annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Hierophys e Coluber

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Hierophys e Coluber

    Scusate ma mi e' sorto un dubbio ma con il genere Coluber e Hierophys sono sinonimi??? Ovvero sono la stessa cosa???

  • #2
    credo siano generi diversi e soprattutto che Coluber sia ormai fuori uso;, solo che recentemente la specie viridiflavus (biacco) č stata spostata da Coluber a Hierophis, cosė come molte altre specie hanno assunto nuove modifiche (cambio di Genere), tanto che credo che in Coluber non esista proprio pių...
    ma aspetterei il parere di qualcuno pių aggiornato...

    Commenta


    • #3
      http://www.embl-heidelberg.de/~uetz/...olubridae.html
      Ecco un sito molto bello dove guardare la complessa classificazione dell'ex genus "coluber", che NON č obsoleto, ma solo "ristretto"...In pratica il vecchio Genus Coluber č stato diviso in diversi nuovi generi, fra cui Hierophis, ma resta attivo...solo assottigliato.
      Ciao.

      Commenta


      • #4
        Xenodermatinae"

        Achalinus
        Fimbrios
        Oxyrhabdium
        Stoliczkaia
        Xenodermus
        Xylophis
        Pareatinae

        Aplopeltura
        Asthenodipsas (= Internatus)
        Pareas
        Calamariinae

        Calamaria
        Calamorhabdium
        Collorhabdium
        Etheridgeum
        Macrocalamus
        Pseudorabdion
        Rabdion
        "Homalopsinae"

        Bitia
        Cantoria
        Cerberus
        Enhydris
        Erpeton
        Fordonia
        Gerarda
        Heurnia
        Homalopsis
        Myron
        "Homalopsinae" incertae sedis

        Brachyorrhos
        "Boodontinae"

        (Boaedon)
        Bothrolycus
        Bothrophthalmus
        Chamaelycus
        Dendrolycus
        Dipsina
        Dromophis
        Gonionotophis
        Grayia
        Hormonotus
        Lamprophis
        Lycodonomorphus
        Lycophidion
        Macroprotodon
        Mehelya
        Pseudaspis
        Pseudoboodon
        Pythonodipsas
        Scaphiophis
        "Boodontinae" incertae sedis

        Buhoma
        Duberria
        Montaspis
        Pseudoxyrhophiinae

        Alluaudina
        Compsophis
        Ditypophis
        Dromicodryas
        Exallodontophis
        Geodipsas
        Heteroliodon
        Ithycyphus
        Langaha
        Leioheterodon
        Liophidium
        Liopholidophis
        Lycodryas
        Madagascarophis
        Micropisthodon
        Pararhadinaea
        Brygophis
        Pseudoxyrhopus
        Stenophis
        Colubrinae

        Aeluroglena
        Ahaetulla
        Argyrogena
        Arizona
        Bogertophis
        Boiga
        Cemophora
        Chilomeniscus
        Chionactis
        Chironius
        Chrysopelea
        Coluber
        Conopsis
        Coronella
        Crotaphopeltis
        Cryptophidion
        Cyclophiops
        Dasypeltis
        Dendrelaphis
        Dendrophidion
        Dinodon
        Dipsadoboa
        Dispholidus
        Dryadophis
        Drymarchon
        Drymobius
        Drymoluber
        Dryocalamus
        Dryophiops
        Eirenis
        Elachistodon
        Elaphe
        Exallodontophis
        Ficimia
        Gastropyxis
        Geagras
        Gonyophis
        Gonyosoma
        Gyalopion
        Hapsidophrys
        Hemorrhois
        Hierophis
        Lampropeltis
        Leptodrymus
        Leptophis
        Lepturophis
        Liopeltis
        Lycodon
        Lycognathophis
        Lytorhynchus
        Masticophis
        Mastigodryas
        Meizodon
        Oligodon
        Opheodrys
        Oxybelis
        Philothamnus
        Phyllorhynchus
        Pituophis
        Prosymna
        Pseudocyclophis
        Pseudoficimia
        Pseustes
        Ptyas
        Rhamnophis
        Rhinobothryum
        Rhinocheilus
        Rhynchocalamus
        Rhynchophis
        Salvadora
        Scaphiodontophis
        Scolecophis
        Senticolis
        Sibynophis
        Simophis
        Sonora
        Spalerosophis
        Spilotes
        Stegonotus
        Stenorrhina
        Stilosoma
        Symphimus
        Sympholis
        Tantilla
        Tantillita
        Telescopus
        Thelotornis
        Thrasops
        Trimorphodon
        Xenelaphis
        (Zaocys)
        Psammophiinae

        Hemirhagerrhis
        Malpolon
        Mimophis
        Psammophis
        Psammophylax
        Rhamphiophis
        Natricinae

