annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Come comportarsi di fronte alla riproduzione.

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Come comportarsi di fronte alla riproduzione.

    Vorrei aprire questo topic per discutere un po piu in generale sulla scelta di riprodurre i propri animali, nel mio caso boa. Credo che allevare una coppia e poi dopo anni portarla alla riproduzione, assistere la gestazione, assistere alla nascita, prendersi cura nei primi giorni, nelle settimane successive etc etc. Una soddisfazione unica, qualcosa di incredibilmente affascinante e ricco di gioia. Ma.. se non sei un allevatore che per vivere vende cuccioli di rettili o non avete un attività propria o a cui appoggiarvi, cosa fate? Voglio dire, non bisogna essere prepotenti, farli riprodurre e poi non sapere che farne, ma, se una persona come me, normale, che tiene dei rettili in casa (in numero limitato al suo stile di vita) vuole vivere un esperienza cosi bella, cosa fa? a qualcuno di voi è mai capitato?

    Non voglio alzare polemica ma solo avere risposta da chi ha mai pensato le mie stesse cose, da chi si è posto le stesse domande.

    Cosa provate a riprodurre una coppia di vostri serpenti? Perchè lo fate? Come piazzate i piccoli? Qualcuno di voi lo ha mai fatto senza essere un allevatore o un negoziante? Ci sono altre vie? altre possibilità?

    Grazie mille a tutti.

  • #2
    Bell'argomento.

    Personalmente ritengo che la riproduzione in cattività sia una conseguenza normale per chi alleva con passione ed interesse, un'esperienza che andrebbe provata almeno una volta per ogni specie che si alleva.
    Oltre ad essere segno che gli animali sono sani, in forma, e stano bene, c'è la gioia di assistere ad un evento positivo che riguarda animali che abbiamo allevato per ai con amore e dedizione (si spera).

    Una volta riprodotti gli animali ne scelte son tante e diverse: frequentare qualche fiera per cederli, regalarne qualcuno agli amici, contattare un negoziante e proporli a lui...

    Purtroppo non tutti mettono in conto le tue perplessità prima di avventurarsi in una riproduzione, e conseguentemente si ritrovano in difficoltà, soprattutto quelli che cercano la riproduzione ad ogni costo, poi finiscono per svendere gli animali pur di liberarsene con le conseguenze del caso (cani e porci li acquisteranno perchè "convenienti", senza magari sapere come gestirli).
    [I]Angelo Cabodi[/I]

    [URL="http://www.herpstore.it"]Herp Store[/URL], attrezzature, accessori, ed alimenti congelati per la terrariofilia.
    [URL="http://www.squamata.it"]Squamata[/URL], mostra mercato terraristica.
    [URL="http://www.squamata.it/mypages"]Squamata -mypages-[/URL], rettili, la nostra passione ed il nostro allevamento amatoriale.
    [URL="http://www.associazionelinnaeus.it"]Associazione Linnaeus[/URL], aiuta e sostieni la terrariofilia.

    Commenta


    • #3
      ha già detto tutto Angelo.. mi limito solo a dire che c'è sempre la possibilità di non riprodurre i propri animali se si sa di non poterli tenere a dovere nel periodo dello svezzamento e qualora non si riesca a darli via.. specie se parliamo di cucciolate enormi tipo quelle di boa o moluri.. è verissimo che la riproduzione rappresenta diciamo "la ciliegina sulla torta" della terrariofilia, ma io penserei anche al dopo riproduzione, nonostante quello dello svezzamento sia un periodo relativamente breve..
      Esempio pratico: io ho 2 brongersmai.. li ho presi unicamente perchè so che da adulti riesco a mettere su una struttura per entrambi di dimensioni decenti.. se tutto continua cosi saranno fertili nel 2013.. il problema è che non so se accoppiarli perchè non ho spazio per i piccoli.. e non mi va di accatastare un tot di fauna box manco fosse un magazzino..

      soprattutto quelli che cercano la riproduzione ad ogni costo, poi finiscono per svendere gli animali pur di liberarsene con le conseguenze del caso (cani e porci li acquisteranno perchè "convenienti", senza magari sapere come gestirli).
      il problema è che ci si deve basare per forza di cose su ciò che ti dice l'acquirente.. se quello ti dice che di colubridi ne alleva a migliaia e poi ti chiede come mai non mangia e scopri che è tenuto al freddo in una cantina "cosi i miei non lo vedono" senza cavetto (cosa successa a noi) uno si arrabbia si, ma non puoi farci nulla sul momento..

      Commenta


      • #4
        Mi piace la discussione. Siete stati molto esaustivi, comunque neanche a farlo apposta poco fa sono andato dal mio negoziante di fiducia, un ragazzo che con la fidanzata ha aperto un negozio di soli rettili (vabbè ha anche i pesci ma in sostanza non è un negozio di animali..), è un appassionato e anni fa presi da lui un reale, con la scusa del substrato (ho comprato un po di fibra di cocco) gli ho parlato del mio desiderio, mi ha rassicurato dicendomi che non c'è problema, se li vendessi tutti a lui a prezzo ridotto lui li rivenderebbe senza problemi, e avendo un attività non si ritroverebbe ad avere le difficoltà di allevarli prima della vendita, difficoltà che potrebbe incontrare una persona come me, che li alleva per passione. Sembrava quasi contento, magari gli conviene.. a questo punto continuo con le domande:

        - quante volte può riprodursi un serpente? Dopo un tot di tempo rischia la vita?
        - ogni quanto può riprodursi?


