annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Sali Minerali

Comprimi
Questa è una discussione evidenziata.
X
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Sali Minerali

    Spero di aver fatto cosa utile e di aver scelto la sezione adeguata. Lascio comunque piena libertà ai moderatori di spostare eventualmente il post dove ritengano sia più appropriato.


    I minerali compongono il 10% dell’organismo animale e vengono divisi in macroelementi e microelementi a seconda della quantità presente nell’organismo stesso.

    MACROELEMENTI
    CALCIO
    Per il 98% si trova nello scheletro insieme al fosforo, inoltre regola la permeabilità cellulare, modera l’eccitabilità nervosa e muscolare, regola l’attività cardiaca, interviene nella coagulazione del sangue e nell’equilibrio acido-basico del sangue.
    La carenza provoca tetania, rachitismo, osteomalacia.
    Fonti di Ca sono gli alimenti di origine animale ed i suoi sali (carbonato di calcio = 38% di Ca).
    Il suo assorbimento a livello intestinale dipende dalla presenza di vit D3. Gli ossalati contenuti in grande quantità in certi vegetali (spinacio) rendono il Ca indisponibile.
    FOSFORO
    Per l’80% si trova nello scheletro, inoltre fa parte di fosfolipidi, fosfoproteine e acidi nucleici ed interviene nel metabolismo di tutte le sostanze come parte dell’ATP.
    La carenza provoca ipofertilità, rachitismo, osteomalacia, anoressia.
    Fonti di P sono i cereali, alimenti di origine animale e gli insetti, ragione per cui normalmente non è necessario integrare questo elemento nelle diete di animali insettivori o carnivori mentre potrebbe essere utile integrare con un fosfato di calcio.
    SODIO
    Come ione Na+ si trova nei tessuti molli e nel plasma e svolge funzione di regolazione della pressione osmotica, del PH e dell’equilibrio acido-base. Inoltre serve per l’assorbimento intestinale degli zuccheri e degli aminoacidi e anche per la trasmissione nervosa.
    La carenza provoca scarso accrescimento, disidratazione e pelle coriacea. L’eccesso provoca nervosismo ed edemi.
    I vegetali sono carenti di sodio per cui nelle deie degli erbivori andrebbe integrato attraverso il comune sale da cucina.
    MAGNESIO
    Per il 70% è associato a Ca e P mentre il rimanente si trova nel plasma dove agisce come catalizzatore di importanti enzimi.
    La carenza provoca ipereccitabilità neuromuscolare e aritmie cardiache, un eccesso provoca una forte eliminazione di Ca con le urine.
    Fonti di Mg sono le leguminose ed i cruscami.
    CLORO
    Regola la pressione osmotica e l’equilibrio acido/base dell’organismo e, come acido cloridrico, prende parte alla digestione degli alimenti a livello gastrico.
    La sua carenza è rara perché l’organismo è in grado di ritenere ioni Cl- a livello connettivo.
    POTASSIO
    Si trova come ione a livello cellulare, nei muscoli e nei globuli rossi ed interviene nella regolazione della pressione osmotica, nell’eccitabilità nervosa e muscolare, nella sintesi proteica e nel metabolismo dei carboidrati.
    Essendo ben presente in tutti gli alimenti la carenza è molto rara. Al contrario può manifestarsi un eccesso con aritmia cardiaca e ipereccitabilità neuromuscolare.
    ZOLFO
    Si trova in alcuni aminoacidi, vitamine, insulina e altri ormoni.
    La carenza è legata ad una carenza proteica nella dieta e quindi porta a scarso accrescimento.

