annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Chiarimenti su Normative All.B e "CITES"

Comprimi
Questa è una discussione evidenziata.
X
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Chiarimenti su Normative All.B e "CITES"

    Si ringrazia Terracquarium73 per la preparazione e la concessione del presente vademecum!

    CITES Appendice II (Allegato “B” CE)

    N.B.: Quanto scritto in questo documento, vale solo per animali in Appendice II (Allegato B CE). Tutte le argomentazioni sono frutto di esperienze personali e/o di varie nozioni acquisite nel tempo. Non costituiscono comunque e in ogni caso valore legale, e se ne consiglia sempre la conferma/riscontro presso gli organi competenti (leggi “SCT” – Servizi CITES Territoriali). Gli stessi, infatti, potrebbero interpretare in maniera non univoca determinate disposizioni di legge: per esempio, quello che può valere per il “SCT” di Milano, potrebbe non essere regolare per il “SCT” di Napoli e viceversa. Nel dubbio, rivolgetevi sempre al Servizio CITES Territoriale competente per la vostra zona.

    1) Acquisizione di esemplari in All.”B”.
    Dichiarazione di cessione ai fini Cites: questo documento è fondamentale e deve essere rilasciato dal cedente, all’atto della cessione dell’esemplare e a qualunque titolo (oneroso o meno) essa avvenga. Diversamente da quanto accade con l’Appendice I (Allegato “A” CE), questo documento non richiede una modulistica dedicata (per intenderci i moduli prestampati conosciuti come “Cites gialli”), ma è redatto in carta semplice e non esistono vincoli prestabiliti all’impostazione che si può dare al documento.
    Quali sono i dati essenziali in una Dichiarazione di cessione ai fini Cites?
    a) Dati del cedente e del ricevente intesi con nome, cognome, domicilio e residenza di entrambi.
    b) Nome scientifico della specie e numero degli esemplari interessati.
    c) Luogo e data della cessione.
    d) Firme di cedente e ricevente.

    Se l’esemplare proviene da un paese extra CE, e viene acquistato direttamente dall'importatore, oltre ai dati sopra citati, potrebbe essere preferibile avere anche il codice/numero riguardante la pratica d’import: Es. IT/IM/2013/MCE/0007 e il paese di provenienza dell’animale.

    Importante: Non acquisite a nessun titolo (nemmeno gratuito), esemplari delle specie sottoposte a tutela Cites, che siano ceduti sprovvisti di tale documento. L’emissione del documento (Dichiarazione di cessione) deve essere sempre contestuale alla cessione dell’esemplare/i. E’ bene anche sapere che, se ci si limita alla sola detenzione e quindi non si cedono, scambiano o riproducono gli esemplari in nostro possesso, non servono altri documenti.

    Esempio di Dichiarazione di cessione ai fini CITES. (fonte: Squamata.it)











    2) Detenzione con finalità riproduttive di esemplari in All.”B”.
    Denuncia di nascita (Modello SCT1-BIS): Denuncia di nascita in cattività (ex art. 8 bis della Legge 150/92 e smi) di esemplari di specie animali incluse nell’Allegato B del Reg. (CE) 338/97 e s.m.i. (da effettuarsi entro 10 gg. dalla nascita).
    Va inoltrata all’ufficio del Servizio Cites Territoriale (SCT) competente per la zona nella quale è avvenuta la nascita, tramite raccomandata A/R o fax (di cui va conservata una copia). Per l’elenco completo dei “SCT”, consultare il sito del Corpo Forestale dello Stato: www.corpoforestale.it/
    Contestualmente alla denuncia di nascita, va presentata anche la domanda per il rilascio del Registro di detenzione tipo “EB”, di cui vedremo più avanti al punto 3) Cessione di esemplari in All.”B”.

    Importante: Per l’Allegato “B”, non esiste nessun numero di protocollo o numero Cites. Non tutti i “SCT” rilasciano, a seguito dell’avvenuta denuncia di nascita, il numero di protocollo della pratica in oggetto. In questi casi, fa fede sempre e comunque, la copia della nostra denuncia di nascita (SCT1-BIS) se spedita via fax, o l’analoga ricevuta della raccomandata A/R.

    Modello SCT1-BIS







    Dichiarazione di conformità allevamento (Modello SCT2-BIS): Scheda informativa/dichiarativa animali allegato “B” nati in cattività in conformità all’art. 54 del Reg. (CE) N. 865/2006.
    Documento dall’utilità alquanto controversa, perché ogni “SCT” interpreta il medesimo in maniera differente. Va inoltrato, al pari del modello SCT1-BIS (del quale è in qualche modo complementare), all’ufficio del Servizio Cites Territoriale (SCT) competente per la zona in cui si risiede. Una volta effettuata la Dichiarazione di conformità, il “SCT” competente dovrebbe rilasciare un numero di protocollo che sarà il numero di riferimento/identificativo dell’allevamento per le future denuncie di nascita.
    Importante: Se non si presenta questo modulo, ogni volta che si fa una denuncia di nascita, si deve necessariamente compilare il Riquadro 5 del modello SCT1-BIS. Vedi nel dettaglio sotto:

    Dettaglio Riquadro 5 del Modello SCT1-BIS












    Modello SCT2-BIS










    3) Cessione di esemplari in All.”B”.

