annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Blatte nella ciotola VS blatte libere in terrario

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Blatte nella ciotola VS blatte libere in terrario

    Scusate il titolo dai toni "pugilistici", ma sembrava carino, anche giusto per ravvivare un po' il forum.

    Entro un paio di settimane trasferirò il mio ciliatus maschio, ormai divenuto adulto (farà due anni di vita il prossimo agosto) dal box di 50x35x40 dove è attualmente stabulato al terrario in vetro (che sto allestendo in maniera naturalistica) di 50x50x60.
    Il terrario ha quelle dimensioni in previsioni di una possibile futura coppia. Al momento però il ciliatus se lo godrà tutto per sé (probabilmente per almeno un altro annetto).

    Fino ad oggi, al momento di fornire il pasto vivo al geco, ho lasciato che le blatte fossero libere per il box. Monitorando la situazione non mi è mai parso di notare problemi di sorta, anche grazie al fatto che il geco si è sempre mostrato un abile cacciatore. Giusto nel periodo di passaggio autunno/inverno, quando si sono abbassate le temperature ho preferito utilizzare la ciotola un paio di volte visto che è diventato visibilmente meno attivo (ancora per quest'anno non gli ho fatto fare una bruma completa, che invece comincerà a fare dal prossimo inverno). Ma per il resto non ha mai avuto problemi a cacciare.

    Premessa: lascio sempre anche un pezzo fresco di carota o patata sul fondo del box che faccia da "richiamo" per le blatte con l'obiettivo di attirarle e far sì che preferiscano lei piuttosto che andarsi ad "assaggiare" il geco mentre riposa di giorno. Puntualmente ogni due settimane procedo poi alla pulizia completa del box (e qui ammetto che qualche volta una o due blatte sbuchino fuori da qualche nascondiglio), cosa che però mi garantisce l'esatto monitoraggio del numero di insetti mangiati in quell'arco temporale.

    Ed eccoci al perché del titolo in questione: dando anche per scontato che la "bravura" del geco nella caccia fosse agevolata dalle dimensioni del box ormai divenute contenute per la sua dimensione adulta, mi sarebbe ancora possibile mantenere questa abitudine una volta che lo trasferirò nel terrario più grande?
    Per praticità, semplicità di gestione, maggiore possibilità di monitoraggio e via dicendo, ovvio che l'utilizzo della ciotola sia di gran lunga una soluzione migliore...ma il punto è mi dispiacerebbe privare il mio ciliatus della sua capacità ed istinto predatorio che finora si sono dimostrati sempre efficaci.

    Quello che vi chiedo è quindi questo: quali sono le vostre eventuali esperienze in merito? Non sarebbe possibile davvero gestire un terrario naturalistico senza l'uso della ciotola, lasciando ancora il geco "libero" di cacciarsi le prede che di volta in volta gli forniamo? Come possiamo ancora tenere monitorata e controllata la sua alimentazione, una volta che non possiamo più pulire il terrario agli stessi ritmi con cui pulivamo il box?

    A voi l'ardua sentenza.
    Ultima modifica di JoneletSte; 09-03-2017, 10:13.

  • #2
    Ho avuto lo stesso dubbio amletico qualche anno fa, quando ero nella tua stessa situazione. Per un certo periodo liberavo le blatte nel terrario, ma essendo un intrico di liane e piante, trovavo spesso blatte in giro nascoste per il terrario. Ho notato che le blatte perdevano con l'umidità il calcio spolverato. Altra cosa, ho anche pensato che fosse meglio rimettere le blatte non mangiate "all'ingrasso" in colonia. Queste cose, unite al fatto che avere la ciotola aiuta molto a tenere monitarata l'alimentazione del geco, mi ha fatto propendere per la ciotola.
    Fra l'altro non ho mai notato difficoltà di predazione quando, per variare un pò la dieta, davo da mangiare qualche grillo liberato nel terrario.
    Ah, dato per scontato che non usi dubia, che essendo fossorie si infrattano in pochi secondi. Io usavo lateralis.

    Commenta


    • #3
      Ciao NakMuay, grazie mille per la tua risposta.

      Anche io utilizzo le lateralis, che sto allevando proprio per avere una fonte costante di cibo vivo.
      Alla luce della tua esperienza purtroppo dovrò anche io alla fine optare per la triste ciotola. Effettivamente le blatte sono estremamente abili ad infrattarsi in qualunque misero pertugio riescano a trovare.

      Per quanto riguarda i grilli invece, visto anche che tendono maggiormente a rimanere in "bella mostra" anche sui rami, è possibile secondo te lasciarli liberi per far cacciare il geco? Lo chiedo perché comunque ogni 3 o 4 mesi circa compro una scatoletta da una cinquantina di grilli per variargli la dieta per qualche giorno.

      Trovo che sia comunque un peccato cercare di ricreare un habitat il più possibile naturalistico al geco (per quanto comunque sempre di "cattività" si tratti), per poi "imboccarlo" dandogli la pappa pronta in una misera ciotola (anche se, di fatto, è questo più un viaggio mentale mio, visto che già utilizzo la ciotola per fornire il pappone).

      Commenta


      • #4
        Di niente JoneletSte!
        Io compravo grilli per lo stesso motivo, e li ho sempre lasciati liberi.
        Per quanto riguarda il resto, la tua riflessione è lecita, io ho optato per la ciotola per motivi di praticità e sicurezza. Potrebbe essere un buon compromesso quello di piazzare blatte nella ciotola quando vuoi riempirle di calcio, e lasciarle libere quando non devi somministrarlo. Oppure qualche blatta nella ciotola e qualche altra fuori. Nella mia esperienza posso dire di non aver notato cali di interesse o di reattività anche dopo parecchio tempo che non mollavo insetti per il terrario. Secondo me l'unica cosa che conta è riuscire ad assicurarsi, in un modo o nell'altro, che il geco stia mangiando!

        Commenta


        ZooBio.It
        Sto operando...
        X