annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

primo acquario marino..

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • primo acquario marino..

    ciao a tutti...
    stavo considerando di mettere su il mio primo acquario marino... e prima di tutto volevo avere informazioni sulla dimensione per un solo esemplare dei seguenti: uno pterois volitans oppure un chaetodon (lunula probabilmente)............. troppo impegnativi per iniziare?
    inoltre, i sistemi di filtraggio devono necessariamente essere esterni per un acquario non gigantesco?

    graaazie

  • #2
    Ciao zorbox,

    esperienze d'acqua dolce mai avute?

    Commenta


    • #3
      Il primo acquario marino, specie se non si ha alcuna esperienza di acquari di altro tipo, dovrebe essere finalizzato principalmente all'allevamento di pesci e invertebrati molto robusti.

      Per prima cosa direi di escludere un po' tutti i coralli duri (Acropora & C.), e anche qualche molle particolarmente delicato, nonchè le tridacne.

      Buoni invertebrati per un neofita sono i Corallimorfari, Xenia spp., Anthelia spp., un po' tutti gli Zoantidi, Sinularia spp., Sarcophyton spp., Briareum spp., paguri, gamberetti, ofiure.

      i pesci dovranno necessariametne essere moltoresistenti, visto che spesso il neofita commette errori: i Pomacentridi sono quelli più adatti, ma anche Gramma loreto, Pseudochromis spp., qualche ghiozzo robusto sono consigliabili.

      Se si amano i predatori, molto robusti sono le murene, le cernie, Pterois spp., i pesci balestra e i pesci palla. Molti di questo NON sono compatibili con alcuni invertebrati.

      I pesci chirurgo invece NON SONO adatti, poichè richiedono una dieta ricca, varia e abbondante, quindi molto impegno.

      Veniamo alla vasca: per assicurare maggiore stabilità al sistema, non potrà scendere sotto i 200 litri NETTI; un buon schiumatoio è consigliabile, e ovviametne un buon filtro e riscaldamentodell' acqua.

      Ottimale l'aggiunta di pietre vive.

      Ultimo appunto sui Chaetodon: sono pesci DELICATI e alcuni molto esigenti sulla'limetnazione, anche gli esperti a volte hanno problemi con loro.

      Meglio evitare.

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da cardisomacarnifex Visualizza il messaggio
        i pesci dovranno necessariametne essere moltoresistenti, visto che spesso il neofita commette errori: i Pomacentridi sono quelli più adatti, ma anche Gramma loreto, Pseudochromis spp., qualche ghiozzo robusto sono consigliabili.
        .
        anche secondo me sono pesci piu' facili da mantenere

        Commenta


        • #5
          inoltre volevo aggingere che se non hai esperienza devi iniziare con l'acqua dolce per i seguenti motivi:
          i pesci sono piu' facili da "mantenere"
          l'acqua puoi usare quella del rubinetto
          hai meno probalita' di morte di pesci,piante ecc....
          se vuoi specie di pesci "facili da mantenere"sono :
          guppy
          neon
          rasbora
          pesci rossi...

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da cardisomacarnifex Visualizza il messaggio
            Il primo acquario marino, specie se non si ha alcuna esperienza di acquari di altro tipo, dovrebe essere finalizzato principalmente all'allevamento di pesci e invertebrati molto robusti.

            Per prima cosa direi di escludere un po' tutti i coralli duri (Acropora & C.), e anche qualche molle particolarmente delicato, nonchè le tridacne.

            Buoni invertebrati per un neofita sono i Corallimorfari, Xenia spp., Anthelia spp., un po' tutti gli Zoantidi, Sinularia spp., Sarcophyton spp., Briareum spp., paguri, gamberetti, ofiure.

            i pesci dovranno necessariametne essere moltoresistenti, visto che spesso il neofita commette errori: i Pomacentridi sono quelli più adatti, ma anche Gramma loreto, Pseudochromis spp., qualche ghiozzo robusto sono consigliabili.

            Se si amano i predatori, molto robusti sono le murene, le cernie, Pterois spp., i pesci balestra e i pesci palla. Molti di questo NON sono compatibili con alcuni invertebrati.

            I pesci chirurgo invece NON SONO adatti, poichè richiedono una dieta ricca, varia e abbondante, quindi molto impegno.

            Veniamo alla vasca: per assicurare maggiore stabilità al sistema, non potrà scendere sotto i 200 litri NETTI; un buon schiumatoio è consigliabile, e ovviametne un buon filtro e riscaldamentodell' acqua.

            Ottimale l'aggiunta di pietre vive.

            Ultimo appunto sui Chaetodon: sono pesci DELICATI e alcuni molto esigenti sulla'limetnazione, anche gli esperti a volte hanno problemi con loro.

            Meglio evitare.
            mi dispiace ma non sono daccordo su nessuno dei punti.
            gli invertebrati non si scelgono in base all'esperienza ma in base all'attrezzatura tecninca della vasca.
            i pesci idem
            lo schiumatoio non è cnsigliato ma è NECESSARIO
            ecc ecc eccc

            credo anche che in un topic non si possa spiegare come allestire un acquario,ti consiglio di iscriverti e seguire un forum come quello di Home :: Acquariofilia AcquaPortal - Il Forum italiano dedicato agli acquari e all'acquariofilia
            -''Babbo osa vuol dì esse briaì?"
            -"Vedi quelle 2 sedie?Quando uno gliè briaò ne vede 4"
            -''Oh Babbo,ma ce n'è una sola!"

