annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Molurus Bivittatus bizzarri (CiniPython)

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Molurus Bivittatus bizzarri (CiniPython)

    Chi ha seguito la vicenda dei pitoni moluro del sig. Cini ha senz'altro visto le foto dei suoi serpenti "marmorizzati". Poi la diatriba con Bob Clark, al quale (afferma Cini) sono arrivati i suoi italianissimi pitoni che ha venduto per quattro soldi...e Clark li ha ribattezzati col suo nome. Vabbè, a parte questi pasticci di copyright, ho letto che il Cini ha ottenuto quei colori non per selezione di caratteri ereditari, bensì con l'ausilio di sostanze chimiche messe in contatto con le uova. La prova di ciò è che questi serpenti, riprodotti, danno prole con colorazione standard (per tutte le generazioni a seguire). Ora, a parte l'eticità di tali esperimenti un pò discutibili, non riesco a capire quale sostanza possa dare simili effetti sui rettili in incubazione. Chi ha scritto delle e-mail al Cini chiedendo chiarimenti non ha ottenuto risposta. C'è qualcuno che ne sa di più? Sabù...pensaci tu!

  • #2
    non ne so nulla.....ho visto le foto dei pitoni di cini ( ame fanno un po schifo)....ma incuriosito sono anche andato a vedere il sito di bob clark....... qualc'uno mi spiega perchè un pitone reale di un morph definito FIRE...e qualche cosa....costa DUE VOLTE la mia macchina?..provate a convincermi che vale quei soldi!!!!
    ٩(͡๏̯͡๏)۶ Brevices for life.... life for breviceps

    Commenta


    • #3
      Potreste mettere dei links per chi non e' del "campo" serpenti ?
      Mi avete fatto venire la curiosita' !
      In passato ho sentito che tali trucchi vengono usati in malacologia mettendo le conchiglie in un forno forse con dei coloranti.

      Grazie.
      Marzio

      Commenta


      • #4
        la storia a mio avviso non è così.
        i cini o granite sono una mutazione genetica, tant'è vero che accoppiati danno granite a loro volta. cini dice che clark li ha presi da lui. è vero. lo stesso clark ammette di averli presi da un importatore a cui sono arrivati pare dall'italia dopo vari giri.
        nessuna sostanza è in gioco checchè se ne dica. cini ha avuto solo la fortuna di avere 2 eterozigoti a sua insaputa. se fosse vero perchè non ripete l'esperimento? metterebbe tutti a tacere e guadagnerebbe una barca di soldi vendendo i "granite o Cini Python"!
        all'epoca questi gioiellini furono sbalottati da una parte all'altra e non capiti, al punto di essere svenduti. a saperlo....
        The Boss™
        [URL="http://www.qualitysnakes.it/"]www.qualitysnakes.it[/URL]
        Qui trovate il [URL="http://www.sanguefreddo.net/showthread.php?27229-Regolamento-SFn"]Regolamento SFN[/URL]

        Commenta


        • #5
          python....nel sito non dicono quello che dici tu....anzi l'opposto che si tratta di una vera e propria tecnica con cui sono state incubate le uova (poi bisogna vedere se è vero o se hai ragione tu)

          http://info.supereva.it/andrea1690/ link per vedere i prini nati nel 1992
          www.bobclark.com per vedere i pitoni reali più costosi mai trovati (e non è che sono fosforescenti o che fanno le pulizie in casa...ame sembrano solo più chiari)
          ٩(͡๏̯͡๏)۶ Brevices for life.... life for breviceps

          Commenta


          • #6
            lo so che spacciano la "tecnica" per buona, ovvio per prendersi i meriti e non dire : ho avuto fortuna!!!!
            ribadisco: se è ver a tale teoria della sostanza chimica sulle uova, perchè il singor Cini che tanto ha detto sulla bontà di tale tecnica non ripete l'esperimento mettendo tutti a tacere e confermando così la sua teoria?
            JMO
            The Boss™
            [URL="http://www.qualitysnakes.it/"]www.qualitysnakes.it[/URL]
            Qui trovate il [URL="http://www.sanguefreddo.net/showthread.php?27229-Regolamento-SFn"]Regolamento SFN[/URL]

            Commenta


            • #7
              Eheh, che bello se mia madre fosse daccordo chiederei subito un finanziamento di 60.000 $ alla banca per comprarmi una bella FireBall, hadouken!!!!
              Comunque credo che Python abbia ragione altrimenti Cini si sarebbe messo su la sua fabbrichetta di granite con 5 milioni di euro di fatturato l' anno.

