annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Ma che carattere!!!!!

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Ma che carattere!!!!!

    Ciao a tutti.
    L'ho detto e l'ho fatto.
    Mi sembrava simpatico valutare e confrontare i comportamenti dei nostri urodeli per sapere quali specie sono timide, quali le più spavalde, simpatiche, scavatrici, distruttrici, noiose col cibo, diffidenti, perennemente affamate, e chi più ne ha più ne metta.
    Che ne dite?

  • #2
    Dalla mia esperienza posso dire che in genere alcune specie hanno comportamenti piuttosto uniformi.
    I miei pleurodeles per esempio sono tutti molto simpatici e danno pochi problemi. Le femmine sono sempre affamate e potrebbero mangiare fino a crepare, mentre i maschi un pò meno. Vivono bene in gruppo e si azzuffano solo durante i pasti. Ogni tanto scavano e mangiucchiano i germogli delle piante, ma nulla di preoccupante.
    I pachytriton, come tutti sanno, invece sono molto aggressivi nei confonti dei simili e possono convivere solo in acquari molto grandi e ricchi di rifugi. Sono piuttosto voraci, ma a volte possono rimanere anche giorni e giorni a digiuno.
    I Paramesotriton sono più simili ai pleurodeles, solo che passano molto tempo fuori dall'acqua e sono molto meno vivaci. Si lasciano anche prendere in mano con molta tranquillità, anche se ovviamente preferiscono essere lasciati in pace.
    I cynops invece sono molto più "caratteriali". Ne ho avuti alcuni che nn hanno mai accettato la vita in cattività e che si sono lasciati morire di fame o che sono riusciti a evadere dal terrario. Altri. come la coppia di adulti che ho adesso invece, stanno sempre bene in acqua, mangiano un paio di volte a settimana e accettano pure di buon grado il cibo dalle mani (dei veri angeli insomma).
    I piccoli invece non entrano mai in acqua e stanno sempre rintanati sotto le rocce o appiccicati sul vetro nel tentativo di fuga... dei veri rompiscatole insomma! C'è di buono che adesso mangiano tutti i giorni, anche se hanno avuto nei mesi precedenti dei lunghi periodi di digiuno.

    Commenta


    • #3
      Sempre per esperienza personale mi sono convinto che la definizione principe per questi animali sia: essenziali.

      Fanno poco, lo fanno nella giusta misura, senza uscire da schemi ben precisi e collaudati nel tempo (centinaia di milioni di anni).
      Da parte mia, in verità, non ho mai cercato la benchè minima interazione, ne ho mai sperimentato quale possa essere una possibile interazione.
      Quando li allevi, partendo dal presupposto che hanno bisogno di tranquillità, poca luce, ambienti freschi, rifugi in abbondanza...capisci che non ti devi illudere più di tanto.
      A volte non li vedi e a volte...non li vedi.

      Snaturare questa loro prerogativa, obbligandoli a restare in vista, credo sia deleterio, come il maneggiarli senza le dovute precauzioni o troppo spesso.

      Il vantaggio degli Urodeli acquatici o semi-acquatici è quello di poter essere osservati con maggior facilità (almeno nella loro fase nel mondo liquido), senza che si stressino troppo, ma non c'è mai stato nulla che mi abbia fatto pensare a un comportamento "sopra le righe o particolare", ma poi, perchè sprecare energie??

      Forse è questo "immutabile essere primitivi" che affascina, te li immagini nelle foreste o nelle pozze del Devoniano che zampettano alla conquista del mondo.

      Commenta


      • #4
        Non si può non quotare.
        Il terrario vuoto!!!.... un fenomeno!!!. Eppure dentro c'è qualcuno ma non si vede. Alcuni pensano che sono una pazza a tenere tanta terra e foglie. Ma io lo so che ci sono!!
        I miei amori assoluti sono gli ambystoma. Sono degli scavatori pazzeschi. Distruggono tutto e stanno interrati molto tempo.
        Fanno quello per cui Natura li ha creati.
        Però hanno preso i miei ritmi, e la mattina me li trovo lì ad aspettar la pappa. Loro ci sperano ogni giorno, ma la beccano un paio di volte alla settmana. Però quando mi alzo e metto i moto la casa, compaiono come dei fantasmini....
        A modo loro interagiscono.

        Commenta


        • #5
          Senz'altro si può parlare di associazione.

          Quella: essere umano = cibo, è un classico, ma anche luce = cibo e ce ne possono essere altre...chissà.

          Commenta


          • #6
            Approvo pienamente Anche se io preferisco gli urodeli acquatici proprio perchè sono più facili da osservare nel loro ambiente senza doverli per forza disturbare.
            Una delle soddisfazioni più grandi naturalmente è quando mi vengono incontro davanti al vetro con la bocca spalancata... può sembrare poco per chi è abituato ad avere animali domestici più "interattivi" cmq è sempre una grande emozione ^_^

            Commenta


            • #7
              Senza alcun dubbio!

              Commenta


              Sto operando...
              X