annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

I miei primi Shinisaurus crocodilurus

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • I miei primi Shinisaurus crocodilurus

    Dopo due anni che me li studio per bene finalmente a breve prenderò la mia prima coppia di Shinisaurus crocodilurus. Sono esemplari adulti, anche se non so ancora l'età esatta e sono entrambi molto, molto colorati

    Ora venendo a noi.. volevo chiedervi come mi conviene comportarmi meglio con loro. Dall'attuale proprietario non hanno fatto la bruma, ma dal precedente pare che la facessero. Io a mia volta preferirei farli brumare. Dite che possa farlo tranquillamente? magari per sicurezza li preparo prima con un alimentazione più ricca? cosa mi consigliereste nello specifico? dovrei abbondare con i pikys e crostacei o posso dargli blatte, tarme ecc. e il resto solo come normale integrazione?

    Per quanto riguarda la sistemazione, stavo valutando l'idea di utilizzare un vecchio acquario di 80x35x40cm alto da metter in cantina dove la temperatura è stabile tutto l'anno. E anche se non l'ho mai testata a tale scopo in inverno anche nelle giornate più fredde non dovrebbe mai scendere sotto lo 0°C

    La vasca come dovrei arredarla? un paludario normale o devo far si che possano infossarsi se lo vogliono, magari con del muschio? Il livello dell'acqua durante la bruma deve essere minimo o posso lasciarlo di 10/15 cm senza avere troppe preoccupazioni? Sempre per il paludario, ritenete che per il periodo di bruma (non credo) serva aumentare l'altezza consentendogli di salire su dei rami o possono aspettare la primavere per andare nel loro futuro e più grande paludario a 5stelle?

    Un Grazie in anticipo a chi potrà aiutarmi!

    Ps. le schede le ho già lette tutte, sia italiane che straniere.. ma nel caso me ne fosse sfuggita qualcuna se volete potete girarmi il link che me la leggo più che volentieri

  • #2
    Per la bruma niente acqua ma solo muschio umido e una corteccia per tana in un faunabox ben areato (2 separati) a max 10°(al di sopra non brumano e il metabolismo e' accelerato)
    Pirimo pelo, non pinky, uno al max ogni due settimane, gamberi quando vuoi insetti pure ma di dimensioni adeguate (dubia,cavallette)
    Nel terrario definitivo mi raccomando grandi prese d'aria,il ristagno d'aria umida e' causa di micosi polmonari frequenti e mortali
    Ultima modifica di marconyse; 28-08-2015, 10:01.
    Attualmente allevo: Gallotia stehlini, Cordylus beraduccii, Cordylus tropidosternum,Ouroborus cataphractus, Omanosaura jayakari, Smaug mossambicus,Shinisaurus crocodilurus,Uromastyx aegyptia,Xenosaurus grandis, Xenosaurus platyceps, Platysaurus iimperator, Tribolonotus novaeguineae, Leiocephalus perdonatus
    Contro la stupidita' gli stessi dei lottano invano
    un po' di foto https://www.facebook.com/marconyse/photos_albums

    Commenta


    • #3
      Ciao Marco,

      Scusa la domanda, forse sciocca, ma perche non possono brumare insieme? Se li metto nella stessa vasca con diversi rifuggi non va bene ugualmente? Sopra quale % d'umidità nell'aria dovrei iniziare a preoccuparmi? E domanda sciocca. Ovviamente durante la bruma non mangiano in nessun caso vero? il periodo di bruma inoltre mi conviene farlo breve o posso farli brumare per 3/4 mesi tranquillamente?

