annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Escursione in montagna

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Escursione in montagna

    Ecco cosa io ed altri 2 amici abbiamo visto questo week end sulle dolomiti
    http://www.serpenti.it/forum/index.php?showtopic=3568
    saluti
    EMa

  • #2
    ho giÓ visto le foto ... incredibili ....
    dacci alcune informazioni .. tipo altitudine .. tipo di vegetazione e sito dove avete datto gli avvistamenti .. etc insomma quello che ti pare...
    se la prossima volta avete bisogno di un "portatore" da schiavizzare fammi sapere ...
    vengo anche in ginocchio ... e man mano mi butto da solo i ceci davanti ...
    a parte tutto belle foto davvero ..

    Commenta


    • #3
      L'Ammodytes Ŕ un animale spettacolare....non commento la fortunaccia (meritata..) che hai avuto....

      Commenta


      • #4
        ho un amico svizzero che sostiene di vivere in una zona piena "zeppa" di vipere ammodytes,
        qui non ne vedo neanche l'ombra

        Commenta


        • #5
          Belle parole "zona piena zeppa di ammodytes", peccato che sia pi¨ facile a dirsi che...a trovarle
          Molte volte mi Ŕ capitato di andare a cercare di osservare serpenti comuni come natrix e biacchi in posti dove la settimana prima ne avevo contanti in gran numero, e arrivando in questi paradisi, dei serpenti in questione neppure l'ombra, figuriamoci quante problematiche dobbiamo affrontare se vogliamo vedere o fotografare ofidi meno comuni e pi¨ criptici dei due citati. Me ne vengono in mente alcune partendo dal presupposto che visitiamo un sito dove la presenza di serpenti Ŕ certa e numerosa.
          PRESUPPOSTI ESSENZIALI
          - Buona conoscenza delle abitudini che ha il serpente che vogliamo incontrare;
          - Beccare la giornata adatta dal punto di vista metereologico, ed anche qui non abbiamo certezze precise, ma puntiamo solo ad alzare le probabilitÓ di incontro con l'animale;
          - Attuare le ricerche nelle ore pi¨ propizie, almeno che uno non si voglia sgranchire le gambe, cercando margherite;
          DIFFICOLTA' AGGIUNTIVE
          - Camminare il pi¨ silenziosamente possibile, cercando di rendersi il meno visibile possibili, questo magari in una pietraia scoscesa e cedevole non Ŕ che sia proprio facile, e nonostante la nostra buona volontÓ dopo i primi passi i serpenti pi¨ "svegli" saranno andati giÓ a rintanarsi negli infiniti nascondigli che un ambiente di questo tipo offre;
          - Cercare di vedere il serpente non Ŕ per niente facile, nel caso specifico le V. ammodytes con un evoluziona graduale tendono con il tempo ad assumere una colorazione quanto pi¨ simile al sub-strato che le ospita, indipendentemente dai colori basi delle sottospecie, comunque anche gli altri serpenti presentano colorazioni criptiche o somatolitiche che gli permetto di mimettizarsi alla perfezione nel proprio ambiente.
          - Arrivare a distanza utile per scattare una foto, o bloccare il serpente sempre per il medesimo scopo o per fare delle osservazioni pi¨ dettagliate, Ŕ la cosa pi¨ difficile, molto pi¨ probabile vedere la parte terminale della coda che scivola veloce dentro un rifugio inaccessibile, un fittissimo cespuglio di rovi, una grossa pietra, una radice di un albero.
          Proprio per le molteplici varianti e difficoltÓ che giÓ sono alte per specie che frequentano ambienti comodi e facili da esplorare e che crescono sempre pi¨ se si cerca di fare il colpaccio, fotografare serpenti nel loro ambiente naturale Ŕ molto appagante e gratificante.
          saluti
          EMa

          Commenta


          • #6
            Lo so che la tua non Ŕ fortuna...ma permettici un p˛ di invidia.....

            Commenta


            • #7
              Beccare la giornata adatta dal punto di vista metereologico
              come deve essere?
              Attuare le ricerche nelle ore pi¨ propizie
              Quali sono?

              Commenta


              • #8
                Citazione:
                Beccare la giornata adatta dal punto di vista metereologico
                Se piove..... nisba . Se nuvoloso, pochi rettili a scaldarsi al sole..
                Citazione:
                Attuare le ricerche nelle ore pi¨ propizie
                Mattina presto, pomeriggio prima del tramonto, sono le ore pi¨ propizie.
                Tutto detto con l'accetta. in realtÓ ogni specie ha un suo modo di comportarsi e richiede luoghi ed orari conseguenti. Grossolanamente , quando i rettili si riscaldano al sole Ŕ pi¨ facile vederli....ma se cerchi Coronelle (ad es.) , una giornata coperta farÓ in modo che sia pi¨ facile trovarla in giro....Ema, che Ŕ un esperto, usa la conoscenza che ha delle abitudini degli animali che vuole fotografare. E come vedi, li trova...

                Commenta


                • #9
                  Quoto, quanto detto da Sab¨, e aggiungo che riveste un ruolo fondamentale anche il fattore F ovvero FORTUNA, molte volte capita di camminare una giornata, senza vedere niente, in ogni modo anche nei periodi di magra, uno torna a casa avendo fatto una bella camminata in mezzo alla natura, salutare per il corpo e per lo spirito.
                  Colgo l'occasione per allacciarmi a l'ultimo post di iveemci nella sezione "Nostrani: piccola fauna" per fare un riassunto di dove a me Ŕ capitato di incontrare rettili.
                  Muretti a secco: per la maggioranza sauri, genere Podarcis, Lacerta, Tarentula, ed Elaphe longissima
                  Sotto le pietre: Coronella austriaca (baby), Anguis fragilis, Chalcides chalcides, Hyriophis (coluber) viridiflavus (adulti e baby)
                  Sotto lamiere: Elaphe quatuorlineata (sia baby che adulti), Anguis fragilis, Hyriophis viridiflavus (due esemplari baby), Natrix natrix
                  Nelle pietraie: Vipera aspis, Vipera ammodytes (esemplari giovani)
                  In aree "libere" di varie conformazioni: Hyriophis viridiflavus (baby, sub adulti, adulti), Natrix natrix, Elaphe longissima (adulti), Elaphe quatuorlineata (adulti), Coronella austriaca (adulta), Vipera aspis (adulte), Vipera berus (baby, adulta), pi¨ molte Lacerta bilineata, e Podarcis sicula.
                  Una cosa che non ho mai fatto e che mi piacerebbe fare quanto prima, Ŕ l'herping in notturna, mi immagino che sia davvero difficile, ma nelle giornate afose secondo me pu˛ riservare sorprese davvero inaspettate, e pu˛ rendere "comune" come detto da Emanuele Biggi, anche l'incontro con le Coronelle.
                  BUON HERPING A TUTTI
                  saluti
                  EMa

                  Commenta


                  • #10
                    Si scusa in effetti se uno non Ŕ registrato non pu˛ vedere le foto allora a questo link vedi la foto di Coronella: http://www.sanguefreddo.net/SFNpro/m...onella4jpg.jpg
                    qui sotto la foto dell'ammodytes.

                    Commenta


                    Sto operando...
                    X