annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Come riprodurre tenebrio molitor

Comprimi
Questa discussione è chiusa.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Come riprodurre tenebrio molitor

    Ciao,
    volevo un'informazione sulla riproduzione dei tenebrio molitor
    al momento alcune larve si sono impupate, e volendo tentare la riproduzione vi pongo queste domande:
    1) a che temperatura far sviluppare le pupe e dopo quanto diventano adulte
    2) a che temperatura massima tenere gli adulti
    3) dove far deporre le uova (terreno, supporto come i grilli)
    4) dopo quanto schiudono e se ci sono cure particolari per le larvette ai primissimi stadi


    grasssie

    mimmi

  • #2
    www.amiciinsoliti.it !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Commenta


    • #3
      giààààààà lettoooooooooooooooooooo

      Commenta


      • #4
        scuuuuuuusssssaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!

        Commenta


        • #5
          ti riporto la mia esperienza personale:si impupano e diventano coleotteri in breve tempo se fa calda (tipo sopra un terrario),ci mettono un po' di + se la temperatura scende.Le uova le depongono i coleotteri direttamente nel substrato,poi i coleotteri muoiono e dopo un po' di tempo (non ho la minima idea di quanto) nascono le larvette,sempre nello stesso substrato.
          Pensati che oggi ho trovato dentro un cassetto una scatola dove tenevo i coleotteri,mi son sempre dimenticato di guardarla ed oggi l'ho trovata piena di tarma e con tutti i coleotteri morti...non so cos'abbiano mangiato e neanche come abbiano fatto visto che erano in cantina al freddo!
          Cmq di solito tengo le tarme al fresco,così durano di +,poi tolgo quelle impupate e i coleotteri e li metto sopra al terrario in modo che depongano presto!
          ciao

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da agu
            ti riporto la mia esperienza personale:si impupano e diventano coleotteri in breve tempo se fa calda (tipo sopra un terrario),ci mettono un po' di + se la temperatura scende.Le uova le depongono i coleotteri direttamente nel substrato,poi i coleotteri muoiono e dopo un po' di tempo (non ho la minima idea di quanto) nascono le larvette,sempre nello stesso substrato.
            Pensati che oggi ho trovato dentro un cassetto una scatola dove tenevo i coleotteri,mi son sempre dimenticato di guardarla ed oggi l'ho trovata piena di tarma e con tutti i coleotteri morti...non so cos'abbiano mangiato e neanche come abbiano fatto visto che erano in cantina al freddo!
            Cmq di solito tengo le tarme al fresco,così durano di +,poi tolgo quelle impupate e i coleotteri e li metto sopra al terrario in modo che depongano presto!
            ciao

            è semplicissio, basta che gli metti un po' di cibo e qualcosa per farli bere un po' (tipo una mezza patata) e fanno tutto loro. tienili al caldo, ci impiegano meno tempo, e avvia allevamenti in tempi diversi in modo da avere sempre larve di tutte le misure.

            vai tranquillo, è semplicissimo


            buonlavoro!!!

            Commenta


            • #7
              Mimmi... prendi un fauna box, ci metti una decina di cm di composto misto fatto da:
              Farine varie (se le ho io uso quelle scadute... ), di grano, mais, castagne, riso, avena, ecc...;
              Pane grattato;
              Carbonato di calcio (o osso di seppia grattato).
              Crocchette per cani e/o gatti e/o tartarughe.
              Qualunque altra cosa ti venga in mente che pensi possa andare come cibo!

              Mettici dentro un etto (anche meno) di camole e se vuoi averne sempre di varie misure ogni tanto (2 settimane?) ne aggiungi altre finchè non vedi che ci sono camole di tute le misure, nonchè pupe ed adulti!
              Aggiungi pezzi di pane secco, ossa ed ogni tanto pezzi di frutta e/o verdura (ma evita di farli ammuffire...).
              Tieni il tutto a temperatura ambiente dentro casa e scordati il fauna box per 1/2 mesi!
              Avrai una marea di camole di tutte le dimensioni, adulti e pupe tuttol'anno!
              Se hai una marea di animali, puoi sempre fare più faunabox o usare una mega cassettona!
              Quando ti servono le camole (o gli adulti) prendi quelli in superfice e se non ne trovi abbastanza scava pure, ma in metàfauna box non scavare mai, così sei sicura di non danneggiare le uova.

              Per prelevare più comodamente grandi quantità di camole dall'allevamento si possono usare dei setacci ( a seconda dello spessore delle maglie si possono prelevare camole prossime all'impupazione o più piccole, fino a quasi quele appena nate), ma per farfe ciò occorre che tutti i "cibi" inseriti (le farine lo sono già, intendo crocchette, ossa etc...) vengano prima finemente macinati!

              Se tieni i fauna box fuori o in locali come cantina, garage, soffitta, ecc... può capitare che con il freddo invernale o col il molto caldo estivo (io eviterei temperature superiori ai 30-35°C) il ciclo vitale venga enormemente rallentato e se hai bisogno di grandi quantità di camole potrebbe essere un problema. Ma che muoiano è difficile! Piuttosto evita che la colonia si bagni o che sia esposta al sole!