    Dichiarazione di cessione ai fini Cites: per la cessione di esemplari in All. “B”, bisogna rifarsi a quanto già scritto al punto 1) Acquisizione di esemplari in All.”B”. Nel compilare la Dichiarazione di cessione con la quale affiderà l’animale al nuovo proprietario, tenere sempre ben presenti questi punti:
    Dati essenziali in una Dichiarazione di cessione ai fini Cites:
    a) Dati del cedente e del ricevente intesi con nome, cognome, domicilio e residenza di entrambi.
    b) Nome scientifico della specie e numero degli esemplari interessati.
    c) Luogo e data della cessione.
    d) Firme di cedente e ricevente.

    Importante: Se si cede un esemplare acquisito in precedenza, è consigliabile compilare la “nuova” Dichiarazione di cessione tenendo come riferimento i dati presenti nel documento già in nostro possesso. Questo in particolare se si tratta di animali importati: segnare il codice d’import e il paese d’origine dell’esemplare che s’intende cedere, oltre a tutti gli altri dati già presenti. Fornire insieme alla nuova Dichiarazione di cessione una copia di quella già in nostro possesso, sarebbe una buona pratica, anche se non è assolutamente obbligatoria, secondo la legge.
    E’ d’obbligo invece, fornire al momento della cessione dell’esemplare, un care sheet (foglio di cure) o informazioni inerenti il corretto allevamento, come previsto anche dall’art. 9 paragrafo 4 del Regolamento CE n. 338/97.

    Esempio di Dichiarazione di cessione ai fini CITES. (fonte: Squamata.it)








    Registro di detenzione o di carico/scarico: Il Registro di detenzione che ci interessa è quello di tipo “EB” e va richiesto al proprio “SCT”. Dal momento in cui si riceve il Registro, si hanno trenta giorni di tempo, per segnare tutti gli esemplari presenti nel proprio allevamento e poi, di conseguenza, tutte le variazioni apportate nel medesimo e quindi tutte le future acquisizioni e/o uscite e da questo momento, a qualunque titolo esse avvengano: sono perciò comprese, in entrambi i tipi di movimentazione (leggi Carico/Scarico) anche quelle a titolo gratuito.
    Quali sono i soggetti tenuti alla compilazione del Registro: c) chiunque utilizzi, detenga o esponga esemplari a scopo di lucro o ponga in essere atti di disposizione finalizzati allo scambio, alla locazione, alla permuta o alla cessione a fini commerciali di qualsiasi natura e titolo, ivi compreso chiunque ottenga esemplari provenienti da sequestro, confisca, affidamento, fatte salve le disposizioni della legge 11 febbraio 1992, n. 157.
    Importante: Tutti gli scambi e le cessioni a titolo oneroso impongono a chi le compie, di dotarsi del Registro di detenzione. Sembrano essere esclusi dall’obbligo di registrazione delle movimentazioni, quei soggetti che cedono i propri animali a titolo gratuito, ma anche qui occorre fare un po’ di chiarezza. Se la cessione è gratuita, è bene che questo sia specificato nella Dichiarazione di cessione e va chiesto preventivamente al “SCT” competente territorialmente, la relativa posizione in merito a questa prassi. Si può altresì affermare che la questione della cessione gratuita, può trovare riscontro e attendibilità nel caso di una cessione davvero occasionale, se non addirittura unica: è il caso specifico di chi si trova a regalare uno o davvero pochi esemplari dei quali, per le ragioni più disparate, non possa/voglia più farsene carico.


















    4) Morte di esemplari in All.”B”.
    Che cosa fare: Non serve dotarsi del Registro di detenzione. Ci si deve invece rivolgere al proprio veterinario di fiducia oppure all’ASL che ci informeranno sulle norme previste per legge, in materia di “smaltimento” dell’animale deceduto. Tutta la documentazione prodotta e relativa a questa pratica, va allegata e conservata insieme alla documentazione riguardante l’esemplare in questione.
    Importante: La morte di un esemplare in All.”B”, va sempre segnalata alle autorità competenti (leggi ASL). Infatti, la CITES, non tutela solo determinate specie animali e vegetali, ma regola anche il commercio e possesso di piante/animali morti e/o loro parti, ecco il perché della necessità di regolare, nelle sedi opportune, la situazione riguardante l’animale deceduto. Va da sé, che se abbiamo anche il Registro di detenzione, lo stesso va aggiornato.

    N.B.: Quanto scritto in questo documento, vale solo per animali in Appendice II (Allegato B CE). Tutte le argomentazioni sono frutto di esperienze personali e/o di varie nozioni acquisite nel tempo. Non costituiscono comunque e in ogni caso valore legale, e se ne consiglia sempre la conferma/riscontro presso gli organi competenti (leggi “SCT” – Servizi CITES Territoriali). Gli stessi, infatti, potrebbero interpretare in maniera non univoca determinate disposizioni di legge: per esempio, quello che può valere per il “SCT” di Milano, potrebbe non essere regolare per il “SCT” di Napoli e viceversa. Nel dubbio, rivolgetevi sempre al Servizio CITES Territoriale competente per la vostra zona.
    Ultima modifica di Luca-VE; 03-07-2013, 12:08.
    NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

  • #2
    Si ringrazia Terracquarium73 per la preparazione e la concessione del presente vademecum!
    alla fine ci sei riuscito, bravo e grazie mille!!
    Ciao, Gabriele

    Commenta


    • #3
      a dire il vero ci ho messo una vita anch'io a caricarlo dal word che mi aveva inviato da un bel pezzo...
      NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

      Commenta


      • #4
        Complimenti e grazie! Davvero chiaro ed esaustivo

        Commenta


        • #5
          Complimenti!! Completo ed esaustivo! ha risposto a molti dei miei dubbi e domande a riguardo. grazie

          Commenta


          • #6
            Grazie del lavoro, davvero ben fatto!

            Commenta

            Sto operando...
            X