annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Rivoglio le Raganelle !

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Rivoglio le Raganelle !

    Qui dove abito io in questa stagione ci sono gli stagni che traboccano di rospetti neometamorfosati e Rane Esculente , nei ruscelli del sottobosco c'è un affollamento di piccole salamandre , ed in ogni pozzanghera delle zone piu' ombreggiate del bosco ci sono girini di Dalmatina o Temporaria tutte queste specie da quando ho iniziato ad interessarmene che avevo otto anni ( cioè 23 anni fà ) sono rimaste invariate di numero salvo forse le salamanre che quest' anno mi sembrano molto aumentate.
    Ma ormai sono 18 anni che non sento piu' le raganelle , cioè da quando
    l' ultima vasca di irrigazione è stata demolita per fare spazio alle solite villette a schiera , ho notato che almeno nella mia zona le Raganelle sembrano preferire di gran lunga piccole raccolte d' acqua artficiali piuttosto che stagni , solo che di vasche di irrigazione ormai se ne trovano pochissime ,certo ormai sono molto di moda i giardini d' acqua ma sono sempre pieni di carpe koi o pesci rossi , morale della favola non ci sono piu' le Raganelle ! forse anche per l' eccessivo affollamento delle altre specie nei possibili luoghi di riproduzione dove una volta si sentiva da Aprile ad Ottobre il canto dei maschi della mia specie preferita Hyla intermedia non sono piu' riuscito ne a sentire ne tantomeno osservare nessun esemplare ormai da 18 anni.
    Però a pochi chilometri di distanza per fortuna c'è una grande palude qui ho individuato una zona di difficilissimo accesso dove a giudicare dai molteplici canti dovrebbe risiedere una colonia in buona salute.
    Ora ho una casa con un piccolissimo ma favorevole terreno che da verso un pascolo ed un torrente con relativo bosco e sarebbe mia intenzione realizzare un piccolo laghetto protetto dagli aironi , mentre ai Biacchi ci penseranno i miei gatti come hanno sempre fatto , vorrei poterlo riempire di girini di Hyla e realizare la protezione a rete in modo da lasciare che le raganelle possano uscire e rientrare da un lato protetto da fitta vegetazione.
    il problema è che non ho la minima idea di come fare a procurarmi delle uova o dei girini o al limite una coppia in amplesso di Raganella e prima di spendere soldi e lavoro per realizare il piccolo stagno vorrei essere sicuro di avere la possibilità di procurarmeli , forse non sarà legale prelevare le uova ma allora spiegatemi come puo' essere legale distruggere i luoghi di deposizione ?
    Come ho già deto ho individuato un area dove di sicuro ci sono molti esemplari ma come faccio a prelevare i girini che non si vedono visto che il terreno aquitrinoso è completamente coperto si di acqua melmosa e di fittissima vegetazione ?
    Se qualcuno ha qualche coniglio da darmi gli sarei davvero grato grazie.

  • #2
    sposta la vegetazione di superficie e pesca con un retino a maglia fine...anche qui sono ormai pochissime,le sento solo in campagna...
    girini credo di non averne mai visti...mi raccomando,fa il possibile!

    Commenta


    • #3
      Ormai, le uova penso sia impossibile trovarle... per quanto riguarda i girini, ottimo modo è quello consigliato da Boppe. Per gli adulti, beh, per quel che so da racconti orali di amici miei è quasi impossibile trovare gli adulti, perché li senti ma non li vedi. In realtà, su libri americani sull'erpetofauna statunitense ho trovato scritto vari modi per trovare gli adulti che non si sentono: innanzitutto è necessario andare di notte; in secondo luogo, una bella e potente torcia sempre a portata di mano; infine, farsi guidare dal suono finché è possibile (perché quando si è troppo vicini, la rana smette) e lì nei paragi, iniziare a cercare con la torcia nei cespugli e - soprattutto! - dietro le cortecce rialzate degli alberi (sia in piedi che caduti). Poi, in tutti i posti e buchi dove ti capita mettere mano. Con il discorso del canto, è ovviamente più facile trovare i maschi, ma con il fatto delle cortecce, puoi sperare di beccare anche femmine.

      Poi, se ancora è periodo di accoppiamento (io non conosco il clima solito di Giaveno, nè tanto meno quello di quest'anno... tra l'altro neanche so dov'è!), puoi provare a vedere - sempre facendoti guidare dal canto - sulle rive e tra le piante che hanno radice in acqua e che sbucano alte e sottili all'aria aperta.

      Comunque, concordo pienamente le tue buone intenzioni... potessi, farei lo stesso. Riguardo la legge, non so come funziona lì da te... è infatti differente da regione a regione. Magari da te è più liberale. Comunque, di certo dovresti cacciare queste rane per spostarle da un luogo ad un altro... che sia il tuo giardino, alla fine non ha grossa importanza, perché sarebbero sempre in libertà. Sulla carta però non potresti prenderli nemmeno in mano, queste bestie, a meno che non per fotografarli e rilasciarli sul posto subito dopo.

      La domanda poi che fai tu, è ovviamente leggittima, visto la scarsa qualità dell'applicazione italiana della convenzione di Berna. E' così, si contraddice per ogni punto... lascia a desiderare, ma è pur sempre legge. Se non la rispetti, sei tu che hai torto. Ma stai tranquillo che non sei l'unico a fare del bene, andando contro questa legge! Tanti miei amici lo fanno e l'hanno fatto! Anch'io c'ho pensato qualche volta... e ci penso tutt'ora...