      Commenta


      • #4
        In funabox separati se uno dei due sviluppasse micosi non contagera' l'altro e tu poi controllarli meglio, oltrettuto una teca grande e' completamente inutile visto che staranno il 100% del tempo sotto la corteccia e da come la descrivi poco aereata e con anidride carbonica ristagnante.
        Io li brumo un paio di mesi almeno, Nikita 4 ma all'aperto, il fortunato vive a Trento; naturalmente non mangiano in bruma ma mi raccomando che la temperatura non superi i 10° altrimenti consumano ma non mangiano, d'estate non sopra ai 30°meglio 25/26°
        Attualmente allevo: Gallotia stehlini, Cordylus beraduccii, Cordylus tropidosternum,Ouroborus cataphractus, Omanosaura jayakari, Smaug mossambicus,Shinisaurus crocodilurus,Uromastyx aegyptia,Xenosaurus grandis, Xenosaurus platyceps, Platysaurus iimperator, Tribolonotus novaeguineae, Leiocephalus perdonatus
        Contro la stupidita' gli stessi dei lottano invano
        un po' di foto https://www.facebook.com/marconyse/photos_albums

        Commenta


        • #5
          Ciao Marco, Ti chiedo scusa se rispondo solo ora ma per cosi dire mi sono toccate un po di ferie forzate in ospedale... ma questa è un altra storia.

          Tornando al topic per la bruma farò come dici, ma sto ugualmente preparando e modificando (anche se ormai sono terribilmente in ritardo con i lavori) una vecchia teca ormai in disuso. Le dimensioni sono di circa 80x50x100 cm d'altezza. Cosi si risolve il problema di possibili ristagni di CO2 Sto modificando il fondo affinche possa garantire un piccolo specchio d'acqua di 15cm circa in cui inserirò anche qualche pescetto e crostaceo (che se son svegli utilizzeranno come integrazione alimentare)

          Per quanto riguarda la teca mi chiedevo che tipo di illuminazione necessitassero. Un neon Co emissione UV-A UV-B ? Serve anche uno spot per fargli fare basking durante il periodo d'attività o non serve nulla di tuttò ciò?? Per il filtro nella parte acquatica è sufficiente un normale filtro interno rapido (di quelli ad azione puramente meccanica) o mi conviene prendere un filtro esterno a cestello che funga anche da filtro biologico (come in un vero acquario?)

          Per la parte emersa (e anche successivamente nei faunabox per la bruma) invece del muschio volevo utilizzare lo sfagno vivo sia verde che rosso (lo uso già per le piante carnivore) dovrebbe essere migliore come soluzione o vi sono controindicazioni? in fondo è sempre una sorta di muschio... Mentre il vero muschio e altre epifite andranno nella parete verticale di fondo in sughero e altri materiali.

          Per la parte acquatica invece mi domandavo se era raccomandabile utilizzare dei ciottoli come materiale per il fondo o se andava bene anche una sabbia fine...

          Un ultima cosa. Tra un paio di giorni mi arrivano le bestiacce. Considerando anche che i lavori per la teca sono in un ritardo tremendo se li metto momentaneamente in dei contenitori di plastica va bene o li stresso troppo? in teoria non necessiterebbero di quarantena.

          Grazie

          Commenta


          • #6
            80x50 di base e' piccolo, ci vuole almeno 100x60 se per caso litigano non avrebbero viedi fuga, l'acqua deve occupare i 2/3 del fondo, la parte emersa asciutta con nascondigli e rami abbastanza grossi sull'acqua.
            Io non uso materiale di fondo, solo qualche radice
            lluminazione una SR 35w flood e un tubo le 16w 6400°k
            Comefiltro un buon filtro esterno (Praktico o Eheim) con un flusso da 200 l/h

            - - - Updated - - -

            Scusa ma stiamo parlando della teca di stabulazione, vero?
            Ultima modifica di marconyse; 07-09-2015, 09:15.
            Attualmente allevo: Gallotia stehlini, Cordylus beraduccii, Cordylus tropidosternum,Ouroborus cataphractus, Omanosaura jayakari, Smaug mossambicus,Shinisaurus crocodilurus,Uromastyx aegyptia,Xenosaurus grandis, Xenosaurus platyceps, Platysaurus iimperator, Tribolonotus novaeguineae, Leiocephalus perdonatus
            Contro la stupidita' gli stessi dei lottano invano
            un po' di foto https://www.facebook.com/marconyse/photos_albums

            Commenta


            • #7
              Si lo so che è piccolo... però purtroppo per il momento potrei sfruttare solo questo... ma si tratterebbe solo di una sistemazione momentanea per prepararli alla bruma. Poi con il risveglio primaverile ho intenzione di trasferirli in un paludario molto più grande. Il fatto è che a breve mi trasferisco quindi mi risulterebbe più comodo costruire quello definitivo una volta che mi sono sistemato, e considerato il periodo di bruma pensavo che non costituisse un grosso problema stabularli momentaneamente in queste dimensioni esigue...

