annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Consigli allestimento

Comprimi
Questa discussione è chiusa.
X
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Consigli allestimento

    Salve a tutti,
    mi sono iscritto oggi al vostro stupendo forum perchè proprio oggi ho comprato la mia prima tartaruga acquatica.
    Mi piace moltissimo ma non so davvero come accudirla al meglio.

    Potreste darmi qualche consiglio?
    Vorrei tanto che stia meglio possibile!!!!!!

    Le ho fatto una foto
    File allegati

  • #2
    Ciao, non si capisce bene la specie ma direi Trachemys o simile...
    Dove e' adesso e' assolutamente inadeguato... Dai una occhiata al mio sito www.tartaland.it . Nella sezione allevamento trovi tutte le info necessarie, se leggi nella sezione schede trovi anche quella per le Trachemys. Cosi' ti fai una idea base... Dai anceh una occhiata agli altri siti nel web perche' il mio sito non e' assolutamente la religione... semplicemente c'e' riportato come la penso io... Dai una occhiata anche alla sezione acquaterrario per vedere come sostituire qualla specie di casa in cui si trova adesso...
    Poi fai tutte le domande che vuoi, in fondo siamo qui per questo...

    Ah.. dimenticavo Benvenuto

    Commenta


    • #3
      Non capisco.......mi sento molto confuso...probabilemten perchè mi accosto per la prima volta ad un'esperienza di questo tipo. Mi sembra di stare sbagliando tutto. Ho dato un'occhiata al sito però mi sono rimasti moltissimi "?"
      Innanzi tutto la vasca deve essere cambiata....di che grandezza dovrei comprarla.
      La mia tartaruga non sale mai sulla scaletta...perchè?
      Gli do da mangiare esclusivamente gambertti secchi...sbaglio?
      Quante volte al giorno del darle da mangiare?
      Aiutatemi.....mi sento così confuso!

      Grazie anticipatamente

      Commenta


      • #4
        Non preoccuparti: è normalissimo essere confusi; piano piano imparerai un sacco di cose, stai tranquillo!
        La vaschetta in plastica non è per nulla adeguata. Dovresti procurarti un acquaterrario abbastanza grande in relazione alle dimensioni della tua tarta; ma ti conviene prenderne uno abbastanza capiente, in modo che sia perfetto anche per quando la tartaruga crescerà. Sul sito di Reda, alla voce "acquaterrario", troverai tutte le spiegazioni in merito.
        Anche la mia, finchè stava nella vaschetta di plastica, non saliva mai sull'area emersa. Quando avrai l'acquaterrario, potrai costruirle un'area emersa adatta, molto più "naturale". Sempre sul sito di Reda troverai molti spunti.
        I gamberetti secchi sono un pessimo alimento. Dovresti alternare pesce fresco, vegetali, un pò di frutta e verdura. Su Tartaland, alla voce "allevamento - alimentazione" c'è uno schema che puoi seguire.
        Chiedi pure se hai dei dubbi.

        Commenta


        • #5
          - Per iniziare visto che e' piccola potresti attrezzarti con una tartarughiera di quelle in vendita con l' isoletta-filtro tipo quelle della Creas... poi quando avrai le idee piu' "chiare" (tempo pochi mesi) potrai sbizzarrirti nel trovare l' allestimento migliore. Tieni conto che crescono anche fino ai 25 cm di carapace... L' importante e' dotarsi di un riscaldatore con acqua tra i 25-26 gradi, un faretto che riscaldi l' area emersa intorno ai 30-31 e un neon UVB (importante che sia B !!) posto al max a 30 cm dall' animale e senza nulla tipo vetro o plexigass in mezzo...

          - Non sale sulla scaletta perche' probabilmente non c'e' nessuna differenza di temperatura tra acqua e aria, prova a puntare un faretto sull' area emersa e vedrai che cambia comportamento (meglio ancora, butta via quella specie di lagher e compra una bella tartarughiera)

          - Direi che dandogli solo gamberetti sbagli completamente... come dice Stefania, dai una occhiata alla sezione alimentazione e trovi i cibi adatti: pesce, insetti, vegetali (estremamente fondamentali) ecc ecc...

          - Per le baby una volta al giorno (meglio la mattina) e' piu' che sufficiente. Meglio non alimentarle eccessivametnte, in fin dei conti sono dei rettili e alimentarli troppo puo' far piu' male che tenerle a stecchetto

          Commenta


          • #6
            confermo tutto... solo un consiglio: ormai sta arrivando il caldo, quindi per risparmiare rimanderei l'acquiso del neon a dopo l'estate e la tartarughiera la sostituirei con un bacinellone da bucato da riempire con acqua ed una o più pietre come zona emersa; poi lo attrezzi con il riscaldatore per acquari ed una lampadina sulla zona emersa. Appena vedi che è arrivata la bella stagione definitivamente la piazzi in balcone a prendere sole dalla mattina alla sera. Confermo pure tutto riguardo l'alimentazione ed aggiungo che ti conviene darle delle vitamine, che aiutano la crescita nei primi tempi...
            Cmq vedo che sei di CT... in breve tempo scoprirai come le tarte crescono bene qui da noi... solesolesolesolesolesolesole a tempesta....

