annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Potos velenoso?!?!

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Potos velenoso?!?!

    Salve a tutti, scusate ma girando per internet ho trovato questa cosa:

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   image.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 89.4 KB 
ID: 2034604

    Ma come è possibile?! Si sono sbagliati?

    ps leggete la parte in rosso

  • #2
    è la prima volta che lo sento, i cama se ne nutrono tranquillamente.
    Ciao, Gabriele

    Commenta


    • #3
      Infatti ho letto che per i calyptratus e per i pardalis è ideale perchè potrebbero mangiarne le foglie, e qui sul forum praticamente tutti la utilizzano senza problemi! Mah..

      Commenta


      • #4
        digian la fonte di questa immagine?
        www.jackreptiles.weebly.com

        Commenta


        • #5
          Ah giusto, ecco qui:

          http://www.verdiincontri.com/piante/...us_aureus.htm#

          Commenta


          • #6
            alloooooora, cercando qui e là si trovano varie fonti dov'è indicata la tossicità del pothos, quindi mi sono informata sulla famiglia. una parte della famiglia delle aracee sono velenose, nello specifico l'Arum (maculatum, italicum, pictum), cito da wikipedia [http://it.wikipedia.org/wiki/Araceae]
            Una parte di queste piante sono velenose (i frutti tipo bacche in particolare, ma anche i tuberi); solo il contatto con la pelle possono provocare dermatiti. Sono presenti cristalli rafidici diossalato di calcio segnati da solchi che insieme ad altri composti chimici hanno la particolarità di irritare il cavo orale e la gola. Sono presenti inoltre altri composti cianogeni insieme adalcaloidi.
            su questo blog se ne parla in termini relativamente blandi [http://chamerion.blogspot.it/2013/10...indapsus.html]
            TOSSICITÀ Non è velenoso, ma potrebbe essere tossico per gli animali domestici (anche se, sinceramente, non ho mai sentito di incidenti del genere). Il Pothos è una delle svariate specie vegetali che producono rafidi, microscopici cristalli aghiformi di ossalato di calcio. L'ossalato di calcio è una sostanza insolubile in acqua, ed è il tipico costituente dei calcoli renali.
            qui su un libro trovato su google books che parla del philodendron, suo parente, viene nominato assieme alla monstera come velenoso e irritante
            [http://books.google.it/books?id=kPQ6...enosa&f=false]

            Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Schermata 12-2456636 alle 15.12.07.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 21.7 KB 
ID: 2010706

            digian89 se non vedo male l'hai trovato qui l'articolo, vero? http://www.verdiincontri.com/piante/...sus_aureus.htm
            a me sembra che ne capiscano, per lo più... solo che se ne escono con certi sfondoni tipo "innaffiate in inverno se non è gelato il terreno" che sarebbe da rinchiuderli.

            Comunque per concludere, che animale ci devi mettere? Perché la cosa è semplice: se ci metti un erbivoro (anche solo parzialmente) è ovvio che come vede foglie ci si getta e rasa a zero, quindi è meglio che eviti. Se invece ci devi mettere un carnivoro/insettivoro/nonverdurofago allora fai pure, perché non corre rischi di sorta. Credo che molte persone che allevano utilizzino questa pianta come complemento del terrario senza problemi di sorta, quindi perché non puoi farlo anche tu? Magari se avete notato un comportamento strano, difficoltà respiratorie e quant'altro io comunque toglierei la pianta dalla teca degli animali, non si sa mai.

            Ricorda che comunque ci sono pochi "veleni" che uccidono senza passare per la fase di intossicazione. Il fatto è che più è potente un veleno, meno ce ne vuole per uccidere un essere vivente. Tendenzialmente anche il prezzemolo è tossico, specialmente se mangiato che non è ancora maturo, ossia sotto i 13 cm: tant'è che veniva utilizzato in quantità massicce quando c'erano gravidanze indesiderate a cui bisognava porre fine. La stessa noce moscata è allucinogena, solo che bisogna mangiarne l'equivalente di 5 o 6 frutti per sortire qualche effetto. Insomma, tutto è relativo: ovvio, se tu mangi una foglia di pothos magari ti viene da rimettere e poi stai a posto, oppure ti verrà una sfebbrata di una notte, sudi come mai nella vita e il giorno dopo stai meglio che mai. Ma questo per te essere umano a sangue caldo che pesi in media 75 kg e sei alto 180 cm, senza contare il metabolismo, invece che un lucertolotto di 20 cm per 200g (se ci arriva) a sangue freddo. è tutto relativo: lumache e chiocciole mangiano ovoli maligni e amanite e ti chiedono pure il parmigiano, mentre se entrano in contatto con il sale o la birra le loro cellule esplodono letteralmente, i cani non possono mangiare il cioccolato e ai gatti viene la diarrea se bevono il latte da adulti (se non sono stati abituati a berlo fin da piccoli). vedi un attimo tu, se ci metti serpente di certo non lo troverai a brucare, stai tranquillo che non gli succede niente

            O.T.: Nello specifico ho trovato sull'a. maculatum [Pan di serpe, pan di vipera, gigaro, Lords-and-Ladies, Gefleckter Aronstab, e da me anche chiamato "orecchio di frate"] che è tutta velenosa, nello specifico tuberi e frutti (causa nonsocché di calcio) comunque NON LA RACCOGLIETE QUANDO LA TROVATE NEI BOSCHI, la linfa al contatto con la pelle da dermatiti, se si è particolarmente soggetti si può arrivare allo shock anafilattico.

            http://it.wikipedia.org/wiki/Arum_maculatum

            Commenta


            • #7
              E' utilizzato da anni come elemento di arredo/alimento per tartarughe tropicali, Iguana, Brachylophus, Corucia, per queste ultime due specie e' alimento naturale anche in liberta' e non ha mai dato problemi. Anche i miei pardalis a suo tempo lo mangiavano volentieri
              Attualmente allevo:Cordylus beraduccii, Cordylus tropidosternum,Ouroborus cataphractus, Xenosaurus platyceps, Platysaurus imperator, Tiliqua gigas gigas, Tiliqua gigas keyensis, Tiliqua Irian Jaya, Celestus warreni, Egernia frerei, Hemispheriodon gerrardii, Ctenosaura defensor, Lepidophyma flavimaculatum,Geoemyda spengleri
              Contro la stupidita' gli stessi dei lottano invano
              un po' di foto https://www.facebook.com/marconyse/photos_albums

              Commenta


              • #8
                per l'appunto, come dicevo: dipende tutto dalla bestia che ci è a contatto, è ovvio che un animale che non abita le stesse zone della pianta sarà più sensibile alle sostanze che questa produce

                Commenta


                • #9
                  Allora io dovrei metterci un camaleonte, e infatti non avevo detto che non avrei potuto usarla, volevo solo sapere se era vera questa cosa . Come ho detto, i camaleonti "potrebbero" mangiarla, ma non è la loro fonte di cibo, quindi potrebbe essere che a basse "dosi" non comporta problemi, e infatti nessuno mi sembra che abbia avuto problemi
                  In ogni caso grazie, sei stata molto chiara!

                  Commenta


                  • #10
                    per quel poco che so e che riesco a mettere insieme per essere utile è un piacere =)

                    Commenta


                    • #11
                      se non sbaglio è tossico solo per i mammiferi

                      Commenta


                      • #12
                        anche per i pappagalli, ma anche lì dipende da specie a specie!

                        Commenta


                        Sto operando...
                        X