annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Terrario BioAttivo

Comprimi
Questa discussione è chiusa.
X
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Terrario BioAttivo

    Buongiorno a tutti,

    sperando sia la sezione giusta dove postare, scrivo per chiedervi un aiuto. Da un po' di tempo sono venuto a conoscenza dei terrari bioattivi, ovvero dei piccoli "ecosistemi" dove vi è un ricircolo della materia organica e gli scarti organici dei nostri animali (pitone reale nel mio caso) diventano nutrimento per isopodi e collemboli, che a loro volta li trasformano e saranno utilizzati dalle piante nel nostro terrario (da quel che ho capito questo è il processo a grandi linee).
    Siccome sembrano esserci solo vantaggi in questo tipo di terrari (per chi come me possiede solo una specie, di cui due individui), ho deciso che mi piacerebbe intraprendere questa strada. Però navigando sul web sto facendo difficoltà a reperire le informazioni su come allestirne uno che sia mirato alla specie di mio interesse; infatti ho trovato solo siti web americani dove ti vendono il prodotto fatto e finito.
    Quindi, se volessi farne uno homemade, dove posso reperire le informazioni ed il materiale che mi servirebbe?
    Approfitto anche per chiedervi se avete delle foto dei vostri terrari per pitone reale da cui potrei prendere spunto?

    Per rendere l'idea io ho un terrario nuovo di zecca, in vetro di 80x50x50 (LargezzaxAltezzaxProfondità).

    Un ringaziamento in anticipo,
    Lorenzo

  • #2
    Date le dimensioni delle deiezioni di un Boide per questi animali e' impossibile fare terrari bioattivi, e' possibile solo per animali decisamente piu' piccoli e non sempre
    Attualmente allevo:Cordylus beraduccii, Cordylus tropidosternum,Ouroborus cataphractus, Smaug mossambicus, Xenosaurus platyceps, Platysaurus imperator,Zonosaurus ornatus, Tiliqua gigas gigas, Tiliqua gigas keyensis,Tiliqua Irian Jaya, Celestus warreni, Egernia frerei
    Contro la stupidita' gli stessi dei lottano invano
    un po' di foto https://www.facebook.com/marconyse/photos_albums

    Commenta


    • #3
      Ciao, come detto da marconyse anche io diffido su un risultato soddisfacente, in quanto bisognerebbe ricreare un ecosistema veramente complesso, non basta mettere una colonia di collemboli o altri degradatori, la parte più importante della degradazione organica poi la fanno i microorganismi...
      Quello che in un terrario risulta essere molto complicato è l'equilibrio, se una specie prevale sull'altra nel giro di poco perdi tutto, in questo caso sono più che sicuro che ad avere il sopravvento sarebbero acari e muffe.

      Inoltre devi anche considerare le esigenze di stabulazione che in questo caso non si incrociano molto, P.regius non ama climi molto umidi mentre i collemboli etc si

      Commenta


      • #4
        Un terrario bioattivo è possibile anche con ofidi dalle deiezioni troppo grandi per esser in modo soddisfacente decomposte difatti questa parte non decomposta viene smaltita meccanicamente tramite un nostro intervento.

        Commenta


        • #5
          Il che non c'entra nulla con i terrari bioattivi
          Attualmente allevo:Cordylus beraduccii, Cordylus tropidosternum,Ouroborus cataphractus, Smaug mossambicus, Xenosaurus platyceps, Platysaurus imperator,Zonosaurus ornatus, Tiliqua gigas gigas, Tiliqua gigas keyensis,Tiliqua Irian Jaya, Celestus warreni, Egernia frerei
          Contro la stupidita' gli stessi dei lottano invano
          un po' di foto https://www.facebook.com/marconyse/photos_albums

          Commenta


          • #6
            Esatto non sarebbe bioattivo, ma comunque le deiezioni non sono l'unico problema, creare un micro ecosistema non è mai semplice.
            Basta pensare agli acquari,quando un valore sballa succede un putiferio, pensa in un terrario dove l'unico modo di gestione è usando degli organismi.
            Per fare una cosa del genere ci vuole una conoscenza degli ecosistemi veramente alta, non basta mettere due onischi e pensare di fare un bioattivo, ci vuole equilibrio per evitare che una specie domini sulle altre e questo è quasi impossibile in terrario.

            Commenta


            • #7
              Non esuliamo dall'argomento trattato.
              Per sistema bioattivo si indica un sistema perturbato da organismi viventi in questo caso si trascura volutamente in sede di definizione, il soggetto del sistema.
              Noi non abbiamo mai parlato di sistema che mantenga immutati determinati caratteri senza l'ausilio dell'uomo, come in questo caso si è preso in considerazione il carico organico da sintetizzare.
              Volutamente non parlo d'equilibrio per ragioni che esulano a loro volta dal contesto.
              Si tratta dunque di mantenere gli organismi o l'organismo cosiddetto vivente all'interno del sistema dunque non trovo ragione per cui con ofidi sia impraticabile un sistema bioattivo.

              Commenta


              • #8
                LO e' vai tranquillo e' stato gia' provato da chi di bioattivo se ne intende, inoltre l'umidita' favorisce lo sviluppo anche di Ophionyssus con le solite conseguenze.
                Libero di provarlo ma evitiao di consigliare tecniche non sicure.
                Con questo chiudo la discussione
                Attualmente allevo:Cordylus beraduccii, Cordylus tropidosternum,Ouroborus cataphractus, Smaug mossambicus, Xenosaurus platyceps, Platysaurus imperator,Zonosaurus ornatus, Tiliqua gigas gigas, Tiliqua gigas keyensis,Tiliqua Irian Jaya, Celestus warreni, Egernia frerei
                Contro la stupidita' gli stessi dei lottano invano
                un po' di foto https://www.facebook.com/marconyse/photos_albums

                Commenta


                Sto operando...
                X