              Per il discorso d'arredamento inizialmente volevo fare una cosa molto, ma molto, spartana proprio per i motivi sopracitati. Ma poi mi son detto che alla peggio potrei sfruttarlo nel caso di eventuali nascite (se son bravo e ho culo) in cui mettere i piccoli. Inoltre, purtroppo, ho un debole per ricreare scenari quanto più possibile naturali.

              Marco considerando che la coppia adulta vive (ma in spazi più grandi) già da diverso tempo insieme e non hanno mai mostrato segni di aggressività, pensi che possa tentare tranquillamente una convivenza, in attesa della bruma in questi spazi risicati?

              Ps. appena posso vi giro qualche foto. Sono tra gli shini più colorati che abbia mai visto. Il maschio è quasi completamente rosso!

              - - - Updated - - -

              Ps. se per la primavera riesco a fare un paludario di circa 200x70 cm di base pensi che potrei ospitarvi più femmine o è meglio tenerli in coppia? ho letto in giro diversi pareri... e spesso ho sentito di femmine che anche loro a territorialità non scherzassero per nulla

              Commenta


              • #8
                In attesa di mostrarvi qualche foto della mia prima coppia di shini nel paludario (che causa sfiga personale devo ancora ultimare) vi mostro quelle degli animali in questione che ho ritirato questo pomeriggio... sarò io, sarà che mi studio questa specie da due anni, sarà quel che volete, ma li trovo semplicemente MAGNIFICI!!!!

                Guardate che spettacolo di colori ha il maschio!!!
                Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   11822509_10205434308121900_6151580903758427931_n.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 88.8 KB 
ID: 2014075Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   11898738_10205434308321905_8991765331729003586_n.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 74.6 KB 
ID: 2014077Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   11899868_10205434307321880_8309354981927453595_n.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 69.6 KB 
ID: 2014079


                Ma anche la femmina non scherza!
                Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   11880411_10205434307881894_5934551992928342805_n.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 38.6 KB 
ID: 2014076Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   11899808_10205434307081874_947200062209842723_n.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 34.9 KB 
ID: 2014078

                Commenta


                • #9
                  Belli,un po' magro il maschio, sai come sono stati sessati?
                  Attualmente allevo: Gallotia stehlini, Cordylus beraduccii, Cordylus tropidosternum,Ouroborus cataphractus, Omanosaura jayakari, Smaug mossambicus,Shinisaurus crocodilurus,Uromastyx aegyptia,Xenosaurus grandis, Xenosaurus platyceps, Platysaurus iimperator, Tribolonotus novaeguineae, Leiocephalus perdonatus
                  Contro la stupidita' gli stessi dei lottano invano
                  un po' di foto https://www.facebook.com/marconyse/photos_albums

                  Commenta


                  • #10
                    Stupendi !!!!
                    Sto seguendo la discussione con molto interesse , complimenti veramente , animali fantastici !

                    Commenta


                    • #11
                      belli

                      Commenta


                      • #12
                        Bellissimi! Posso chiederti il prezzo?

                        Commenta


                        • #13
                          animali fantastici

                          Commenta


                          • #14
                            Salve a tutti, vi chiedo scusa se sto rispondendo in ritardo... ma tra me che devo ancora recuperare al 100% le forze e lo stare dietro a tutte le bestiacce è un casino...

                            Ad ogni modo vi annuncio un piccolo cambio di programma. Dopo un breve riflessione, considerando il fatto che il paludario a loro destinato non è stato ancora ultimato (causa sfiga personale). Considerato che era comunque una sistemazione provvisoria in attesa della primavera. Considerato che son stato male a vederli per meno di 24 ore singolarmente nei loro faunabox e che reputavo inaccettabile il doverli costringere a vivere in quelle condizioni fintanto che non ultimassi i lavori del paludario (minimo una settimana)

                            Ieri ho preso la situazione in pugno e ho fatto alcune drastiche modifiche. Prima di tutto ho preso una vasca circolare, del tipo che si usa per vendemmiare, di un metro circa di diametro interno (la dimensione massima che mi entrava in auto) è ho realizzato un setup momentaneo in attesa che mi arrivi il materiale che ho già ordinato....

