annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

info calpyptratus e tecniche

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • info calpyptratus e tecniche

    ciao
    premetto che non ho camaleonti e non penso riuscirò ad averli in tempi brevi ma visto che adoro questi animali sto cercando di capire le varie esigenze in modo che quando inizio a cercare una nuova casa penserò anche allo spazio che dovrò dedicare loro. Il problema principale è un pò di confusione che purtroppo viene sentendo vari pareri da questo e altri forum oltre a una sorta di interrogatorio fatto a 3 veterinari, in particolare sul capyltratus. 3 veterinari su 3 esperti in animali esotici ho posto la domanda più "gettonata" vetro o rete? tutti e 3 mi hanno detto che il calyptratus essendo il più robusto si riesce a tenere in tece di vetre opportunamente arieggiare, cioè rete in basso avanti e rete in alto. Ciò gia va contro a ciò che si dice nel 90% dei siti. tenere in questo modo vuol dire tentare di farlo sopravvivere? o farlo vivere?(questa domanda non mi è venuta spontanea e la posto qui).
    ora scartando la teca di vetro, come gestire la teca in rete?
    la stanza dove alloggerà, presupponendo che in inverno sia riscaldata bene, e di conseguenza non tenere lampade in ceramica per riscaldare durante la notte, ogni tanto bisognerà anche lavare a terra e per far asciugare la stanza entrerà aria fredda e essendo in rete queste correnti che si creeranno non faranno danni?
    l'umidita.... si è parlato in vari post di non fare affidamento sugli idrometri ma nebulizzare 3 volte al giorno ma come faccio a sapere se la percentuale è giusta? basta vedere se le foglie e il terriccio delle piane sono unidi/bagnati? è la stessa cosa dell'umidità dell'aria? la lampada spot non secca l'aria?
    (quest'ultimo lo noto con la lampada in ceramica che uso con i 2 phelsuma gradis, dopo nebulizzato il senore dell'idrostato mi indica 70/80% di umidità poi quando scende la temperatura sotto i 25° parte la lampada e il sensore mi porta umidità al 40% nonostante le foglie delle piane continuano a gocciolare).
    Avevo chiesto in un altro post qualche settimana fa se con uso di ventoline se si poteva forzare il ricambio d'aria in teche di vetro ma mi era stato detto che tentativi del genere gia sono stati fatti con risultati non buoni, solo che non avevo specificato la posizione, cioè fare in modo che le ventole non portano aria dentro ma l'aspirano quindi posizionate al contrario. le correnti che si creano se sono dannose non lo possono essere anche quelle che si creano nelle teche di rete?(scusate se è ripetitiva quest'ultima ma mi ero dimenticato di specificare la posizione)
    spero di non essere noioso con domande che probabilmente sono state fatte ma i 3 veterinari e questa scheda mi hanno "rafforzato" dei dubbi che vorrei chiarire e questo forum rispetto ai tanti che ci sono in rete mi sembra il più idoneo visto che ci partecipano persone che oltre ad avere una certa preparazione in materia sono anche appassionati e amanti di queste creature


    ciao

  • #2
    ci saranno milioni, se non miliardi di discussioni che rispondono a tutte le tue domande! sono argomenti trattatti quasi ogni giorni!
    fai una cosa, se vuoi un camaleonte, leggiti l'ABC, applicalo alla lettera e non porti altre inutili domande che dicono se sia valido o meno ciò che c'è scritto nell'abc!
    quindi prima di fare domande già trattate, usa il tasto cerca e trovi tutto
    anche nelle ultime discussioni che trovi in area cama rispondi a quasi tutte le tue domande perchè gli argomenti trattati sono quelli!
    buona lettura

    Commenta


    • #3
      be ho questi dubbi proprio per aver letto l'abc che contrasta con ciò che 3 veterinari mi hanno detto riguardo la teca.
      la stessa cosa per l'umidità. Tutte le schede parlano di 80% ma come misurare 80%? Più corretto dire 3 nebulizzate al giorno piuttosto che dare un valore non misurabile.

      Commenta


      • #4
        I veterinari spesso non sono allevatori.. quindi ascolta quelli di questo forum che hanno esperienza vera e sanno quello che dicono!!
        Il terrario in rete è fondamentale!! Hai ragione sul fatto dell'umidità.. a meno di non avere strumenti davvero professionali per il calcolo dell'umidità è meglio affidarsi alle proprie sensazioni.. quindi nebulizzare in modo da garantire la salute del nostro animale in base alla stagione ed al clima!! certo è però che non si può generalizzare in assoluto dicendo in inverno nebulizzare 2 volte e in estate 4 perchè varia da specie a specie e anche da una situazione ad un'altra!!
        www.jackreptiles.weebly.com