              Commenta


              • #8
                in effetti il prezzo di certi animali è a mio avviso eccessivo, ma possibile che in america il mercato richieda pitoni reali, fireball o amelanistic che siano, a una cifra del genere??? cioè mi sembrano prezzi accessibili ai soli allevatori, i quali poi che se ne fanno se la gente non sborsa certe cifre???

                Commenta


                • #9
                  L’affaire GRANITE di P.m.bivittatus (quarta mutazione geneticamente ereditabile per tale taxon, in quanto espressione di un gene recessivo) è da diversi anni ormai oggetto di una interessantissima “leggenda metropolitana” che di tanto in tanto riemerge in qualche forum erpetoculturale dalle nebbie del dimenticatoio. Da una parte tale morph rimane legato nell’immaginario collettivo degli “addetti ai lavori” al nome e alla figura di Bob Clark, dall’altra intorno a tale forma è nata una sorta di diatriba che ne sosterrebbe in esclusiva i natali fiorentini nell’Estate del 1992. L’animale founder, secondo la versione “ufficiale”, vistosamente caratterizzato da un pattern formato da piccoli e numerosissimi spot di forma angolare marrone scuro su sfondo giallo-bronzo ed una testa dal disegno quasi accennato, sembra essere stato importato negli USA nel 1996 dalla Tailandia. La numerosa progenie che ne è derivata si è dimostrata estremamente polimorfica, presentando spesso varie zone patternless di color bronzo variamente sparse sul corpo che in alcuni esemplari arrivano a coprire circa la metà dell’animale. Secondo invece la versione “ufficiosa”, quella meno nota al grande pubblico, i primi esemplari recanti tale mutazione sarebbero il prodotto di un vero e proprio “esperimento” alla Cagliostro: le uova in incubazione (artificiale) sarebbero state inumidite con un composto chimico (pozione magica?) ottenuto miscelando soluzione fisiologica, steramina e acqua distillata (!). In base a quanto sostenuto mi riesce francamente difficile credere che una tale “contaminazione” degli embrioni abbia potuto avere un’incidenza a livello di genotipo – stiamo praticamente parlando di una vera e propria alterazione del DNA (?), con relativa trasmissibilità del fenotipo nelle generazioni a seguire. Pur non mettendo assolutamente in dubbio che siano stati effettivamente ottenuti pitoni dal pattern anomalo con tale pratica, penso che si possa tranquillamente asserire che non siano “gli stessi” allevati e riprodotti da Clark pur ricordandone nelle fattezze la tipologia cromatica e di disegno. Ultima ipotesi, ancora meno credibile o per lo meno inverosimile, è quella secondo la quale i genitori di tali cuccioli aberranti (ovviamente fenotipicamente ancestrali), e cioè la femmina (nata ed acquistata in Germania) ed il maschio (nato ed acquistato in Olanda) fossero entrambi eterozigoti per tale mutazione. Tutto è lecito e nel novero del “possibile” anche se ALTAMENTE “improbabile”, ad ogni modo è atrettanto difficile pensare che se un Cini qualsiasi, qui in Italia, 12 anni orsono, non abbia dato il “giusto” peso ad un evento del genere, stessa sorte sia ugualmente toccata anche ai probabili “parenti” di tali founder (anch’essi eterozigoti per la mutazione in questione) che immaginiamo siano in seguito stati accoppiati nelle rispettive nazioni d’origine. Infine per i più diffidenti e, giustamente, dubbiosi, a questo punto si auspica un semplice disegno di ricerca empirica teso a svelare l’arcano: un gruppo sperimentale (alcune uova di P.m.bivittatus), un gruppo di controllo (altre uova di P.m.bivittatus, magari provenienti dalla medesima covata del primo gruppo) ed una variabile da manipolare a piacimento dallo sperimentatore (l’esposizione delle uova alla soluzione di fisiologica, steramina e acqua distillata). Solo la replicabilità dell’esperimento conferirebbe in maniera (quasi) inopinabile a tale “diceria” valore di tipo causale.
                  Sperando di esser stato chiaro.

