annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

La Temperatura all' interno del Terrario

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • La Temperatura all' interno del Terrario

    Dopo varie ma non ancora sufficienti informazioni requisite sia in questo forum, che su siti specializzati che su testi dedicati, ho notato che per quanto riguarda la temperatura presente nei nostri terrari, è gradito seguire i seguenti consigli:
    1. Formare all' interno della teca 2 diverse zone di temperartura
    2. Creare un ciclo notte - giorno con l'impostazione di differenti temperature.
    3. Creare addirittura un ciclo annuale di temperatura, differente nelle 4 stagioni.

    Potreste aiutarmi a comprendere il "meccanismo" necessario a formare tali cicli?

    Distinti Saluti
    Fabio da Rimini

  • #2
    Dopo varie ma non ancora sufficienti informazioni requisite sia in questo forum, che su siti specializzati che su testi dedicati
    Prima di tutto ricordati che si tratta di un hobby non di un incubo... sono certo che puoi trovare tutte le informazioni che vuoi in rete.
    Allora devi prima decidere che specie vuoi allevare,una volta deciso studiati la provenienza e l'habitat da cui vengono a questo punto dovresti avere le temperature .
    In terrario puoi regolare la temperatura con un cavetto o con un tappetino collegati a un termostato, ci sono termostati (anche quello che usi a casa) che ti permottono di impostare temperature diverse nell'arco della giornata.

    Avere zone con temperature diverse all'interno del terrario non è poi cosi indispensabile per le dendro ma, se hai un terrario molto alto ti si creerà comunque una differenza di temperatura tra la parte alta e quella bassa (probabilmente non più di 1/2 grado.

    Commenta


    • #3
      Non voglio assolutamente sia un tormento, ma vorrei creare l'ambiente ideale alle mia prossime dendrobates auratus ( specie consigliata a me, neofita, da paolo e haunter ) l'ambiente ideale alla loro salute, e magari alla loro riproduzione.

      Se devo fare qualcosa, voglio farla con tutti i crismi possibili.

      Puoi immaginare che l'acquisto della teca e il suo allestimento è programmato per ottobre 2005.

      Mi piace essere informato, prima di fare un passo.

      Ho già 2 cani e so cosa significa allevarli con amore.

      Il cavetto va quindi sistemato su tutta la superficie inferiore del terrario senza lasciare zone "fresche"?

      Ciao Fabio

      Commenta


      • #4
        Ho già 2 cani e so cosa significa allevarli con amore.
        un pelo diverso...
        Il cavetto va quindi sistemato su tutta la superficie inferiore del terrario senza lasciare zone "fresche"?
        io ti ripeto non lo metto sotto l'acqua e sotto le piante le cui radici toccano il fondo...

        Commenta


        • #5
          Chiaro Haunter,
          ma ho letto su un libro che comunque all'interno del terrario bisogna comunque creare 2 temperature diverse, con uno sbalzo termico di circa 2 - 3 gradi, per dare la possibilità all'ospite di poter scegliere la zona a lui più gradita.

          Per quanto riguarda il ciclo annuale delle stagioni con la relativa diversità di temperarura ho sempre letto che favorisce l'accoppiamento e la salute degli animali nella teca. E' vero?

          Ciao fabio

          Commenta


          • #6
            era un libro specifico di dendro?
            lo sbalzo lo ottieni sempre e comunque-la zona piu alta e' sempre piu calda della fredda
            Per quanto riguarda il ciclo annuale delle stagioni con la relativa diversità di temperarura ho sempre letto che favorisce l'accoppiamento e la salute degli animali nella teca. E' vero?
            si e' vero per alcune specie..per molte basta diminuire l umidita'.ma in costa rica non c'e grande escursione annuale se non ricordo male

            Commenta


            • #7
              comunque-la zona piu alta e' sempre piu calda della fredda
              Ehm, forse volevi dire di quella più bassa?....

              Commenta


              • #8
                buras...ballo dalle 7 di stamattna e ho i piedi in un bagno di ghiaccio
                chiedo venia

                -.-'

                Commenta


                • #9
                  Venia concessa, ma attento a non sbagliare di nuovo altrimenti ti mando da Maria de Filippi!

                  Commenta


                  • #10
                    Non era un libro sulle dendro, ma uno sui vari tipi di terrari.

