annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Norme detenzione e allevamento degli animali esotici

Comprimi
Questa è una discussione evidenziata.
X
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Norme detenzione e allevamento degli animali esotici

    A tutti i partecipanti del forum,
    di recente nella regione lazio è stata approvata una linea guida intitolata “norme per la detenzione e l’allevamento degli animali esotici”. In questi sono inclusi tutti i rettili gli uccelli e mammiferi considerati esotici

    In teoria i detentori, commercianti o privati, di animali esotici devono denunciare alla asl di competenza gli animali in loro possesso. È stata istituita una commissione tecnica che valuta caso per caso se autorizzare
    la detenzione o meno.

    Questa normativa definisce i parametri di superficie e altezza per autorizzare la detenzione di animali esotici. È suddivisa in due parti, la prima destinata al commercio (animali che non stazionano piu di 90 giorni) e la seconda destinata alla detenzione e allevamento amatoriale (che stazionano piu di 90 giorni).

    La normativa attualmente è della regione lazio, ma ho saputo che diverse regioni l’hanno presa in visione per metterla in atto a breve

    Vi faccio vedere in breve quali sono i parametri per la parte commerciale, x la parte amatoriale DOVETE MOLTIPLICARE PER 3 I PARAMETRI RICHIESTI. Vi presento alcuni parametri per ogni categoria, la lista è piu lunga

    cheloni
    Inferiori a 15cm, N es detenibili 4, Superficie in mq 0,5, Altezza in mq 0,3
    Tra 15 e 30, N es detenibili 4, Superficie in mq 0,75, Altezza in mq 0,5
    Tra 30 e 50, N es detenibili 2, Superficie in mq 1, Altezza in mq 0,5

    sauri
    Inferiori a 30. N es detenibili 2, Superficie in mq 0,75, Altezza in mq 0,8
    Tra 30 e 80. N es detenibili 2, Superficie in mq 2, Altezza in mq 1
    Superiori a 80, N es detenibili 1, Superficie in mq 2,5, Altezza in mq 1

    serpenti
    Inferiori a 50, N es detenibili 4, Superficie in mq 0,5, Altezza in mq 0,5
    Tra 50 e 100, N es detenibili 4, Superficie in mq 1,5, Altezza in mq 1
    Tra 100 e 250, N es detenibili 2. Superficie in mq 2,5, Altezza in mq 1
    Superiori a 250, N es detenibili 1, Superficie in mq 3,5, Altezza in mq 1,5

    non vengono presi in considerazione i parametri biologici ma solo quelli di dimensione.
    Alcuni esempi:
    per una coppia di geco leopardino e per una coppia di phelsuma ci vuole un terrario di 100x75x80
    per una coppia di pogona o per una coppia di camaleonti ci vuole 200x100x100h

    esiste una sezione dedicata agli uccelli e una sezione dedicata ai mammiferi e vi dico che è allucinante.

    Vi dico gia cosa, io e alcune persone, stiamo pensando di fare. Stiamo contattando la confesercenti che rappresenta i negozi di animali per far capire il problema, stiamo contattando l’associazione veterinari che gia si sono mossi indipendentemente.
    Credo sia giusto che anche noi appassionati ci muoviamo, possibilmente uniti. Abbiamo alcune idee che eventualmente vi esporro se siete interessati, ma se ne avete alcune proponete!!!!

    Vi chiedo che il post non sia una sfilza di commenti inutili o quotazioni o roba simile. Credo che l’argomento sia serio, visto che in un tempo breve tutti noi potremmo avere problemi per detenere i nostri animali. Pensate a come in breve tempo si sia arrivati ai divieti di detenzione dei pericolosi e quanto approssimative ma definitive siano le normative in questione.

    alemoz

    normativa lazio
    normativa toscana
    Ultima modifica di ladyOscar; 30-06-2008, 12:01.

