annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Nascosti dietro a un dito...

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Nascosti dietro a un dito...

    La convenzione di Berna indica come animali a rischio di estinzione e quindi da tutelare tutte le specie di triturus, oltreche' salamandra e salamandrina.
    I tritoni piu' protetti sono i nostrani, il carnifex, il vulgaris, l' italicus e l' alpino.
    La detenzione e' proibita. Catturare gli animali in liberta' e vietato.

    Io credo che catturare gli animali in liberta' sia sbagliato. A volte pero' capita, soprattutto quando si e' alle prime armi, non si hanno amici che possono procurarti degli animali ed i negozi ti vogliono rifilare i soliti cynops orientali del ***** malaticci e senza zampe, a prezzi a volte anche alticci.
    Il danno, pero', e' limitato poiche' una o due coppie non incidono piu' di tanto ed e' facilmente riparabile : riproducendo l' animale e portando i piccoli quasi svezzati nel luogo d' origine.

    Credo che, portando un esempio, possiate pero' capire la mia filosofia.
    Il Neurergus Strauchii non si trovava, fino a pochi anni fa ed era solo importato. Un po' di gente ha acquistato dei wild caught, li ha riprodotti ed ora conviene di sicuro comprarne un paio o due coppie che non farseli arrivare chissa' da dove con pericolo di dogana, spedizione, ecc. o addirittura andarseli a prendere in iran-turchia. E la' vivono un po' meglio... felici e liberi.

    Io credo che bisognerebbe allevare i nostrani, per poter vendere a basso prezzo od anche regalare i tritoni nati dalle riproduzioni, saturando e collassando il mercato. E' una questione di soldi : se riproduciamo specie italiane ad alto rischio ne possiamo vendere una parte (per rifarci dei soldi delle drosofile e delle artemie), riempiendo il mercato estero e il piccolo mercato italiano. Le rimanenze le possiamo dare ad altri allevatori, magari in cambio dei futuri nascituri che faranno ulteriormente abbassare il prezzo degli animali. Le rimanenze che non riusciamo a vendere ... le riportiamo in laghetti o lanche o ruscelli "sicuri", rendendo servigio alla natura.
    Facendo cosi' non ci guadagneremmo molto, ma non ce ne puo' importare di meno. L' importante e' non farlo per lucro. Cosi' forse eviteremmo "orde" di tedeschi e olandesi ecc. che spesso vengono in Italia per procurarsi tritoni e salamandre, che poi possono vendere come pezzi rari a prezzi alti. Se gli proponessimo quelle stesse bestie al prezzo di un marmoratus o di un vittatus (10-15 euro) secondo voi verrebbero ancora a rubarli ?

    Penso che sia inutile nascondersi dietro ad un dito, non dicendo gli animali posseduti, tenendosi tutti gli esemplari (con la conseguenza di non poterli seguire tutti bene), oppure dicendo che e' vietato, sbandierando un "sono protetti, e' vietato" e tenendoli in cantina nascosti.
    Cosa ne dite ?

    Ema

  • #2
    io sono daccordo con te.
    però ci vorrebbe troppo tempo per far cambiare le leggi e quando ci saranno riusciti noi non potremmo più andarli a prendere in natura perchè saremo vecchi e malaticci.

    Commenta


    • #3
      Originariamente inviato da sbirulino
      non potremmo più andarli a prendere in natura perchè saremo vecchi e malaticci.

      Commenta


      • #4
        ...è un discorso fatto e rifatto (e rifatto!) che, al di là dei piu' o meno buoni propositi, porta ad essere comunque una cosa ILLEGALE.!
        ...quindi penso sia inutile riaprire il dibattito...
        ...la maggior parte, qui sul forum, sa come la penso a proposito e per questo non voglio ripetermi inutilmente...

        Commenta


        • #5
          La Convenzione di Berna non in tutte le regioni italiane è ratificata, e in quelle pochissime regioni dove lo è non lo è per tutte le specie di animali europei!
          Quindi dire che è vietato allevarli e/o detenerli è sbagliato!
          Anche perchè all'estero si trovano in vendita con regolari permessi.

          La cosa cambia invece se parliamo di cattura...
          In base alla legge sul maltrattmento degli animali non è possibile catturare e ridurre in cattività, ferire o uccidere nessuna specie animale, fatte salve le specie pescabili e cacciabili (comqunue solo da chi ha la licenza e comeunque seguendo certe regole), animali pericolosi (ma bisogna vedere il singolo caso) e condizioni estrme e particolari tipo animale ferito che ha bisogno di cure (comunque occorre portarlo in centri autorizzati che, una volta guariti, se possibile li rilaseranno).

          Ciao
          Robfrons

          Commenta


          • #6
            Scusami ma una formica che schiaccio è definito animale?

            Commenta


            • #7
              Salve a tutti!

              Originariamente inviato da Lozo
              Scusami ma una formica che schiaccio è definito animale?
              Che cosa significa, ciò che hai scritto?