        Grazie a tutti.

        Commenta


        • #5
          - quante volte può riprodursi un serpente? Dopo un tot di tempo rischia la vita?
          - ogni quanto può riprodursi?
          dipende dalla specie.. in cattività viene accoppiato in media una volta l'anno.. diciamo che arrivato quasi alla vecchiaia è meglio smettere perchè magari possono sorgere problemi come la distocia e simili..
          A te va di c...o perchè li in Sicilia siete in pochi ad aver rettili a quanto ne so e ancora di meno sono i negozianti.. ergo quei pochi che ci sono cercano di fornirsi anche da te appassionato.. diciamo che il "mercato" è in via di sviluppo.. se poi lo conosci bene come dici hai fatto 31.. io per esempio a Torino dal mio negoziante mi sono preso una pacca sulla spalla con tanto di "ehhh ma non li venderei mai" in risposta alla domanda se poteva (ipoteticamente in futuro) prendere cuccioli di bronge e anche di cheynei (l'ultima di un mio amico che ha il mio stesso problema)..

          Commenta


          • #6
            beh allora mi sa che ci siamo... considera che ho anche altre amicizie, mio cugino è un malato ad esempio e ha avuto di tutto, ed è anche amico del negoziante.. diciamo che siamo pochi e che possiamo aiutarci

            comunque sono sempre idee.. dovrei prendere anche la femmina un giorno (e preferirei anche lei fosse etero albino) e costruire un secondo terrario grande.. ma se la situazione non cambia lo farò mooolto volentieri!!!

            tornando ai tempi di riproduzione, se un boa vive dai 20 ai 30 anni può accoppiarsi anche per 15?

            Commenta


            • #7
              Ciao. Ti dico la mia.
              Allora, non sono un professionista del settore nè un negoziante, ma solo un appassionato.
              Allevo una coppia di E.C.C. da una decina d'anni e...non li faccio riprodurre...nel senso, non faccio niente per stimolare il loro l'accoppiamento, tipo effettuare letargo assistito, aspettare la muta dell'uno e dell'altra, etc...ma " 'sti maledetti" s'accoppiano ogni inverno e così ogni inizio settembre, tornando dalle ferie, mi ritrovo una 15ina-20ina di cenchrietti cenchrietti che scorrazzano nel terrarione di papà e mamma
              Ah, già...mi ero dimenticato di dire che io credo che, come in natura, gli animali non debbano vivere separati...dunque, fatto salvo il primo periodo di quarantena dopo gli acquisti, ho sempre tenuto più di un esemplare nello stesso terrario (prima avevo anche delle guttate e dei reali, e tutti si accoppiavano e riproducevano spontaneamente).
              Tornando all'argomento "che ci faccio con tutti i piccoli?"...allora, fino a un po' di anni fa, tempo un mese dalla nascita, tempo che li "svezzavo" a forza di "coccole" e li abituavo al contatto con la mia pelle per farli diventare mansueti (10 minuti al giorno, a testa, di passeggiate sulle mie braccia) e a mangiare i primo pelo decongelati, li vendevo tutti entro Natale, a privati, ed anche a prezzi alti (tipo 120-130 ad esemplare); poi è successo che sono arrivati molti allevatori stranieri (per lo più dell'est-europa) nelle fiere ed hanno saturato ed abbattuto il mercato con prezzi decisamente più bassi (non sto discutendo la qualità di quello che vendono, intendiamoci) per cui mi è cominciato a diventare difficile "smaltire" gli animali in tempi brevi, e lo spazio dentro casa è quello che è, un conto è avere 15 epicratini di un mese, un conto averne 15 di 5 mesi...
              Inoltre, nel frattempo mi è successo una cosa molto bella...tipo che mi è nata una meraviglia bionda con gli occhi azzurri di nome Assia, che ora ha quasi 5 anni e che mi strappa il cuore e il tempo libero tutte le sere quando torno dal lavoro...e quindi ho molto meno tempo da dedicare ai "peppentini" (come li chiama mia figlia).
              Dunque, quelli che riesco a vendere nel primo mese, bene, gli altri li porto nei negozi e li lascio li in tentata vendita, tipo che li tengono e gli danno da mangiare, poi quando li vendono mi danno un tot ad animale (concordato prima col negoziante) e si tengono il resto (non voglio neanche sapere a quanto li vendono, ma credo sull'ottantina). Che altro dire? Ah, si, al primo cucciolo in assoluto della mia coppia di cenchria (era una femmina, nacque nel settembre 2005) ho fatto una sorta di imprinting e...bhè, non ci crederai, ma era un animale che, da adulta, arrivata a circa 2 metri di lunghezza, le aprivo la bocca e mettevo le dita dentro e non mi mordeva...questo per dire che, se magari ti informi prima sull'aiuto che ti possono dare i negozianti con la maggior parte della nidiata (e mi è parso di capire che non dovresti avere problemi da questo punto di vista), l'esperienza della gestazione/nascita/crescita di un cucciolo "tuo" è da vivere assolutamente...in attesa, in futuro, di vivere la gestazione/nascita/crescita di un TUO cucciolo di uomo...
              Oddio, sono andato troppo OT?
              Vabbè, è l'aria del Natale che arriva...
              Ciao e auguri

