annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Graptemys sp

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Graptemys sp

    Salve a tutti, sono contento di aver trovato questo forum! La mia esperienza con le tartarughe inizia non per mia volontà, visto che ho ereditato da una ex ragazza una gramptemys pseudogeographica circa due anni fa, in condizioni ovviamente pessime in quanto a habitat (la tipica mini tartarughiera) e alimentazione (gli altrettanto tipici gamberetti essiccati). Dopo essermi documentato ho allestito un acquaterrario provvisorio dotato di riscaldamento, filtro, neon UVB e termometro. Per l'alimentazione la base è costituita da vegetali, frutta e sopratutto pesce (gradisce i gamberetti freschi, o meglio scongelati...). Non mangia carne, e non ho capito perché! Kmq la cosa non mi preoccupa tanto perché le proteine le prende dal pesce. E' cresciuta abbastanza (ora 15 cm di lunghezza di carapace), e temo che sia una femmina (non ha gli artigli anteriori pronunciati e il piastrone è parecchio piatto, mentre per la cloaca non ho idea di quale sia la differnza m/f) per cui mi aspetto che cresca ancora parecchio. Stando così le cose ho deciso di progettare un nuovo terracquario di dimensioni maggiori e dotato di tutti i comfort! Aggiungerò uno spot per illuminare l'area emersa, in combinazione con il neon UVA UVB e con il riscaldamento in acqua. Poi piazzerò un altro filtro oltre a quello che già ho. Siccome intendo prendere altre due tartarughe ho dei dubbi circa la possibilità di inserire altre specie e circa la reazione della mia (di nome Camilla). In particolare, visto che guardando in giro mi sembra non vendano più false cartine ma solo trachemys, le esigenze in termini di habitat sono simili o no? Come reagirà Camilla se posta nel nuovo territorio con altri individui? E' meglio che queste due altre tarte le prenda baby o adulte?
    Grazie delle eventuali risposte!!!

  • #2
    beh' mi sembra che tu parta già ben carrozzato di buone idee su come si tira su una tarta... mi fa piacere.
    per quanto riguarda la convivenza non ci dovrebbero essere problemi: le graptemys sono rinomate per essere bestiole molto tranquille.
    però la regola d'oro con le tarte è che non sai mai da quale becco può partire il morso: una tarta che è sempre stata pacifica si può pure svegliare un giorno con l'idea di fate a mozziconi con le altre...
    il consiglio è quindi di prendere tartarughe di dimensioni simili, in questo modo le conseguenze dei morsi si fanno meno gravi.
    cmq di solito di graptemys ce ne sono in giro a fiumi... al massimo vai in un buon negozio e chiedi se te ne possono ardinare di subadulte...

    Commenta


    • #3
      Non ho mai notato la stessa territorialita' e l' aggressivita' nelle Graptemys come nelle Trachemys scripta (anche se il comportamtent varia da individuo a individuo visto che ci sono anche casi di convivenza pacifica tra T.s.). Per questo potrei consigliarti di mettere un altro esemplare a patto che sia della stessa taglia e di sesso opposto alla tua (in generale mai piu' di un maschio..). Tuttavia, come dice Peppe, l' imprevedibilita' delle tartarughe non si sa mai per cui tieni presente che potrebbero non convivere pacificamente.. e' un rischio..

      Commenta


      • #4
        Innanzitutto grazie della risposta. Credo anch'io che mi convenga prenderne già di medie dimensioni, anche se crescerle fin da piccolissime è tutt'un'altra cosa! Inoltre effettivamente cercherò di prendere altre due graptemys, magari una femmina e un maschio, in modo che il "gallo nel pollaio" sia uno solo. Ah, sarei ben contento di essere istruito circa la metodologia precisa di individuazione del sesso... non vorrei che quella che io chiamo Camilla sia in realtà un Camillo!

        Commenta


        • #5
          Nelle Graptemys salta subito all' occhio le unghie (moooolto lunghe nei maschi) e la coda (nei maschi e' un codone bello grosso ed evidente gia' in piccola eta'...). Se non hai molta dimestichezza la cosa migliore e' avere piu' esemplari contemporaneamente da confrontare...

          Per Camillo/a se hai una foto postala che ti aiutiamo...

          Commenta


          • #6
            Beh come ho scritto nel primo post non sembra avere gli artigli anteriori più pronunciati dei posteriori, quindi non dovrebbe essere maschio. La coda mi sembra proporzionata agli arti, anche se la cloaca non si trova subito dopo il piastrone ma un pò più giù lungo la coda, il che a quanto ho letto significa sesso maschile. La cosa certa è che prima di procedere ad acquisti devo capire di cosa si tratta, altrimenti rischio brutte situazioni! Ah, non posso postare foto perché non ho scanner...