        Commenta


        • #5
          i veterinari curano gli allevatori allevano, non è un caso se all'università non ci sono corsi ed esami sull'allevamento dei rettili.
          tutti e 3 mi hanno detto che il calyptratus essendo il più robusto si riesce a tenere in tece di vetre opportunamente arieggiare
          in questa frase c'è tutta la storia, è vero che è robusto ma ti sembra corretto sfruttare questa sua caratteristica per farlo sopravvivere in un terrario inadatto? Chiedi agli stessi veterinari se un cane lupo può vivere in un recinto 1x1 se opportunamente alimentato. La risposta è sì lui vivrà certamente, ma la qualità della vita di un animale (anche se è un rettile) non deve essere un aspetto secondario.
          Nell'ABC c'è la descrizione delle regole base per far vivere DEGNAMENTE un camaleonte, ovviamente andranno poi adeguate alla specie che ti interessa, è inutile e stupido cercare alternative, lasciamo alle persone con una certa esperienza il compito di sperimentare. Spesso nella terrariofilia accade una stranezza, sono proprio gli utenti inesperti che vogliono trovare soluzioni innovative...per tornare ai nostri vet. è come se uno studente del primo anno di veterinaria volesse inventarsi un nuovo e innovativo metodo per operare un animale...è sciocco.
          Ultima modifica di monocromo; 07-09-2010, 07:29.
          Ciao, Gabriele

          Commenta


          • #6
            immaginavo però ho preferito chiedere per avere delle conferme. appunto l'info che volevo era vivere o sopravvivere...
            per i veterinari almeno per chi studia ancora verissimo ciò che dici però a volte se non si provano nuovi modi per migliorare non c'è evoluzione.... un pò come il vecchio post che un utente aveva riaperto: fino agli anni 80 teche di vetro per i cama e morivano al massimo nel giro di 3 mesi poi qualcuno a deciso di stravolgere il tutto iniziando a provare voliere o teche in rete e tutto è iniziato ad andare bene. Naturalmente era, penso, qualcuno che ha tentato varie volte e vari modi fino a che non ha trovato la soluzione giusta.
            grazie per le info. La prossima casa che cerco valuterò bene che il sistema di riscaldamento funzioni bene e che la casa tenga il calore dove sono ora è praticamente impossibile per i cama purtroppo

            Commenta


            • #7
              Per il fatto della rete, ti posso spiegare percè occorre in rete, o perchè mi pare un pò ,come dire... singolare usare terrari in vetro per poi dover utilizzare ventole (fai una mistura fantastica.... errori fatti circa 15 anni fa dalla terrariofilia che si affacciava sul modno dei cama. adesso per fortuna le conoscenze sono ampliate, si riproducono, vivono in percentuale molto maggiore, e guarda caso dall'avvento del terrario in rete. E' un pò come usare i piccioni viaggiatori per comunicare, non ti arrestano, ma è scomodo, inefficace..
              Per la scheda che hai postato, mi son fermata alla fontana dell'acqua e al truciolo come fondo.. basta che tu ragioni se è il caso di mettere truciolo sul fondo di un terrario che va spruzzato tutti i giorni. Una genialata.
              Tra l'altro..... se uno non ha mai tenuto un cama difficile che prima di tenerlo crei metodi innovativi, come fa, va a caso? e tornare indietro di almeno 10 anni non mi pare proprio tutta questa innovazione.

              Commenta


              • #8
                non intendevo di cimentarmi in metodi innovativi vista la mia non esperienza in allevamenti... assolutamente
                intendevo che sono cose aggiunte che giustamente è in grado di fare (male o bene) chi ha gia esperienza e si è scontrato con delle problematiche sulle quali prova varie possibili soluzioni fino a trovare quella giusta.
                ad esempio prima esperienza mia con iguane circa 18 anni fa: finche non avrò una mezza stanza da dedicargli le andrò a vedere nei rettilari
                attualmente ho preso per i grandis una teca in vetro della ferplast + mobile, non lo farò più avrei risparmiato andando da un artigiano a farmi fare qualcosa cha dal pavimento saliva a 1.80 m.... e mai più sportelli in vetro scorrevoli sono di una scomodità incredibile e tante cose che purtroppo sto notando che sono veramente fatte male. Pensa che sul volantino della teca lo consigliano per iguanidi e camaleonti... e queste sono grosse ditte che danno delle informazioni a dir poco sballate.
                sono errori che avrei potuto evitare solo in un modo: non andare in negozio, info su info da chiedere e acquistare tramite internet cose scelte e pensate dopo un'attenta lettura delle esperienze esposte... e non andare in negozio ed essere innondati da innumerevoli stro...te. Inizialmente volevo partire con un giarrettiera o anolis e sono finito con i grandis dopo stupidi consigli quali metti un calippo e le idee che mi si confondevano sempre più. quando chiedevo degli anolis mi guardavano quasi storto poi vedendo su internet il costo di un subadulto o capito il perchè.
                scusatemi anche il piccolo offtopic-sfogo ma in giro ci sono troppi prof che sanno tutto loro, pensa che alcuni insistono ancora che il calippo può vivere 10 anni e questi li vendono.

                Commenta


                • #9
                  guarda consiglio che posso darti,il mio e il primo cama che,e seguendo i consigli del forum sta benissimo,terrario,in rete,piante,giusti integratori,e senza scervellarmi con tassi di umidita,nebulizzo 2/3 volte al giorno,e pensa che ha fatto la muta in un solo giorno senza residui.quindi fidati di loro,e lascia ai veterinari il loro compito di curare.

                  Commenta


                  Sto operando...
                  X