annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Sauro in libertà

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Sauro in libertà

    Eccomi di nuovo qui per chiedervi cose impossibili.
    Esistono sauri che possono vivere liberamente all'aperto in un giardino?

    Ovviamente non proponetemi le comuni lucertole.

  • #2
    I tegu argentini! ma devi attrezzarti per scongiurare qualunque forma di fuga...

    Commenta


    • #3
      io tengo tre tegu in gardino..sono bellissimi e stanno da favola..... sono già fuggiti 3 volte ....attento
      ٩(͡๏̯͡๏)۶ Brevices for life.... life for breviceps

      Commenta


      • #4
        anche il phisignathus lesuerii... ma devi prevedere una qualche forma di protezione e recinzione. Spero che per "libertà" tu non intenda avere il sauro in giardino come un cagnolino... questo non è ne possibile ne auspicabile! si parla sempre e comunque di terrari all'aperto, con OTTIMA chiusura....

        Commenta


        • #5
          Andrea ha ragione.
          Per un sauro una recinzione da cane e sormontabile in due mosse , il meglio è costruitr un grossa gabbia, ma comunque chiusa nella parte alta, magari da una rete a maglie larghe.
          Senza contare che i baby tegu possono essere soggetti ad attacchi di rapaci(un mio amico ebbe una brutta esperienza a proposito), per cui prevenire è meglio che curare

          Commenta


          • #6
            Io l' anno prossimo se cambio casa ed il giardino è abbastanza spazioso credo ne prenderò una coppia...
            Quanto dev' essere grande la recinzione per farli stare belli larghi?
            A me piacerebbe fare una cosa fatta bene: un bel muretto di cemento interrato per evitare fughe e ingresso di ospiti indesiderati, una copertura parziale del tetto per fornire una zona d' ombra nei giorni di solleone e magari un piccolo laghetto per farli sguazzare.
            Che ne dite, è fattibile la cosa?

            Commenta


            • #7
              la struttura in muratura per un trio di 2 femmine ed un maschio dovrebbe essere almeno di 2mx4m, interrata di almeno 50cm ed alta almeno 150cm
              Copetura e laghetto vanno bene.

              Commenta


              • #8
                Non è poco interrata per 50 cm? Io sapevo che scavano veramente parecchio.
                La cosa che mi preoccupa di più è il periodo di letargo.
                E' sicuro farlo fare all' aperto? Più che di temperature troppo basse avrei paura che qualche animale ( leggi ratto) potesse intrufolarsi dentro e approfittare del letargo per farsi uno spuntino col Tegu indifeso.

                Commenta


                • #9
                  Se hai la possibilità di effettuare uno scavo più profondo tanto meglio! il letargo in giardino non è un problema per i topi (che puoi ovviare con reti metalliche a maglia fine da mettere in alto sulla struttura) ma la temperatura che è meglio non scenda sotto +5 °C. L'alternativa e far fare il letargo in una cantina controllata, ma così si creano altri problemi: molti Tegu infatti muoiono durante il letargo perchè non hanno svuotato perfettamente l'intestino; in giardino invece le giornate non diventano fredde da un momento all'altro e l'animale ha il tempo di smettere di mangiare e allo stesso tempo di trovare saltuariamente giornate più calde che lo aiutino a completare i cicli digestivi.
                  L'alternativa è far fare il letargo in cantina in uno spazio ampio, con presente per un paio di mesi uno spot di scarso vattaggio, un cassone con foglie e torba umidi e un contenitore per l'acqua: cosi che il tegu possa secondo le proprie necessità farne uso se ne sente il bisogno, prima di cominciare il letargo vero e proprio

                  Commenta


                  • #10
                    guardati il sito di bert www.agamainternational.com i miei arrivano da lì.....
                    hanno un anno e sono circa 60 cm...o poco più...il primo inverno lo hanno passato in casa visto che sono nati a settembre....ma questo lo faranno sicuramente fuori.....l'importante è che abbiano la possibilità di scavare moltissimo anche fino a un metro di profondità per trovare un posto riparato e in cui la temperatura è stabile......

                    io tengo i miei liberi in giardino.... tutto attorno vi è un muro alto 60 cm e sopra di esso una rete alta 2 metri... i tegu non arrampicano.... per il letargo credo creerò una sorta di ingresso in un muro a secco che loro già gradiscono molto..... preferiscono infilarsi nel muro piùttosto che scavarsi una fossa per seppellirvisi dentro e una volta alloggiati a loro piacimento dalla fascia sovrastante troverò il modo per creare una botola in modo da poterli osservare periodicamente o prelevarli in caso di prolemi.....

                    a me sono già figgiti dal loro recinto un paio di volte, non potendo comunque evadere dal giardino e quindi...li lascio abbastanza liberi. Il problema ratti durante il letargo non esiste... benchè assopiti sono sempre in gradi di difendersi.