              Commenta


              • #8
                Allora anche i batteri che abbiamo nell'intestino... suvvia non facciamo scadere il discorso in termini etici... è già successo e non ha portato a nulla!
                Mimo... il tuo discorso secondo me fa acqua in molti punti!
                Innanzi tutto non è un obbligo tenere salamandre e tritoni in casa... se i cynops costano o sono malandati si può anche fare a meno di ripiegare su animali in natura, non credo sia una scusante valida.
                Dire :"ne prendo qualche coppia, li riproduco e poi libero i piccoli" non è un ragionamento valido.. innanzi tutto perchè non è detto che tutti siano capaci di farlo... in secondo luogo i meccanismi di selezione naturale funzionano molto diversamente rispetto alla reintroduzione massiva di soggetti ad alta consanguineità... in ultima analisi dannosa per tutta la popolazione selvatica! altro che servigio alla natura...
                Dici che bisognerebbe allevare nostrani per poi darli via a basso prezzo o regalarli per collassare il mercato... ma quanti allevatori farebbero questo senza pensare di guadagnarci...? Inoltre come dice Rob in molti paesi europei gli stessi animali vengono già regolarmente allevati e venduti (vedi le salamandre pezzate che si trovano a pochi euro ad Hamm) e mi sembra eccessiva la visione dei barbari germanici che vengono a depredare i nostri ruscelli e laghetti... visto che a causare la diminuzione di questi animali sono ben altri fattori! j.m.o.!
                Simone

                Commenta


                • #9
                  Io ho un ital**** e mi sembra che nella mia regione non ci siano problemi per la detenzione. Potrei anche sbagliarmi, perchè sono una neofita e non è molto facile trovare enti informati!! inoltre ho scoperto di questa convenzione solo dopo l'acquisto del mio tritoncino, leggendo il libro di Li Vigni...
                  in ogni caso sono d'accordo con Mimo


                  Originariamente inviato da Robfrons Visualizza il messaggio
                  La Convenzione di Berna non in tutte le regioni italiane è ratificata, e in quelle pochissime regioni dove lo è non lo è per tutte le specie di animali europei!
                  Quindi dire che è vietato allevarli e/o detenerli è sbagliato!
                  Anche perchè all'estero si trovano in vendita con regolari permessi.

                  La cosa cambia invece se parliamo di cattura...
                  In base alla legge sul maltrattmento degli animali non è possibile catturare e ridurre in cattività, ferire o uccidere nessuna specie animale, fatte salve le specie pescabili e cacciabili (comqunue solo da chi ha la licenza e comeunque seguendo certe regole), animali pericolosi (ma bisogna vedere il singolo caso) e condizioni estrme e particolari tipo animale ferito che ha bisogno di cure (comunque occorre portarlo in centri autorizzati che, una volta guariti, se possibile li rilaseranno).

                  Ciao
                  Robfrons
                  Ultima modifica di Francisca Gomes; 27-03-2012, 17:35.

                  Commenta


                  • #10
                    Mimo io non sono d'accordo,come dice Simone tutti inizierebbero a catturare gli animali in natura, come si fa con i cardellini,solo che questi hanno l'anellino e ugualmente si trovano soggetti di cattura,pensa con gli anfibi quanta gente senza scrupoli li catturerebbe per fare soldi.
                    Non tutti hanno le tue buone intenzioni.

                    Poi per il fatto di liberare i piccoli in natura è la cosa più sbagliata,pensa uno che compra una coppia di una zona,la alleva in tutt'altra zona e poi libera le larve...ci sarebbe un alto rischio di veicolare patogeni e di inquinare geneticamente le popolazioni locali.

                    Commenta


                    • #11
                      secondo me si dovrebbe semplicemente avere pochi aimali da riprourre in cattività. Se tutti vanno a prendersi una coppia di tritoni si estinguaono all'istante. Sarebbe meglio che ognuno in campagna si faccia un laghetto (senza pesci e tartarughe) in modo che gli animali abbiano più siti riproduttivi. al limite si può provare con pochi girini. Ma vista la situazione attuale preferirei che prima le popolazioni si ristabilizzassero.
                      Come ben hanno detto molti utenti non si devono mischiare popolazioni diverse.
                      Peccato che solo AdamSirtalis si sia ricordato che c'è anch il rischio di diffondere malattie. Ad esempio la chitridiomicosi

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da Simone.C Visualizza il messaggio
                        Allora anche i batteri che abbiamo nell'intestino...
                        che centrano i batteri che non sono animali? comunque, giusto per precisare, il genere rufa è protetto.
                        fonte:
                        http://www.ambiente.regione.marche.i...iregionali.pdf

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da AdamSirtalis Visualizza il messaggio
                          come dice Simone tutti inizierebbero a catturare gli animali in natura
                          dire "tutti" sembra che un sacco di gente vada a prenderseli ma in realta non sono così tanti nella mia città (con più di 7000 abitanti di sicuro) che sanno cos'è un tritone siamo massimo in 20 penso io ne conosco 3 la maggior parte della gente non sa nemmeno cos'è un tritone proprio ieri sono stato interrogato a sorpresa sull'america e io non sapendo cosa dire ho elencato le specie di ambystoma e gli areali di distribuzione risultato? un bel 4 (a me sembra di essere stato bravo)
                          Ultima modifica di ardito; 29-03-2012, 13:28.

                          Commenta


                          • #14
                            Penso che se si trovano larve di anfibi in grave difficoltà (per esempio quando la pozza dove stanno si sta prosciugando) sia giusto raccoglierli e allevarli (solo pero' se si è esperti e si sa come fare) per poi riportarli nella zona d'origine. Così si potrebbe evitare il rischio di miscugli tra diverse popolazioni, ma si aiuterebbe allo stesso tempo la crescita di una certa popolazione di anfibi in quella zona...

                            Commenta


                            • #15
                              il prosciugamento naturale avviene molto spesso, io sono dell'idea che sarebbe "giusto" (se si può dire) salvare dei girini da un prosciugamento da parte dell'uomo, ovviamente con le dovute accortezze.

                              Commenta


                              Sto operando...
                              X