annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Infestazione di lernaea

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Infestazione di lernaea

    Salve, alcuni dei miei poecilidi sono colpiti da lernaea, l'acquario in questione si trova vicino ad un caridinaio e in una stanza molto frequentata da persone, quindi vorrei evitare l'uso di sostanze altamente tossiche. Il problema è che:
    -il trattamento va fatto in vasca, data l'impossibilità di pescare così tanti piccoli pesci e data la sicura presenza di larve/uova/cisti nella vasca stessa
    -non sono più in commercio medicinali abbastanza innocui come quelli Sera (Argulon, Cyprinopur) nè di altre marche, a quanto vedo.

    Come potrei fare?

  • #2
    Per le ectoparassitosi da crostacei copepodi ti consiglio come rimedio commerciale il Gyrotox (Tetra) oppure si può ricorrere a bagni di 10 minuti in soluzione salina. Si possono anche eseguire spennellature locali con prodotti a base di permanganato di potassio (KMnO4) o, direttamente, bagni in KMnO4 (1g/l per circa 15 minuti).

    Commenta


    • #3
      Originariamente inviato da alexvlo Visualizza il messaggio
      Per le ectoparassitosi da crostacei copepodi ti consiglio come rimedio commerciale il Gyrotox (Tetra) oppure si può ricorrere a bagni di 10 minuti in soluzione salina. Si possono anche eseguire spennellature locali con prodotti a base di permanganato di potassio (KMnO4) o, direttamente, bagni in KMnO4 (1g/l per circa 15 minuti).
      Grazie alex per la risposta. Non sapevo che il gyrotox fosse efficacie contro lernaea. E' parecchio tossico? Uccide la popolazione batterica dei filtri?
      Dalle indicazioni d'uso sembra essere abbastanza tranquillo.
      Grazie.

      L'argulol della sera era perfetto, non richiedeva nemmeno un cambio d'acqua nè comprometteva il filtraggio, tuttavia non si trova più e dalla germania costa 80+ euro

      Commenta


      • #4
        Non particolarmente, l'importante è che non mischi più medicinali.

        Commenta


        • #5
          Contro questi ectoparassiti era ottimo anche il neguvon, ma sinceramente non so se sia ancora in vendita. Potresti chiedere in farmacia, e in ogni caso se lo vendessero ti servirebbe la ricetta medica fatta da un veterinario.
          Come è riportato sull'Untergasser potrebbero essere efficaci anche l'uso di formalina o di permanganato di potassio (come già detto da alexvlo)...ma personamente sconsiglio l'uso di queste sostanze a meno che non si sia un po' esperti nell'utilizzarle.
          Io ti consiglierei di provare con dei semplici bagni nel sale.

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da Tropicalia Visualizza il messaggio
            Contro questi ectoparassiti era ottimo anche il neguvon, ma sinceramente non so se sia ancora in vendita. Potresti chiedere in farmacia, e in ogni caso se lo vendessero ti servirebbe la ricetta medica fatta da un veterinario.
            Come è riportato sull'Untergasser potrebbero essere efficaci anche l'uso di formalina o di permanganato di potassio (come già detto da alexvlo)...ma personamente sconsiglio l'uso di queste sostanze a meno che non si sia un po' esperti nell'utilizzarle.
            Io ti consiglierei di provare con dei semplici bagni nel sale.
            Sì, ma volevo evitare l'uso di sostanze chimiche tossiche come il neguvon e permanganato di potassio e lindano etc..
            Purtroppo i bagni di sale non li posso fare perchè il trattamento va fatto in vasca (che tra l'altro deve essere trattata a prescindere, in quanto sarà piena di uova/cisti/larve).
            L'argulol è un medicinale poco tossico ma non si trova più in Italia, proverò con ciò che mi ha suggerito alex, le pastiglie della Tetra che mi sembrano le meno aggressive.

            Commenta


            • #7
              Allora, ho trovato un medicinale inglese simile all'Argulol dei vecchi tempi, sempre per pond e sempre specifico contro ectoparassiti crostacei e insetti.
              Si chiama Parazin e costa veramente poco, domani lo ordino su ebay dall'Uk. Dicono sia innocuoi per pesci, piante e batteri del filtro. Bisogna vedere se sia efficace anche contro le uova (probabilmente no, ma meglio di niente). Se si rivelasse di successo risolverebbe veramente molte grane a me a altre centinaia di italiani alle prese con questo orribile problema.

              Commenta


              • #8
                Bene! Sarebbe interessante conoscerne il principio attivo, e soprattutto sapere se è efficace! Appena ti arriva ci fai sapere per favore qualcosa in più?

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da Tropicalia Visualizza il messaggio
                  Bene! Sarebbe interessante conoscerne il principio attivo, e soprattutto sapere se è efficace! Appena ti arriva ci fai sapere per favore qualcosa in più?
                  Il principio attivo la ditta produttrice (waterlife) non lo rivela a quanto ho letto, anche sul sito ufficiale.
                  Comunque ho letto alcune opinioni che sostengono la sua efficacia, speriamo bene.
                  Non so se la commercializzazione in Italia sarebbe legale o meno, altrimenti uno potrebbe importarne grosse quantità e rivenderlo, dato che di fatto non ci sono (a quanto so) medicinali analoghi sul nostro mercato.

                  Commenta


                  • #10
                    Già il fatto stesso che l'etichetta non riporti il composto rende questo prodotto invendibile in Italia. Purtroppo il problema che si è presentato ormai da mesi, riguardo la vendita di medicinali, pare irrisolvibile

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da Tropicalia Visualizza il messaggio
                      Già il fatto stesso che l'etichetta non riporti il composto rende questo prodotto invendibile in Italia. Purtroppo il problema che si è presentato ormai da mesi, riguardo la vendita di medicinali, pare irrisolvibile
                      E' un grosso problema e sinceramente lo trovo controproducente, dato che costringe gli acquariofili a usare sostanza altamente tossiche e cancerogene per l'uomo.
                      E pensare che di buoni medicinali ce ne erano diversi in giro, delle più note marche.

                      Commenta


                      • #12
                        Io mi auguro davvero che prima o poi si possa trovare una soluzione a questo gravissimo problema!
                        Notizie del medicinale che hai preso?

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da Tropicalia Visualizza il messaggio
                          Io mi auguro davvero che prima o poi si possa trovare una soluzione a questo gravissimo problema!
                          Notizie del medicinale che hai preso?
                          Niente di nuovo, è stato spedito e attendo che arrivi entro 2-3 giorni penso.. comunque le opinioni sembrano favorevoli. A quanto ho capito contiente un elemento o composto chimico o altro che agisce su uno dei numerosi stadi di metamorfosi del crostaceo, impedendo la corretta formazione dell'esoscheletro e determinandone la morte. Pertanto è ad azione lenta, servono settimane per una completa soluzione.

                          Commenta


                          • #14
                            Ok, ho appena ricevuto il medicinale (parazin P). La dose consigliata per pond è 1 pasticchino ogni 115 litri. Seguirò lo stesso dosaggio anche in acquario, meglio sottodosare che sovraddosare. Prima però cercherò di rimuovere i due procambarus clarkii che sono spersi in giro per la vasca e escono solo di notte, ed effettuerò un grosso cambio d'acqua (30%) .

                            Commenta


                            Sto operando...
                            X