            Commenta


            • #7
              Beh uno può avere anche l'attrezzatura tecnica migliore del mondo, ma se non ha esperienza con il marino rischia comunque di fare fuori molti invertebrati esigenti.

              Idem per i pesci: uno può avere l'acqua perfetta e il cibo migliore, ma se compra un pesce di cui non conosce nulla, o senza aver prima fatto esperienza su come si tiene un pesce marino, rischia di ucciderlo.

              Se uno allestisce un acquario di soli pesci, lo schiumatoio può NON essere necessario, specie se si scelgono pesci molto resistenti.

              Dimmi poi come può uno che non ha mai tenuto un marino partire subito con attrezzature da esperti come percolatori, lampade ad alogenuri, integrazioni mirate di oligoelementi, kalk wasser, colture di fitoplancton per gli invertebrati, colture di rotiferi, ecc ecc ecc.? Meglio all'inizio spendere di meno, fare un acquario marino meno "chic" ma resistente alle inevitabili inaccortezze del neofita, per capire bene il funzionamento del sistema, prima di passare al più impegnativo barriera.

              Chiaramente il mio non voleva essere un piccolo Vangelo per un neofita, semplicemente ho voluto dargli qualche buon consiglio per fargli capire il tipo di acquario sul quale orientarsi....

              O vorresti farlo partire subito con un Berlinese?

              Commenta


              • #8
                Comunque, visto che questo topic rimarrà, per fare chiarezza sull'argomento e fornire un po' di buoni consigli, ecco un illuminante articolo apparso in due parti su "Aquarium Oggi", n.ri 4/2006 e 1/2007, a firma di Alessandro Mancini:

                Il primo "marino di comunità": guida all'allestimento, alla scelta e all'assortimento dei pesci e degli invertebrati

                Commenta


                • #9
                  sta girando una brutta aria qui...

                  Commenta


                  • #10
                    [quoteDimmi poi come può uno che non ha mai tenuto un marino partire subito con attrezzature da esperti come percolatori, lampade ad alogenuri, integrazioni mirate di oligoelementi, kalk wasser, colture di fitoplancton per gli invertebrati, colture di rotiferi, ecc ecc ecc.? Meglio all'inizio spendere di meno, fare un acquario marino meno "chic" ma resistente alle inevitabili inaccortezze del neofita, per capire bene il funzionamento del sistema, prima di passare al più impegnativo barriera.

                    Chiaramente il mio non voleva essere un piccolo Vangelo per un neofita, semplicemente ho voluto dargli qualche buon consiglio per fargli capire il tipo di acquario sul quale orientarsi....

                    O vorresti farlo partire subito con un Berlinese?][/quote]
                    certo che lo voglio far partire con il berlinese!
                    parlare di percolatore oggi è come parlare di allevare camaleonti nel vetro..
                    se non usiamo le hqi con che illuminiamo?le candele?
                    colture di zoo e fito?non si usano...
                    oligoelemente?da esperti appunto...i cambi d'acqua costanti assicurano un buon e sufficente apporto di tutti gli elementi necessari...

                    l'acquariofilia rispetto alla terrariofilia è molto differente,il terrario è un sistema relativamente aperto quindi è importante l'esperienza e la valutazione dell'allevatore,l'acquario invece che per funzionare bene deve essere un sistema il piu' possibile chiuso quindi è di fondamentale importanza la tecnica piu' che il "manico"...
                    poi certo nessuno gli consiglierà mai di prendere dei microlabrictys tuka piuttosto che una tubastrea...ma tra allevare un acropora o un discoma c'è poca differenza,richiedono soltanto due tipi di vasche diverse.
                    -''Babbo osa vuol dì esse briaì?"
                    -"Vedi quelle 2 sedie?Quando uno gliè briaò ne vede 4"
                    -''Oh Babbo,ma ce n'è una sola!"

                    Commenta


                    • #11
                      esperienza di acqua dolce ne ho, solo che non so praticamente niente degli acquari marini... ad ogni modo a questo punto mi sa che lascerò perdere siccome un acquario da 200 l non ce l'ho e non ho neanche posto dove metterlo nella casa nuova

                      Commenta


                      • #12
                        tremendamente daccordo con franklin.....
                        ..... per fare un acquario ben fatto ci vogliono solo soldi, spendi una fucilata in apparecchi tecnici, attacchi la spina, riempi la vasca e apetti che maturi il filtro...cambi l'acqua quando necessario ( e con i sali in commercio è più facile preparare l'acqua marina che acqua dolce per i discus) e il gioco è fatto....
                        ٩(͡๏̯͡๏)۶ Brevices for life.... life for breviceps

                        Commenta


                        • #13
                          P.S.non ci sono limiti di litraggio minimo
                          -''Babbo osa vuol dì esse briaì?"
                          -"Vedi quelle 2 sedie?Quando uno gliè briaò ne vede 4"
                          -''Oh Babbo,ma ce n'è una sola!"

                          Commenta


                          • #14
                            beh, io di acquari disponibili ho solo un 50 litri, e immagino sia troppo poco...

                            Commenta


                            • #15
                              assolutamente no...ci fai una chicca con coralli e gamberetti,e al massimo due piccoli pesci tipo gobidi.
                              -''Babbo osa vuol dì esse briaì?"
                              -"Vedi quelle 2 sedie?Quando uno gliè briaò ne vede 4"
                              -''Oh Babbo,ma ce n'è una sola!"

                              Commenta


                              Sto operando...
                              X