                  Commenta


                  • #10
                    Su rettili.net, in una discussione avevo letto qualcosa e lo stesso Cini rispondeva. Ora, a me la storia non è che interessi più di tanto, però credo che sul suddetto sito la discussione ci sia ancora.

                    Eccola, ve la riporto "Per chi non ha voglia di collegarsi al mio sito www.andrea1690.supereva.it vorrei informare che i pitoni granito, chiamati erroneamente da persone interessate solo alla vendita che si sono ben guardate dal dire che gli avevo riprodotti io 10 anni fà,inumidendo le uova durante l'incubazione con sostanza chimica.Bob Clark,attuale boss dei granito mi ha scritto che dopo 10 anni non può per esigenze commerciali cambiare nome,ma ha ammesso di poterli chiamare anche cinipython. per ogni curiosità contattatemi Andrea cini"
                    Il link è:
                    http://www.rettili.net/article.php?s...=0&thold=0

                    P.S.: ho fatto un "copia/incolla" della prima parte, segue poi la discussione (gli errori di battitura non sono miei, il fà con l'accento mi fa rabbrividire!".

                    Commenta


                    • #11
                      Bene, dopo aver letto tutte le vs risposte credo che possiamo tirare le somme...certo che questo Cini ha fatto un bel casino! A quanto pare con l'aggiunta di alcune sostanze particolari si può (così mi dite)cambiare la livrea del bivittatus, creando un morph simile a quello "granite"che è assolutamente dato a livello genetico. Getcoiled: ho letto con molto interesse il tuo intervento,ben fatto, però anche se citi steramina ,soluz.fisiologica e H2O distill....non dai le percentuali! Senza questi dati non si può provare a fare lo scienzato pazzo...concentraz.sbagliate di uno stesso composto possono dare reazioni diversissime, la chimica non accetta pressapochismi. Giusta anche l'osservazione riguardante il Cini, che (stranamente) non ripete il suo esperimento per creare rettili costosissimi...forse s'è pentito dei suoi metodi para-nazisti? Difficile a credersi... Comunque sia, anche se questa storia resta un pò nebulosa, grazie per il vs contributo! Non se ne saprà mai abbastanza

                      Commenta


                      • #12
                        Infatti, chissà quante uova saranno andate perse per per tentare di trovare la soluzione magica!!!

                        Commenta


                        • #13
                          Liquido la faccenda con una sola parola: culo.
                          Non è stata nessuna sostanza chimica la causa della mutazione, semplice fortuna.

                          tartapiero

                          Commenta


                          • #14
                            anche io pensavo fosse impossibile alterare il dna in maniera così semplice, poi un amico ricercatore in farmacia prima e un amico che studia biotecnologie poi mi hanno confermato che la cosa non è impossibile e che queste mutazioni potrebbero tranquillamente trasmettersi alle generazioni successive, può darsi che Cini non sia capace di ripetere il fatto xchè non riesce a riprodurre esattamente tutte le condizioni della prima volta (forse c'e' qualche altra sostanza che giocherebbe un ruolo importante e Cini preferisce non renderla pubblica o forse il trucco sta in sbalzi di temperatura, variabili volute o non). il dubbio rimane, a me sembra assurdo che uno si inventi una cavolata cosi' grande, sul molurus forum postai la domanda e un americano rispose che sapeva che i granite furono importati dall'Italia parecchi anni fa. Ci sono troppi forse e in fondo a chi importa... granite o cini la sostanza non cambia, chi ci ha fatto i dindarelli giustamente è Clark
                            ciao
                            nazzza

                            Commenta


                            • #15
                              Il dubbio è rimasto...credevo fosse impossibile cambiare le caratteristiche di un embrione con il semplice contatto di una soluzione, ma a quanto pare (da alcune vs risposte) credevo male. A meno che non sia tutta una montatura ( a proposito, Nazzza:potresti chiedere ai tuoi amici ricercatori qualcosa di più specifico? Tipo sostanze attive per il dato fenomeno, esperimenti fatti in passato e relativi risultati, ecc...mi piacerebbe saperne di più. Se preferisci dà pure loro il mio indirizzo e-mail, ogni particolare può essere importante- weiblingen999@freemail.it thanks!).

                              Commenta


                              Sto operando...
                              X