annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Infestazione alghe

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Infestazione alghe

    Salve a tutti,
    allora ho già scritto su questa sezione del forum e dopo un'epopea infinita sono riuscito a creare un ecosistema perfetto e stabile nel mio acquario da 70 litri(grazie soprattutto ai fondamentali consigli di cardisomacarnifex).
    Ora però il problema torna a ripresentarsi di nuovo, sempre nello stesso modo.
    ALGHE!
    Il 17 Settembre scorso sono partito per Londra dove sono stato per due mesi, e ho lasciato camaleonte e acquario ad una persona fidata (ma non esperta).
    Per il camaleonte è andato tutto alla grande, non posso dire lo stesso dell'acquario.
    Non mi dilungo troppo e vi dico solo la situazione ad oggi:
    • Il problema più grosso ora sono le alghe, filamentose, che invadono ogni pianta e oggetto in acquario.Addirittura si sono formate anche nel substrato.
    • L'acquario è un 70 litri netti, con filtro biologico interno.
    • Concimo con PMDD e con CO2 (con il CO2 Natural System della Askoll)
    • Ho ridato al rivenditore tutti i pesci per evitare concentrazioni elevate di nitriti e nitrati
    • Ho potato le piante che ora stanno iniziando a rispuntare più rigogliose di prima ma comunque avvolte dalle alghe.
    • Ho due neon da 18 W da 6500 e 4000 Kelvin
    • Ho cambiato l'acqua e ora ho comprato il toxivec della sera (da utilizzare previa vostra conferma).


    Le alghe non sono diminuite affatto anzi raddoppiate, quindi mi affido a voi e ai vostri preziosi consigli.
    Di seguito le foto:

    ImageShack® - Online Photo and Video Hosting

    ImageShack® - Online Photo and Video Hosting

    ImageShack® - Online Photo and Video Hosting

    ImageShack® - Online Photo and Video Hosting

    ImageShack® - Online Photo and Video Hosting

    ImageShack® - Online Photo and Video Hosting

    ImageShack® - Online Photo and Video Hosting

    ImageShack® - Online Photo and Video Hosting

    ImageShack® - Online Photo and Video Hosting

    ImageShack® - Online Photo and Video Hosting
    Ultima modifica di PublioAdriano; 02-12-2011, 16:53. Motivo: correzione immagini

  • #2
    Ciao, confermo trattarsi di alghe verdi filamentose dovute a gestione sbagliata durante la tua assenza. Ti do un consiglio: se vai via per una settimana, i pesci possono anche digiunare, o al massimo mangiare una sola volta, se vai via due settimane, i pesci possono mangiare una volta alla settimana, non muoiono. In questo modo eviti che persone inesperte si avvicinino all'acquario e diano troppo cibo, cosa sicuramente accaduta in questo caso.

    Rimedi:

    - Testi di nitrati e fosfati per capire a che livello siamo;

    - Sospensione totale di fertilizzazione;

    - Fotoperiodo a 8 ore giornaliere;

    - Eventuali cambi parziali (prima però farei i test);

    - T dell'acqua a 22 - 23°c (le piante crescono meglio e contrastano meglio le alghe).

    Per ora nessun prodotto particolare.

    Se già non li hai (dopo aver valutato i nitrati e i fosfati!) potresti mettere chiocciole e gamberetti algivori, aiutano.

    Commenta


    • #3
      Innanzitutto ti ringrazio per la risposta veloce e completa come sempre!
      Per il resto farò tutto ciò che mi hai detto.
      Ho una colonia di Planorbis sp. che da quando è iniziata l'infestazione sembra essere cresciuta in maniera esponenziale.
      Inoltre è sopravvissuta una C. japonica che sembra godere di ottima salute ed ha già mutato diverse volte.
      Per il resto mi chiedevo se riesco ad eliminare le alghe "biologicamente" poi dovrò levarle dalla vasca manualmente vero?
      Per il resto non posso far altro che seguire i tuoi consigli e ringraziarti di nuovo.