            Commenta


            • #7
              Graptémys khoni

              Anni fa mi innamorai di questa specie di tartarughe acquatiche ma aspettai a prenderle per organizzarmi al meglio...
              Premetto che al momento non sono in grado di organizzare un laghetto quindi sfruttando anche le loro piccole dimensioni opterei per la realizzazione di una vasca di dimensioni adeguate, ma pur sempre piccola rispetto ad un laghetto, e da tenere fuori al sole sfruttando l'estate (ammettendo che sia un bene per questa specie restare esposta al sole)
              Da Settembre invece disporrò di un terreno abbastanza vasto dove oltre ad altri animali potrei allestire tranquillamente un laghetto. (possono passare l'inverno fuori casa?)
              Consigli?
              Considerazioni?
              Vorrei prenderne almeno 5 (piccole) da far crescere insieme, c'è un modo per distinguere i maschi dalle femmine?

              Commenta


              • #8
                dimenticavo...
                possono convivere con Pelomedusa Subrufa eventualmente?
                nel caso subirebbero il medesimo trattamento descritto sopra.

                Commenta


                • #9
                  mi ero dimenticato di citarle, ho provato ad avere anche le Pelomedusa Subrufa....
                  x quello che potuto costatare io le due tarta in oggetto sono fra le piu pacifiche in circolazione quindi ok
                  l'unica eventuale differenza è che le subrufa io le tenevo con un paio di gradi di temperatura in piu, e non le facevo svernare all'esterno, anzi io non gli ho mai fatto fare il letargo.
                  se ti interessa io ho (anche questa mi ero dimenticato di citare) una KHONI di circa 6-7 cm che ti potrei regalare, quando sei attrezzato se hai voglia di arrivare a Milano è tua.

                  Commenta


                  • #10
                    Luca, per me hai niente?

                    Commenta


                    • #11
                      Ciao, la soluzione all' aperto per le Graptemys e' sicuramente la migliore, e in un laghetto ben allestito, con una certa profondita' (circa un metro) possono passare tutta la vita alll' aperto. Mi raccomando fallo in una zona esposta al sole per quasi tutto il giorno e garantisci anche una buona zona d' ombra per la loro termoregolazione.
                      I maschi si distinguono per le unghie ant. molto lunghe e la coda relativamente lunga ma soprattutto larga (fanno quansi impressione rispetto al resto dell' animale...).

                      Una convivenza con Pelomedusa e' impossibile !!! Per vari motivi: mai "mischiare" specie che provengono da zone diverse (adirittura qui si parla di continenti diversi), le P. sono tartarughe che richiedono temp. alte e costanti tutto l' anno e soprattutto niente letargo (in natura hanno una specie di estivazione nella stagione secca). Inoltre sono pessime nuotatrici e necessitano di un acqua non troppo elevata.. ecc..ecc

                      Se vuoi qualche info sulle due specie dai una occhiata alle schede del mio sito che poi ne discutiamo...

                      Commenta


                      • #12
                        C'è qualche sito o libro che spiega quali razze e possibile tenere assieme senza crare problemi?
                        la cosa sarebbe molto interessante

                        Commenta


                        • #13
                          Forse non ho messo a loro agio le khoni, io le tenevo in acquario con temp alta insieme e nessuna ha avuto problemi

                          Commenta


                          • #14
                            comunque ascolta Reda, magari il mio è solo stato un caso fortunato, lui ha sicuramente piu esperinza di me con queste tarta;
                            le ho avute per poco, poi le ho cedute

                            Commenta


                            • #15
                              Il problema principale delle convivenze tra generi diversi e' il fatto che provengono da zone totalmetne differenti e, come per ogni rettile o essere vivente, parassiti o malattie possono essere affrontate e sopportate in maniera differente: e' lo stesso principio per cui non si allevano assieme diverse specie di Geochelone o altre tartarughe pur avendo le stesse condizioni di allevamento.. poi ognuno e' libero di "mischiare" e rischiare...

                              Non e' stato un caso fortunato, le Graptemys cosi' come molte specie si adattano a temperature dell' acqua molto variabili. Io personalmente per Trachemys e Graptemys preferisco tenere una temperatura dell' acqua relativamente bassa (intorno ai 24-25) e creare un punto dell' area emersa oltre i 30 (sotto lo spot), in questo modo le tartarughe si regolano a piacimento e passano un bel po' a "seccarsi" il che per l' igiene non guasta mai... C'e' chi pero' le tiene a temperature piu' alte e non ha nessun problema...
                              Per le Pelomedusa che soffrono le basse temperature (gia' a temperatura ambiente diventano particolarmente apatiche) preferisco tenere l' acqua un po' piu' calda (intorno ai 27-28 ) e soprattutto piu' bassa visto che faticano a nuotare (anche se hanno un collo bello lungo). Poi lo spot supera anche lui i 30.
                              Logicamente tutto riferito ad allevamento indoor.. all' esterno le Pelomedusa non ci possono stare se non nei mesi estivi (ma proprio i piu' caldi), visto che il freddo le fa secche...

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X