annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Lamprologus brichardi

Comprimi
Questa discussione è chiusa.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Lamprologus brichardi

    Sabato ho fortunosamente acquistato una giovane coppia già formata di questo meraviglioso ciclide, un vecchio sogno che avevo in fondo al cassetto!

    Ho fatto una "googleata", ma il materiale on line è scarso (perlomeno quello che ho trovato io). Qualcuno ha avuto un'esperienza diretta con questa "castagnola" d'acqua dolce e mi può dare qualche consiglio utile?
    In particolare non ho notizie precise sulle modalità di riproduzione (numero di uova, tempi di schiusa, nutrimento avannotti, durata cure parentali).

    Grazie
    rob
    Animali insoliti? Amici Insoliti!

  • #2
    Re: Lamprologus brichardi

    Originariamente inviato da RoBen
    Ho fatto una "googleata", ma il materiale on line è scarso
    ci sono 16.600 link correlati.....
    prova a cercare come "neolamprologus brichardi", hanno cambiato da un po' il nome al genere

    Commenta


    • #3
      RE: Re: Lamprologus brichardi

      sì confermo che ora è Neolamprologus brichardi, la mitica "principessa del Burundi"!eheheh

      allevato qualche anno fa, è stato il mio ultimo amore da acquariofilo...veramente eccezionali
      io ho avuto un' esperienza strana coi brichi... ho iniziato con un trio di subadulti in un 60litri...in breve son diventati adulti ma di coppia neanche l'ombra e nonostante tutti i nascondigli i 3 pesci erano timidissimi e sfuggivano all'avvicinarsi delle persone...
      provai ad aggiungere 4 piccoletti, sui 4cm, che non avendo paura di niente e nessuno riuscirono a "tranquillizzare" anche gli adulti e a stimolarne la riproduzione...essendo gli adulti 2m e 1f, dovetti allontanare il maschio in più, mentre i piccoli furon sempre accettati...
      assistetti a tantissime deposizioni e alle cure parentali (scarse a dire il vero, rispetto ad altri ciclidi)... quando unpò cresciuti anche i giovani contribuiscono alla cura delle uova deposte dai genitori...

      per il resto son pesci bellissimi e robustissimi, amano molto scavare (i miei crearono veri e propri labirinti sotterranei, sotto le rocce) per cui incolla fra loro le rocce e posale direttamente sul fondo ricoprendole POI di sabbia...
      amano anche brucare lo strato di alghe che si forma su rocce e legni (specialmente gli avannotti)...

      buon allevamento, e se hai altre domande...

      Commenta


      • #4
        RE: Re: Lamprologus brichardi

        si ora e' neolamprologus...

        Commenta


        • #5
          Ciao Leonardo,
          approfitto della tua esperienza:
          dopo quanto tempo dalla deposizione avveniva la schiusa?
          i miei (ne ho 5 di cui almeno una coppia sicura!) hanno deposto + volte, ma non ho ancora mai assistito ad una schiusa (il problema principale è un Platydoras che di notte si mangia tutte le uova, ma adesso ho ovviato a questo problema costruendo una piccola luce "lunare" da lasciare accesa quando si spengono le luci, in modo che i genitori possano sorvegliare le uova anche di notte!)

          Commenta


          • #6
            Re: RE: Re: Lamprologus brichardi

            Originariamente inviato da Leonardo
            sì confermo che ora è Neolamprologus brichardi, la mitica "principessa del Burundi"!eheheh

            allevato qualche anno fa, è stato il mio ultimo amore da acquariofilo...veramente eccezionali
            io ho avuto un' esperienza strana coi brichi... ho iniziato con un trio di subadulti in un 60litri...in breve son diventati adulti ma di coppia neanche l'ombra e nonostante tutti i nascondigli i 3 pesci erano timidissimi e sfuggivano all'avvicinarsi delle persone...
            provai ad aggiungere 4 piccoletti, sui 4cm, che non avendo paura di niente e nessuno riuscirono a "tranquillizzare" anche gli adulti e a stimolarne la riproduzione...essendo gli adulti 2m e 1f, dovetti allontanare il maschio in più, mentre i piccoli furon sempre accettati...
            assistetti a tantissime deposizioni e alle cure parentali (scarse a dire il vero, rispetto ad altri ciclidi)... quando unpò cresciuti anche i giovani contribuiscono alla cura delle uova deposte dai genitori...

            per il resto son pesci bellissimi e robustissimi, amano molto scavare (i miei crearono veri e propri labirinti sotterranei, sotto le rocce) per cui incolla fra loro le rocce e posale direttamente sul fondo ricoprendole POI di sabbia...
            amano anche brucare lo strato di alghe che si forma su rocce e legni (specialmente gli avannotti)...

            buon allevamento, e se hai altre domande...

