annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Longarone e novità

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Longarone e novità

    Con IMMENSO dispiacere non sono potuto essere dei vostri... appena riuscirò ad avere un'auto che mi permette di fare più di 200 km senza abbandonarmi arriverò ovunque!

    Che cosa avete visto di bello? Com'è andata?? Ci sono delle novità importanti? Avete visto dei terrari particolarmente ben fatti per i nostri cama??

  • #2
    ciao mr Burns
    Se ti devo dire la verita' ho visto tanti pardalis.qualche calippo e un paio di oustaleti .
    Di pardalis tenuti bene c'erano quelli di monocromo e Serena...piccoli ma belli, quelli di Stefano Mongiusti (che aveva se non errro anche piccoli calippi oltre a P.Diego Suarez-belli veramente e tutti tenuti a meraviglia e un triceros jacksonii)...
    Il resto ...lasciamo perdere...c'erano discreti ibridi,un Diego Suarez con una vistosa stomatite e una scottatura (ustione vera e propria ) al fianco.
    I 2 oustaleti che ho visto erano rinchiusi in un contenitore da alimenti e facevano Yoga per muoversi.....pessimismo e fastidio...
    per quanto riguarda i terrari seri...per camaleonti non ne ho visti,tranne naturalmente quelli che usavano per l'esposizione..in genere reptisky o artigianali piccoli.
    Ciao

    Commenta


    • #3
      nessuna novità, molta tristezza in ambito camaleontico. come ha detto Mik non c'era niente di meritevole tolti pardalis e calyptratus. Stefano Mongiusti aveva un fisheri (non un jacksonii, a meno che non me lo sia persa). Altrove ho visto un melleri in pessimissime condizioni, un oustaleti, un dilepis e un altro fisheri tutti di cattura.
      nessuna tentazione insomma!

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da Mirty
        Stefano Mongiusti aveva un fisheri (non un jacksonii, a meno che non me lo sia persa).
        Vedi Sabato dopo avere lavorato alla mattina e fatto 3 ore e mezzo di macchina...poteva avere anche un gatto...sarebbe stato un jacksonii comunque

        Commenta


        • #5
          non c'era niente di meritevole tolti pardalis
          Quei cama davanti ai tavoli di sanguefreddo......adulti e coloratissimi.........non erano dei bei cama.........? quando riesco vi mando una foto.....le mie scattate sono enormi 2272x1704 non riesco a rimpicciolirle ......

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da alex69
            non c'era niente di meritevole tolti pardalis
            Quei cama davanti ai tavoli di sanguefreddo......adulti e coloratissimi.........non erano dei bei cama.........? quando riesco vi mando una foto.....le mie scattate sono enormi 2272x1704 non riesco a rimpicciolirle ......
            Uno di quelli (il Diego Suarez mi pare)aveva una vistosa stomatite al labbro sx e una ustione nel fianco destro....gli altri del tipo in questione li ho visti di sfuggita sembravano ibridi (senza nulla togliere agli ibridi) tenuti in discrete condizioni....ma se uno porta a una mostra scambio un animale in quelle condizioni,mi pongo mille domande su come li possa avere allevati dalla nascita in poi....magari l'animale esteriormente e' bello...ma come sai contano anche alimentezione...calcio..etc.
            Comunque posta la foto che ti dico se e' lui...l'ho fatto vedere anche a Livio.
            Ciao

            Commenta


            • #7
              Peccato per quei Melleri(mirty ricordi che non stavano nemmeno sul ramo ma a terra poveracci)
              oustaleti e dilepis di cattura in scatolette di plastica minuscole,
              lo stesso esositore aveva anche un animale morto in una vaschetta che non ha mai tolto...
              Belli i pardalis di Monocromo e Serenin(ciao raga!)
              Belli i pardalis di Alessandro marini, si puo dire di tutto,
              ma a parte il cama con stomatite e bruciatura(che io ho visto fired-up era stupendo)
              i suoi parda erano bellissimi,
              ovviamente la mia "piccola" femmina di amnbanja stupenda venduta a due ragazzi(speriamo bene)
              molti calippini e calippetti
              il fischeri di angela ed infine stupendi anche i pardalis giovani di Renato e Sara,
              ma ancor meglio i loro terrari in alluminio e rete...Troppo belli e funzionali col veltro davanti...
              mi hanno dato una grande idea...

