annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Dubbi sul problema ristagno

Comprimi
Questa discussione è chiusa.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Dubbi sul problema ristagno

    Buongiorno a tutti! Sono un utente nuovo di questo forum, ma vi seguo da molto tempo. Vi espongo il mio dubbio: ho trasformato il mio vecchio acquario (lunghezza 80cm, altezza 40 cm e larghezza 30 cm) in un paludario perché ho intenzione di ospitare 3-4 anuri del genere "Bombina Orientalis". Leggendo vari post sono venuto a conoscenza che un acquario non va bene per ospitare anuri a causa del forte ristagno di anidrite carbonica. Vi spiego come ho arredato il paludario: ghiaia spessa 5-6 mm che in un lato del paludario forma una specie di spiaggetta (la parte asciutta del paludario, 1/5 del tutto), piccoli tronchi che fuoriescono dall'acqua, acqua alta circa 7 cm, 5 piantine di cui non conosco la specie purtroppo e che sono di un bel verde acceso e giallo con foglie larghe, semi immerse in acqua. Ho aggiunto un piccolo filtro, e siccome prima era un acquario avevo a disposizione un ossigenatore e un termoriscaldatore, con il primo ho creato il tipico effetto "bolle" che fuoriescono dall'acqua e con il secondo ho settato la temperatura a 24°. Tre giorni fa ho aggiunto all'acqua il biocondizionatore per rendere ottimali i valori della stessa. L'ex acquario ha un coperchio con neon e 3 piccoli "buchi" (praticamente quelli usati per far uscire i cavi del filtro e degli altri accessori). La mattina trovo i vetri letteralmente offuscati da tutta l'umidità che le piante causano. Devo aggiungere che il paludario che ho fatto, per ora, è incompleto perché ho intenzione di aggiungere piante galleggianti del genere "Lemna Minor" e di fare altri piccoli ritocchi.

    Arrivo alle domande:
    Ho creato un ambiente adatto per le Bombine?
    Come posso sconfiggere l'evento letale chiamato "ristagno"?

    A breve aggiungerò delle foto per farvi vedere come ho realizzato il tutto, anche se credo che la mia descrizione sia stata abbastanza completa.

    Ah dimenticavo! Spesso leggo le ottime risposte che fornisce "Nausea"... Volevo porgli una domanda: ma quanti animali ha?

    Saluti e grazie in anticipo per le vostre risposte
    Ultima modifica di Ivano; 09-10-2008, 13:50.

  • #2
    Puoi togliere il riscaldatore che per questa specie non serve. L'ideale per evitare davvero il ristagno di CO2 sarebbe quello di avere un coperchio interamente in rete...ovviamente se l'acquario ha già un suo coperchio che non è possibile rimuovere puoi provare a lasciare aperte le aperture e posizionare su di esse una rete metallica che aderisca perfettamente in modo da non lasciare la minima via di fuga.

    Commenta


    • #3
      Avevo pensato che al posto delle Bombina prenderò dei tritoni del genere "Cynops Orientalis", penso un gruppetto di 4 esemplari. Quindi posso combattere l'evento del ristagno semplicemente tenendo il coperchio alzato? ... In fondo non male come idea... Bhé è sicuro che i Cynops non fuggono...

      Commenta


      • #4
        Eh, purtroppo devo contraddirti...i Cynops oltre che cagionevoli (come puoi leggere cercando sul forum) evadono facilmente...per gli anfibi devi sempre prevedere una vasca ben chiusa ma che permetta il ricambio d'aria.

        Commenta


        • #5
          Praticamente possono scappare solamente arrampicandosi sulle lastre dell'acquario... Ma è possibile? Non ci sono modi oltre questo che possano scappare... Le piante sono bassissime il vetro alto 40 cm e se vogliamo contare il coperchio arriviamo a 45 cm in tutto... Non credo sia possibile una fuga... Illuminami...

          Commenta


          • #6
            Ah dimenticavo... Quindi sono animali che si ammalano facilmente i Cynops? Me li sconsigli quindi per iniziare?
            Avevo anche pensato a delle "Xenopus laevis", queste penso siano le migliori per iniziare ed è sicuro che non scappano visto che è una specie esclusivamente acquatica (fonte AmiciInsoliti).
            Ultima modifica di Ivano; 09-10-2008, 23:16.

            Commenta


            • #7
              guarda che se tieni acceso l'ossigenatore a bolle e vai a pescare l'aria da fuori il paludario dovresti risolvere il problema del ristagno: si genera un'impercettibile corrente d'aria utile per lo meno ad eliminare la CO2.
              Non credo che basti però ad eliminare la condensa d'acqua: innanzitutto via il riscaldatore, che aumenta il fenomeno dell'evaporazione; poi le piante lasciale, perchè più che produrre umidità direi che la trattengono evitando che si depositi sulle pareti.
              Una cosa che mi è tornata utile a risolvere il problema condensa è stato il muschio: se tu riuscissi ad ottenere una zona emersa e asciutta ricoperta di muschio anzichè di ghiaia otterresti degli ottimi risultati. Il muschio non ha radici, quindi assorbe l'umidità direttamente dall'aria atmosferica. Funziona da "tampone": assorbe l'acqua in eccesso e funziona da riserva idrica in caso tu dovessi accendere una lampada (che spesso tende a seccare parecchio l'aria) per qualche ora al giorno.

              P.S.per i primi giorni, appena li hai portati a casa, cynops o bombine che siano, le proveranno tutte per fuggire (un mio rospetto è riuscito ad impilare un legno sopra a un sasso pur di arrivare al coperchio)

              Commenta


              • #8
                Grazie per la risposta Satiro!
                Ieri ho preso due esemplari di Xenopus Laevis, sono davvero anuri affascinanti e davvero dei gran mangioni! Le sto nutrendo una volta al giorno con delle larve di Chironomus essiccate, e sembra gradiscano moltissimo! Una è grande sui 2 cm, l'altra credo sui 3,5 cm... Un po troppo piccole a mio parere, ma vivacissime...
                Mi è venuto un dubbio però: credo che la luce del neon sotto il coperchio del paludario sia troppo forte per queste rane, tutto il giorno lo passano scattando da un tronco sommerso ad un altro, oppure sotto le foglie delle piante che ho installato. Appena spengo la luce si attivano alla grande! Vanno alla ricerca di cibo, insomma sono molto più attive... Avevo pensato che fosse troppo forte il neon... Mi sbaglio?

                Commenta


                • #9
                  secondo me può essere ma non ne sono sicuro perchè anche io ho un neon ma la mia bestiola è attiva sia quando il neon è acceso sia quando e spento...comunque riguardo al discorso evasione le mie sono riuscite a evadere e una ci è rimasta secca e l'altra si è salvata

                  Commenta


                  Sto operando...
                  X