                    FONDAMENTALE L'ELIMINAZIONE DEI RESIDUI ALIMENTARI DALL'INTESTINO..... per cui se decidi di tenerlo all'aperto che sia per tutto l'anno....se fa troppo freddo non avere paura dagli solo modo di trovarsi un riparo sottoterra LA NATURA NON SBAGLIA MAI
                    ٩(͡๏̯͡๏)۶ Brevices for life.... life for breviceps

                    Commenta


                    • #11
                      molto interessante marco, sarebbe bello vedere una foto della tua recinzione all'aperto !
                      altra cosa: il loro carattere com'è ? stando semiliberi non è che diventano poco avvicinabili ?

                      Commenta


                      • #12
                        Per esperienza personale i tegu argentini non sono particolarmewnte aggressivi, se attaccano non è per cattiveria o per difesa ma solo perchè la loro fame è insaziabile..... una volta presi in braccio non hanno mai tentato di mordermi. (le unghie sono invece la cosa peggiore) sempre per esperienza personale ho trovato in generale i rufescens più tranquilli rispetto ai merianae.
                        Tutto questo ovviamente non vale per i cugini colombiani....
                        Io non potendo scavare nel giardino più di 40 cm il letargo lo faccio fare in cantina nel modo che ho detto sopra!

                        Commenta


                        • #13
                          HO preso i merinae perchè avevo sentito diventassero docili.... beh per ora esperienza personale...nulla di più FALSO...sono fieri e aggrssivi..aggrediscono qualsiai persona si avvicini al recitno con balzi di anche 60 cm...mordono si difendono con colpi di coda piuttosto potenti....questo quando il sole è alto e sono super attivi..altrimenti sono tranquilli...ma solo perchè ancora con il metabolismo...da carburare......

                          personalemte ho visto un adulto di un metro...seguire il padrone come un cane...mangiargli dalle mani e lasciarsi accarezzare...ma non so dire se dipenda dal fatto che crescendo si tranquillizzino o perchè sia stato talmente maneggiato da cucciolo da essersi abituato......o meglio direi stressato

                          PERSONALMENTE RITENGO NON ABBIANO PIACERE A ESSERE MANIPOLATI E CIO' SIA SOLO UN DISTURBO PER LORO..tuttavia spero i miei si calmino un po'..... in effetti uno è molto più tranquillo mentre gli altri due...una furia
                          ٩(͡๏̯͡๏)۶ Brevices for life.... life for breviceps

                          Commenta


                          • #14
                            E' normale che i cuccioli siano aggressivi rispetto agli adulti, vale per quasi tutti i sauri ..., soltanto i rufescens ho trovato essere molto docili da subito.
                            Crescendo il merianae per natura si tranquillizza moltissimo (a differenza del teguixin) e come dici sopra, ti segue ed è molto docile, ma credo sia indispensabile dedicargli un po' di tempo al giorno per abituarlo ad essere maneggiato, e non credo che questo sia fonte di stress alcuno!
                            Attualmente ho un soggetto che supera abbondantemente il metro e sono felice di poterlo gestire manualmente con molta tranquillità, anche solo per aiutarlo a togliere bene la muta dalle dita, dalla coda e dalla testa (cosa che adora!) quando si presenta la necessità!
                            Ho avuto modo di dover gestire un teguixin di medie dimensioni per curargli una infezione alle dita, dovuta a mute fatte male in seguito ad una errata alimentazione ed è stata una esperienza a dir poco allucinante!! Salti, morsi, frustate, soffi... mi mancava il completo sado-maso da domatore...!! Una volta acchiappato e tenuto fermo nel cinto scapolare (con guanti di pelle fino al gomito...) non mancava ovviamente di scagazzarmi copiosamente...!
                            Detto questo credo valga la pena maneggiarli da subito e spesso! tanto più se è un merianae, visto che ha tutte le potenzialità di diventare un animale tranquillo.

                            Commenta


                            • #15
                              Sì, però maneggiarlo coi guanti!!!
                              Fammi capire Marco, ma si incacchiano anche quando vai a portar loro il cibo o solo quando si sentono minacciati?
                              A me sinceramente i merianae sono quelli che piacciono di più esteticamente, ed a quanto si dice hanno un atteggiamento più " costruttivo" nei confronti del padrone.
                              Da quanto avevo letto in rete anche su AgamaInternational mi sembrava di aver capito che non sono lucertole così ingestibili.
                              Daltronde non credo sia una passeggiata di salute gestire un lucertolone di 1,5 metri che non ne vuole sapere di farsi toccare o avvicinare ( questo non tanto per il desiderio di maneggiarlo, quanto piuttosto perchè spesso è una necessità farlo!).

                              Commenta


                              Sto operando...
                              X