annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Osservazioni sull'acqua

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Osservazioni sull'acqua

    Posto questa mia piccola esperienza per vedere se ci sono state situazioni simili alla mia.. da qualche settimana il mio curtus presentava una strana patina bianca sul dorso e tra le squame della testa.. ho pensato subito a qualche inizio di micosi trasmessa da me a lui, cosi ho cominciato a far attenzione a lavarmi le mani prima di pulirlo e a usare guanti monouso per maneggiarlo.. nello stesso tempo ho notato che però il serpe quando si acciambellava nell'acqua non presentava piu questa patina.. e intanto mangiava, non sembrava debilitato in alcun modo, i parametri erano perfetti (pensavo a una mancanza di umidità ma cosi non è anche perchè ha un sottovaso di media grandezza in cui si mette dopo aver mangiato e funge anche da creatore di umidità).. 2 giorni fa il mio amico laureando in veterinaria con la passione per gli ofidi e venuto a trovarmi e abbiam trovato che quella patina altro non era se non calcare.. infatti l'acqua del sottovaso e quella che uso per nebulizzare arrivano tutte da quel lavandino e si vede che il calcare si era infilato tra le squame del serpente.. oggi ho provveduto a prendere una caraffa filtratrice e spero di aver risolto il problema..
    Qualcuno ha mai avuto esperienze simili? e che danni possono portare se ne portano?
    Ho avuto regius e una cheney come boidi ma con loro non ho mai rilevato questo problema sul corpo.. e l'acqua era dello stesso lavandino..

  • #2
    Io nella vaschetta uso acqua del rubinetto, ma per nebulizzare ho sempre usato acqua osmotica, anche per non coprire di calcare arredi e vetri; da me l'acqua del rubinetto è molto ricca di calcio

    Commenta


    • #3
      Ciao,purtroppo l'acqua del rubinetto in zona Torino e provincia è una ciofeca ed è piena di calcare...l'ho notato anche sui miei serpi ogni tanto ed ho risolto utilizzando acqua di rubinetto che lascio decantare in bottiglie vuote e poi quando devo riempire le vaschette svuoto...ho notato un grande miglioramento e questo fenomeno non è mai più accaduto!

      Commenta


      • #4
        ma il fatto è che solo adesso col curtus (1 su 2 esemplari tra l'altro) l'ho notato.. con gli altri no.. e la morelia era anche carica di nero quindi il bianco avrebbe dovuto risaltare di piu..
        OT: complimenti per la lesser Denis! davvero pulita e dai colori forti!

        Commenta


        • #5
          Anche io son di Torino e l'acqua è molto dura, ma non ho mai trovato patine di calcare sul serpente.
          Ultima modifica di MuffinPain; 25-11-2011, 13:52.
          http://www.sanguefreddo.net/showthre...ate-ai-neofiti
          ________________________
          Se vi è di aiuto: http://www.sanguefreddo.net/showthre...age&highlight=(Setup in Samla per Morelia viridis)

          Commenta


          • #6
            Il problema dell' acqua carica di calcare non è tanto il deposito tra le squame del serpente o sulle pareti della teca, quanto più il sovraccarico renale e le possibili complicanze a lungo termine.

            Alcuni allevatori consigliano di utilizzare acqua minerale naturale a basso contenuto di calcio, sodio, ecc. sia per nebulizzare che per la vaschetta.

            Commenta


            • #7
              si ma infatti ho preso sta caraffa principalmente per evitare calcificazioni dei reni e simili..

              Commenta


              • #8
                Stesso problema anche a bologna... l'acqua è molto carica di calcare.. non avevo ancora mai preso provvedimenti, ma la caraffa filtrante è una buona idea.. riguardo all'acqua osmotica qualcuno sa dirmi se può esser messa anche come acqua da bere? magari mischiata con un po' di acqua del rubinetto..

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da CAT Visualizza il messaggio
                  Posto questa mia piccola esperienza per vedere se ci sono state situazioni simili alla mia.. da qualche settimana il mio curtus presentava una strana patina bianca sul dorso ...

                  SangueFreddo.Net - Risultati Ricerca
                  The Boss™
                  [URL="http://www.qualitysnakes.it/"]www.qualitysnakes.it[/URL]
                  Qui trovate il [URL="http://www.sanguefreddo.net/showthread.php?27229-Regolamento-SFn"]Regolamento SFN[/URL]

                  Commenta


                  • #10
                    Io faccio in questo modo: quando mia moglie finisce di usare l'acqua distillata per stirare, io recupero i bidoncini (normalmente da 5 litri) e li uso per far decantare l'acqua del rubinetto. Avendo 4-5 di questi bidoncini e usando sempre l'acqua lasciata li' per alcuni giorni, gran parte del calcare sparisce.