      Ti saluto... continua con questo splendido intento!
      Fab

      Commenta


      • #4
        Dunque Faby, personalmente sconsiglierei la cattura di adulti che non è detto che si ambientino in un nuovo ambiente specie ora che l'epoca migliore per gli accoppiamenti dovrebbe essere finita... l'ideale è inserire uova oppure girini "specialmente" (io lo faccio piuttosto che vederli morire) se si tratta di situazioni di sicura e prossima prosciugazione. Oggi per esempio girando per risaie ho notato canali semi asciutti con piccole pozze d'acqua esposte al sole (l'acqua sembrava brodo!!!) dove centinaia di girini di raganella venivano alla superfice in continuazione per respirare...ovviamente ognuno si deve prendere la responsabilità delle proprie azioni, l'importante credo sia non barare...un conto è ricreare ambienti (magari facendosi aiutare da esperti in materia ed informando la Forestale per es.) che continuano ad essere distrutti per ospitare specie che non sanno più dove riprodursi, un conto è improvvisare azioni che potrebbero fare più danni che bene. Detto questo: AUGURONNI

        Commenta


        • #5
          Non ho intenzione di fare una cosa improvvisata, e sicuramente non entro quest' anno ci andranno almeno due o tre anni , penso anch' io che la soluzione migliore sia prelevare uova ed introdurle in un laghetto già in ordine e magari con la vegetazione già attecchita , se giudicherò fattibile la cosa , magari dopo aver osservato i periodi di accoppiamento della colonia che ho individuato ,procederò con a costruzione del laghetto e solo quando sarà tutto OK , quindi presumibilmente la stagione successiva mi procurerò gli ospiti.
          Mi stò comunque cominciando ad informare se esiste la possibilità di fare la cosa legalmente , le guardie forestali della mia zona le ho trovate sorprendentemente preparate in materia ed anche se non potevano dirlo direttamente mi hanno fatto capire che la pensano in modo molto simile al mio , l 'importante è creare siti di riproduzione stabili altrimenti non serve a nulla.

          Commenta


          • #6
            Tutto sommato sembra che le Hyla intermedia non siano poi cosi' schizzinose , sono andato con tanto di inutili stivaloni e retino per provare a verificare la presenza di girini , parcheggio l' auto in uno spiazzo sterrato dietro la palude faccio quattro passi e trovo una discarica di pneumatici vecchi che è li già da quest' inverno provo a guardare dentro le gomme e........be sembrava che alla misura del battistrada corrispondesse il numero di girini che si trovava all' interno assieme a larve di zanzara ed un sacco di altri microscopici animaletti , erano senza dubbio di raganela forma corta e tozza, con coda piuttosto corta dotata di una amplissima membrana natatoria e gli occhi posti lateralmente proprio come descritti sulle schede di amiciinsoliti ,che stranezza una palude grande e bellissima a pochi metri e loro vanno a deporre nella discarica ,altro che laghetto dovrò riempirmi il giardino di pneumatici vecchi se voglio creare un sito di riproduzione per le Hyla ed infatti ho cominciato col portarmi a casa un Pirelli p2000 165/70 R14 ancora in discrete condizioni ma con tanta acqua ""sporca"" dentro ...... forse i girini non si potranno raccogliere ma nulla vieta di portare via l' immondizia no ?!

            Commenta


            • #7
              In un ambiente così estremo (ma le Raganelle spesso fanno così) dubito sarebbero arrivate alla metamorfosi...secondo me hai fatto bene a prendere un pneumatico campione ... ora ti converrebbe creare all'aperto anche solo un piccolo sito (nursery) per ospitarli... io sto ottenendo ottimi risultati con una specie di vaso circolare (diametro 70 cm) con una grossa isola centrale fatta di cortecce con piante palustri di riva che si sostiene su un mattone sommerso. Nell'acqua tante lenticchie e morsi di rana. Sul fondo qualche piccola pianta acquatica sommersa. Esposizione al sole solo di mattino. Nessuna alga finora!!! Decine di girini in rapida crescita...e nessun intervento da parte mia.

              Commenta


              • #8
                Grazie Ronni per le dritte, in efetti anche il mio giardino prende il sole solo al matino ed al tardo pomeriggio e per questo andrebbe molto bene , toglimi una curiosità il vaso quanto è profondo ?
                Comunque molti dei girini che ho trovato nei pneumatici li ho comunque trasferiti in un bidone metallico completamente pieno di acqua piovana , dove già si trovavano altri girini ,li dentro dovrebbero avere piu' possibilità di arrivare alla metamorfosi.

                Commenta


                • #9
                  Il vaso è profondo circa 20 cm...l'importante è comunque la presenza di vegetazione palustre, sia per l'ossigenazione dell'acqua e la sua ombreggiatura, che per fornire alimento ai girini (da me ciucciano in continuazione radici e parte interna delle Lenticchie maggiori)...l'isola o degli approdi dove possano nascondersi nella fase intermedia della metamorfosi sono a mio avviso essenziali. Grazie a questi ed altri accorgimenti da noi vive da 5 anni una colonia di Raganelle "creata" ex novo

                  Commenta


                  • #10
                    Grande Ronni ! ogni colonia in piu' è un bene per la specie ed un piacere per noi che la amiamo !

                    Commenta


                    Sto operando...
                    X