annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Antaresia childreni

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Antaresia childreni

    ciao ragazzi, volevo sapere se qualcuno di voi alleva le antaresia childreni e se potreste darmi delle info sul loro allevamento (terrario,temperatura,umididtà,dimensioni...); ho letto che sono dei serpi facili da allevare e di dimensioni contenute, dite che un terrario di 80x40x40h possa andare bene????

    ciao tham

  • #2
    il discorso,mi è sembrato di capire da quello che diùceva un tizio,è che non siano facili da reperire....poi altro non so....
    scusate il semi o.t.

    Commenta


    • #3
      Salve a tutti!

      In realtà, ad "Hamm", mi è capitato di vederne.
      In più, ho la sensazione che ci saranno anche a "Longarone".

      Ad ogni modo, pur considerando le scarse dimensioni dell'animale, un terrario di quelle dimensioni credo che sia un pò piccolo.
      Per un "baby", non ci sarebbero problemi, ma personalmente, per un adulto opterei per un'altra soluzione.

      Commenta


      • #4
        sapreste dirmi i prezzi su cui si aggirano???? io ho letto che raggiungono difficilmente il metro di lunghezza quindi pensavo che una teca di quelle dimensioni adasse bene. Conoscete qualcuno che le ha riprodotte e che ci sarà a longarone???? Io so di un certo Fabio Marchi che le alleva e le riproduce, qualcuno lo conosce???potreste darmi la sua e-mail???
        scusate le tante domande è che su questi serpi si trova veramente poco in giro.

        ciao tham

        Commenta


        • #5
          scusate se faccio risaltare fuori il post, ma questa specie assomiglia moltissimo ai Lamprophis, almeno esternamente, non potrebbero essere i loro "corrispettivi" africani ?
          Da che cosa differiscono anatomicamente questo colubro con la faccia da pitone e questo pitone con le fattezze da colubride ?


          Antaresia childreni



          Lamprophis fuliginosus


          [/quote]

          Commenta


          • #6
            Ciao,

            beh,se escludi il fatto che la prima foto non è di una A.Childreni,bensì di una A.Perthensis direi che comunque,al di là di un discorso sull'evolzione stiamo parlando di serpenti completamente diversi,basti pensare alla morfologia scheletrica del cranio e alla presenza in Antaresia di fossette sensoriali e "speroni" cloacali(caratteristiche tipiche dei boidi).
            Il Lamprophis può essere sì (magari) simile di primo acchito,ma a un occhio un pò più avvezzo ai serpenti le differenze sono più che evidenti.
            Io da un annetto ne allevo una coppia (di Childreni),e l'allevamento non è affatto complesso.
            Reperirli in effetti non è stata cosa facile,e i prezzi sono altini.


            Massi

            Commenta


            • #7
              io penasvo di averne trovata una coppia ma all'ultimo ho scoperto che si tratta di a.maculosa,molto simile...adesso cerco una coppia di childreni...devo dire che sono delle fogne e non molto difficili da tenere

              Commenta


              • #8
                Ti consiglio di leggerti questo link in Italiano, la scheda è stata scritta da un amico che le ha riprodotte http://www.serpenti.it/rivista/pubblica4/p8.htm
                saluti
                EMa

                Commenta


                • #9
                  cie un grossista di firenze che vende piccoli a 160 euro,secondo voi è un buon prezzo?
                  -''Babbo osa vuol dì esse briaì?"
                  -"Vedi quelle 2 sedie?Quando uno gliè briaò ne vede 4"
                  -''Oh Babbo,ma ce n'è una sola!"

                  Commenta


                  • #10
                    stai attento che non siano a.maculosa...ultimamente ne girano parecchie

                    Commenta


                    • #11
                      Come ti capisco. Purtroppo trovare childreni pure è veramente un’impresa sia in cattività che…in natura. Sono diversi gli studiosi infatti che si riferiscono al taxon come al “childreni-complex” (facendovi confluire in tale accezione tassonomica anche sottospecie quali la maculosa e la stimsoni) nel momento in cui è assolutamente impossibile in alcune zone delimitare e definire nei particolari della conformazione geografica le aree di sovrapposizione relative i range di distribuzione delle diverse varietà locali (?) o sottospecie (?). Immagino che quando parli di Antaresia childreni (ma il discorso vale un po’ per tutti i taxa del genere) tu ti riferisca ad una precisa tipologia prototipica che, nella realtà dei fatti, non è altro che una “media” determinata dalla stabilità fenotipica della linea di sangue d’appartenenza (per lo più tedesche), alla quale esistono comunque infinite “deviazioni standard” quale feconda variabilità intraspecifica. Kend (1997) ad esempio segnala principalmente quattro aree di ibridazione naturale del genere Antaresia in condizioni quindi di simpatria: 1) tra le popolazioni di A.childreni e di A.s.stimsoni nella Western Australia; 2) tra le due sottospecie di A.stimsoni lungo il meridiano che divide in due la Western Australia; 3) tra A.childreni e A.s.orientalis lungo la fascia che dalla zona a sud-est di Kimberley passa per il deserto del Tanami e termina nella porzione ovest del Queensland; 4) tra A.maculosa e A.s.orientalis dal centro del Queensland a scendere verso il New South Wales. A quanto pare, anche e soprattutto in ragione dell’estesa distribuzione che praticamente “connette” tra loro tutte le principali forme del childreni-complex, A.stimsoni si conferma come il taxon che più comunemente da luogo ad ibridi recanti caratteristiche fenotipiche miste di complessa classificazione (Walls, 1998; Barker, 1994). Questo taxon infatti nel nord del range si incrocia con A.childreni – tranne secondo Hoser (1992, 1995 e 1999c) nel nord della Western Australia, e ad est del suo areale con A.maculosa. Da ciò puoi ben comprendere come spesso più che di specie definite e delimitate il relativo “flow gene” permetta quasi di parlare di un vero e proprio “spettro” di variabilità man mano che dalla porzione est del continente Australe ci si sposta progressivamente verso l’ovest.
                      Sperando di non essere stato troppo confusivo…

                      Commenta


                      • #12
                        ha anche codesta specie e un'altra che mi pare inizi con la o ma non mi ricodo il nome preciso.
                        -''Babbo osa vuol dì esse briaì?"
                        -"Vedi quelle 2 sedie?Quando uno gliè briaò ne vede 4"
                        -''Oh Babbo,ma ce n'è una sola!"

                        Commenta


                        Sto operando...
                        X