annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Euscorpius appena catturato

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Euscorpius appena catturato

    Salve a tutti,lunedì sera ho reperito uno scorpioncino di circa 20 mm sul muro di una grossa taverna in campagna;il corpo è nero ad eccezione delle zampe e la punta della coda che sono grigiastre e le punte delle chele rosse,non so se da questo potete identificarlo...comunque do ovviamente per scontato che sia un Euscorpius.
    Per ora lo tengo in una scatola di plastica trasparente 13X11X8 cm con un sottile strato di fibra di cocco e delle pietre piatte usate come rifugio,nebulizzo quanto basta per tenere il substrato bagnato e ci ho lasciato tre giovani blatte(due da 6 mm e una da 9 mm).La scatola è tutta chiusa ad eccezione di un rettangolo 7,5X4,5cm di zanzariera sul coperchio.E' normale che ad oggi non abbia mangiato niente?Il ventre(bianco)è tuttaltro che rigonfio per cui escludo la causa periodo di muta.Forse la fibra di cocco non va bene?Comunque di notte lo sento camminare e vedo che si muove bene...attendo istruzioni,grazie in anticipo!

  • #2
    Ciao,
    non si può identificare da quello che hai descritto, prova a mettere delle foto intanto e per una identificazione sicura dovresti cercare di fotografare il ventre e/o la parte ventrale delle chele. Se lo hai trovato in Umbria potrebbe essere un E. concinnus o un E. italicus. E' lungo 20 millimetri compreso il metasoma ("coda")?
    Leva tutte le blatte per dagli tempo di ambientarsi. Tra qualche giorno prova a metterne una ( e non tre ).
    Comunque calcola che gli scorpioni hanno un metabolismo molto lento quindi non mangiano spesso e possono stare molto tempo a digiuno.
    La fibra di cocco va bene.
    Comunque leggi questo sito ti potrà essere d'aiuto.
    Euscorpius & Co.- il sito dello scorpione italiano -

    Commenta


    • #3
      Grazie giogio,immaginavo che l'identificazione non fosse così facile,seguirò i tuoi consigli e soprattutto grazie per quel sito:credo che mi tornerà utile.
      Ah,in realtà mi ero sbagliato,la misura completa sarà intorno ai 27 mm,e le foto non potrei postarle dal momento che i miei mezzi fotografici fanno pena...

      Commenta


      • #4
        Beh se è lungo 27 mm compreso metasoma potrebbe essere un adulto di E. concinnus o un subadulto di E. italicus. Se riesci a farne qualcuna di foto anche se non sono proprio il massimo puoi mandarle direttamente a me e vedo se posso dirti qualcosa di più oppure leggi bene quello che c'è scritto nel sito e mettilo in pratica, dovresti riuscitìre senza problemi ad identificarlo...anche perche l' E. italicus ha così tanti tricobotri che il segno sotto la chela si vede a occhio nudo, ne non vedi niente è probabile che sia l' E. concinnus.

        Commenta


        • #5
          Direi che il problema si è risolto ieri sera quando l'ho beccato col proverbiale topo in bocca(o blatta tra i cheliceri che sia).Intanto sono riuscito a sessarlo,mentre per l'identificazione della specie aspetto un pò per non stressarlo troppo.
          Se nel frattempo imparo a postare le foto ce le metto,ma non credo che serviranno...

          Commenta


          • #6

            Commenta


            Sto operando...
            X