annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Letargo delle rane esculente in natura. ...

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Letargo delle rane esculente in natura. ...

    Ho una curiosità, che mi piacerebbe mi soddisfaceste.

    Le rane esculente, d'inverno potendo scegliere di passare il letargo sott'acqua oppure tra sassi, foglie e cespugli.
    Cioè al bagnato o all'asciutto. Cosa scelgono ?

    Grazie!

  • #2
    ASciutto. Sotto sassi, cortecce o foglie.

    Commenta


    • #3
      certamente penso tu intenda "asciutto" non nel vero senso della parola: in prossimità dei corsi d'acqua infatti, il terreno bene o male è sempre umido!

      Commenta


      • #4
        Le Rane verdi le puoi trovare anche a centinaia di metri di distanza dai corsi d'acqua, sia durante la stagione attiva sia durante l'ibernazione. Sono animali insospettabilmente mobili, soprattutto da giovani quando vanno a colonizzare nuovi habitat favorevoli. Qualunque ceppaia o pietraia o corteccia in un ambiente naturale copre uno strato di terreno che si mantiene umido e favorevole per le Rane verdi, non necessariamente adiacente a corsi d'acqua.

        Commenta


        • #5
          hai ragione, non intendevo dire che non si spostano, mi riferivo proprio al fatto che soprattutto in inverno, è difficile trovare il terreno completamente asciutto, sia in prossimità che lontano dai corsi d'acqua .

          Commenta


          • #6
            Da tre anni ho 12 rane esculente libere, ma in un luogo cirsoscritto da mura. (vedi foto) Stanno molto bene, sono grassissime (vedi foto) ed è già il secondo anno che proliferano (vedi foto). Dalla fine di Settembre erano sparite tutte in letargo non so dove, è pieno di buchi e ripari. Poi 3 si sono risvegliate. Ora una è ancora li che gira. Temo che muoia perchè non credo che adesso trovi da mangiare. Cosa posso fare ? La temperatura si aggira dai 17 ai 15 gradi, l'acqua a 18/19 .

            Grazie!
            Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   DSCN1281.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 102.5 KB 
ID: 2010210 Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   DSCN9939.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 97.4 KB 
ID: 2010211

            Commenta


            • #7
              Lasciala stare, troverà un riparo da sola

              Commenta


              • #8
                Sono d accordo. L istinto la guidera

                Commenta


                • #9
                  E poi 15-17 e 18-19 gradi secondo me non sono ancora pochi. Ieri in campagna verso le 6:00 si gelava e nonostante ciò ho visto almeno 4-5 Pelophylax (ex Rana, guardare per credere) belle attive mentre ho notato che i bufonidi (Bufo balearicus in foto) si erano già rintanati.
                  Un'ultima cosa: non c'è motivo di preoccuparsi, in natura sopravvivono egregiamente con quel poco che accumulano durante le belle stagioni, le tue "cicciose" non hanno alcun problema a farlo.
                  Lascia che la natura faccia il suo corso.
                  Bufo balearicus rintanato:

                  Pelophylax che scorrazzavano nel canale:

                  Commenta


                  • #10
                    Grazie molte! Mi avete rincuorato.

                    Commenta


                    • #11
                      ragazzi, non dimentichiamoci che stiamo parlando di Anfibi, non hanno problemi di temperatura come i Rettili, li puoi trovare attivi a 15 gradi, come a 5 per alcune specie, hanno davvero mille risorse .

                      Commenta


                      • #12
                        Dal momento che dal punto di vista legale non potresti detenere quelle rane, e dal momento che qualunque forma di "allevamento" delle Rane verdi non è consentita dalla legge a meno che non venga rilasciata una precisa autorizzazione, tu non devi fare assolutamente nulla. Questi animali sono originari del nostro territorio e si sono evoluti nel nostro clima, sono perfettamente in grado di adattarsi ai naturali sbalzi di temperatura che avvengono in questa stagione. Se poi qualche esemplare, magari non robusto o con qualche problema, dovesse morire, pace: è la selezione naturale, evidentemente. Sopravviveranno quelli più forti e geneticamente più adattabili.

                        Commenta


                        Sto operando...
                        X