              Commenta


              • #8
                peccato che in natura i serpenti siano asociali e si cercano solo per accoppiarsi....poi sono curioso di entrare nella testa del serpente e vedere che pensa di uno che gli ficca il dito in bocca...apparte questo anche io ho gia preso accordi con un negoziante per la vendita dei piccoli....ma spero di piazzarne di piu tra amici e appassionati del forum...gente che se voglio posso contattare o sentire per vedere come procede con i cuccioli......

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da nic33 Visualizza il messaggio
                  ....ma spero di piazzarne di piu tra amici e appassionati del forum...gente che se voglio posso contattare o sentire per vedere come procede con i cuccioli......
                  si, ok, anch'io preferisco venderli a gente che conosco...ma poi, quando ti ritrovi una nidiata intera ancòra dentro casa dopo 3 o 4 mesi e non hai spazio, che fai? Li lasci per strada come fa la gente con i cagnolini d'estate?
                  Poi. Beato te che hai tempo di contattare la gente che ha comprato i tuoi cuccioli e, dopo anni, sapere come stanno...Io negli ultimi anni ne ho venduti credo dagli 80 ai cento, di baby di e.c.c., e secondo te posso andare a ricontattare i proprietari di tutti per sapere come procede? Certo, molti mi scrivono e mi mandano foto, e in quel caso sono ben felice di rispondere, ma andare magari dopo 3 anni a scrivere a un tizio che ho visto una volta sola e chiedergli come stanno i cenchria mi sembra pure invasivo della privacy altrui, no?
                  Per quanto riguarda le dita in bocca, mica gliele metto per lunghezza, ma di taglio, come quando si usa il bastoncino di plastica o di legno dei veterinari per fare l'ispezione orale, hai presente? solo che invece della plastica posso permettermi di usare le dita, senza correre rischi...

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da giuliano Visualizza il messaggio
                    le aprivo la bocca e mettevo le dita dentro e non mi mordeva..
                    ? E perché mai le mettevi le dita in bocca?
                    http://www.sanguefreddo.net/showthre...ate-ai-neofiti
                    ________________________
                    Se vi è di aiuto: http://www.sanguefreddo.net/showthre...age&highlight=(Setup in Samla per Morelia viridis)

                    Commenta


                    • #11
                      io non riprodurrei se non avessi la soluzione ai dubbi da te citati......poi non ho detto nulla contro il portarli in negozio....e la storia delle dita in bocca mi sembra inverosimile....anche se lui non morde i suoi denti sono lo stesso rivolti all'indietro e dubito si possa usare il dito come un bastoncino e poi sfilarlo senza problemi....

                      Commenta


                      • #12
                        molto bello il primo post di giuliano comunque sia se gli accordi con il negoziante saranno ancora validi tra qualche anno andrò incontro a questa bellissima esperienza!!

                        Commenta


                        • #13
                          per vedere quanto potesse arrivare ad essere docile un boide...
                          per vedere se veramente l'imprinting è una cosa vera o solo un modo di dire...
                          perchè ero SICURO che quell' animale non mi avrebbe mai morso, e infatti non l'ha mai fatto...

                          Commenta


                          • #14
                            voi dite che l'imprinting sia un aspetto riconducibile anche ad animali cosi primitivi? Quando lo studiai lessi che il primo esperimento fu fatto con le anatre (caso lorenz), si parlava comunque riferendosi ad animali nella quale si svilupparono forti cure parentali e dove si ha una prole debole.. i serpenti hanno una prole differente, e già da appena nati sono totalmente indipendenti dalla madre.

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da giuliano Visualizza il messaggio
                              per vedere quanto potesse arrivare ad essere docile un boide...
                              per vedere se veramente l'imprinting è una cosa vera o solo un modo di dire...
                              perchè ero SICURO che quell' animale non mi avrebbe mai morso, e infatti non l'ha mai fatto...
                              Quindi? cosa vuol dire? Non significa niente, anche io posso aprire la bocca del mio suriname e infilarci il dito dentro, non mi morde. Invece se cambio solo l'acqua alla Bci quella morde. Non significa certo che lui sia in un qualche modo imprintato, come si fa a parlare di imprinting con animali che già alla nascita sono completamente indipendenti . Non si legano a noi, in nessun modo. Non provano emozioni, se non quelle guidate dal loro istinto primordiale, come la paura.
                              http://www.sanguefreddo.net/showthre...ate-ai-neofiti
                              ________________________
                              Se vi è di aiuto: http://www.sanguefreddo.net/showthre...age&highlight=(Setup in Samla per Morelia viridis)

                              Commenta


                              Sto operando...
                              X