annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Toporagni e crocidure...

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Toporagni e crocidure...

    forse sono un folle, ma a nessuno è mai venuto in mente di allevare toporagni in cattività?lo so, magari adesso è illegale (lo e'?) ma magari in passato qualcuno lo ha fatto...mi pacerebbe molto saperlo perche' sono animali che mi affascinano tantissimo...e ho sempre voluto allevare una coppietta di Suncus etruscus (Mustiolo)...so che il loro allevamento sarebbe comunque difficoltoso (vedi "problemini" tipo alta territorialità e super-metabolismo)...pero' è sempre stato un sogno...
    e poi, possibile che nemmeno i tedeschi abbiano provato ad allevarli (quelli allevano tutto!!!)?!!?
    avete insomma qualche commento o esperienza a tal proposito?
    grassie come al solito
    ciaoooo

    Leo

  • #2
    Ciao Leonardo... faccio il "topologo" per mestiere alla "Sapienza" a Roma, e nellle trappole per Roditori mi è capitato relativamente spesso di catturare anche degli Insettivori: al momento del controllo della trappola nel 90% dei casi li ho travati già morti. Sopportano malissimo qualsiasi tipo di stress (sbalzi termici in primis), tendono al collasso cardiaco con estrema facilità e inoltre sono difficilissimi da allevare perché mangiano spessissimo e il loro spettro alimentare deve essere molto vario.
    La tentazione di portarne uno nel mio stabulario l'ho avuta spesso anch'io, ma i miei prof sono sempre stati capaci di dissuadermi...

    Commenta


    • #3
      il dsicorso che facciamo praticamente tutte le volte che ci si vede
      affascinanti sicuramente, ma davvero ingestibili in cattività

      Commenta


      • #4
        Io ho allevato questo meraviglioso esserino per qualche tempo, l'avevo trovato in un cestino dei rifiuti a lavorare
        Lo tenevo in un terrario abbastanza capiente(40x40x60) con 2 grosse cortecce di sughero e terriccio misto corteccia di pino come substrato.
        Nel giro di un giorno si era fatto la tana sotto una delle cortecce e aveva già inizziato la caccia
        E' uno spettacolo vederlo scavare a destra e a manca per estrarre le larve dal terreno, oppure vederlo rincorrere un grillo grande quasi quanto lui

        Commenta


        • #5
          ottimo a sapersi Migdan, penso che via mp ti tempestero' di domande sulla Sapienza perche' sono pieno di dubbi...eheheh

          scusate la parentesi OT

          comunque sì, immaginavo fssero ingestibili, ma non sapevo della tendenza al collasso cardiaco...peccato perche' sono davvero esserini straordinari...giusto manu poteva riuscire nel tenerne uno per un po'!
          Manu per quanto lo hai tenuto il tuo?sai che specie era?
          ciao a tutti

          Leo

          Commenta


          • #6
            Non si tratta di veri collassi cardiaci, ma di collassi da stress....un Toporagno ha un metabolismo fantasticamente accellerato, consuma una quantità tremenda di calorie/ora, se resta più di 6 ore senza alimentarsi , rischia di morire letteralmente di fame.
            Lo spavento poi può portare a tachicardie letali, restando loro molto vicini alla frequenza limite.
            Ah...sono fra i pochi mammiferi venom....anzi fra i veri mammiferi (escludendo quindi i monotremi, forme arcaiche..) sono gli unici ad avere la saliva velenosa....animaletti fantastici, che poco hanno di topo...niente poi di ragno!

            Commenta


            • #7
              cavoli manu complimenti; mi piacerebbe un sacco aver l'opportunità di osserverne qualcuno per un po' di tempo...

              Commenta


              • #8
                Dalla dimensione e dall'aspetto direi fosse proprio un Suncus etruscus.
                L'ho tenuto circa un mese, per due motivi, uno mi scoccia tenere un'animale autoctono che non posso riprodurre in cattività...secondo il pazzo mentre guardavo dove si era nascosto nel terrario è balzato fuori, su per una tenda e giù dalla finestra ...tre piani in caduta libera per finire sull'asfalto del parcheggio sotto casa ...ma la leggerezza del suo corpo gli ha permesso di non fracassarsi(io lo pensavo già morto) è rimasto intontito circa 10 secondi e poi è ripartito come un razzo...per fortuna mi era già venuto il magone

                Detto questo non mi è sembrato un'animale particolarmente stressabile, anzi direi al quanto menefreghista rispetto a ciò che lo circonda e anche abbastanza mansueto e facile da maneggiare.
                Senza dubbio una microfogna sempre in cerca di cibo, era capace di rigirare tutto il substrato per tirare fuori qualche camola del miele(per cui impazziva ).
                Credo che se avessi la possibilità ne terrei una coppia per provare a vedre anche il ciclo riproduttivo, per poi liberare tutta la famiglia
                Solo che non è facilissimo trovarli, mi è capitato 2 volte per puro caso, la prima con l'individuo di cui vi ho parlato e la seconda è stata sempre sul posto di lavoro(ero in un magazzino) dentro ad un cestino per i rifiuti in plastica, solo che vedendolo molto debilitato pensai di liberarlo subito.

                Commenta


                • #9
                  Beh migdan,
                  per un qualsiasi allevatore di sauri insettivori reperire cibo in quantità per un piccolo toporagno non dovrebbe essere un problema, è vero che ha un metabolismo velocissimo, ma ha anche uno stomaco microscopico.
                  A casa mia sono sempre presenti grilli, tarme della farina, spesso camole del miele, kaimani, mosche e periodicamente cavallette, per cui di cibo ne avrebbe a volontà

                  Per cui credo che in un terrario abbastanza grande con diversi rifugi e cibo in abbondanza non sia assolutamente difficile da allevare.

                  Commenta


                  • #10
                    piu' che altro penso che la vera difficoltà nell'allevamento sarebbe la reperibilità degli esemplari e la loro alta territorialità...in natura si incontrano "pacificamente" solo per la riproduzione...ci vorrebbe un terrario veramente grande anche per una sola coppia...

                    Commenta


                    • #11
                      Sì questo è vero, ma se conti le loro dimensioni, forse il terrario non sarebbe nemmeno così immenso

                      Commenta


                      • #12
                        Due terrari separati ed unirli soltanto per l' accoppiamento come avviene con le migali, facile no?!

                        Commenta


                        • #13
                          Si vede che non ho mai riprodotto ragni, è un'idea che potrebbe funzionare, perchè no

                          Commenta


                          • #14
                            rimane comunque il problema della reperibilità!sob sob
                            comunque topic interessante, e interessante soprattutto la soluzione analoga a quella dei ragni (d'altronde son toporagni!ahahah)

                            Commenta


                            • #15
                              Forse con un po' di sortuna piazzando un paio di trappole riuscirei a catturarne un po' nelle campagne delle mie parti, ma sono protetti?
                              Se non sono protetti stasera preparo le trappole

                              Commenta


                              Sto operando...
                              X