  • #2
    RE: Re: RE: norme per la detenzione e l’allevamento degli an

    in liguria l'abbiamo già da almeno 10 anni una legge simile, e sia chiaro che qui vale per tutti gli animali esotici anche se fuori CITES..... il macello iniziale è stato capire cosa è esotico e cosa non lo... è ma questo è a discrezione degli addetti della USLveterinaria che faranno il sopraluogo per verificare l'idoneità delle strutture e valutano la competenza di chi si occupa degli animali, a me avevano chiesto i parametri a cui tenevo le tartarughe esotiche, se sapevo che non andavano in Latargo e così via.... a seguito dell'ispezione il Servizio USL ordina al Sindaco ocpl il rilascio dell'autorizzazione alla detenzione. Mi pare che si paghi circa 15 euro per il sopraluogo. Sembra una stupidaggine invece io la ritengo uno strumento ottimo per avere un minimo di controllo e evitare che iguane vivano in terrari di 50 cm....


    ho solo un dubbio che faccio notare perchè forse è sfuggito ai più: i paramentri vanno MOLTIPLICATI PER TRE nel caso in cui un animale sia detentuo amatorialmente (ovvero non temporaneamente in attesa di vendita ma in modo permanente in casa nostra) per un serpente lungo da 100 a 250cm occorrono 7,5 mq di spazio....se è così addio pitoni reali...
    ٩(͡๏̯͡๏)۶ Brevices for life.... life for breviceps

    Commenta


    • #3
      RE: Re: RE: norme per la detenzione e l’allevamento degli an

      anche la normativa cui fa riferimento alemoz.. è del 1990... sono ben 18 anni che è in vigore nel lazio.. anche se il regolamento di attuazione è del 1997.
      alemoz, puoi farmi avere una copia integrale della normativa cui fai riferimento? non la legge.. il regolamento.
      grazie
      Satia te sanguine quem sitisti, cuiusque insatiabilis semper fuisti.

      Commenta


      • #4
        RE: Re: RE: norme per la detenzione e l’allevamento degli an

        scusate ma possibile che dal 1997 ad oggi (11 anni...) non hanno fatto chiudere tutti i negozi in cui sono stato dove SICURAMENTE non hanno terrari da 1mx0.75x0.80 (che ci fa un leopardino con 80cm d'altezza? manco fosse un arboricolo...) per 2 gechi....
        sul fatto di moltiplicare per 3 le cifre per l'allevamento amatoriale si rasenta il ridicolo...la mia coppia di leopardini dovrebbe stare in un terrario 3mx2.25mx2.40m (manco fosse un'iguana adulta...)? poco ci manca che gli lascio la mia stanza a sto punto...ma ste misure su che base sono state prese? cioè prendendo in considerazione quale tipo di "problematica" sanitaria (visto che si parla di ASL questo mi viene da pensare...)?

        Commenta


        • #5
          la normativa è presente da tanto in tutte le regioni...se cercate in internet lo trovate regione per regione. pero rimane vaga su quali siano le caratteristiche dellle strutture che devono detenere gli animali.
          OGGI hanno individuato, secondo criteri secondo me discutibili a livello legale, le caratteristiche delle strutture con diemnsioni,, numero di animali detenibili, presenza di un riparo, etc. addirittura si parla del tipo di substrato che i pappagalli devono avere.

          alemoz

          Commenta


          • #6
            ops...dimenticavo
            il problema vero riguarda noi perche le caratteristiche per la detenzione a scopo eprsonale e gli allevatori sono impossibili. i negozianti, premesso che so gia che faranno una dura battaglia e gia stanno cercando di far intervenire gli avvocati, con qualche fatica riusciranno ad adattare le loro strutture e continuare la loro attivita.
            NOI NO!!!!!
            per questo ci dobbiamo accodare a loro e essere partecipi ma per farlo dobbiamo fare alcuni passi per far capire quanti siamo. è una cosa delicata e bisogna agire con calma e determinazione.
            alemoz

            Commenta


            • #7
              ho appena ricevuto in maniera informale la normativa per gli appassionati. la osa è peggio di quello che pensavo e ancora piu dettagliata. le misure per la detenzione sono impensabili.

              x lady oscar: ti manderei tuto vi afax ma ho appena scoperto che tutta la normativa per gli appassionati e gli allevatori sono circa 50 pagine. in pratica per ogni famiglia sono speigati in dettaglio le dimensioni minime. magari sentiamoci telefoicamente. ti mando il tel in mp

              vorrei provare a spiegare alcune cose...il discorso è lungo e complesso. la teoria dalla pratica è molto distante, i controlli oggi non ci sono ma alcune asl si stanno gia muovendo.
              oggi, in teoria, la legge in tutta italia prevede che chi acquista un animale esotico debba contattare la asl di competenza. questa dovrebbe fare una sorta di esame per verificare se sei idoneo alla detenzione. fino a ieri oltre non si poteva andare. da oggi la regione lazio ha definito anche quali siano i parametri in cui l'animale puo essere ospitato.