            Commenta


            • #7
              la piazzi in balcone a prendere sole dalla mattina alla sera
              ATTENZIONEEEEEEEEEEE vogliamo consigliare ai neofiti-tartarugofili che la tarta ha bisogno anche di ombra? non si deve cuocere! (per esperienza personale con la prima tartarughina...) deve prendere il sole ma poter anche ripararsi all'ombra quando vuole termoregolarsi!

              Commenta


              • #8
                L' ideale puo' essere esporla ai raggi meno caldi, per evitare di surriscaldare l' acqua, controllando che non superi i 26-27 (per sicurezza, anche se va un pochino oltre non c'e' problema) e ricordandosi di garantire sempre l' ombra...

                Commenta


                • #9
                  ciao e benvenuto!!!
                  oltre a quello che hanno detto che è la bibbia per le tarta belle ed in salute consiglierei quando la metterai sul balcone di proteggerla dagli attacchi dall'alto, dalle mie parti si aggirava un falchetto che scambiò per self service la voliera di canarini del vicino, temendo per le mie allora piccole tarta misi una rete, yota invece non ha fatto in tempo e le sua tartine sono "volate" via
                  Satia te sanguine quem sitisti, cuiusque insatiabilis semper fuisti.

                  Commenta


                  • #10
                    picciotti... qui in estate fa caldo seriamente... botta di 45/47 gradi al sole!!!
                    Quando non tenevo le tarta in laghetto le mettevo in balcone per l'estate: dalle due di pomeriggio fino al tramonto stavano sotto il picco del sole all'asciutto e non le muovevi neanche morte! se le buttavo a mollo di forza risalivano sul pietrone... le trachemys (e affini) temono il freddo, non il caldo... al sole si ricaricano e crescono come godzilla...

                    Commenta


                    • #11
                      Peppe scusa se mi permetto!!!
                      Io sono in Pianura Padana dove sicuramente il sole picchia meno che da te; il primo anno che le misi all'aperto pur controllando che avessero almeno qualche ora di ombra al giorno, le ho COTTE tutte. Poi riusci a salvarle all'ultimo istante, esclusa una che mori.
                      Un recipiente delle dimensioni che dicevi a mia esperienza si surriscalda troppo visto che l'acqua è poca.
                      Si dovrebbe studiare la posizione del contenitore in modo che l'ombra (o per ore di esposizione o per presenza costante in un punto ) abbassi un po la temperatura.
                      Io che per anni le mettevo in contenitori di plastica del diametro di 2 metri (quindi l'acqua non era pochissima) adesso che ho preso casa passo comunque a fargli i laghetti.

                      Commenta


                      • #12
                        il primo anno che le misi all'aperto pur controllando che avessero almeno qualche ora di ombra al giorno, le ho COTTE tutte
                        le mie sono come quelle di peppe quando le vedevo stese al sole mi preoccupavo che arrostissero così le ributtavo in acqua , ma loro tignose ritornavano fuori , anzi la femmina per non essere scocciata se ne va proprio dal laghetto e si va a mettere sui mattoni caldi; se vogliono però hanno tutta l'ombra dell'albero a disposizione...ma io non le ho mai viste andare li sotto
                        Satia te sanguine quem sitisti, cuiusque insatiabilis semper fuisti.

                        Commenta


                        • #13
                          Innanzitutto, ciao Alchemio e benvenuto!

                          A quanto ti hanno già detto confermo che la protezione, come dice Lady Oscar è indispensabile, ma non solo contro "falchetti", ma contro tutti i possibili predatori (cani, gatti, topi, ratti, gazze, gabbiani, cornacchie, rapaci diurni e notturni, ecc...)!
                          Inoltre ti confermo anche quanto detto da Miriam! Predisponi una zona d'ombra, sia per la parte acqautica, che per quella emersa!

                          Infine... è normale che ti senti confuso, ma la colpa è solo del negoziante che (o per ignoranza, o per suo vantaggio) non dà le informazioni giuste!! Quindi predni la vaschetta ed i gamberetti secchi, torna al negozio e sbattegleli in testa dicendogli che gli animali sono esseri viventi, cha vanno tenuti bene e loro che li vendono devono dare le giuste informazioni!! Se non sanno come gestirli o imarano, o cambiano mestiere!!! Se invece le informazioni le sanno e non vogliono darle... meriterebbero solo la galera!!!

                          Ciao
                          Robfrons

                          Commenta


                          • #14
                            Anche le mie quando in estate le metto nel laghetto stanno sui sassi che ho messo da parte al laghetto....e ci stanno per tutte le ore di sole (nonostante abbiano la possibilità di stare all'ombra)! Tranne ovviamente quando mi vedono arrivare con la pappa e allora si tuffano in acqua.....e non sono mai arrostite!

                            Commenta


                            • #15
                              Forse, visto le rsposte, sono stato frainteso....
                              E' normale che si passino le ore al sole.... però voi avete il laghetto (è difficile che si surriscaldi l'acqua) e le tarta scelgono loro se stare al sole, in acqua, all'ombra etc etc
                              In una vaschetta al sole su un terrazzo li sono e li devovo rimanere, quando l'acqua si surriscalda cosa fanno?
                              urlano x chimarvi??
                              ciao a tutti

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X