            Quoto tutto
            Anch'io fatti riprodurre in un acquario da 60 cm (ma erano solo loro) una coppia. Ghiaietta fine (strato da 5-6 cm), poi messo alcune rocce grandi e altre fini trasversali, che davano la possibilità sia a loro che avannotti di nascondervisi sotto. 2-3 piante (anubias, anubias nana).

            Che altro...PH ca. 7-8, GH 10-12.


            Ciao

            Commenta


            • #7
              Nel frattempo avevo trovato vari links interessanti e scoperto che è diventato Neo-lamprologus dall'85! Era proprio in fondo al cassetto il mio sogno

              Comunque sia approfitto della vostra disponibilità per chiedere chiarimenti: l'acquario che hanno a disposizione contiene circa 240 litri (dim. 90x70x70) è arredato con sabbia di quarzo policromo, 7 rocce laviche riunite in due gruppi per delimitare chiari confini territoriali, un'anforetta, varie piante (perfettamente rispettate perchè i due scavano solo sotto le pietre). Come cibo uso pelettato micro (quello per avannotti di trota) che mangiano avidamente: hanno rifiutato risolutamente il mangime in fiocchi e non ho voglia di usare il surgelato come ho fatto in passato. Ho notato che brucano le alghe... e producono feci del medesimo colore.

              La mia idea sarebbe di osservare l'espansione libera della popolazione e la famosa coesistenza delle covate prodotte in successione.

              Domande a chi li ha allevati, o li sta allevando:
              - Che tipo di cibo usate e con che frequenza?
              - Gli avvannotti devono essere forzatamente nutriti con naupli d'artemia per i primi 15gg? Per me sarebbe un problema visto il volume ed il livello dell'acqua elevati (avete provati liquifry, rosso d'uovo sodo, polpa di camola, o altro?)
              - Gli avvannotti fanno branco compatto stile baby Pelvicachromis, o si disperdono?
              - Che resa in termini di pesciolini "svezzati" posso aspettarmi in queste condizioni semi-naturali? 30%, 50%, 80%?
              Animali insoliti? Amici Insoliti!

              Commenta


              • #8
                tranquillo Rob, in una vasca del genere sono sicuro che questi pesci ti daranno enormi soddisfazioni...
                ma veniamo alle domande...

                Originariamente inviato da RoBen
                Domande a chi li ha allevati, o li sta allevando:
                - Che tipo di cibo usate e con che frequenza?
                - Gli avvannotti devono essere forzatamente nutriti con naupli d'artemia per i primi 15gg? Per me sarebbe un problema visto il volume ed il livello dell'acqua elevati (avete provati liquifry, rosso d'uovo sodo, polpa di camola, o altro?)
                - Gli avvannotti fanno branco compatto stile baby Pelvicachromis, o si disperdono?
                - Che resa in termini di pesciolini "svezzati" posso aspettarmi in queste condizioni semi-naturali? 30%, 50%, 80%?
                rispondo per ordine:
                -io usavo un cibo in fiocchi a base vegetale (non ricordo la marca, se vuoi vado a vedere se la rivedo in negozio, ma penso vada bene qualunque), alternando con artemie surgelate (graditissssssime) e spinaci tritati e sbollentati (per comodità ne sbollentavo una certa quantità e la dividevo in cubetti mettendoli in freezer)
                -i miei avannotti i primi giorni si nutrivano sul manto di alghe, ma considera che era un acquario molto maturo e praticamente mai svuotato del tutto, quindi trovavano molti animaletti e alghe... ogni tanto (ma mooolto ogni tanto) davo loro una "siringata" di artemie indirizzandola con un tubicino...ma nn credo sia essenziale; dopo poco io gli davo lo stesso cibo degli adulti, ma sbriciolato. (ho notato comunque che quando gli adulti ingoiavano bocconi eccessivamente grossi per loro, "masticandoli" emettevano una marea di frammenti di cibo, e i piccolini gli si facevano subito intorno...)
                -gli avannotti in assenza di predatori fanno un branco assai poco compatto e si disperdono molto presto...i genitori quasi non se li filano più dopo nemmeno una settimana...
                -i miei si svilupparono praticamente tutti, credo che puoi benissimo aspettarti, se la vasca e la coppia "funzionano" una resa del 80/90%...
                quando la vasca sarà più "affollata" probabilmente comincerai a notare che il numero di uova per covata tende gradualmente a diminuire...ma nel contempo i piccoli delle prime covate cominceranno a deporre...insomma...peggio dei conigli

                accidenti che nostalgia dei miei brichi mi hai fatto venire!
                pesci fantastici...ottimo acquisto!