              cosa si puo fare:
              bisogna muoversi con calma e restare uniti noi ma parallelamente unirci a altri appassionati. il numero ci permettera qunto meno di farci ascoltare. cosa significa? contattare per informarli tutti quelli che si occupano di esotici. significa fare si che tutti i forum che si occupano di esotici parlino dell anormativa. coinvolgere quindi appassionati di pappagalli, appassionati di uccelli esotici, furetti, ricci, unificare il nostro ambiente che è frammentato e per niente unito, tartarughe, dendrobates, serpenti, sauri etc. questo per arrivare ad una grande raccolta di firme che ci permetta di andare di fronte alle istituzioni e essere quanto meno ascoltati.
              bisogna verificare lo stato delle normative in vigore regione per regione
              lavorare in parallelo con l'associazione dei veterinari e con l'associazione dei negozianti
              bisogna trovare degli interlocutori che vogliano ascoltare
              di fronte alle istituzioni bisognera essere preparati, per contestare una proposta errata, e propositivi per trovare una mediazione.
              UNA LINEA DURA DI PROTESTA NON SERVE. inasprirebbe solo un dialogo in cui solo noi abbiamo da perdere.

              aggiungo che non serve trovare un escamotage per fregare la legge non servirebbe a nulla ma piuttosto ad accelerare le pratiche in quelle regioni che ancora non hanno deciso come comportarsi.

              non è un discorso facile e non è semplice farlo tramit ele parole scritte perche il discorso è troppo articolato.
              forse si potrebbe articolare un atvolo di discussione a longarone per spiegare in dettaglio l'argomento

              ultimo punto. gia in altre nazioni ci sono delle normative restrittive e sono piuttosto critiche. ho appena sentito un allevatore in austria e la situazione non è semplice.
              alemoz

              Commenta


              • #8
                ecco, se può servire, l'allegato 2 dell'ordinanza sulla protezione degli animali in svizzera, dove specificano le misure minime delle teche. http://www.admin.ch/ch/i/rs/455_1/app2.html
                Per ognuno di questi animali ci vuole l'autorizzazione cantonale, ma posso assicurare che non è così difficile da ottenere, devi solo dimostrare di gestire bene i tuoi animali. Molti animali non hanno misure minime, ad esempio serpenti piccoli e non velenosi, penso anche i vari gechi,... in pratica se non sono difficili da gestire non ci vuole l'autorizzazione e non ci sono misure minime, logico che quando verranno a controllare i tuoi animali devono stare bene, la teca non deve avere cose pericolose per gli animali (sassi taglienti, o roba simile), logico che se stanno male per qualche motivo e proprio quel giorno vengono a farti il controllo a sorpresa non ci sono problemi, se hai una carta del veterinario che assicuri che tu ti sia preoccupato della salute del tuo ospite.

                Commenta


                • #9
                  allora, cioncordo sull'assoluta necessità di fare qualcosa e di farlo uniti a tutti coloro che sono coinvolti.
                  direi di iniziare a concretizzare questo post.
                  in italia esiste un associazione delle imprese del settore pet che fa capo alla confesercenti,questo è il loro sito internet: www.aisad.it

                  i veterinari di esotici , lo sappiamo tutti , si riuniscono sotto la sigla SIVAE: www.sivae.it

                  noi abbiamo la nostra associazione, ovvero l'ARER: www.arer.it

                  poi ci sono gli ornicoltori italiani,rappresentati dalla FOI: www.foi.it

                  l'acquariologia italiana dovrebbe essere coordinata dalla AIPA: www.aipaonline.it

                  i mammiferi non hanno una loro associazione ma ci sono vari siti di appassionati:
                  furetti: www.furettomania.it
                  conigli: www.protty.it
                  criceti: www.mondocriceto.it
                  cani della prateria e citelli: www.canedellaprateria.it
                  gerbilli: www.graphomania.com
                  petauro dello zucchero: www.ilpetaurodellozucchero.it

                  in'oltre c'è un associazione animali esotici: http://www.aaeweb.net/

                  da contattare anche altri portali erpetofili, nonch'è www.inseparabile.com che raccoglie molti appassionati di vari tipi di animali, www.acquaportal.it portale di acquariofilia, e www.hobbyuccelli.it per l'ornitofilia.

                  questi sono gli attori che a mio avviso vanno contattatti per fare fronte unico, colgo l'accasione per invitare chi ancora non l'abbia fatto ad associarsi all' ARER www.arer.it

                  !!!!!mobilitiamoci!!!

