annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

I CAMALEONTI DI PORTO SELVAGGIO (LE)

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • I CAMALEONTI DI PORTO SELVAGGIO (LE)

    Salve a tutti! nella riserva naturale di Porto Selvaggio, in Puglia, poco distante da Gallipoli, vive il chamaleo chamaleo. Pochissimi sono riusciti ad avvistarlo se non qualche contadino o qualche ricercatore paziente. Quando avevo 13 anni percorrendo la pineta e la macchia mediterranea di questo splendido posto ne ho avvistato uno anche io, ma la cosa non desto' stupore piu' di tanto poiche' all'epoca non ero interessato all'argomento.Oggi questo camaleonte e' super- protetto dalle autorita' forestali locali anche se presso l'istituto zoologico di Calimera (LE) e' possibile vedere da vicino qualche esemplare. Qualcuno di voi ha qualche notizia in merito? Foto o documenti sull'argomento?
    Grazie! Fabrizio

  • #2
    foto
    File allegati

    Commenta


    • #3
      Re: I CAMALEONTI DI PORTO SELVAGGIO (LE)

      Originariamente inviato da actarus67
      Salve a tutti! nella riserva naturale di Porto Selvaggio, in Puglia, poco distante da Gallipoli, vive il chamaleo chamaleo. Pochissimi sono riusciti ad avvistarlo se non qualche contadino o qualche ricercatore paziente. Quando avevo 13 anni percorrendo la pineta e la macchia mediterranea di questo splendido posto ne ho avvistato uno anche io, ma la cosa non desto' stupore piu' di tanto poiche' all'epoca non ero interessato all'argomento.Oggi questo camaleonte e' super- protetto dalle autorita' forestali locali anche se presso l'istituto zoologico di Calimera (LE) e' possibile vedere da vicino qualche esemplare. Qualcuno di voi ha qualche notizia in merito? Foto o documenti sull'argomento?
      Grazie! Fabrizio
      Non ho nessun documento o foto.
      Ho modificato il post in virtu' del fatto che sono stati cancellati alcuni messaggi.

      Commenta


      • #4
        Nella ricerca che ho condotto ho trovato purtroppo soltanto poche informazioni.
        Ecco qui:

        PORTO SELVAGGIO
        La limitata estensione dell'area protetta, una sostenuta frequentazione antropica, oltre alla densità della piantumazione, non hanno favorito la presenza e lo sviluppo di una fauna eterogenea. Ciononostante è la volpe l'animale che in più esemplari si aggira nel Parco, discreta è la colonia di donnole e ricci, una presenza di rilievo è data dai camaleonti. Il tasso, che qui si aggirava nel passato, oggi, è pressocché introvabile. L'avifauna è ben integrata, grazie anche alla presenza, all'interno del parco, del divieto di caccia: l'occhiocotto, il fringuello, il cardellino, il passero, il pettirosso, rappresentano la popolazione stanziale, mentre frequentano il parco, nella stagione della migrazione, il merlo, il tordo, l'upupa, la quaglia ed alcuni rapaci quali il falco grillaio ed il gheppio; rari esemplari di airone sono stati avvistati per brevi soste durante la migrazione. Tra i rettili si segnala la presenza di lucertole, ramarri, del biacco, dell'orbettino e del colubro leopardino, definito il più bel serpente europeo.



        Ciao,
        Fabio

        Commenta


        • #5
          Actarus67
          A quanto ho capito, sei della mia stessa zona, io vivo a pochi km da Gallipoli.
          Hai chiesto informazioni su un argomento poco conosciuto, in effetti anche io ero a conoscenza di questa presenza di chamaleo chamaleo a Porto Selvaggio. E' una cosa che in pochi sanno, e chi si occupa della protezione di questi animali evita di spargere voce.
          Anche io ho sempre preferito non parlare di questo argomento, specie su un forum pubblico, dove tra i vari utenti "seri" ce ne sono altri che non esiterebbero a fare una bella scampagnata a Porto Selvaggio per fare catture!
          Secondo me hai anche sbagliato ad inserire il post, comunque è un'opinione personale.
          Quello che so io è questo: da diversi anni, sembra ci sia una piccola colonia di c.c. in una zona nel parco naturale di Porto Selvaggio. Negli anni scorsi succedeva che i contadini portavano esemplari catturati durante le giornate di lavoro nei campi a Calimera,al museo/centro recupero animali.
          Dopo aver controllato gli animali, stato di salute e fatte le dovute registrazioni, gli animali venivano rilasciati in luoghi un po' più protetti.
          questo è quanto.
          Se non si riceve risposta subito, è inutile agitarsi, o per lo meno è sufficente "riportare a galla" il post con un semplice <<allora, nessuno sa niente?>> senza far inutili polemiche.

          questo vale per tutti

          Miriam

          Commenta


          • #6
            Fatto un po' di pulizia.
            Actarus, ti pregherei di moderare i toni nei tuoi messaggi futuri, il tuo atteggiamento su questo forum ti porterà da poche parti. Ti invito inoltre a indicare da dove proviene la foto che hai postato onde evitare guai col copyright.
            In merito alla tua domanda, non so risponderti. L'unico comune che ho visto in natura era sull'isola di Malta.

            Commenta


            • #7
              Qualcuno poi li ha avvistati?

              Commenta


              • #8
                è una discussione del 2004...evitiamo di riaprire discussioni così vecchie
                i coglioni sono molto più di due

                guarda come dondolo, guarda come dondolo.....con il gin

                Commenta


                Sto operando...
                X