annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Ferplast Explora 60

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Ferplast Explora 60

    Salve a tutti.

    Complimenti agli addetti per l’ottimo sito, il cui forum è formato anche da iscritti che ritengo qualificati e competenti.
    Da ospite a utente con questo mio primo messaggio. Oltre l’acquariofilia, nessuna esperienza in campo.

    Chiedo pregi e difetti secondo i singoli punti di vista di un terrario che dovrebbe essere dedicato al genere Dendrobates.

    La vasca, con doppia antina scorrevole è dotata di manopole e di una serratura di sicurezza.


    (L'allestimento qui riportato è indicativo per le vasche di serie e non è compreso)

    Dimensioni 62,5 x 34,5 x 46 cm di altezza
    Volume 100 litri
    Spessore vetro 4 mm
    Bordo frontale 7 cm
    Serratura in plastica
    Predisposizione per 1 “spot cover”
    Griglie di ventilazione nella parte frontale bassa e nel tetto nella zona posteriore

    La parte superiore verrebbe personalizzata con l'applicazione di una plafoniera che può alloggiare 2 lampade fluorescenti tipo T8 da 15W, e come sopra accennato un'apposito spazio per lampade riscaldanti di tipo Spot (in questo specifico caso verrebbe inserita una lampada con luce fitostimolante - e dovuta protezione - completando lo spettro cromatico in un sistema di illuminazione).



    Dimensioni: 50 x 21 x 7 cm
    Potenza lampade 2 x 15 Watt

    (Con pochi ritocchi alla linea elettrica e il semplice utilizzo di timer si può ottenere un piacevole - anche per gli ospiti del terrario - effetto alba/tramonto.

    Alba: 1° luce blu, 2° prima luce chiara, 3° seconda luce chiara; tramonto: fase contraria.

    Inoltre, verrebbero applicati uno o due nebulizzatori e studiato un metodo possibilmente pratico per eliminare l'acqua in eccesso da questi ultimi causata.)


    Grazie.

  • #2
    Il primo che mi viene in mente, avendo visto pero' il terrario solo allo Zoomarkt, e' che aveva griglie con fori molto grandi da cui microgrilli e drosofila potrebbero facilmente uscire
    Attualmente allevo:Cordylus beraduccii, Cordylus tropidosternum,Ouroborus cataphractus, Xenosaurus platyceps, Platysaurus imperator, Tiliqua gigas gigas, Tiliqua gigas keyensis, Tiliqua Irian Jaya, Celestus warreni, Egernia frerei, Hemispheriodon gerrardii, Ctenosaura defensor, Lepidophyma flavimaculatum,Geoemyda spengleri
    Contro la stupidita' gli stessi dei lottano invano
    un po' di foto https://www.facebook.com/marconyse/photos_albums

    Commenta


    • #3
      a me sembra mooolto basso il pezzo frontale in verticale,per capire quello che sostiene la presa d'aria ,devi considerare 6 o 7 cm di argilla espansa per non far entrare in contatto gli animali con l'acqua stagnate del fondo e poi manca il foro di scolo
      [URL="http://www.ranitomeya.weebly.com"]www.ranitomeya.weebly.com[/URL]
      Felice come un girino di pumilio quando vede il culo della madre

      Commenta


      • #4
        Esteticamente anche bellino, funzionalmente un po meno.
        Allora: il fatto che abbia una chiusura di sicurezza presupone che i due vetri scorrevoli non siano proprio così vicini e quindi le drosofile ci escono.
        Poi manca il foro si scolo, decisamente molto utile, e le prese d'aria frontali io non le vedo.
        Per l'impianto luci è decisamente ottimo, anche se spot per le temperature non sono da usare, dato che seccano l'aria e tutti quei neon forse sono anche troppi per bestie che vivono sotto 40 metri di foresta.
        Direi che non è il massimo per le dendrobates, anche se un terrario perfetto per loro non si trova facilmente, ma se il prezzo è buono potrebbe andare, altrimenti aspetta le fiere che ti aiutiamo a scegliere al meglio e a costi contenuti.
        www.ranitomeya.weebly.com

        Commenta


        • #5
          ma...hai visto il prezzo???

