annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Casco del cama e stato di salute... parliamone

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Casco del cama e stato di salute... parliamone

    Il topic è un po' provocatorio ma ho un dubbio da esporvi:

    Di solito il fatto che i due lembi di pelle del casco di un camaleonte formino una copertura "convessa" (stondata) piuttosto che "concava" (incavata) viene indicato come un segno di buona salute, in particolare di un buon stato nutrizionale. Questo segno sarebbe ancor più positivo se anche la pelle dietro al casco (la nuca per intenderci) risulta ben "pingue".

    Ora, nella mia esperienza, la prima affermazione non è esatta. Se infatti ho riscontrato una costanza nello stato della "nuca", ovvero le variazioni di "volume" intervengono solo lentamente nel tempo, nel caso dei due lembi superiori un semplice cambio di posizione, un lievissimo stato di disidratazione, o anche uno stato emotivo di eccitazione, producono rapide modifiche che potrebbero indurmi a credere che il cama sia improvvisamente grasso o denutrito. Parlo in questo caso dei pardalis perchè il gigantesco casco dei calippi, almeno nelle mie osservazioni, è meno predisposto a questi cambiamenti.

    Quel'è la vostra esperienza in proposito?
    Animali insoliti? Amici Insoliti!

  • #2
    Ciao Rob, sarebbe interessante corredare questo topic con delle foto. Ne avresti da postare?
    Non so se ho capito appieno il tuo quesito, ma nella mia esperienza, un casco vuoto (o concavo) è indice di disidratazione e (non sempre e non necessariamente) di malnutrizione. Un casco pieno è indice di salute in generale. Un casco molto pieno (difficile definire quanto sia "molto" però) l'ho osservato una volta in un camaleonte (F. pardalis) di un amico decisamente obeso, quindi eccessivamente nutrito. Non ho rilevato, che io mi ricordi, mutazioni dovute ad un particolare stato emotivo. Cercherò di farci caso.

    Commenta


    • #3
      io normalmente uso gli occhi come indicatore di disidratazione e casco (nuca compresa), zampe e ventre per il livello di nutrizione.
      L'occhio è uno "strumento" decisamente immediato, voglio dire che, se il cama è disidratato, l'occhio te lo segnala immediatamente, però gli occhi infossati indicano anche stress o dolore e lo fanno in pochi minuti, direi quindi che, nel caso di una foto ad esempio, potremmo essere tratti in inganno e scambiare una disidratazione con uno stato emotivo.
      Per quel che riguarda il casco lo ritengo mooolto approssimativo e soggettivo, nel mio caso ho avuto calyptratus perfettamente in salute con un casco mediocre, va anche detto che in questa specie i maschi non hanno il casco "pieno" come le femmine. Nei pardalis è diverso perchè il casco è più basso e arrotondato ma anche qui non lo trovo un buon sistema di valutazione, Otto ad esempio (maschio adulto) ha passato l'inverno nutrendosi decisamente poco, e dimagrendo, il suo casco è comunque bello, certo è meno pieno, ma sono meno piene anche le zampe e addome (pur avendo perso solo il 4% del suo peso corporeo).
      In definitiva, a mio avviso, possiamo osservare l'occhio per controllare l'idratazione, se lo facciamo tutti i giorni per non confondere questo problema con dello stres giornaliero, ma per il livello di salute generale dobbiamo osservare tutto il corpo del cama (sopratutto le zampe).
      Ciao, Gabriele.
      Ovvio che un cama denutrito, disidratato e stressato avrà occhi infossati, casco "vuoto" zampe magre cassa toracica in evidenza ecc.
      Ciao, Gabriele.
      Ciao, Gabriele

      Commenta


      • #4
        Ma come cavolo si fa a far diventare obeso un cama?
        MrBurns, ti assicuro che non è difficile con un cama che viene abituato male o viziato. In particolare il mio conoscente gli dava una quantità esagerata di kaimani e di camole. Troppo pochi i grilli che il cama progressivamente andava sempre più snobbando, visto che poteva avere di meglio e più gustoso. Niente di più deletereo!

