annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Periodo Riproduzione - Axolotl

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Periodo Riproduzione - Axolotl

    Salve. Fra poco dovrei cambiare l'acquario degli axolotl, per questo pensavo di approfittarne per farli riprodurre! Io non possiedo costosi apparecchi per abbassare le temperature, quindi pensavo di sfruttare il "refrigeratore della natura" (l'inverno ). Ho letto devono stare in "latenza" per circa due mesi, quindi che mesi mi consigliate fra novembre-dicembre-gennaio-febbraio?

    P.S. Nella mia zona nel periodo più freddi si puó arrivare a ridosso degli 0º, ma nella stanzina chiusa in cui li terrei al momento ci sono 11º e dovrebbero comunque scendere sotto i 5º nemmeno nei mesi più freddi.

  • #2
    Ciao,
    poichè di solito si riproducono da gennaio a maggio-giugno (anche se è comunque possibile farli riprodurre durante ogni periodo dell'anno) io ti consiglio di fargli fare il periodo di latenza nei mesi di novembre e dicembre, tenendoli fuori in un luogo in cui l'acqua non ghiacci, per poi tentare la riproduzione a gennaio.
    In ogni caso sappi che l'aumento della quantita d'acqua e il diminuimento della temperatura non sempre invogliano tutti gli esemplari alla riproduzione,ma comunque se fai tutto per bene non servirà alcun metodo specifico e i tuoi axolotl si accoppieranno senza problemi se hanno raggiunto la maturità sessuale.
    Buona fortuna

    Commenta


    • #3
      Grazie mille, qualche domanda sull'alimentazione: che tipo di cibo dovrei somministrare prima dell'inizio dell' "ibernazione"? Dovrei pasciarli una settimana a digiuno prima dello spostamento? Con che frequenza dovrei nutrire gli esemplari una volta in ibernazione?

      Commenta


      • #4
        il cibo deve essere sempre quello, lombrichi, pollo, limacce ecc.. durante l'ibernazione li nutri di meno in base a quanto restano attivi, se vedi che si muovono molto non diminuire di troppo le razioni.

        Commenta


        • #5
          io uso per tutto l'anno principalmente lombrichi e ogni tanto o camole o tarme della farina ma se mi capita anche lumache o insetti vari che trovo,non c'è nessun bisogno di tenerli a digiuno prima dello spostamento io ti consiglio di metterli fuori già adesso in modo che si abituino al graduale diminuimento della temperatura e semplicemente diminuisci pian piano la frequenza con cui gli alimenti sempre di più.
          Per quanto riguarda l'alimentazione nel periodo d'ibernazione ti devi adeguare tu in base alle quantita di cibo che somministri, io di solito gli do un lombrico di dimensioni adeguate una volta ogni 5 o 6 giorni in questo periodo.
          Se preferisci prima dell'ibernazione puoi dargli una camola, ma senza esagerare che sono alimenti grassi

          Commenta


          • #6
            Quindi io che gli do due vermi di medie dimensioni un giorno sì e uno no magari inizio a ridurre gradualmente fino a (che so) un verme ogni tre giorni

            Commenta


            • #7
              esatto

              Commenta


              • #8
                Quindi non devo iniziare a somministrare cibi un po' più grassi come i bigattini per consentire agli axolotl di crearsi delle scorte? Anche perchè da qualche giorno quello più piccolo mangia pochissimo perchè (ne approfitto per sentire il vostro parere) la maggior parte delle volte che lo imbocco non riesce a deglutire il boccone e dopo un po' gli scappa dalla bocca!

                Commenta


                • #9
                  puoi dargli saltariamente una camola ogni 2 0 3 settimane,io non consiglio i bigattini perchè portano spesso problemi soprattutto di digestione e a volte gli rigurgitano anche.Se gli dai un lombrico difficilmente non lo ingoierà

                  Commenta


                  • #10
                    Altro dubbio: ma se anche le temperature scendessero a -4º (per esempio durante la notte) sarebbero sufficienti a uccidere gli axolotl o a ghiacciare 50 litri d'acqua?

                    Commenta


                    • #11
                      Se la temperatura scende sotto lo zero e l'acqua ghiaccia, gli animali muoiono. In natura vivono (vivevano...) in un lago molto profondo, dove l'acqua in profondità non gela mai. 4°C è la temperatura minima per la sopravvivenza.

                      Commenta


                      • #12
                        Infatti per sicurezza penso che li metteró in una stanza interna alla casa ma non riscaldata ed esattamente sotto il tetto, qui le temperature dovrebbero essere comunque basse, non so peró se abbastanza! Magari li metto lì con meno acqua, niente filtro e aeratore...

                        Commenta


                        • #13
                          Non vedo perché: lo scadimento delle condizioni ambientali li stressa, non li induce alla deposizione . L'acquario deve essere correttamente allestito, l'importante è tenerli intorno a 10°C.

                          Commenta


                          • #14
                            Ok, allora tento di metterli nello sgabuzzo interno a casa, se non riesco a far scendere abbastanza la temperatura li tengo lì e poi li sposto fuori a febbraio-marzo, così ho la certezza che la temperatura non scenda sotto i 5º

                            Commenta


                            • #15
                              Sicuramente l'acqua inizierebbe a ghiacciare ma io credo che possano anche vivere sotto uno strato di ghiaccio non troppo spesso ma meglio non rischiare

                              Commenta


                              Sto operando...
                              X