annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Acquisti vari da Terrarientechnik

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Acquisti vari da Terrarientechnik

    Ciao,
    come sapete, ho alcune Dendroabtes auratus che aspettano in un fauna box, che arrivi il momento di trasferirsi in un vero Terrario come si deve. Mi mancano solo pochi "ingredienti" che non ho trovato alla fiera di Perugia, l'Esotika, e pensavo di comprarili da Terrarientechnik:

    Per quanto riguarda la costruzione in poliuretano, vernice etc, pensavo di acquistare E.N.T. Terrarientechnik - Terrarien Design Set TDS ma volevo essere sicuro di quello che acquisto. Nel kit c' il colorante, ma non ho ben capito cosa siano Elastopur e Rockoflex. Nel sito, non ho trovato ulteriori spiegazioni, qualcuno li conosce questi prodotti?

    Radici e piante le ho gi, ma volevo aggiungere il famoso xaxim, che in teoria, alla giusta temperatura e umidit dovrebbe ricoprire le pareti del terrario di un pratino verde. Nel sito della Terrarientechnik ho trovato questo, chiamato "fern root" ...che immagino sia un sinonimo di xaxim, cos?

    Un'ultima cosa, visto che vorrei creare sul fondo del terrario una vera zolla di terra, qualcuno ha dei consigli da darmi, su come fare i diversi strati? So solo(e spero sia giusto) che la perlite andrebbe usata come base, perch assorbe bene l'umidit...
    Preciso che il mio terrario 70x50 di base e che non ha fori di scolo sul fondo, quindi vorrei evitare che si inzuppasse troppo la terra.


    Grazie mille.
    Fabio

    P.S. A costo di sembrare noioso, volevo ancora scusarmi per il mio atteggiamento antipatico del post "emergenza drosophila..help needed" ...spero che sia ormai acqua passata...

  • #2
    I prodotti che citavi dovrebbero essere dei materiali per ricoprire il poliuretano e il polistirolo in modo da isolarli: su a nord usano molto creare i classici terrari con cascatelle e simili, quindi quei prodotti mi pare rendano impermeabile il tutto. Se hai il numero di Reptilia con l'articolo sulle Dendrobates, dovrebbe esserci un paragrafo sulla costruzione del terrario ad opera proprio del titolare di ENT.
    Lo Xaxim un materiale ottenuto dagli stipiti delle felci arboree, si trova in tavolette come in tronchetti o anche in "polvere" per appiccicarlo sulle costruzioni di poliuretano e simili, quindi dovrebbe essere quello che indicavi.
    Per il fondo ci sono diverse scuole di pensiero: alcuni usano solo torba, altri argilla per idrocultura coperta da un po' di torba e muschi, altri sfagno vivo o secco, dipende un po' da come devi strutturare il fondo. Se nel terrario hai il foro di scolo dell'acqua delle nebulizzazioni, forse un po' di argilla espansa come primo strato pi indicata per favorire il drenaggio. Se non hai il foro di scolo l'argilla pu comunque assorbire l'acqua in eccesso che poi pu essere tolta con l'ausilio di un tubicino aspirandola via occasionalmente.

    Commenta


    • #3
      Ciao,
      si l'articolo l'ho letto, e a dir la verit, avendolo letto un mese e pi fa, mi ero dimenticato che i prodotti usati erano proprio Elastopur e Rockoflex...

      Nell'articolo con le foto numerate, al numero 12 si parla del Rockoflex, che va mischiato con acqua e spalmato poi su polistirolo e PU(poliuretano), come primo isolamento,....al numero 14, spiega come dare il secondo strato impermeabilizzante, con l'Elastopur(+pigmento) e poi di cospargere con torba (va seccata o anche se umidiccia va bene?)....ecco questa una cosa che non ho ben capito, se sia necessaria, o solo per un fatto estetico.

      Qui nel forum c' qualcuno che li ha mai comprati?
      Anche su altri siti olandesi e inglesi, vedo che vendono i prodotti della ENT, quindi sono sicuramente ottimi.

      Per il fondo potrei anche usare lo sfagno morto, quello venduto in blocchetti compressi. Se non ricordo male, mi sembra di aver letto che lo sfagno si decompone lentamente, forse per quello venduto trattato in qualche modo...
      L'argilla per idrocultura, la stessa argilla espansa che si trova facilmente nei vivai, giusto?

      Grazie.
      Fabio

      Commenta


      • #4
        La torba meglio cospargerla asciutta,io non ho ancora provato i prodotti che citavi ma ho usato un metodo "alternativo" per ricoprire il poliuretano, ovvero cospargerlo di silicone e torba. In linea di massima credo che la procedura possa essere la medesima: sul prodotto ancora umido spargi la torba e successivamente puoi fare qualche rifinitura laddove l'adesione non sia stata perfetta.Diciamo che oltre ad essere interessante dal punto di vista estetico, sotto una forte illuminazione ( tipo lampade "PL") queste costruzioni di poliuretano o polistirolo ricoperte di collante e torba o xaxim, tendono a coprirsi di un manto di muschi ed epatiche. Sono anche degli ottimi supporti per vegetali, quali felci epifite, orchidee, piccole bromelie e rampicanti vari. Se osservi il classico terrario "rainforest" tedesco o olandese vedrai che in genere concepito in questo modo.
        Lo Sfagno una buona soluzione, in quanto inibisce i fenomeni di proliferazione batterica, cosa che alle Dendrobates non pu che giovare. Io ho usato spesso, anche per piccoli terrari da quarantena, le mattonelle di Sfagno pressato e non ho riscontrato alcun problema, quindi desumo che non siano trattate con schifezze varie. Una mattonella immersa in acqua aumenta molto di volume dopo breve tempo, quindi appena i talli dello Sfagno si "rigonfiano" puoi utilizzarli per il tuo scopo.