        Gabriele ha allargato il discorso agli occhi e alle altre parti del corpo che possono fungere da indice di salute e la discussione si fa interessante. Io non guardo molto al casco quando devo stabilire se un cama è sottopeso. Come Gabriele osservo il ventre, se sono evidenti le costole, e la coda. Per le zampe la valutazione va fatta a seconda dalla specie. Il calyptratus per esempio ha le zampe più magre del pardalis, quindi non mi preoccupo di un calyp con le zampe magre (purchè siano belle muscolosette) come potrei fare per un pardalis o un jacksonii. Generalmente però se si vedono la separazione tra le ossa la denutrizione è a livelli preoccupanti.
        Per quanto riguarda l'idratazione invece ritengo che il casco possa parlare prima degli occhi, nel senso che quando vedo un camaleonte con gli occhi poco o tanto infossati (una volta esclusa la componente emotiva) so che la disidratazione è già a "buon" punto. Il casco invece ci mette del tempo a svuotarsi, perciò se vedo un casco svuotarsi personalmente mi preoccupo non tanto di una denutrizione quanto di una disidratazione in corso e di conseguenza incremento le nebulizzazioni. Questo però non è sempre vero. Ad esempio Omero il camaleonte di Roberta, pur presentando un casco in buone condizioni, ha gli occhietti infossati. Ed è il primo camaleonte disidratato ma con casco in buone condizioni che vedo. Quindi? Per ora le mie conclusioni mi portano a credere che ci sia grande individualità anche in questo campo. Un po' come persone diverse tendono ad ingrassare in parti diverse del corpo. Ma non quanto questo ragionamento abbia una sua validità...

        Commenta


        • #5
          Per ora le mie conclusioni mi portano a credere che ci sia grande individualità anche in questo campo. Un po' come persone diverse tendono ad ingrassare in parti diverse del corpo.
          su questo non ci sono dubbi
          Il casco invece ci mette del tempo a svuotarsi,
          è proprio questo il problema, ci mette troppo tempo a svuotarsi, quindi corri il rischio che quando si è svuotato il cama si trovi in uno stato di salute pessimo, perchè magari sono settimane che è debilitato e il casco è sempre stato pieno.
          Ciao, Gabriele.
          Ciao, Gabriele

          Commenta


          • #6
            è proprio questo il problema, ci mette troppo tempo a svuotarsi, quindi corri il rischio che quando si è svuotato il cama si trovi in uno stato di salute pessimo, perchè magari sono settimane che è debilitato e il casco è sempre stato pieno.
            Io la vedo diversamente, e forse non mi sono espressa bene. Secondo la mia esperienza (limitata per carità e sempre Omero escluso) il casco inizia a svuotarsi prima che lo facciano gli occhi. Solitamente se si osserva il camaleonte con regolarità si riesce ad accorgersi di questo processo prima che il casco si svuoti completamente. In questo modo mi è stato possibile fermare più di un processo di disidratazione (o presunto tale) prima di aver mai visto gli occhi infossarsi. Gli occhi possono invece essere sporgenti un giorno (penso: il mio cama è in salute) e infossati il giorno seguente (penso: il mio cama sta male), anche se questo di solito non è causato da disidratazione cronica ma da qualche patologia (intossicazione, insufficienza renale, etc.). Ma come ho detto quella del casco non è per me una scienza esatta. In linea di massima, se un camaleonte mostra un casco un po' più vuoto del normale penso possa esserci qualcosa che non va e cerco di intervenire riempiendolo. Se un camaleonte mostra invece occhi infossati sono sicura che c'è qualcosa che non va.

            Commenta


            • #7
              Io valuto sempre nel complesso un po' tutto....casco ,arti, coda, occhio....... un'attenta osservazione giornaliera puo' evidenziare dei cambiamenti che se prolungati nel tempo devono mettere all'erta per un eventuale problema.

              Commenta


              • #8
                Interessante l'uso delle zampe come marcatori, non ne sapevo nulla! Come dovrebbero essere le zampe di un pardalis in salute?? In particolare cosa dovrei guardare: articolazioni, massa muscolare... ?