        Adelophis
        Afronatrix
        Amphiesma
        Amphiesmoides
        Anoplohydrus
        Aspidura
        Atretium
        Balanophis
        Clonophis
        Hologerrhum
        Hydrablabes
        Hydraethiops
        Iguanognathus
        Macropisthodon
        Natrix
        Nerodia
        Opisthotropis
        Parahelicops
        Pararhabdophis
        Regina
        Rhabdophis
        Seminatrix
        Sinonatrix
        Storeria
        Thamnophis
        Tropidoclonion
        Tropidonophis
        Virginia
        Natricinae incertae sedis

        Amplorhinus
        Limnophis
        Natriciteres
        Psammodynastes
        Xenochrophis
        Pseudoxenodontinae

        Plagiopholis
        Pseudoxenodon
        Dipsadinae

        Adelphicos
        Amastridium
        Atractus
        Chersodromus
        Coniophanes
        Cryophis
        Dipsas
        Eridiphas
        Geophis
        Hypsiglena
        Imantodes
        Leptodeira
        Ninia
        Pliocercus
        Pseudoleptodeira
        Rhadinaea
        Sibon
        Sibynomorphus
        Tretanorhinus
        Trimetopon
        Tropidodipsas
        Urotheca

        Dipsadinae incertae sedis

        Calamodontophis
        Carphophis
        Contia
        Crisantophis
        Diadophis
        Diaphorolepis
        Echinanthera
        Emmochliophis
        Enuliophis
        Enulius
        Gomesophis
        Hydromorphus
        Nothopsis
        Pseudotomodon
        Ptychophis
        Rhadinophanes
        Synophis
        Tachymenis
        Taeniophallus
        Tantalophis
        Thamnodynastes
        Tomodon
        Xenopholis
        Xenodontinae

        Alsophis
        Antillophis
        Apostolepis
        Arrhyton
        Boiruna
        Clelia
        Conophis
        Darlingtonia
        Ditaxodon
        Drepanoides
        Elapomorphus
        Erythrolamprus
        Farancia
        Helicops
        Heterodon
        Hydrodynastes
        Hydrops
        Hypsirhynchus
        Ialtris
        Liophis
        Lystrophis
        Manolepis
        Oxyrhopus
        Phalotris
        Philodryas
        Phimophis
        Pseudablabes
        Pseudoboa
        Pseudoeryx
        Psomophis
        Rhachidelus
        Saphenophis
        Siphlophis
        Tropidodryas
        Umbrivaga
        Uromacer
        Uromacerina
        Waglerophis
        Xenodon
        Xenoxybelis
        Xenodontinae incertae sedis

        Cercophis
        Lioheterophis
        Sordellina
        "Colubridae" incertae sedis

        Blythia
        Cercaspis
        Cyclocorus
        Elapoidis
        Gongylosoma
        Haplocercus
        Helophis
        Myersophis
        Oreocalamus
        Poecilopholis
        Rhabdops
        Tetralepis
        Thermophis
        Trachischium

        Ecco dalla stessa fonte la completa classificazione dela famiglia "colubridae", dove vedi, resta il genus Coluber e compare il genus Hierophis...
        Ciao!

        Commenta


        • #5
          ... mamma mia Subu' sei fantastico...
          ...il dubbio mi era venuto osservando un Coluber viriflavus, che pero' era riportato con un altro genere...
          ...mi tocchera' ipararli tutti di nuovo???

          Commenta


          • #6
            scusa un OT...
            ...ma nella famiglia dei Colubridi ci sono specie velenose se non erro, confermi???

            Commenta


            • #7
              Certo. (I proteroglifi sono Colubridi) Gli opistoglifi sono colubridi.(corretto...grazie per la segnalazione..)...Presentano denti del veleno posteriori ed alcuni sono molto velenosi....Thelotornis e Dispholidus sono in grado di avvelenare in modo serio (Mertens morė per il morso di un T.kirtlandi).
              In Italia sono (proteroglifi) opistoglifi (corretto..) bellissimi serpenti come il Malpolon monspessulanus ed il Telescopus fallax...


              p.s le correzioni che ho fatto servono a correggere , come detto sotto un lapsus del sottoscritto. E' una sezione scientifica ed un errore va corretto...
              Ciao e scusate il pasticcio.

              Commenta


              • #8
                In Italia
                ...ma scusa Sabu' ma mi sembra di aver studiato (magari ricordo male ) che in Italia l'unico ofide velenoso e' la vipera...???