                    Commenta


                    • #11

                      Spiacenti - nessuna corrispondenza. Prova dei termini diversi. <-
                      http://www.sanguefreddo.net/showthre...ate-ai-neofiti
                      ________________________
                      Se vi è di aiuto: http://www.sanguefreddo.net/showthre...age&highlight=(Setup in Samla per Morelia viridis)

                      Commenta


                      • #12
                        OT sulle caraffe: occhio ai filtri, sono da sostituire spesso, altrimenti diventano cariche di batteri che poi finiscono nell'acqua!

                        Poi vedo che tanti dicono che da loro l'acqua è dura... ma l'avete fatta analizzare?

                        A Bologna le acque hanno durezza medio-alta con valori tra i 150-500 mg/l di residuo fisso e la durezza riscontrata ne rappresenta un valore aggiunto dato che le acque dure hanno un effetto protettivo sull’apparato cardiovascolare e secondo la letteratura scientifica non contribuiscono alla calcolosi renale.
                        Fonte: Il calcare presente nell’acqua di rubinetto è un rischio per la salute?
                        A te, FALLOMARMOCCHIO, che esasperi le retine col tuo usar "cmq", "nn" et similia, verrai esposto al pubblico ludibrio in adamitico paludamento et punito con millanta vergate!

                        Brutal Murder

                        Amici degli animali di Minitalia-Leolandia TI.MA.COM ONLUS

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da ste62 Visualizza il messaggio
                          e li uso per far decantare l'acqua del rubinetto. Avendo 4-5 di questi bidoncini e usando sempre l'acqua lasciata li' per alcuni giorni, gran parte del calcare sparisce.
                          Originariamente inviato da Denis88 Visualizza il messaggio
                          ho risolto utilizzando acqua di rubinetto che lascio decantare in bottiglie vuote e poi quando devo riempire le vaschette svuoto...ho notato un grande miglioramento e questo fenomeno non è mai più accaduto!
                          Scusate, ma se lasciate l'acqua a "decantare" puo' evaporare e ridursi il cloro, ma non il calcare, che e' un minerale e non un gas, quindi sedimenta ma non puo' "andarsene", e che rimarebbe anche se evaporasse tutta l'acqua...il che e' quello che accade sulla pelle del serpente, dove l'acqua evapora ma il calcare rimane.
                          Al massimo puo' sedimentare un po' sulle pareti, ma dubito in quantita' tale da lasciare l'acqua priva o comunque ridursi drasticamente.
                          Sul fatto che sia piu marcato il fenomeno su alcuni serpenti rispetto ad altri, ovviamente dipende anche dalla frequenza della muta ecc.
                          NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

                          Commenta


                          • #14
                            Dice bene Luca !!
                            Infatti se proprio volete un metodo casalingo per eliminare una buona percentuale di calcare basta avere una tanica abbastanza grande, sui 20 litri, riempirla e lasciarla 3-4giorni a "riposare".
                            Poi prendete il suo tappo, lo forate e applicate un tubicino da flebo con tanto di regolatore di flusso (sempre quello per le flebo).
                            Poi riempite goccia a goccia altre tanichette avendo cura di pescare l'acqua fino alla metà della grossa tanica grande.
                            Utilizzo questo metodo solo alcuni periodi dell'anno per i bonsai, e funziona abbastanza... ma è una bella sega

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da Luca-VE Visualizza il messaggio
                              Scusate, ma se lasciate l'acqua a "decantare" puo' evaporare e ridursi il cloro, ma non il calcare, che e' un minerale e non un gas, quindi sedimenta ma non puo' "andarsene", e che rimarebbe anche se evaporasse tutta l'acqua...il che e' quello che accade sulla pelle del serpente, dove l'acqua evapora ma il calcare rimane.
                              Al massimo puo' sedimentare un po' sulle pareti, ma dubito in quantita' tale da lasciare l'acqua priva o comunque ridursi drasticamente.
                              Sul fatto che sia piu marcato il fenomeno su alcuni serpenti rispetto ad altri, ovviamente dipende anche dalla frequenza della muta ecc.
                              capito,tu ,Luca,cosa utilizzi per il calcare?

                              Commenta


                              Sto operando...
                              X