                            Ora l'idea è di creare una sorta di isolotto centrale con sfagno vivo e qualche radice di sughero cavo come rifugio... ma sono indeciso se lasciare lo spazio per fargli fare del nuoto circolare o se sia meglio dividerlo (con rami o sassi)... Voi cosa consigliate? Volendo, potrei fare anche una via di mezzo fra le due soluzioni... Tenete presente che da quello che mi risulta al precedente proprietario al precedente proprietario non hanno mai dato segni di aggressività reciproca.

                            Originariamente inviato da marconyse Visualizza il messaggio
                            Belli,un po' magro il maschio, sai come sono stati sessati?
                            Marco, ho ho termini di paragone ma dal vivo non mi sembrava affatto magro... anzi tra i due mi sembrava più snella la femmina... ma forse era solo una mia impressione considerato che è più piccina di taglia.

                            Per il sessaggio che io sappia, ad oggi, l'unico metodo empirico per sessarli è osservare la conformazione della testa. Infatti se visti da sopra quella del maschio è più squadrata e massiccia, mentre quella della femmina è molto più snella e a punta.. vi posterei delle foto ma non amo maneggiarli troppo... sono ancora stressati dal viaggio ecc. Alla peggio appena mi arriva il materiale ordinato, e sono costretto a rimuoverli per riallestire il tutto, ne approfitto e vi giro qualche foto dove si vede la differenza.

                            Per l'alimentazione da quello che ho capito il precedente proprietario gli metteva delle ciotole sempre a disposizione (e sembra che anche se siano profonde riuscissero a mangiare) ma più che altro gli dava tarme, caimani e camole... mi hanno anche detto che riuscivano a cacciare qualche piccolo pesce rosso!!!

                            Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   11897051_10207870097494361_224669857_n.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 61.6 KB 
ID: 2014089Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   11903597_10207870096534337_262048143_n.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 90.2 KB 
ID: 2014090



                            Io ad ora ho provato solo a dargli qualche lateralis adulta... ma ancora non hanno mangiato nulla.... penso sia per il forte stress che hanno subito nel viaggio ecc. vediamo se questa mattina le blatte son sparite o meno...

                            Appena mi arriva il tutto e posso ultimare l'allestimento del vascone (seppur temporaneo) volevo mettervi dentro come "coinquilini" delle gambusie e dei gamberetti... Ora mi chiedevo se li prendo a fiume non rischio di "avvelenarli" con agenti patogeni ecc? Marco leggevo che tu li peschi nei canali... potrei fare lo stesso anche io a fiume (questo non ha l'acqua cristallina) o meglio evitare e devo comprarli? e se li prendessi e li fornissi solo dopo un periodo di "purificazione" in acqua pulita? o semplicemente vado tranquillo che son bestie robuste?

                            Un ulteriore consiglio. Dove ordino online non ho trovato la lampada da te indicata, ma queste due che più vi si avvicinano per caratteristiche tecniche. Un per ambienti tropicali e una deserticoli. Vi allego la descrizione:

                            Bright Sun UV Jungle è studiata appositamente per rettili provenienti dalle regioni tropicali. Ha una resa UV leggermente minore rispetto alla Bright Sun Desert in considerazione delle diverse condizioni degli habitat naturali di questi animali. Nella foresta i rami e le foglie filtrano una buona parte di UV e gli animali non sono esposti all’intensità piena della luce solare. Inoltre, occorre considerare che gli animali dell’emisfero australe hanno in genere la capacità di arrivare molto vicino alle lampade del terrario; essendo la radiazione UV potenzialmente pericolosa ed essendo a 10 cm di distanza 5 volte più alta che a 30 cm, abbiamo preferito ridurre la resa UV. Lo spettro è stato adattato alle condizioni naturali delle regioni tropicali. La temperatura cromatica di 4000K è più calda rispetto alla luce diurna della Bright Sun Desert. Esperimenti hanno dimostrato che le lucertole tropicali preferiscono la luce più calda della Bright Sun Jungle alla luce diurna della Bright Sun Desert. Inoltre, la luce più calda della Bright Sun Jungle migliora i colori delle piante e quindi l’ambiente della foresta all’interno del terrario.

