annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

dove abbiamo sbagliato? (aggressività tra ratti)

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • dove abbiamo sbagliato? (aggressività tra ratti)

    ciao a tutti

    scrivo questo post più per curiosità e per non ripetere eventuali errori visto che ormai il dramma si è consumato

    il mio ragazzo aveva da poco preso il suo terzo rattino,per la precisione una bellissima femminuccia che si era mostrata subito molto docile e affettuosa.....arrivato a casa l'ha "presentata" ai due che aveva già(due maschi castrati di circa 6 mesi) in territorio neutrale lasciandoli giocare e interagire per un paio di orette,poi ha pulito la gabbia e spostato la disposizione degli oggetti e messo la rattina con gli altri due,visto che non era proprio piccolissima,senza che presentassero nessun comportamento aggressivo o strano.....bene,il tempo di andare a lavare i piatti e al suo ritorno l'avevano uccisa!(anche se pensiamo che sia stato solo il più grande e dominante dei due)...con una ferocia raccapricciante,era piena di morsi e lacerazioni

    secondo voi cosa può aver causato questo comportamento?....mi risultava che gli adulti possono essere aggressivi tra loro ma non lo sono con i cuccioli che di solito accettano senza problemi...quando ho unito i miei la situazione era identica ed era andato tutto benissimo

  • #2
    non è sempre cosi, i ratti hanno comportamenti sociali molto evoluti e vari, alcuni maschi sviluppano una forte predominanza sul proprio territorio e non è sempre detto che tutto vada bene, sopratutto se lasciati soli perchè la presenza dell'umano a guardarli in qualche modo inibisce certi comportamenti, l'ho notato sia su esemplari giovani che adulti...
    ora il cosa avete sbagliato è abbastanza ovvio, non dovevate lasciare la femmina insieme agli altri 2 da subito, ma prevedere per qualche giorno un periodo di affiancamento prima di lasciarli soli insieme...
    ad ogni modo, se i 2 maschi sono cosi io sconsiglierei di ripetere l'esperienza, stanno bene da soli...

    Commenta


    • #3
      se non sbaglio neppure Ilaria,da cui avevamo preso sia la femmina che uno dei due maschi non gli aveva consigliato di aspettare più giorni prima di unirli ma la tecnica della presentazione in territorio neutro e poi pulire la gabbia e spostare gli arredi...ok mordere un nuovo arrivato ma reazioni così estreme non mi risulta siano così prevedibilmente scontate...
      infatti con il mio non c'era stato il minimo problema e già il giorno stesso dormivano attaccati,stessa identica cosa quando ha unito lui i due maschi ed uno era un cucciolo mentre l'altro aveva già sui 4 mesi....sarà per quello che proprio non c'è venuto in mente di aspettare,sembrava di aver a che fare con due animali così pacifici....col senno di poi ora sembra così ovvio anche a me.....
      che la presenza umana potesse inibire l'aggressività del maschio che prima addirittura la leccava e "spulciava" proprio lo ignoravo...peccato averlo imparato in questo modo....

      non è possibile che sia stato una specie di raptus?...nel senso che magari da un piccolo morso abbia sentito il sapore del sangue e "perso il controllo"?
      Ultima modifica di Rogue_22; 04-08-2010, 17:11.

      Commenta


      • #4
        tempo fa qui si era parlato di un problema comportamentale estremo di un maschio nei confronti di un convivente e se può capitare che tra conviventi si feriscano o aggrediscano pesantemente è ancora più probabile che succeda tra estranei. poi ovvio, sono casi limite e rari, quindi imprevedibili, ma possono capitare.
        io per prima ho avvicinato ratti di ogni tipo colore dimensione sesso e età senza problemi, ma ho avuto anche un gruppo di 4 femmine albine che invece non avevano mai accettato nessuno nemmeno in una gabbia vicina, aggredivano qualsiasi genere di essere abitasse a 10cm da loro...

        Commenta


        • #5
          visto che probabilmente non saranno i nostri ultimi ratti non possiamo che far tesoro di questa seppur tristissima esperienza...
          Ci siamo forse lasciati un po ingannare da questo modo di fare pacioccone ed inoffensivo che hanno nei NOSTRI confronti....grazie mille dei chiarimenti
          Ultima modifica di Rogue_22; 04-08-2010, 18:45.

          Commenta


          • #6
            Aggiungo una cosetta, che forse è stata trascurata. I due maschi sono castrati. Quindi nel computo delle motivazioni che "tirano" il comportamento del singolo individuo in un senso o nel'altro questa non va sottovalutata. Mi spiego meglio. Il comportamento "finale" di un individuo nei confronti di un'altro può essere considerato come la risultante di una serie di comportamenti e pulsioni spesso contrastanti tra loro. una speci di "compromesso" tra vari comportamenti. In questo caso abbiamo:

            1-La territorialità> che produrrebbe un comportamento aggressivo di allontanamento dell'intruso
            2-La confusione gerarchica> che produrrebbe una "ridiscussione" dei ruoli gerarchici tra i due ratti residenti e la nuova arrivata. Quindi lotte tra i due maschi e manifestazioni di imposizione tra loro e con il cucciolo nuovo
            3-Il drive sessuale>che paradossalmente in questo caso avrebbe aiutato parecchio. Entrambi i maschi avrebbero accolto un cucciolo femmina come una potenziale risorsa sessuale, smussando tutti i rituali di sottomissione e aggressione.
            Ma i due maschi sono castrati. Se immaginiamo queste tre componenti comportamentali come tre vettori, il comportamento risultante è simile ad una somma vettoriale (chi si ricorda qualcosina di fisica?). In assenza di un interesse sessuale, si sono scatenate una serie di liti, probabilmente anche tra i due maschi residenti, in cui la piccola è stata tirata in mezzo. Non è infrequente che quando i grossi maschi litigano, qualche cucciolo finisca per essere la valvola di sfogo della contesa degli adulti. Io comunque non li avrei uniti così in fretta...

            Simone

            Commenta


            • #7
              Non avevo letto questa ultima risposta ma devo dire che è stata molto interessante perchè io pensavo l'opposto...cioè maschio castrato=maschio più docile poichè con meno ormoni in circolo,eravamo infatti ancora più stupefatti che una reazione del genere fosse arrivata da animali castrati...bè non si finisce mai di imparare

              nell'unirli subito abbiamo fatto l'errore di considerare tutti i ratti come il mio "attino" che è stato il primo arrivato ed ha da subito avuto un carattere stupendo sia con le persone che con tutti i 5 cuccioli che sono venuti dopo di lui....un animale del genere come primo ratto farebbe innamorare chiunque di queste adorabili canaglie

              Commenta


              Sto operando...
              X