annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

metodo diverso per allevare draghi barbuti

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • metodo diverso per allevare draghi barbuti

    Ciao ragazzi, ho conosciuto un allevatore che alleva draghi barbuti con un metodo completamente diverso eppure con grandi risultati; dice che appartiene ad un' altra scuola "di pensiero" tedesca.
    Le differenze stanno nel fatto che utilizza una serpentina dal basso wattaggio per riscaldare il terrario, disposta in maniera da favorire la termoregolazione. La serpentina viene lasciata accesa sempre, anche di notte, e non fa mai scendere la temperatura sotto i 30.
    Poi per l'irradiazione UVB utilizza uno spot dall' alto wattaggio, abbastanza costoso che oltre a emanare UVB funge anche da punto basking.
    L'arredamento dei terrari composto prevalentemente da rocce e sabbia arricchita da calcio, proprio quella sconsigliata per l'alto rischio di ingestione. Inoltre lascia sempre a disposizione una grande vasca d'acqua dove le pogone possono immergersi per eventuali problemi di muta e per qualche rischio di ingestione.
    Praticamente tutto il contrario del metodo da voi utilizzato eppure devo dire anche questo riesce ad avere grandi risultati.. pogone vispe,attive, crescono molto velocemente, mangiano si riproducono e nascono..
    Volevo sapere cosa ne pensavate in merito...

  • #2
    Posso dirti che e' rimasto in arretrato, gli ultimi studi dicono che si riproducono meglio se metti anche un trampolino sulla vasca dell'acqua
    Attualmente allevo:Cordylus beraduccii, Cordylus tropidosternum,Ouroborus cataphractus, Smaug mossambicus, Xenosaurus platyceps, Platysaurus imperator, Omanosaura jayakari, Tribolonotus novaeguineae, Zonosaurus ornatus, Eumeces algeriensis, Tiliqua gigas keynensis, Egernia frerei, Celestus warreni
    Contro la stupidita' gli stessi dei lottano invano
    un po' di foto https://www.facebook.com/marconyse/photos_albums

    Commenta


    • #3
      allora glielo consiglier..ma quali sono gli errori? e se ci sono perch non si manifestano sugli esemplari, che ripeto godono di ottima salute?

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da marconyse Visualizza il messaggio
        Posso dirti che e' rimasto in arretrato, gli ultimi studi dicono che si riproducono meglio se metti anche un trampolino sulla vasca dell'acqua

        su questo forum c' un'ottima scheda di allevamento scritta da un "bravissimo" allevatore,se gliela fai leggere capisce gli errori..
        comunque la pogona un animale deserticolo e non ha bisogno di acqua (rischio di infezioni polmonari),il calore lo devono ricevere dall'alto (il sole st in cielo) e non dal basso..per quanto riguarda il substrato che usa no comment,ci sono un sacco di discussioni dove viene altamente sconsigliato quel substrato..

        Commenta


        • #5
          sisi la scheda di fantasma stata letta e straletta, ero a conoscenza delle differenze e dei motivi del "vostro" metodo per non ho potuto fare a meno di constatare che anche seguendo quest'altro metodo le pogone crescono benissimo.
          Io per esempio da bambino avevo una t.horsfieldi e non essendomi mai documentato, all'epoca non avevamo neanche internet,la tenevo in una teca senza mai mandarla in letargo e con una temperatura omogenea di circa 30, tutte cose decisamente sbagliate eppure la mia tartaruga era lo stesso in gran forma anzi era molto attiva ed era decisamente pi grande rispetto alle sue coetanee.
          Forse lo stesso potrebbe valere anche con le pogone anche se con valori differenti, anche se contrario alle loro abitudini in natura, come il fatto di avere un escursione termica.

          Commenta


          • #6
            bisognerebbe sapere anche se sta sperimentando questo metodo su grandi numeri e in piu anni..se si tratta di pochi esemplari che tiene cosi da poco tempo potrebbe anche essere solo fortuna..
            in ogni caso lo spot uv(penso usi bright sun o simili) l ideale per i deserticoli,su questo non ha sbagliato sicuramente
            1.2 Uromastyx acanthinura nigriventris
            1.1 Uromastyx geyri
            1.2 Uromastyx ornata
            0.0.2 Uromastyx thomasi
            0.0.4 Sauromalus ater

            Commenta


            • #7
              su questo forum c' un'ottima scheda di allevamento scritta da un "bravissimo" allevatore,se gliela fai leggere capisce gli errori..
              comunque la pogona un animale deserticolo e non ha bisogno di acqua (rischio di infezioni polmonari),il calore lo devono ricevere dall'alto (il sole st in cielo) e non dal basso..per quanto riguarda il substrato che usa no comment,ci sono un sacco di discussioni dove viene altamente sconsigliato quel substrato..
              quoto tutto ci che ha detto.