    MICROELEMENTI
    FERRO
    Oltre il 90% del Fe dell’organismo è legato a proteine per il trasporto dei gas respiratori (emoglobina e mioglobina), ad enzimi , carrier e riserve epatiche. Circa il 90% del Fe emoglobinico viene riciclato dall’organismo.
    La carenza provoca anemia, l’eccesso porta a scarso assorbimento del fosforo.
    Fonti di Fe sono i vegetali a foglia e il tegumento dei semi (Fe ferrico, poco assimilabile) e i prodotti di origine animale (Fe ferroso, più assimilabile)
    RAME
    Si trova in enzimi, proteine ed è indispensabile per mobilizzare le riserve epatiche di Fe e per l’emopoiesi e per il rivestimento mielinico delle fibre nervose.
    Una carenza provoca scarso sviluppo, immunodepressione, diarrea ed anemia. Un eccesso porta a necrosi epatica.
    Fonti di Cu sono praticamente tutti gli alimenti per cui una carenza è molto rara.
    ZINCO
    E’ il componente di molti enzimi ed è essenziale nel metabolismo proteico, lipidico, dei carboidrati e degli acidi nucleici. Entra nella composizione dell’insulina e svolge un’azione dermoprotettiva e sulla fertilità.
    Una carenza provoca scarsa crescita e appetito, diarrea e ipercheratosi. Un eccesso comporta artriti e gastriti.
    Fonti di Zn sono i cereali, i lieviti e i prodotti di origine animale.
    MANGANESE
    Si trova in vari enzimi e presiede allo sviluppo scheletrico e cartilagineo, alla funzione riproduttiva e nervosa.
    Una carenza porta a disturbi riproduttivi, malformazioni e zoppie.
    Fonti di Mn sono i vegetali ed i prodotti di origine animale mentre ne è povero il mais.
    COBALTO
    Interviene nella sintesi della Vit B12, nell’emopoiesi, nella sintesi degli acidi nucleici e nel metabolismo proteico.
    Una carenza comporta anemia, paresi, dimagrimento, diarrea, problemi riproduttivi.
    IODIO
    Indispensabile per la formazione degli ormoni tiroidei che regolano metabolismo e crescita.
    Una carenza provoca ipofertilità o sterilità, mortalità neonatale, dermatiti.
    Lo I è presente in molti alimenti ma ne sono ricchi soprattutto quelli di origine marina.
    SELENIO
    Componente essenziale dell’enzima glutatione perossidasi che protegge le membrane cellulari dai fenomeni ossidativi.
    Una carenza porta a miopatie, problemi riproduttivi e immunodepressione. L’eccesso è molto pericoloso e porta ad anoressia, zoppia, cecità, cirrosi epatica.
    Il Se si trova sia nei vegetali che nei prodotti di origine animale.
    MOLIBDENO
    Entra a far parte di vari enzimi e normalmente è ben diffuso in tutti gli alimenti.
    Un suo eccesso porta a carenze di rame.
    Ultima modifica di monocromo; 18-12-2008, 15:48.

  • #2
    Grazie, molto utile...la evidenzio in stiky 3ds
    [SIZE=1]"Tutti gli ostacoli sono un'opportunità per migliorare la nostra condizione"[/SIZE]

    Commenta


    • #3
      Ottimo post, grazie.
      Collegandomi a questo ti voglio chiedere se conosci come prodotto il Miner-all che uso con i miei animali, ed eventualmente cosa ne pensi.
      Ci vuole sempre qualcosa da bere... ci vuole sempre vicino un bicchiere...[URL="http://www.gekkonidae-breeders.com"][/URL]

      Commenta


      • #4
        Il Miner-all secondo me è un buon prodotto proprio perchè contiene oltre il calcio tutta una serie di macro e microelementi indispensabili all'animale. Anch'io lo usavo come integratore prima di passare, grazie alle possibilità offerte dal mio lavoro, alla autoproduzione.
        Il senso del mio articoletto (a cui vedrò di farne seguire uno sulle vitamine) vorrebbe proprio essere quello di far capire come solo con una dieta estremamente variata sia dei nostri animali che delle loro prede può essere possibile non integrare l'alimento se non con calcio e D3, altrimenti si corre il rischio di incorrere in piccoli o grandi problemi di salute.

        Commenta


        • #5
          ok grazie.
          Ci vuole sempre qualcosa da bere... ci vuole sempre vicino un bicchiere...[URL="http://www.gekkonidae-breeders.com"][/URL]

          Commenta


          • #6
            e una pre-integrazione tramite l'alimentazione della preda?
            io somministravo integratori alla preda tramite l'acqu di bevanda e gli stessi alimenti, 24h prima di darlo ai serpenti, per avere una pre-metabolizzazione degli stessi.

            Commenta

            Sto operando...
            X