova a dargli un topo piccolo appena nato, se per caso mangia quello é ottimo: é una bomba di vitamine, calorie, e calcio
        Ma io ho paura delle grosse cavallette verdi! Mi piacciono tanto da osservare ma appena si muovono me la dò a gambe levate!
        Per quanto riguarda i ragni...capisci bene che ospitando spesso 8 tarantole che adoro non sarebbe etico...
        Le farfalle come le acchiappo?(lascia perdere le falene che personalmente mi hanno sempre portato una s***a che non ti dico!)
        I topolini piccolini, quelli rosa teneri e indifesi con il musetto che sorride? ...finirei con l'acquistare una teca anche per lui!

        Appena si sarà ripreso vado via di grilli vitaminizzati, camole del miele selezionate e non so, qualcos'altro (chiederò consiglio a Vissani!)

        Commenta


        • #5
          Mentre stavo scrivendo il post sopra mi ha chiamato il veterinario per gli esiti dei tamponi.....a parte milioni di spermatozoi...NIENTE!

          MA COS'HA???
          Comunque domani sera il veterinario tornerà qui e oltre a ripetere il tampone cloacale studierà un progetto di terrario diverso. Lui è propenso a credere che la temperatura interna del terrario subisca delle continue anche se piccole variazioni e questo disturbi molto il geco.
          Non si può nemmeno escludere, non conoscendo per quanto tempo sia stato esposto al freddo, che lui abbia iniziato una fase di letargo o di "bruma" (cos'è? quando vanno in amore? esiste il pericolo che lui sia lì vicino alle antine della teca ad aspettare la gechina??? ). Mi farò spiegare meglio domani sera perchè per telefono sono cose complesse...

          Se qualcuno di voi ha invece già intuito a cosa si riferisse mi piacerebbe leggerlo...

          GRAZIE A TUTTI!

          Commenta


          • #6
            Ciao Meddy, ma il tuo veterinario gli ha fatto anche un semplice esame delle feci? alcuni parassiti non li vedi solo con il tampone!

            Commenta


            • #7
              ciauuu Meddy!!! La bruma è una forma di letargo, i geckini ci entrano quando sentono che la temperatura va calando...alcuni dicono che hanno anche una specie di orologio interno... (pero' vabbè...)

              CMq x gli esami la cosa più importante, come ha detto Simone, è quella di analizzare le feci, visto che molti vermini o parassiti non possono essere visti dallo striscio della cloaca... quindi appena puoi.. se la fa
              dai al veterinario una cacchina..

              Personalmente penso che i piccolissimi sbalzi di temperatura non influiscano tantissimo sulla salute del gecko.. e, se veramente non ha parassiti, credo che la causa possa essere una troppa esposizione al freddo o un eccessivo stress (passato ovviamente..)...

              facci sapere mi raccomando!!!

              W i geckini piccini piccio'

              Commenta


              • #8
                Avevo già supposto in uno scorso post che il tuo geco potesse essere entrato in una sorta di bruma, ma penso che dopo 2 settimane di caldo sarebbe già dovuto uscirne.
                E poi sono dell'idea che gli sbalzi termici di cui parla il veterinario non influiscano troppo sul geco(mi fa un po' ridere), chiaro se mi dici che ora ci sono 30°C, tra due minuti 20°C e tra altri 10 minuti nuovamente 30°C, allora sì che può essere stressaante per l'animale.
                Sbalzi di un paio di gradi nel corso del giorno sono normali...e poi io allevo tutti i miei gechi senza riscaldamento e se oggi ci sono 24°C nella stanza e domani 20°C perchè piove o 26°C perchè c'è il sole non ne risentono, in natura non è molto diverso e un geco sano non dovrebbe risentire di ciò.

                Ciao Manu

                Commenta


                • #9
                  PREMESSA: il problema del mio geco è che non mangia...DUNQUE NON FA LA CACCA!

                  Procedo con gli aggiornamenti ringraziandovi sino allo sfinimento per l'attenzione e il sostegno che mi date per questo "salvataggio". Lo stesso veterinario ha detto che si iscriverà al sito perchè si è davvero stupito nel vedere una neofita così preparata sull'argomento...e io ho detto che se il mio tokay è ancora vivo lo devo agli amici appassionati di SANGUEFREDDO.

                  ...allora, venerdì sera il dott. De Maso è ritornato.
                  Dopo aver constatato che Tokay è sano più di un "pesce" ci siamo messi a studiare cosa non funzionasse.
                  Per quanto riguarda il terrario nulla da eccepire, è perfetto (tana, tipo di corteccia, tronco per babbuini, ciotolina portalarve, ciotolina acqua, sistema di nebulizzazione con acqua tiepida elettronico...ossia IO!).
                  Ad essere imperfetta è purtroppo la temperatura che, qualora il geco non avesse subito grossi sbalzi, sarebbe andata bene ma visto ciò che ha passato risulta essere troppo bassa e poco costante (26 circa diurni e 19/20 notturni).

                  Quindi domani pomeriggio mi appresto ad un nuovo salasso: tappetino riscaldante con termostato automatico preimpostabile + igrometro digitale + lampada UVB (sebbene i tokay potrebbero farne a meno...MA IL MIO PARE LO VOGLIA!)...+ mega ciabatta per attaccare tutte le prese (mentre la mia stampante e il mio masterizzatore si attaccheranno al tram!).
                  DITEMELO SUBITO...più o meno quanti Euro saranno???