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da marconyse Visualizza il messaggio
                Posso dirti che e' rimasto in arretrato, gli ultimi studi dicono che si riproducono meglio se metti anche un trampolino sulla vasca dell'acqua
                si ma c da precisare che la vasca deve essere olimpionica altrimenti pu dare problemi..

                pier

                Commenta


                • #9
                  ragazzi io ho preso da qualche giorno una pogona di 2 mesi, ma prima mi sono documentato parecchio qui sul forum....in effetti le tecniche di allevamento consigliate nella sezione "pogona" sono indiscutibilmente ottime....solo che leggendo questa discussione mi sono venute alla mente un paio di domande (penso lecite): la prima riguarda il riscaldamento, vero che il sole sta in cielo,ma se vogliamo fare riferimento all'habitat naturale delle pogone c' da dire che sicuramente il terreno su cui vivono sar molto caldo proprio a causa del sole (mi riferisco agli interventi sul tappetino riscaldante)...inoltre se non ricordo male c'era fino a qualche tempo fa un tipo di morph chiamato "German Giant"...essendo le tecniche di allevamento sopracitate di origine tedesca potrebbe essere che le "German Giant" fossero cos grandi proprio per i metodi "anticonvenzionali" di allevamento seguiti in Germania...sempre se la parola "german" di "German Giant" non derivi da qualche altra cosa,e non dalla germania....se ho detto cavolate che sia pure lapidato...me lo merito!
                  Ultima modifica di dilamar; 05-07-2010, 00:13.

                  Commenta


                  • #10
                    se non sbaglio le german giant arrivano da incroci con una locality che era naturalmente piu grossa,i primi a farle conoscere sono stati alcuni allevatori tedeschi..
                    se uno punta lo spot su pietre o rocce queste si scaldano e danno l effetto piu naturale possibile..
                    1.2 Uromastyx acanthinura nigriventris
                    1.1 Uromastyx geyri
                    1.2 Uromastyx ornata
                    0.0.2 Uromastyx thomasi
                    0.0.4 Sauromalus ater

                    Commenta


                    • #11
                      si vero ma sul terreno non hanno lo stesso effetto,non essendo le lampade potenti come il sole...e comunque non penso si parli di tappetini riscaldanti come quelli che si usano magari per i serpenti che sono sicuramente pi potenti,ma di tappetini a basso voltaggio...giusto per tenere il terreno caldo/tiepido...che sia chiaro...io sono un accademico della "scuola sanguefreddo",non uso tappetini o altro....era per mettere a confronto le varie opinioni e magari imparare cose nuove

                      Commenta


                      • #12
                        Certo hai fatto benissimo a postare questo argomento..
                        in realta quello che sconsigliato usare tappetino-cavetto come UNICA fonte riscaldante,per la notte o per incrementare le T in terrario si sente di alcuni allevatori esteri che usano questo metodo,l importante che scavando l animale non ci possa arrivare in contatto..
                        il metodo proposto da sanguefreddo piu valido perche a meno che uno non abbia 10 gradi nella stanza dei rettili di notte spegne tutto e anziche avere uno spot e un cavetto risolve il parco luci con un semplice spot e neon!
                        1.2 Uromastyx acanthinura nigriventris
                        1.1 Uromastyx geyri
                        1.2 Uromastyx ornata
                        0.0.2 Uromastyx thomasi
                        0.0.4 Sauromalus ater

                        Commenta


                        • #13
                          bh penso che il pericolo principale sia quello,che appunto scavino e ci vadano a contatto...ma con un substrato adeguato si potrebbe ovviare a questo problema,no? sembra che stia "insistendo" sul tappetino ma in realt solo per capire bene quali danni pu provocare all'animale,siccome anche altri miei amici che hanno allevato rettili mi hanno detto che si POTREBBE mettere...ma forse perch loro sono abituati con i serpi...

                          Commenta


                          • #14
                            Secondo me la questione va posta in un altro modo: le Pogona sono animali cos robusti ed adattabili che possono essere allevate ANCHE con il sistema da te riportato probabilmente senza mai riscontrare grossi problemi, ma il fatto che il metodo riportato in scheda senza dubbio il pi efficace e semplice da applicare, prova ne il fatto che TUTTI gli allevatori professionisti applicano tale sistema.
                            Per il cavetto: certo, lo puoi usare a patto che..., condizione che.... ma visto che alla fine non serve a nulla, perch complicarsi la vita ?

                            Commenta


                            • #15
                              Sisi,io seguo la scheda di sanguefreddo,inutile comprare cose di cui si potrebbe fare a meno comuqnue...per la cronaca...il metodo stato postato da crome,non da me...

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X