              Ciao
              Robfrons

              P.S.
              All'inizio non chiudevo i contenitori, finché un giorno non ho trovato un "ragnaccio" che si era fatto la tana su un angolo alto del fauna box e regolarmente faceva una incursione sul substrato per mangiare...

              Commenta


              • #8
                evita di alimentarle con alimenti tropo ricchi di acuq...o gli acari ti distruggeranno la colonia.....

                nota personale io uso il cibo per pulcini.....lo setaccio per la raccolta..e nulla di più di qualche pezzo di pane e una folgia di verdura una volta a settimana
                ٩(͡๏̯͡๏)۶ Brevices for life.... life for breviceps

                Commenta


                • #9
                  io allevo le camole in una scatola dotata di coperchio,uso lo sfarinato arricchito di vitamine e minerali+calcio e vit.d3
                  ogni settimana passo al settaccio tutto il contenuto ripulendo bene lo sfarinato dalle cacchine e dalle larve morte.
                  le camole restano nella scatolina fino a che non diventano adulte , poi le sposto in un fauna box dove si accoppiano e depongono. divido gli adulti perche' altrimenti si mangiano tutte le larve impupate.

                  Commenta


                  • #10
                    grazie a tutti... ho già preparato un box per la riproduzione.
                    Ne saranno contente le mie tartarughe ed il mio geco

                    Commenta


                    • #11
                      riprendo questo post per non aprirne un altro!

                      La mia colonia è piccola, ma va alla grande: ho un casino di adulti (colpa del caldo che ha fatto fin'ora) ed un sacco di larve a tutti gli stadi.
                      ecco il quesito:
                      Pensavo di mettere tutti gli adulti al caldo vicino ai terrari in modo da accellerare deposizioni e successiva schiusa uova,
                      mentre pensavo di lasciare a temperatura ambiente (altra stanza al fresco) tutte le larve di vari stadi, in modo da rallentarne il processo di sviluppo.

                      cosa ne dite?

                      Commenta


                      • #12
                        L'idea non è male (come intenzione), ma è inutile come risultati...
                        E' vero che cambiando le temperature cambi i processi di sviluppo delle camole, però, la cosa è più o meno impercettibile (cioè, ci son cambiamenti, ma non tanto grandi quanto quelli che dovrebbero esserti utili per il tuo scopo...).
                        I cambiamenti di temperatura dovrebbero essere drastici e mooolto differenti tra loro, del tipo: un contenitore in frigo, uno a temperatura ambiente ed uno sui terrari.
                        Solo con nettissime distinzioni termiche otterrai quello che serve a te.

                        Commenta


                        • #13
                          io le allevavo al caldo...e spsso avevo troppi adulti (inutili) e poche larve...
                          poi un bel giorno asslutamente privo di larve....ho pensato di andare a cercarne qualc'una in fondo a un bidone in cui sistematicamente abbandono il pane vecchio...che tengo in giardino...c'è di tutto...adulti, pupe, larve piccolissime...e larbe pronte a essere divorate.... e adio faunabox.....atingo dal fondo una volta a sattimana...e prelevo una dozzina di tarme per i miei usignoli....al resto pensa mamma natura..
                          ٩(͡๏̯͡๏)۶ Brevices for life.... life for breviceps

                          Commenta


                          • #14
                            I vostri commenti sono interessanti, ma io ho sempre troppi adulti che "alimentarmente" non uso per le tartarughe!!!

                            Commenta


                            • #15
                              scusami, pensavo d'esser stato chiaro ma evidentemente non lo son stato...
                              Allora, te la rispiego seguendo il ciclo partendo dagli adulti:
                              hai degli adulti, si accoppiano, depongono e muoiono, fino a questo punto tieni il tutto ad una temperatura elevata ; le uova schiudono, almeno che tu non hai bisogno di piccolissime larve (in questo caso ci vuole il freddo per bloccarne il ciclo di sviluppo) continua a tenerle ad una temperatura elevata (non esagerare che altrimenti bloccheresti il ciclo anche in questo caso...) ; ora, non appena hai le larve della dimensione che vuoi (accelleri il tutto con una temperatura alta ed un pastoncino a forte valore nutritivo) prendile e mettile alla temperatura più bassa che hai (es. in cantina o addirittura in frigorifero, se opti per la seconda blocchi completamente lo sviluppo) in questo modo le tieni quasi ferme allo stadio che più ti è congeniale...
                              Ovvio che si tratta di rallentarne il ciclo e mai di bloccarlo completamente...altrimenti se non hai bisogno di cibo in movimento (io non so per che animali tu le utilizzi) puoi sempre far come fa mio fratello che alleva fringillidi e che ha un bisogno maggiore di camole durante lo svezzamento dei piccoli e questa necessità si basa su camole di piccolissima taglia: non appena riesce ad aver un grandissimo numero di micro-camole (in qualsiasi periodo dell'anno) le prende, le ripulisce bene dal substrato, le scotta per un secondo in acqua bollente (per abbassar la carica batterica) e le congela...così le ha sempre della taglia che desidera facendo sacchettini divise per taglie...
                              Tieni comunque conto che in natura il ciclo delle camole dura generalmente su i quattro mesi e le variazioni che potrai portare son minime.
                              Spero di averti detto qualche cosa di utile.

                              Commenta


                              Sto operando...
                              X