      Commenta


      • #4
        Di solito le alghe filamentose regrediscono piano piano decomponendosi in vasca, non è necessario mettersi a rimuoverle tutte manualmente. In base a quanti nitrati avrai, dovrai programmare cambi parziali piccoli ma molto frequenti, con acqua esente da nitrati. Anche inserire piante a crescita rapida come Elodea e Ceratophyllum (da rimuovere eventualmente a infestazione terminata) aiuta parecchio. Un solo gamberetto è praticamente inutile, servono almeno 6 esemplari per avere un valido aiuto; i gamberetti però sono sensibili ai nitrati, quindi se sono alti meglio non metterli, per ora. Come vedi tutto dipende dal livello attuale in acquario.

        Commenta


        • #5
          Ciao, test eseguito.
          Il negoziante dice che l'unica cosa che é fuori dalla norma, é uno spropositato livello di Kh.
          Per il resto tutto ottimale, qual é la prossima mossa?

          Commenta


          • #6
            SAi esattamente quali sono i valori? Se vediamo un po' di numeri possiamo capirci qualcosa.

            Commenta


            • #7
              I valori esatti non li so, perché ho mandato la mia ragazza che è più vicina, quello che ti ho scritto è tutto ciò che mi è stato riferito.
              Farò eseguire un' altro test io e mi farò dare le cifre esatte.
              P.s. Ma l'acqua va portata subito o rischia di subire dei cambiamenti se rimane nel contenitore per un po' (un giorno massimo)?

              Commenta


              • #8
                SArebbe meglio prenderla usando una bottiglia di vetro ben lavata senza detersivi, riempiendola fino all'orlo e sigillandola immediatamente col tappo. Poi prima la porti e meglio è, se la porti subito dopo il prelievo è il massimo.

                Commenta


                • #9
                  Per il KH ti conviene testare l'acqua d'osmosi che utilizzi, prima di metterla in vasca. Questo deve essere uguale a zero. Se il KH è troppo alto, un alcalinità eccessivsa è danosa per alcune specie di pesci. Se l'acqua d'osmosi te la fornisce il negoziante digli che ti fa un test della stessa al momento dell'acquisto oppure la testi a casa e prima di metterla in acquario, poichè il problema potrebbe essere la sua acqua. Per abbassare il KH ci sono diversi metodi fattibili e funzionali ma prima devi il motivo principale di un KH alto.

                  Commenta


                  • #10
                    Oltre a quello che ti ha detto cardisoma, tuto da fare, io farei un cambio consistente, tipo 25-30 litri, con pura acqua di osmosi, non è il massimo lo so, ma ho spesso notato che facendo così le alghe rallentano notevolmente chiaramente a causa della mancanza di nutrienti e poi col tempo quando le piante si riprendono allora tutto si riequilibra.
                    Altra cosa usa piante a crescita rapida, buona per me è anche la cabomba o le simili, che crescono a vista d'occhio.
                    www.ranitomeya.weebly.com

                    Commenta


                    • #11
                      Toglierei anche tutto il materiale calcare oltre ad un totale cambio d'acqua d'osmosi e ringorosamente con test equivalente a KH=0.

                      Commenta


                      • #12
                        totale cambio d'acqua d'osmosi
                        Spero non intenda pari a tutta la capacità dell'acquario .

                        Commenta


                        • #13
                          Allora, ancora non sono riuscito a far rifare i test.
                          Entro lunedì credo che ce la farò.
                          Per il discorso Kh probabilmente l'acqua che uso presuppongo ne sia ricca, pur facendola decantare e biocondizionandola e mi chiedo se sia un problema a favore delle alghe.
                          Poi una domanda probabilmente stupida ma di cui vorrei togliermi il dubbio:
                          ho letto che l'acqua che raccolgono i deumidificatori è distillata ma non potabile allora ingenuamente mi sono chiesto, è utilizzabile per l'acquario?

                          Commenta


                          • #14
                            a me per combattere le alghe mi è bastato, rimuoverle manualmente e inserire un paio di neritine che hanno contribuito a debellarle definitivamente.

                            Commenta


                            • #15
                              ho letto che l'acqua che raccolgono i deumidificatori è distillata ma non potabile allora ingenuamente mi sono chiesto, è utilizzabile per l'acquario?
                              Dipende se entra in contatto per esempo con metalli, io nel dubbio eviterei.

                              Commenta


                              Sto operando...
                              X