                            Bright Sun UV sono lampade UV nuove e rivoluzionarie che forniscono luce, calore e UV attraverso una sola lampada a basso voltaggio. Una Bright Sun UV Desert da 70 W fornisce una resa di UV e calore paragonabile ad una lampada UV a vapori di mercurio da 160 W, ma la resa luminosa è 5 volte più alta! Questa è una caratteristica molto importante, in quanto finora non era possibile ricreare condizioni di luce naturali nel terrario. In natura in un giorno di sole l’intensità luminosa raggiunge i 100.000 lux. In particolare nelle specie desertiche una forte intensità luminosa è importante per il benessere degli animali ed influenza la loro attività e i colori. Anche se la lampada Bright Sun UV Desert non è ancora in grado di eguagliare la luce solare, con i suoi 60.000 lux a 30 cm è molto più avanti rispetto alle lampade UV a vapori di mercurio (ca. 10.000 lux) e alle lampade fluorescenti e a incandescenza. Alla base dell’alta resa luminosa di questa lampada vi è la sua efficienza energetica. La maggior parte dell’energia viene convertita in luce, mentre nelle lampade ad incandescenza il 95% della potenza assorbita viene trasformata in calore. La dispersione di calore molto limitata delle lampade Bright Sun consente l’uso anche nei piccoli terrari. Un buon riflettore assicura che tutto il calore prodotto sia concentrato all’interno del fuoco luminoso. La lampada è così in grado di creare zone basking. Lo spettro della lampada è ottimizzato per rettili del deserto. Ricerche e prove hanno dimostrato che i rettili provenienti dalle regioni desertiche prediligono uno spettro diurno con temperatura cromatica 6000 °K, che la Bright Sun è in grado di fornire. La lampada Bright Sun, con la sua combinazione di calore, elevata intensità luminosa e UV è in pratica un piccolo sole per il terrario. La durata media è di 6000 h, ma si raccomanda di sostituire le lampade una volta all’anno, per offrire agli animali sempre le migliori condizioni di luce possibili, considerato che col tempo lo spettro varia. Questa è una caratteristica tipica delle lampade agli alogenuri metallici che dipende anche dal tipo di ballast utilizzato. Anche l’emissione UV e la resa luminosa diminuiscono col tempo.
                            Entrambe disponibili nella versione da 35W posso procedere tranquillamente a prendere la prima per ambienti tropicali? Questa poi va rimasta sempre accesa o, come penso, durante la bruma va spenta? Grassie

                            - - - Updated - - -

                            Originariamente inviato da bowser Visualizza il messaggio
                            Bellissimi! Posso chiederti il prezzo?
                            Sono animali che costicchiano... non tantissimo ma non sono di certo economici... diciamo che li ho pagati il loro prezzo... ma considera che cosi colorati non si trovano sempre...

                            Commenta


                            • #15
                              Lascia quelle lampade, durano molto meno delle SR o ll Petpetzone, queste le puoi trovare dal nostro sponsor Red Bug o in fiera a Verona o a Fiano da Aca Snake
                              Comeblatte usa le dubia, le lateralis ono troppo piccoe per loro
                              Pesce e gamberi lasciali spurgare in un vascone ben filtro per un mesetto prima di somminstrarli
                              Ultima modifica di marconyse; 11-09-2015, 11:00.
                              Attualmente allevo: Gallotia stehlini, Cordylus beraduccii, Cordylus tropidosternum,Ouroborus cataphractus, Omanosaura jayakari, Smaug mossambicus,Shinisaurus crocodilurus,Uromastyx aegyptia,Xenosaurus grandis, Xenosaurus platyceps, Platysaurus iimperator, Tribolonotus novaeguineae, Leiocephalus perdonatus
                              Contro la stupidita' gli stessi dei lottano invano
                              un po' di foto https://www.facebook.com/marconyse/photos_albums

                              Commenta


                              ZooBio.It
                              Sto operando...
                              X