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da andreagecko Visualizza il messaggio
            ma...hai visto il prezzo???
            Acc... mi hanno fatto un regalo senza badare a spese...


            Originariamente inviato da pashetti Visualizza il messaggio
            a me sembra mooolto basso il pezzo frontale in verticale,per capire quello che sostiene la presa d'aria ,devi considerare 6 o 7 cm di argilla espansa per non far entrare in contatto gli animali con l'acqua stagnate del fondo
            Hum. Le immagini sopra postate sono generalizzate ed effettivamente non evidenziano bene le caratteristiche: provo a scendere nei particolari.


            Il bordo frontale è concepito per il contenimento del fondo sabbioso garantendo inoltre la tenuta stagna in caso di allestimenti pluviali. Come osservato risulta appunto alto 7 cm.



            Originariamente inviato da diegodx Visualizza il messaggio
            Allora: il fatto che abbia una chiusura di sicurezza presupone che i due vetri scorrevoli non siano proprio così vicini e quindi le drosofile ci escono.
            Originariamente inviato da marconyse Visualizza il messaggio
            Il primo che mi viene in mente, avendo visto pero' il terrario solo allo Zoomarkt, e' che aveva griglie con fori molto grandi da cui microgrilli e drosofila potrebbero facilmente uscire
            Le antine scorrevoli sono dotate di una chiusura di sicurezza nascosta all’interno della guida inferiore delle porte, cioè il fermo non si antepone tra vetro e vetro, altrimenti rendendo un “lasco” tra le intercapedini che potrebbe essere motivo di facile fuga non solo per le drosofile.
            Tutte le aperture presenti hanno comunque larghezza inferiore a 3 mm. … (ma forse ancora troppo per minuscoli insetti. Zanzariera?). La figura sopra riportata e quella sotto rendono abbastanza sulle proporzioni.
            Nel dettaglio:


            Originariamente inviato da diegodx Visualizza il messaggio
            e le prese d'aria frontali io non le vedo.
            Per la corretta circolazione dell’aria nel terrario è stato progettato un sistema che ne permette l’ingresso sia attraverso le griglie frontali sia dalla base del terrario stesso (oltreché, ovviamente, nella parete superiore, visibili nell'immagine del post di apertura).


            Come è evidente, i piedini sollevando la base dal piano di appoggio, permettono un corretto ricircolo dell’aria sotto al terrario (oltre la possibilità di applicare sotto al vetro del fondo i più comuni tappeti riscaldanti per generi allevati che richiedono queste esigenze).

            Originariamente inviato da diegodx Visualizza il messaggio
            spot per le temperature non sono da usare, dato che seccano l'aria e tutti quei neon forse sono anche troppi per bestie che vivono sotto 40 metri di foresta.
            Buona la seconda: Niente spot!
            Se l'illuminazione risulta pure eccessiva, allora diviene facile "unire l'utile al dilettevole", montando la semplice plafoniera a due neon con una luce chiara unitamente ad una fitostimolante, con gli accorgimenti alba/tramonto soprariportati.

            Però - non capisco - mi pare di intuire "leggendo qua e la" , di una non certo poca economia ricercata in fatto di luci per la tipica vegetazione delle foreste pluviali americane, esigente di luce, dove crescendo rigogliosa, offre scenari umido/ombrosi ai sottostanti abitanti, tra cui gli anfibi in questione.

            Ecco il sunto di quanto intendo, preso da una frase in questo forum, in riferimento ad un terrario dedicato proprio alle denominate "rane freccia":
            "ti consoglio dei buoni spruzzatori per avere un'umidità ottima, e un altro paio di neon (anche in esterno) cosi le piante vanno a palla!"