                  Commenta


                  • #10
                    oltrere che all'arer associamoci anche all' aaeweb
                    http://www.aaeweb.net/

                    tanto è gratuito..

                    Commenta


                    • #11
                      Sul fatto si raccogliere firme, lo si può fare solo dopo aver visto il regolamento (altrimenti per COSA firmiamo) lady lo sta aspettando per leggerlo attentamente ed eventualmente trarre delle conclusioni.
                      Se vogliamo muoverci dobbiamo farlo uniti, SFn è da quando è nato che crede in questo e oggi se ne sente la necessità...oggi che sono nati decine di piccoli forum dove presumibilmente si discuterà della cosa frammentando la nostra forza già ai limiti del ridicolo, non illudiamoci ragazzi contiamo poco l'esempio fatto sugli aracnidi è valido si...ma ci indica proprio che nonsostante il lavoro SERIO fatto da chi ha stilato una lista SERIA la legge SERIA ancora non c'è mentre quella sui cani è stata fatta e modificata in qualche mese.
                      Credo che la A.R.Er possa avere questo "mandato", invito quindi il presidente a partecipare a questa discusione e metto a disposizione SFn per dare visibilità alla cosa
                      Ciao, Gabriele

                      Commenta


                      • #12
                        finalmente.
                        mi stavo preoccupando che l'unico che se ne interessava ero io!!!
                        finalmente vedo che anche alcuni moderatori almeno espirmono un parere. se anche i moderatori ci mettono a parte dei loro commenti magari dieventa una discussione piu utile. momocromo non me ne volere ma dire che ne stai discutendo da giorni ma noi non abbiamo visto nienete di cio, non serve a niente. capisco discutere su quale sia la linea del forum, ma qui siamo in gioco tutti, non una decina.

                        io personalmente mi sono interessato alla vicenda e come ho detto bisogna essere cauti.
                        qeusto è quello che penso sia necessario fare:
                        1. ognuno di voi potrebbe andare nella asl di appartenenza e cercare di capire in che situazione stanno. questo servira a vedere a che punto stanno le cose e magari a far vedere agli scettici quale è la situazione. potremmo aprire un post aggiuntivo e ognuno mette solo le informazioni avute da fonti certe e niente commenti (so che qualcuno lo ha gia fatto, rendetelo pubblico)
                        2. contattare a nome del forum, gli altri forum che si occupano di animali esotici (grazie haze....sei andato dritto al problema)
                        3. conoscere bene la situazione e quello che ha gia fatto la sivae (ma i veterinari del forum ci sono?).questo quello che ho trovato.
                        la denuncia della sivae
                        http://www.anmvioggi.it/index.php?q=...one-di-esotici
                        e la risposta
                        http://www.anmvioggi.it/7889/05-02-0...lazio-risponde
                        4. organizzare un incontro (credo che longarone sia piu appropriato considerando l'afflusso) dove si spiega in dettaglio la cosa. forse in quel contesto si puo iniziare una raccolta firme, io metto a disposizione spazio sul mio tavolo per la raccolta firme.

                        per quano riguarda l'arer mi sembra un ottima idea. io gia ho provato a contattare il presidente che conosco bene... ma la pasqua mi è nemica. ci riprovo oggi.
                        rimane da tenere in estrema considerazione l'associazione con i negozianti. e veo che il loro scopo è ben diverso dal nostro ma LORO SONO PIU FORTI. si avvalgono della confesercenti e hanno avvocati che se ne ocupano. hanno piu soldi di noi....e sono gia 4000. hanno gia raccolto le firme e hanno gia aperto una "chiaccherata" con chi did dovere.

