annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

nascite davvero inaspettate...(ciliatus)

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • nascite davvero inaspettate...(ciliatus)

    ...ultimamente non ho molto tempo da dedicare ai miei animaletti ; mi limito a dar loro da bere, da mangiare e controllare che siano in salute....
    ...fortunatamente sono sempre stato un sostenitore dei terrari naturalistici che vanno avanti un po' "da soli" ( quindi niente carta e piante di plastica, ma sabbia, torba e piante vere, oltre a grilli, ragni e tarme della farina libere nel terrario) ...
    ...ieri sera, quando sono entrato nella stanza degli animali, ho notato, con mio grande stupore, un piccolo geco in un terrario ( "UN RHACO"!!!)....subito ho iniziato le ricerche su dove avesse deposto le uova e, cercando, ho trovato il guscio vuoto, piu' altre 2 uova perfette(come minimo, perch mi sono fermato li') in fondo al vaso della Shefflera
    ...ora non mi resta che attendere la schiusa delle altre uova, di cui non ho la minima idea di quando siano state deposte e che temperatura abbiano sopportato...comunque il neonato sta benissimo, ha fatto la muta stamattina ed ora aspetto che inizi a mangiare (al momento ho messo nel terrario 4 mantidi religiose e voglio vedere se lo stimolano a mangiare )

  • #2
    COMPLIMENTI ANDREA!!!
    Io ho 4 uova in incubatrice, su due ho qualche dubbio, ma le altre sono ok.
    I miei hanno iniziato tardi a deporre, ma ora va tutto alla grande
    Ancora complimenti.

    Commenta


    • #3
      pensa che ho notato i primi accoppiamenti a febbraio...e continuano ad accoppiarsi tutt'ora...non ho idea di quante uova possano fare in una stagione, soprattutto perch hanno poco piu' di un anno di et e, sinceramente, pensavo fossero ancora troppo piccoli...

      Commenta


      • #4
        molto spesso i ciliatus sono riproducibili a 10 mesi...e poi non dobbiamo sottovalutare il costante e bilanciato regime alimentare che offriamo solitamente ai nostri animali.

        Commenta


        • #5
          E' verissimo la quantit di cibo che diamo a questi gechi li aiuta molto nella riproduzione.
          Senza contare che apparte i R. leachianus i [i]Rhacodactylus[i] ovipari iniziano ad essere riproduttivi molto presto, come detto da GetCoiled.

          Commenta


          • #6
            addirittura mi stato detto da alcuni allevatori americani che se non si permette agli animali (specie le femmine suppongo...) di avere una fase di "riposo stagionale" ("cooling", nutrizione ridotta, ecc.), mantenendo gli esemplari sempre in coppia o trio con parametri ambientali "fissi", queste continuano a riprodursi con una cadenza costante (cmq. variabile in base all'et dell'animale) e poi deperiscono velocemente (spesso fino alla morte) a causa della consunzione metabolica legata all'estenuante processo riproduttivo. Credo che ci sia altamente probabile. Tu Manu me lo puoi confermare?

            Commenta


            • #7
              E' molto probabile che queste voci siano veritiere, come ci sono specie che non producono pi di un massino di sei uova l'anno, ce ne sono altre che ne producono in continuazione se tenute a parametri fissi.
              Tra queste ci sono i R. ciliatus, che come appunto hai detto se non gli si da un periodo di pausa si rischia il deperimento delle femmine, questo vale con tutte le specie che hanno queste capacit riproduttive.
              Io gi con un abbassamento della temperatura ed una buona alimentazione riesco a rimettere in sesto le femmine per la primavera, questo vale ache per i gechi con ritmi riproduttivi pi bassi.

              Commenta


              • #8
                Interessantissimo questo topic!
                La stessa cosa dei ciliatus credo che in un certo senso avvenga anche con le Dendrobates, o per lo meno con quegli anfibi o rettili che vivono in regioni dove non ci sono grandissimi sbalzi di temperatura e umidit annuali.
                Anche le Dendrobates infatti possono essere tenute tutto l' anno a temperatura costante, ottenendo un numero molto alto di deposizioni ( le mie per un mese sono andate avanti a fare dalle 5 alle 10 uova ogni sei giorni!!!) se sono alimentate adeguatamente, salvo poi causare un rapido deperimento della femmina.
                Credo quindi che un periodo di pausa con temperature leggermente pi basse non possa che giovare a questi animali.

                P.S. Complimenti per la nascita Andrea!!! Quand' che posso venire a Rosignano a vedere i tuoi animaletti???

                Commenta


                • #9
                  Andrea, congratulescions!

                  Riguardo alla durata delle stagioni riproduttive credo che aldil di quello che sia possibile fare, sia sacrosanto concedere alle nostre femmine un meritato riposo invernale! Mettetevi nei loro panni, poverette...

                  Commenta


                  • #10
                    Verissimo e oltre al mettersi nei loro panni bisogna pensare che la vita delle nostre femmine durerebbe molto meno della comune media tenendole in riproduzione 365 giorni all'anno

                    Commenta


                    • #11
                      la cosa strana che ho notato, visto che ai miei animali (tutti) faccio fare un bel periodo di riposo invernale, che i primi accoppiamenti si sono verificati per appunto in gennaio, con una temperatura media di 17C e alimentazione praticamente nulla

                      Commenta


                      • #12
                        la cosa strana che ho notato, visto che ai miei animali (tutti) faccio fare un bel periodo di riposo invernale, che i primi accoppiamenti si sono verificati per appunto in gennaio, con una temperatura media di 17C e alimentazione praticamente nulla
                        Ed infatti le deposizioni le hai avute molto pi avanti, il maschio probabilmente ha deciso di accoppiarsi, magari dopo un paio di giorni con 2 o 3C pi del solito, ma ci non ha dato le condizioni alla femmina per ovulare e quindi niente uova.
                        Il discorso della riproduzione continua per tutto l'anno vale se le temperature vengono tenute sui 25C.

                        Commenta


                        • #13
                          ma ci non ha dato le condizioni alla femmina per ovulare e quindi niente uova.
                          secondo me, la femmina ha trattenuto le uova fino a\che non salita la temperatura; gi a met febbraio, intravedevo perfettamente le due uova dal ventre della madre, ma non si decideva a deporre (tanto che io ho cominciato a dubitare che quelle che vedevo fossero uova o, peggio, che non riuscisse a deporre)
                          il fatto che non mi sono mai accorto dell' avvenuta deposizione perch, quando la controllavo(anche tutt'ora,) la femmina presentava sempre due uova ben visibili

                          Commenta


                          • #14
                            Effettivamente una cosa che ho notato anche io.
                            Forse possibile che l'ultima ovulazione prima della bruma o durante essa venga effettivamente trattenuta(forse senza essere fecondata) fino all'innalzamento della temperatura stagionale.

                            Ma per il momento resta una teoria, magari quando mi torna sotto mano do un'occhiata al libro di De Vojoli, tu che ne pensi?

                            Commenta


                            • #15
                              io, purtroppo, a parte le poche cose schematiche che ho trovato su internet, non ho notizie dettagliate sui Rhacodactylus...per me sono animali totalmente nuovi, da studiare...

                              hai per caso qualche sito aggiornato, da visitare?

                              Commenta


                              Sto operando...
                              X