            Domando: senza rendere uno scenario da jungla impenetrabile dove le piccole rane, alla meglio, non sarbbero più indiscusse protagoniste, è possibile agire come sopra descritto, ovvero cercare di allevare una vegetazione vigorosa con abbondante luce, avendo cura di offrire un "sottobosco" ombroso? Oppure come è possibile conciliare due esigenze (forse diverse) tra il bisogno di ombra delle rane e di forte luce delle piante?

            Per rendere più chiaro il mio intendimento di armonia tra luce e ombra, propongo come esempio, questa immagine di paludario tratta da web:



            Riguardo al "foro di scolo" ho pensato ad una soluzione tra le più gettonate: il passavetro:



            Infine, con il mobile opzionale :


            (arredamento vasca non compreso)


            Resto in attesa di consensi o costruttive bocciature.

            Grazie a tutti per le cortesi quanto utili risposte.
            Ultima modifica di Prince; 29-08-2008, 01:20.

            Commenta


            • #7
              Ok, puo andare, unica cosa credo sia essenziale un impianto di nebulizzazione, far farti un'idea guarda quello di Dendrobatesitalia, for di scolo OK, e pure ricircolo d'aria.
              Per le luci dipende tutto da che piante intendi inserirci, si puo andare da pochissimo a un sacco di luce in base alle esigenze di queste.
              www.ranitomeya.weebly.com

              Commenta


              • #8
                Ciao Prince, parlando per esperienza personale posso dirti che ho lavorato con questo tipo di terrario, e devo dire che le drsophile se ne scappano alla grande. Tornando all'acquario vicino a casa dove lavoravo ho notato che hanno messo della lana di perlon (quella che si usa per i filtri negl acquari) nelle griglie diciamo tra i vetri scorrevoli e l'interno del terrario, non so dirti però quanto si riduce l'ingresso dell'aria. Esteticamente rimane comunque un bel terrario ciao

                Commenta


                • #9
                  diegodix, confermi le mie intenzioni. Pensavo a "Impianto Gold".

                  Come tipologia ambientale prendo esempio dall'allestimento del terrario sopra proposto nel mio ultimo post prima di questo, riferendomi alla luce.

                  Così facendo, può essere sufficente un solo nebulizzatore?
                  Vero che dipende dalle piante interne che non fungano da ostacolo, ma non avendo nessuna esperienza con questi oggetti, per farmene un'idea: uno di questi in condizioni normali, ha un getto che arriva da un estremo all'altro del terrario in oggetto, in tutte le sue dimensioni? E ancora: l'acqua di pescaggio (ho l'opportunità di usufruire di acqua RO normalmente utilizzata per il "barriera" ormai avviato) deriva da un ulteriore contenitore esterno? (Quindi dovrei organizzarmi). Allora: di quanti litri a parte abbisogna ogni impianto?

                  Il resto, se non ho capito male funziona possibilitando di regolare numero e tempi di nebulizzazioni. Credo 3 - 4 volte al giorno per una durata di .... (? secondi) dovrebbero bastare.


                  Zack92, mi sveli un incubo!

                  Credo diverrà necessario completare le griglie di aereazione con dei "pannelli" tipo zanzariera.

                  Per quanto riguarda l'intercapedine tra vetro e vetro, se necessario, applicherò una "riga" dello stesso materiale fissata "allo spessore interno laterale della parete movibile", a sinistra stando difronte (che funga da ostacolo anche ad eventuali candidati evasori della misura delle droso), che andrà a "pettinare" la parete adiacente fissa, in apertura e chiusura . Impercettibile, ma anche se perderò un po' in estetica: meglio che perdere il contenuto....

                  Che dite: può andare?

                  Commenta


                  • #10
                    Dico la verità, se fai il foro di scolo come hai gia scritto qualche post più in alto e lo rendi a prova di evasione per me va bene, come ultimo consiglio posso solo dirti che nel caso la temperatura quest'inverno ti dovesse scendere troppo, riduci le griglie di uscita dell'aria perchè mi par di ricordare che siano un pò larghine, ma per me è ok! Ciao

                    Commenta


                    Sto operando...
                    X