                        se qualcuno ha altre idee mettetele sul tavolo delle discussioni. le mie sono proposte che necessitano di discussione...ben accetti commenti

                        p.s. ladyoscar te la spedisco la normativa, devo trovare il tempo di fotocopiarla e spedirtela. mandami l'inidirizzo in privato.

                        sempre disponibile

                        alemoz

                        Commenta


                        • #13
                          La nostra proposta a Mauro è quella di utilizzare un unico forum, non necessariamente SFn, potrebbe essere serpenti o TCI, l'importante è avere ununico riferimento, il mio dissenso sul discuterne su decine di forum è per evitare che partano iniziative unilaterali, cosa che succederà inevitabilmente.
                          Ciao, Gabriele

                          Commenta


                          • #14
                            ho ripulito il topic così da renderlo più snello.
                            Ho parlato con Mauro che si è preso qualche giorno, poi mi dirà come intende muoversi.
                            Ha accettato l'offerta di SFn che si prenderà carico di divulgare queste informazioni tentando per quanto possibile di dare massimo risalto.
                            Come SFn abbiamo dato all'arer massima disponibilità anche logistica, essendo sempre presenti alle fiere italiane maggiori, qual'ora servisse "manovalanza",
                            Ciao, Gabriele

                            Commenta


                            • #15
                              a mio avviso si dovrebbe aprire un solo canale di discussione(magari un forum dedicato sul sito arer) e riportare sui diversi forum terraristici i vari comunicati e le news, anche io non sono mai stato favorevole ai nuovi forum terraristici visto che l'utenza è cosi minima ma ormai ci sono,io conosco alcuni dei fondatori di alcuni siti del nostro settore e posso propormi come intermediario, anche con forum non terraristici, ad esempio su hobby uccelli dove scrivo.
                              metto anchei io a disposizione il mio stand alle fiere oltre che al mio web shop per divulgare l'iniziativa, sarebbe da creare un volantino così da distribuirlo, io posso allegarlo agli ordini che evado e sicuramente altri colleghi saranno ben felici di fare altrettanto, questi provvedimenti colpiscono tanto i privati quanto i professionisti negozianti e allevatori che siano, se un privato non puo tenere un animale, non lo compra, e se non lo compra io non lo vendo.
                              innanzitutto è da fare chiarezza su come si presenta realmente la situazione, dopodichè vanno contattati tutti i forum e i portali interessati, terraristici (rettili, anfibi e insetti) ornitofili,e di piccoli mammiferi, eventualmente anche acquariofili se l'ordinanza colpisce anche loro, quello acquariofilo è uno dei settori trainanti nel mondo Pet e conta varie associazioni e molti appassionati oltre che molti operatori.
                              dopo aver contattato il mondo degli "appassionati" si fà il punto della situazione sulle forze disponibili e si stila una linea guida, dopodichè si contattano le associazioni dei veterinari e dei commercianti e si cerca di coalizzare le forze.
                              per esperianza nel mondo subacqueo e apneistico dico fermamente che è essenziale presentarci rappresentati da una associazione che possa basarsi su un forte numero di associati, avere una formazione costituita con una persona o un gruppo di persone che rappresentano la categioria ha tutt'altra forza contrattuale rispetto ad una massa informe che si presenta magari si unita ma non coordinata, la terraristica ha l'arer, altri appassionati di altri animali che non hanno un associazione legalmente riconosciuta possono convergere nell' associazione animali esotici dove tra l'altro possiamo converge anche noi oltre che nell arer tanto per fare più numeri possibili.
                              penso che questo sia un punto su cui battere e ribattere perchè di cruciale importanza.
                              a quel punto i rappresentati delle varie associazioni: Commercianti, Veterinari, Terraristica, Aquariofilia, Ornitocoltura, Animali esotici; forti del numero dei rispettivi associati possono,forse, sperare di essere ascoltati da qualunque.

                              OT piano con le speranze che se andiamo a vedere la legge sui cani è stata modificata in peggio, hanno revocato il divieto alle mutilazioni estetiche andando in assoluta controtendenza con altri paesi europei, e non hanno fatto un granchè per la legge sui cani pericolosi dove attuttoggi figurano tre o quettro razze inesistenti. oggi abbiamo una leggislatura che consente il taglio di coda e orecchie per razze canine nei cui paesi di origine è vietata e l'obbligo di mettere museruola e guinsaglio a razze inesistenti!!

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X