                Io continuo a tenere a stecchetto il povero Cyrano (dopo aver constatato che aveva almeno 100 gr in eccesso rispetto ai vostri esemplari), ma il calo ponderale è esiguo anche se davvero gli sto dando il minimo (quel che basta perchè non mi salti alla gola quando apro la teca!).
                ciao
                e grazie dei chiarimenti
                Animali insoliti? Amici Insoliti!

                Commenta


                • #9
                  Le zampe dei pardalis hanno l'avambraccio e il polpaccio (si fa per dire) piuttosto muscoloso, quando sono in sovrappeso ci sono dei depositi di grasso appena sopra le articolazioni. Quando al contrario le zampe sono sottili (tipo calyptratus per intenderci) sono sottopeso.
                  Resto dell'idea che bisogna conoscere da tempo l'animale per fare una valutazione di questo tipo.
                  Roberto resterai sorpreso di quanto poco Cyrano perderà peso, il mio otto ha perso pochi grammi dopo mesi in cui ha mangiato pochissimo ha alternato settimane intere di digiuno a settimane in cui mangiava 1 locusta o 1 caimano al giorno (non tutti i giorni),
                  Vado un attimo O.T.: vorrei provare a nutrire Otto con camole del miele per un breve periodo, dal tuo articolo ne esce che (grassi a parte) non sono così pericolose come le "dipingiamo", in conclusione credo che, nonostante l'apporto di grassi, in un cama sottoalimentato, non dovrebbero creare problemi.
                  Che ne pensi?
                  Ciao, Gabriele.
                  Ciao, Gabriele

                  Commenta


                  • #10
                    Beh vista la capacità a prendere peso e la difficoltà a perderlo, almeno per maschi adulti di pardalis, credo non mi farò mai più scrupoli quando dovrò partire per le vacanze estive.... basta organizzare un'adeguata idratazione e penso possano tollerare 10-15 giorni di digiuno senza battere ciglio!

                    Le camole del miele secondo me sono esattamente l'alimento ideale per recuperare esemplari di cama deboli o denutriti, ovvero "stimolare" i giovani in crescita... per i ciccioni come il mio Cyrano restano un dolcetto che somministro in piccole dosi.

                    Un trucchetto semplice ed efficace per migliorare la dieta dei nostri cama è quello che uso da qualche mese, ovvero mischiare 2-3 larve del miele scodinzolanti con 6-8 crisalidi immobili: usando un recipiente a fondo stretto la lingua del mangione "incollerà" indiscriminatamente tutto e così lo faremo mangiare molte più crisalidi che sono poco grasse e molto vitaminiche rispetto alle camole.
                    Animali insoliti? Amici Insoliti!

                    Commenta


                    • #11
                      Intendi dire avvolte nel bozzolo bianco???

                      Commenta


                      • #12
                        Diciamo...il bozzolo è piu marroncino, basta mettere le camole al caldo e si fanno il bozzolo,
                        anche se a me alcune muoiono sempre,tienile ad una temp non molto elevata pero.
                        Notte
                        Lucas

                        Commenta


                        • #13
                          io metto direttamente le crisalidi su una foglia e lui le prende... fortuna?

                          Commenta


                          • #14
                            Beh io veramente estraggo le crisalidi dal bozzolo!
                            Se le mangia inerti tanto meglio!
                            Animali insoliti? Amici Insoliti!

                            Commenta


                            • #15
                              allora, per cercare di dare una risposta "scientifica" ho fatto un test su Otto, è in salute ma non mangia molto, perfettamente idratato (beve dal gocciolatoio a giorni alterni), dopo una delle sue diete il casco si presentava meno "paffuto" del solito, l'ho cibato per 10 giorni con camole del miele e locuste, risultato: è aumentato di circa 10g. e il casco si è riempito, ergo (come adora dire Roberto) ne deduco che la disidratazione influisce solo se grave sulla forma del casco, mentre la denutrizione ha un'influenza immediata .
                              Ciao, Gabriele.
                              Ciao, Gabriele

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X