                Commenta


                • #9
                  Scusa Sabu',probabilmente volevi dire opistoglifi.
                  Doileo, in Italia la vipera e' un classico velenoso,ma anche il fallax e in monspessullanus possedono del veleno,che pero' non possono iniettare nell'uomo o in grandi prede perche' i denti veleniferi si trovano dove tu hai i molari
                  ma cos'e' il veleno?una rana puo' considerare una semplice natrice velenosa?
                  ciao

                  Commenta


                  • #10
                    Scusa Sabu',probabilmente volevi dire opistoglifi.
                    Giā....sorry. Lapsus.
                    I proteroglifi sono i cobra ed affini...(elapidi, idrophidi...)...mah.
                    E' l'etā.
                    Piuttosto, per rimediare un pō...facciamo un ragionamento su cosa č veleno e cosa no.
                    La Coronella austriaca ha una saliva velenosa per gli anfibi. Pur non avendo le ghiandole velenifere, possiede il primo step della strada che porta al veleno. Per noi č innocuo un suo morso, ma per una rana....
                    Malpolon e Telescopus (a proposito , avete presente l'occhio del Telescopus? ......) presentano POSTERIORMENTE due "molari" (č sbagliato chiamarli cosė, serve solo per gare capire dove sono posizionati..) scanalati con due ghiandole velenifere vere e proprie ....Il loro morso, prolungato e forte, č potenzialmente velenoso e un grosso Malpolon puō dare nausea , febbre col suo morso ad un uomo. Il veleno c'č, la posizione dei denti non č affatto adatta a avvelenare un grosso mammifero come l'uomo, ma tecnicamente...c'č c'č...
                    I proteroglifi esistono (non qua..) e sono i serpenti pių velenosi in assoluto (certi elapidi australiani sono i serpenti pių velenosi di tutti...Taipan, Westrn brown snake....), con denti veneniferi anteriori scanalati o forati alla base , con grandi ghiandole velenifere. Morso prolungato (Naja ed Hophiophagus ad es) o rapidissimo (Taipan..) in funzione della tossicitā del veleno.
                    I Solenoglifi (viperidi, crotalidi) raggiungono la maggiore specializzazione per quanto riguarda gli apparati veleniferi...grandi ghiandole , denti anteriori affilati e mobili...veri aghi ipodermici. Morso rapido, inierzione del veleno in profonditā.
                    Nel mondo dei serpenti, la via che porta al veleno č lunga, comincia fra i colubridi e finisce con gli specialisti viperidi...
                    Ciao!

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da Sabų
                      Il loro morso, prolungato e forte, č potenzialmente velenoso e un grosso Malpholon puō dare nausea , febbre col suo morso ad un uomo.
                      Beh... se un uomo č talmente stupido da lasciarsi "masticare" a lungo da un malpolon... se lo merita!!!

                      Ciao
                      Robfrons

                      Commenta


                      • #12
                        Rob, avrai notato come sbagli a scriverlo..MALPOLON , non Malpholon...(Rod me lo ha fatto notare con discrezione...grazie...ma č proprio un errore "ben incistato"....)...
                        Eppure ho conosciuto una ragazza francese morsa da un grosso Colubro lacertino..(hehehehe evitato in modo ignobile la trappola delle acca..) e che si era beccata un paio di giorni di ospedale, con vomito e febbre....faceva la pittrice e non era affatto stupida.. .
                        Ah...sembra che gli esemplari nord africani siano pių velenosi e siano abbastanza temuti .....

                        Commenta


                        • #13
                          Conosco (e conosci, era presente a tutte le riunioni del Consiglio Nazionale delle Associazioni di Erpetofilia e Tarrariofilia) uno (stupido??? Si,lo č! ) che si č fatto pių volte mordere (e masticare... ) da dei malpolon, tra cui l'esemplare esposto a Cesena. La volta che ha "subito" di pių ha sentito una fastidiosa sensazione di formicolio e breve paralisi al braccio. Nulla di pių.

                          Poi, secondo me, bisogna sempre tenere conto del fattore allergia, stato di salute, ecc... nonché l'eventuale presenza di una ferita, magari giā infettata da qualche altro agente che in combinazione del veleno del malpolon...

                          Comunue che con il veleno del lacertino non ci sia da scherzare (se non sbaglio č neurotossico) condivido, ma visto che č praticamente impossibile, per questo serpente, avvelenare un uomo, non si puō certo considerare pericoloso!

                          Ciao
                          Robfrons

                          P.S.
                          Nonno, che hai combinato?
                          Sei stanco?
                          In questo topic hai giā commesso diversi errori... non č da te!
                          Vatti a riposare, va!

                          Commenta


                          • #14
                            ...raga' io piu' studio la sistematica piu' mi viene da piangere...
                            Sabu' ma tu su quali testi hai studiato???Me ne potresti consigliare qualcuno, anche via e-mail???

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da Sabų
                              http://www.embl-heidelberg.de/~uetz/families/Colubridae.html
                              Ecco un sito molto bello dove guardare la complessa classificazione dell'ex genus "coluber", che NON č obsoleto, ma solo "ristretto"...In pratica il vecchio Genus Coluber č stato diviso in diversi nuovi generi, fra cui Hierophis, ma resta attivo...solo assottigliato.
                              Ciao.
                              Il sito purtroppo non č accessibile. Ecco il messaggio;
                              File not found EMBL-Heidelberg WWW pages
                              Dear Reader,
                              You are attempting to access information that is not available at this site.
                              If the error results from following a link from another page please let us know. You may also want to inform the author of the original page.
                              Thank you for your cooperation.
                              Sabu, pensaci tu!

                              Commenta


                              Sto operando...
                              X