annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Phelsuma grandis e terrario

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Phelsuma grandis e terrario

    Rieccomi,
    come ogni stato mi dedico ad una nuova specie e quest'anno la scelta è caduta sulle Phelsuma grandis(le covavo già da un po ma l'insuccesso con la riproduzione dei ciliatus e l'acquisto a sorpresa dei G. vittatus mi hanno fatto desistere fino ad ora), tra l'altro piacciono anche a mia madre

    Il post è un po più impostato sul terrario quindi lascio ai moderatori la decisione se spostarlo in altra sezione o lascarlo qui

    Ho intenzione di acquistare un trio, per ora non m'importa molto l'età, ho già letto un po di care sheet e al più presto mi munirò di libro.

    Ora il problema che mi si pone è quello di allestire un terrario biotopo e funzionale allo stesso tempo.

    Il terrario sarà in vetro(scelta migliore per gechi che necessitano d'umidità abbastanza elevata), inoltre con delle canaline(tipo quelle che si usano per far scorrere i vetri) inserirò dei divisori in rete, così che all'occasione potrò separare uno degli esemplari senza doverlo stressare con il cambio di terrario(ovviamente non nel caso di malattia, li servirebbe quarantena e fauna sterile)

    Descritta questa impostazione di base ho bisogno dei vostri consigli per risolvere alcuni problemi tecnici.


    1) illuminazione e riscaldamento: necessitano di neon uv-a/uv-b(in che percentuale? 2.0 o 5.0)
    Penso che avendo il terrario divisibile in tre la cosa migliore si avere un neon che in lunghezza passa sopra a tutti e tre i comportimenti. Quindi ilt errario dovrebbe prevedere una sorta di vano superiore dove alloggiare il neon. Come divisorio tra le gabbie "abitabili" e il neon metterei della rete(so che il vetro filtra gli UV). Secondo voi è ok?
    Per quanto riguarda il riscaldamento: Avevo pensato ad un tappetino riscaldante o ad un cavetto ta porre sul fondo così che favorisca l'evaporazione dell'acqua nel substrato(più umidità) e in modo che mantenga una temperatura anche di notte e d'inverno.
    Il punto di balsking dovrà essere separato o secondo voi è fattibile gestire il riscaldamento solo con il tappetino.
    Nel caso dovessi aggiungere degli spot riscaldanti(il wattaggio si vedrà), li metterei affianco al neon, nel vano superiore; secondo voi riesce a scaldare da li?(tenendolo nel vano sarebbe protetto dalla rete senza pericolo che i gechi lo tocchino)


    2) ho sempre sentito dire che le Phelsuma sono molto veloci e "scattose" e quindi nasce il problema dell'apertura del terrario. Su questo fronte sono un po disorientato.
    Le dimensioni non sono ancora fissate ma andrebbero da un minino di 60x40x80.
    Con queste dimensioni non saprei bene come fare l'apertura. Avere un'apertura frontale o comunque frande quanto un lato non è troppo pericoloso(per la fuga degli animali)
    La soluzione migliore che ho pensato è questa:
    -Fare due aperture laterali di forma circolare ad altezze diverse, come quelle che si usano per il ricambio d'aria. In pratica monterei all'esterno del vetro una specie di telaio(un quadrato di legno con la rete in mezzo per far passare l'aria)rimovibile. Quando rimosso permetterebbe il passaggio del braccio.
    -le due aperture ipotizzate sopra non sono abbastanza per le operazioni si pulizia e altro ma solo per mettere cibo e nebulizzare. Quindi affiancate a quelle due aperture avrei in mente di rendere mobile il ripiano inferiore del vano luci(quello che separa il vano dalla parte abitabile)magari sezionando anche quello in uno o due parti così da aprire il terrario il meno possibile.


    In definitiva è ancora tutto un po confuso. Faccio appello a tutti gli esperti del fai da tè ma soprattutto a tutti quelli che hanno già avuto esperienze con i phelsuma per spiegarmi come hanno risolto i vari problemi, e come si sono trovati a gestire questi animali.

    Grazie in anticipo

  • #2
    allora avrei pensato a questa soluzione


    Metterei dei vetri scorrevoli(anche se non mi sono mai piaciuti molto)
    Lascerei anche il piano superiore sollevabile per l'inserzione dei divisori
    (dovrò fare un gran lavoro per fare lo sfondo naturalistico)
    Poi c'è il particolare del sotto dove metterò una retina per il riciclo d'aria.
    Inoltre sopra(non l'ho disegnato) farò comunque un vano luci.
    Penso che l'ultimo problema ora sia il riscaldamento.
    Secondo voi allora un cavetto o un tappetino da mettere sulla parete verticale di fondo, all'altezza del neon(poco sotto visto che il neon è fuori dall'area abitabile) basta per creare uina zona di basking ad almeno 30°

    Commenta


    Sto operando...
    X