              Poi tanti incontri chiacchiere sanguefreddiane indimenticabili...

              Notte a tutti...

              Lucas

              Commenta


              • #8
                Scusate,ma perche' l'organizzazione di questo evento non impone delle regole di mantenimento e di esposizione ?
                Ad es. non piu' di tot cama in un terrario di xxx dimensioni ?
                E le temperature del luogo di esposizione ? Mi sembra qui si dica che c'era freddino.
                Bisognerebbe spingere un po' in questo senso altrimenti si rischia di avvicinarsi a condizioni espositive simili per dignita' (e non per temperature) a quelle di alcune bancarelle marocchine.

                Lo dico solo perche' in una manifestazione cosi' rinomata dovrebbe venir fuori piu' la passione che il commercio. E in definitiva lo dico per la salute e il rispetto degli animali,non me ne vogliate.

                Marzio

                Commenta


                • #9
                  Eh, già concordo, però è anche vero che ci sono molte spese e non è facile. Se un allevatore deve portare un terrario al massimo per due o tre cama significa che ne venderà solo due o tre, oppure che dovrà portarsi molti più terrari, il che aumentarà le difficoltà di trasporto e di conseguenza i costi. Io credo che per due o tre giorni di fiera un animale che di solito è ben tenuto può anche sopportare lo stress di condizioni più disagiate.

                  Altro discorso è per la temperatura, li dipende solo dall'organizzazione e dagli organi fieristici. E' comunque un problema che in futuro ci sarà di meno visto che d'ora in poi la fiera sarà solo a giugno.

                  Commenta


                  • #10
                    Io credo che per due o tre giorni di fiera un animale che di solito è ben tenuto può anche sopportare lo stress di condizioni più disagiate
                    ma stai scherzando? non stiamo parlando di un boa che se ne stà in una scatoletta tranquillo (si fa per dire), stiamo parlando di delicati cama magari anche montani (melleri) mi sta bene il viaggio, ma anche l'esposizione in scatolette è davvero troppo per loro, per di più se erano di cattura (non lo so) avevano già sopportato l'esportazione... non dai, quello che dici è proprio sbagliato.
                    Ciao, Gabriele

                    Commenta


                    • #11
                      quoto gabriele....massi-z,forse non sai che lo stress per i rettili,e in modo particolare per i camaleonti,può creare pericoli per la saluite della bestie,fino ad arrivare a rischi per la vita dello stesso animale....cartellino rosso a l'espositore e all'altro krukko che teneva 5 iguane denutrite e senza acqua in una teca che avrebbe potuto ospitare un solo baby leopardino...toh,forse 2

                      Commenta


                      • #12
                        sì i cama di cui parli Alex erano belli, ma sempre pardalis. io intendevo dire che speravo di vedere una varietà maggiore. anche i pardalis di Stefano Mongiusti e Monocromo erano belli allora!

                        Commenta


                        • #13
                          in effetti non c'erano molte specie di cama...meglio, poche tentazioni...
                          Ciao, Gabriele

                          Commenta


                          • #14
                            Quoto Marzio,Gabriele e Tatarimokke....non e' possibile veder un oustaleti in una scatoletta10x10 cm....oltretutto chissa quanti giorni c'e' stato....se lo si vuole uccidere almeno facciamolo con dignita'.
                            Il problema per i controlli penso che sia il solito....non e' facile controllare tutti,e forse nessuno se ne assume la responsabilita'.
                            ciao

                            Commenta


                            • #15
                              Ummm....avete ragione, scatolette così piccole sono proprio un'esagerazione, il mio ragionamento era almeno per un terrario di dimensioni normali, magari un po sovraffollato...

                              Il problema però resta, c'è chi ha questa passione quasi per lavoro (anche senza quasi) e resta la difficoltà di trasporto e di esposizione, non tutti hanno furgoni da utilizzare, e i tavoli non costano molto ma costano. Forse si potrebbe pensare a servizi ausiliari per chi vuole portare tanti animali tipo gabbie e terrari a noleggio sul posto, cosìcchè l'animale debba sopportare solo il trasporto. Oppure tenere la linea dura, far fare dei controlli seri con multe per maltrattamento nei casi più gravi.

                              Commenta


                              Sto operando...
                              X