                Commenta


                • #9
                  Grazie ora sono più ottimista!
                  Animali insoliti? Amici Insoliti!

                  Commenta


                  • #10
                    Io avevo un bel libro sui ciclidi africani che però ho prestato ad una ragazza e non mi è più tornato... acc! Ma se lo trovo te lo passo di certo!
                    Ciao
                    Ema

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da Leonardo
                      tranquillo Rob, in una vasca del genere sono sicuro che questi pesci ti daranno enormi soddisfazioni...
                      ma veniamo alle domande...

                      Originariamente inviato da RoBen
                      Domande a chi li ha allevati, o li sta allevando:
                      - Che tipo di cibo usate e con che frequenza?
                      - Gli avvannotti devono essere forzatamente nutriti con naupli d'artemia per i primi 15gg? Per me sarebbe un problema visto il volume ed il livello dell'acqua elevati (avete provati liquifry, rosso d'uovo sodo, polpa di camola, o altro?)
                      - Gli avvannotti fanno branco compatto stile baby Pelvicachromis, o si disperdono?
                      - Che resa in termini di pesciolini "svezzati" posso aspettarmi in queste condizioni semi-naturali? 30%, 50%, 80%?
                      rispondo per ordine:
                      -io usavo un cibo in fiocchi a base vegetale (non ricordo la marca, se vuoi vado a vedere se la rivedo in negozio, ma penso vada bene qualunque), alternando con artemie surgelate (graditissssssime) e spinaci tritati e sbollentati (per comodità ne sbollentavo una certa quantità e la dividevo in cubetti mettendoli in freezer)
                      -i miei avannotti i primi giorni si nutrivano sul manto di alghe, ma considera che era un acquario molto maturo e praticamente mai svuotato del tutto, quindi trovavano molti animaletti e alghe... ogni tanto (ma mooolto ogni tanto) davo loro una "siringata" di artemie indirizzandola con un tubicino...ma nn credo sia essenziale; dopo poco io gli davo lo stesso cibo degli adulti, ma sbriciolato. (ho notato comunque che quando gli adulti ingoiavano bocconi eccessivamente grossi per loro, "masticandoli" emettevano una marea di frammenti di cibo, e i piccolini gli si facevano subito intorno...)
                      -gli avannotti in assenza di predatori fanno un branco assai poco compatto e si disperdono molto presto...i genitori quasi non se li filano più dopo nemmeno una settimana...
                      -i miei si svilupparono praticamente tutti, credo che puoi benissimo aspettarti, se la vasca e la coppia "funzionano" una resa del 80/90%...
                      quando la vasca sarà più "affollata" probabilmente comincerai a notare che il numero di uova per covata tende gradualmente a diminuire...ma nel contempo i piccoli delle prime covate cominceranno a deporre...insomma...peggio dei conigli

                      accidenti che nostalgia dei miei brichi mi hai fatto venire!
                      pesci fantastici...ottimo acquisto!


                      Ciao, stra-quoto alla grande. Idem

                      Come detto è molto "importante" il fattore alghe. Dato che io li tenevo in tale acquario (negozio) e non potendo "crearle" perché il ricircolo acqua è autonomo, ho provveduto a farle sviluppare sulle pietre e a inserire delle "palle" di alghette ...tipo la vesicularia ...


                      Ciao

                      Commenta


                      • #12
                        Ripropongo la mia domanda che non ha ancora ricevuto risposta :
                        dopo quanto tempo dalla deposizione avviene la schiusa?
                        Grazie

                        Commenta


                        • #13
                          ooooops

                          francamente proprio non ricordo e non ho appunti a riguardo...mi dispiace!
                          sicuramente se cerchi bene sul web trovi questa informazione!

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da Teo19
                            Ripropongo la mia domanda che non ha ancora ricevuto risposta :
                            dopo quanto tempo dalla deposizione avviene la schiusa?
                            Grazie

                            Punto interrogativo Non ci ho mai badato né fatto caso dato che nascevano sempre da sé... ma mi pare ca. 8-10 gg ?! Spero di non dire una fesseria..

                            ciao

                            Commenta


                            Sto operando...
                            X