annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Prima di Mendel.

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Prima di Mendel.

    Ciao. Ho una curiosità in merito alla creazione delle razze di animali domestici. A partire dalle scoperte di Mendel(o almeno, dal momento in cui si iniziò a prenderle in considerazione), praticamente nessun allevatore serio può fare a meno di fare riferimento alle leggi della genetica e agli schemi d'accoppiamento nella selezione di un determinato carattere. Ma per migliaia di anni come si è proceduto per avere una razza dalle caratteristiche desiderate (galline che fanno molte uova, mucche che producono più latte, cani che radunano le pecore ecc.)? Ad esempio, la selezione dei canarini (sì, in questo periodo mi sono fissato su di loro ) è iniziata sin dal 1400, quando si comprese che era un uccello che si adatta bene alla cattività: lo standard del norwich viene fissato a Londra nel 1890 ma circolava in Inghilterra già XVI secolo; sempre nel secolo XVI era diffuso in Francia il lizard; nel XVIII di nuovo in Inghilterra il Lancashire coppy. E ci sarebbero innumerevoli esempi da fare con gatti e soprattutto cani. Insomma, nella pratica come si decidevano gli accoppiamenti? Dove posso trovare articoli, libri, riviste ecc. che parlino di questo argomento?

  • #2
    per selezione dei riproduttori sicuramente, cioè selezionavano i migliori soggetti......negli uccelli credo facessero molto imbreeding, controllo nella biblioteca di un'associazione e vedo di procurarti qualche titolo.

    Commenta


    • #3
      Originariamente inviato da Morgana Visualizza il messaggio
      controllo nella biblioteca di un'associazione e vedo di procurarti qualche titolo.
      grazie : )
      Ultima modifica di Wiper; 20-02-2009, 14:06.

      Commenta


      • #4
        Banalmente, pur non sapendo niente di genetica, tendevano a conservare i soggetti mutanti che attiravano la loro attenzione e a riaccoppiarli con i genitori. Tale processo di selezione è vecchio quanto la nostra specie, ed è cominciato con il cane, il grano, l'orzo, le pecore...
        In alcuni casi la cosa non aveva uno scopo intenzionale. Esempio: mi sono nati tre vitelli. Due sono bruni uniformi, il terzo ha una chiazza bianca sui quarti posteriori. Macello i due bruni e tengo il pezzato per un motivo puramente estetico.
        Poi quando lo porto al pascolo, mi accorgo che un animale pezzato è MOLTO più semplice da ritrovare di uno bruno all'imbrunire, quando mi tocca riportarli in stalla. Et, voilà; ecco le vacche frisone!

        Simone

        Commenta


        • #5
          beh, semplice ed efficace.

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da Morgana Visualizza il messaggio
            per selezione dei riproduttori sicuramente, cioè selezionavano i migliori soggetti......negli uccelli credo facessero molto imbreeding, controllo nella biblioteca di un'associazione e vedo di procurarti qualche titolo.
            ad oggi, trovato ancora niente?

            Commenta


            • #7
              ehm... no ma perchè me ne sono scordata

              Commenta


              Sto operando...
              X