                  Nel frattempo, "Sua Maestà" :roben: non si degna di uscire dalla sua tana e gode del sano tepore di una piccola borsa di acqua calda rivestita in morbido cachemire (quella che si usa da mettere nelle culle dei neonati)...prontamente ripristinata ogni 2 ore!
                  Arrghhh! E io sono quà con i piedi gelati!

                  Commenta


                  • #10
                    Effettivamente se la massima è di 26°C è normla e forse nemmeno preoccupante che il tuo geco non mangi.
                    Ho avuto tokay che in bruma non hanno mangiato per 2 mesi senza riprotare problemi se non un lieve(anche se visibile) dimagrimento.
                    Il mio consiglio per evitarti una spesa folle come quella a cui ti stai apprestando è di mettere il tuo tokay in un fauna box(di dimensioni medio grandi) con un rifugio e della carta come substrato, dopo di che metterai la lampada riscaldante pochi cm sopra il terrario e se vuoi un tappetino sotto metà della superfice inferiore, in questo modo non dovrai comprare tutta quella roba e avrai il tokay sempre al caldo(evita di comprare la lampada UVB spendi un sacco di soldi per niente, io sono dell'idea che quelle lampade non emettanto niente(caso fatto per l'ultravitalux)).
                    Resta da dire che se il geco è effettivamente sano ti basterà attandere il primo caldo e si metterà a mangiare da solo.

                    CIao Manu

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da Manu
                      Effettivamente se la massima è di 26°C è normla e forse nemmeno preoccupante che il tuo geco non mangi.
                      ... fauna box(di dimensioni medio grandi) con un rifugio e della carta come substrato, dopo di che metterai la lampada riscaldante pochi cm sopra il terrario e se vuoi un tappetino sotto metà della superfice inferiore, in questo modo non dovrai comprare tutta quella roba e avrai il tokay sempre al caldo(evita di comprare la lampada UVB spendi un sacco di soldi per niente, io sono dell'idea che quelle lampade non emettanto niente(caso fatto per l'ultravitalux)).
                      CIao Manu
                      Grazie Manu! Io ho una bellissima teca 30x20x30 in legno e vetro 8mm che utilizzo prevalentemente per lo spostamento di qualche tarantola...può funzionare come fauna box o è troppo piccola? Del resto Tokay attualmente occupa lo spazio di un salvadanaio!
                      La teca di cui parlo sarebbe perfetta...è semplicemente la miniatura della teca in cui lui attualmente vive.
                      Resta il fatto che il tappetino lo devo per forza prendere...cosa costerà?

                      URGENZA: è appena "saltata" la lampada notturna..."PORCACCIA LA MISERIA!" Posso mettere un foglio di alluminio sotto quella diurna e lasciarla accesa o rischio l'incendio o l'intossicazione del geco?
                      GRASSSSSSIEEEEE!

                      Commenta


                      • #12
                        Un tappetino da 8w ti costerà dalle 20 alle 30 euro....per le altre domande non so dirti!

                        Commenta


                        • #13
                          se compri il teppetino.. io la notte lascerei acceso solo quello...niente lampada notturna..

                          mi sa che te la sconsiglio la lampada con l'ALU



                          Commenta


                          • #14
                            Allora, il piccolo terrario in legno è perfetto sopprattutto perchè ha molta meno dispersione del fauna.
                            A questo punto puoi mettere il faretto come riscaldamento diurno e il tappetino come notturno(niente lampada), solo che se anche il fondo è in legno lo devi mettere dentro al terrario, ma coperto in modo che il geco non possa arrivare a contatto diretto con esso.

                            Evita l'alluminio, non vorrei che si surriscaldasse la lampada e scoppiasse.

                            Ciao Manu

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da Manu
                              Allora, il piccolo terrario in legno è perfetto sopprattutto perchè ha molta meno dispersione del fauna.
                              A questo punto puoi mettere il faretto come riscaldamento diurno e il tappetino come notturno(niente lampada), solo che se anche il fondo è in legno lo devi mettere dentro al terrario, ma coperto in modo che il geco non possa arrivare a contatto diretto con esso.

                              Evita l'alluminio, non vorrei che si surriscaldasse la lampada e scoppiasse.

                              Ciao Manu
                              ..."sono fuori dal tunnelellellellel del divertimentooooo...sono fuori dal tunnelellellellel del divertimentooooo...quando esco di casa mi annoio sono molto contentoooooo..." (singing)

                              Questa mattina appena sveglia sono come sempre saltata sulla teca per vedere "Sir Bisss"...lui non c'era, era nascosto nel suo "tunnel" ma c'erano segni inequivocabili di baldoria notturna!
                              Vaschetta dell'acqua semirovesciata e piena di corteccia, termometro di Padre Pio buttato in giro e ciotolina portalarve sbilenca con 3 grasse larve del miele mancanti all'appello mattutino!
                              ...proverò a guardare meglio se sono in giro ma sopra la sua tana c'erano i resti mordicchiati e spiaccicati di una di loro...
                              Sai a vedere che...

                              Non cantiamo vittoria prematuramente e pensiamo alle cose serie: la miniteca ha il fondo in vetro quindi non c'è problema per il tappetino. Mi spiace solo rinchiuderlo in uno spazio così ridotto ma...s'ha da fà! Per quanto tempo lo tengo lì dentro?

                              GRAZIEEEE......"sono fuori dal tunnelellellellel del divertimentooooo...sono fuori dal tunnelellellellel del divertimentooooo...quando esco di casa mi annoio sono molto contentoooooo..." (singing)

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X