                    Commenta


                    • #11
                      "Il clima del Costa Rica è tropicale nelle regioni costiere, dove si registra una media stagionale della temperatura di 31,7 °C, e temperato nell'entroterra dove la media annua è di 16,7 °C. La stagione delle piogge si verifica nel periodo compreso tra aprile e dicembre."
                      La sua posizione geografica (tra gli 8° e gli 11° di latitudine nord), da' al Costa Rica un clima caldo e umido; le precipitazioni sono abbondanti, grazie all'aliseo di N-E, praticamente quotidiane sul versante atlantico (4.000 mm annui), meno frequenti su quello pacifico, con un'alternanza di stagioni (piovosa da giugno a novembre, secca da dicembre a maggio). Le temperature sono uniformemente elevate, con medie annue di 26°-29° C. Nella parte interna il clima è condizionato dall'altitudine: tra gli 800 e i 1.600 m si hanno le tierras templadas con medie tra i 12° e 22° C, oltre i 1.600 m le tierras frías con temperature media fra i 5° e i 14°, con forti escursioni termiche giornaliere.
                      Come presumevi non vi è una grandissima escursione termica per quanto riguarda i cicli annuali.

                      Ma per quanto riguarda le precipitazioni abbondanti in certi mesi, aumenti la nebulizzazione?
                      File allegati

                      Commenta


                      • #12
                        Ciao Fabio, io ti parlo per esperienza oltre che per aver letto molto del leggibile sull'allevamento degli Anfibi. Complimenti innanzitutto per la scelta di informarsi già mesi prima dell'acquisto, sei un grande esempio per tutti.
                        Però, consiglio spassionato, cerca di non soffermarti troppo su come creare il gradiente di temperatura ecc... Perché ti dico questo? Perché proprio Dendrobates non ha così bisogno di tali variazioni, e perché comunque, che tu lo voglia o no, in un terrario un minimo spazioso si creeranno in ogni caso differenze di qualche grado per esempio tra il fondo e la porzione sollevata di un tronco o di una roccia. Io metterei il cavetto nella parte terrestre, magari distribuendolo in maniera non troppo uniforme.
                        Il ciclo stagionale in Dendrobates è piuttosto "limitato" a una lieve siccità rispetto alla fase di maggiore attività e una lieve dimunuzione di temperatura.
                        Penso comunque che con questi animali non si possa sapere tutto, anche se ti raccontano tutto, prima di averli allevati. Occorre "fare l'occhio" sui loro comportamenti, su come si muovono e sulle loro abitudini.
                        Io allevo delle raganelle e ormai mi accorgo prima ancora che si vedano dei caratteri esterni, se la raganella sta per ammalarsi oppure se a bisogno di più caldo o più freddo.
                        Si tratta di animali molto istintivi, ben più di un cane che tende ad assumere a volte comportamenti umani, per cui vedrai che ti faranno loro stessi da guida nelle "piccole cose".
                        Ovviamente continua ad informarti, così aggiungerai il tuo sapere bibliografico all'esperienza e potrai diventare un allevatore serio e rispettoso degli animali che hai in terrario.
                        Ciao!

                        Commenta


                        • #13
                          Emanuro,
                          ti ringrazio innanzitutto per i consigli, ma anche per i complimenti.

                          Altra domanda:
                          Mi piacerebbe creare come già detto in precedenza l'ambiente ideale, percui sto già cercanto di eliminare dalle mie idee tutto cio che non è naturale, vi spiego meglio, ho intenzione di ricreare un piccolo ruscello, (non mi venite a dire che non è indispensabile, lo sò ) della profondità di un paio di centimentri (dato che le dentro non sanno nuotare), il negoziante dal quale mi fornirò mi ha consigliato, una struttura in plastica già bella e pronta, ma pensavo al corso del ruscello costituito da sugheto e poliuretano con l'eventualità di far crescere del muscio di giava sopra.

                          Che ne dite?

                          P.s. Il consiglio mi è stato dato da un esperto acquariofilo di pesci tropicali.

                          Commenta


                          • #14
                            un pelo diverso...
                            Magari fosse solo un pelo... direi di più un colto manto di peli!!!

                            Commenta


                            Sto operando...
                            X