        Commenta


        • #5
          ciao da villaco.

          ce cosa pensate di questo modo, costa poco eh si serve solo torbo, aqua eh "latex bindemittel",
          un litro costa ca 4 euro eh basta per 5 litri torba.



          [[img=http://img510.imageshack.us/img510/2456/bildlatexzr9.th.jpg]

          [img=http://img159.imageshack.us/img159/9118/bildlatex2zg7.th.jpg]

          salve ed
          Ultima modifica di edfrog; 26-01-2009, 18:00.

          Commenta


          • #6
            ...grazie aroon per i consigli...meno male che all'Esotika ho fatto le scorte di sfagno!
            Ho fatto l'ordine da ENT e in teoria, sabato dovrebbe essere gi arrivato tutto, intendo Rockoflex e Elastopur...anche se mi sorto un nuovo dubbio, anzi due dubbi.

            Ho comprato il terrario in vetro tutto chiuso, gi costruito e saldato con silicone. Il problema che ho ora fare uno o al massimo due buchetti per far passare i cavi della pompa e riscaldatore(ruscello) e il tubo per l'impianto di nebulizzazione.
            Ora, smontare il soffitto del terrario, speravo di no. Il vetro di spessore mm , ma non ho idea se sia temperato o no. Altra idea(forse peggio) fare un buco nella griglia di areazione(credo sia in alluminio), che divide il soffitto in due lastre.
            Consigli?

            Nell'articolo del numero 20 di Reptilia, sulla costruzione di un terrario per Dendrobates, si parla, proprio all'inizio (Fase 2) di un "...materiale non solvente per vetro, disponibile in centri di forniture per costruzioni. L'indurimento richiede sette ore." che serve per sporcare i vetri interni del terrario, in modo che il poliuretano e il silicone si attacchino meglio. Questa sostanza rossa(vedi foto) e sembra una polvere che rende ruvido il vetro liscio...la cosa strana che ci mette 7 ore per indurire, si usa nell'edilizia...Cosa sar mai?

            Grazie mille!!
            Fabio

            Commenta


            • #7
              ho anch'io il numero di reptilia e ti giuro che quel coso non l'ho mai usato ma il poliuretano si sempre attaccato benissimo ai vetri
              [URL="http://www.ranitomeya.weebly.com"]www.ranitomeya.weebly.com[/URL]
              Felice come un girino di pumilio quando vede il culo della madre

              Commenta


              • #8
                Sicuramente meglio bucare la griglia di areazione e coprire poi i cavi con qualche materiale esteticamente pi bello.

                Commenta


                • #9
                  Ciao,
                  grazie per i consigli...mi arrivato l'ordine da ENT ed tutto perfetto, ora ho preso i vetri per fare la camera con la pompa e il riscaldatore per la cascatella...l'unico problema rimasto fare il buco per i cavi elettrici...come diceva silvano meglio se buco la griglia...anche perch per il vetro, a me no che non lo togli non riescono a fare un buchetto di 3cm di diametro....spero di postare al pi presto foto del lavoro in corso...

                  Fabio

                  Commenta


                  • #10
                    ....mi sono ricordato proprio ora una domanda che da tempo mi sto facendo senza sentirmi troppo sicuro della risposta. Sempre basandomi sulla costruzione passo passo di un terrario con Rockoflex e Elastopur della Ent, pubblicato al numero 20 di Reptilia...ora mi spiego.

                    Come stavo dicendo sopra, devo costruire una cascatella(mi sto muovendo esattamente come spiega l'articolo) con pompa, riscaldatore separati da una cabina in vetro(foto 1)....il dubbio questo, come si vede dalle foto in successione, ma in particolare nella foto 24, l'acqua del laghetto a contatto con la superficie di polistirolo/poliuretano ricoperta da Rockoflex ed Elastopur....il tutto non pu essere pericoloso? Lo so che l'hanno progettato gli allevatori pionieri di ENT...ma ho comunque il dubbio che a lungo andare qualcosa si possa sciogliere(Elastopur) nell'acqua e mettere in pericolo la salute delle ranocchie....

                    Purtroppo per non ho molte alternative...accetto consigli...

                    Commenta


                    • #11
                      Be non credo ci siano problemi anche se io non gli ho mai sperimentati per sono sistemi gia collaudati da ditte specializate come e.n.t. e non poco, ti consiglio invece di studiarti bene un sistema per sostituire con facilit l'acqua visto che i cambi dovranno essere frequenti,buon lavoro.

                      Commenta


                      • #12
                        ...pensavo che con una pompa con il filtro, potesse andar bene cambiare l'acqua ogni mesetto...tra l'altro, ho trovato una pompa con due camere dove metter lana di perlon e cannolicchi, gli stessi materiali usati per l'acquaristica...se avessi solo una semplice pompa, s dovrei cambiare l'acqua molto spesso.
                        Questo il modello che ho:
                        http://aquarium.trufanov.com/wp-cont.../03/hj_511.jpg ... lungo 15cm

                        Aggiungo una domanda, c' qualcuno che usa ventolina/e da computer per creare maggior circolo d'aria nei terrari delle Dendro?

                        Fabio

                        Commenta


                        Sto operando...
                        X