annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Sphenodon punctatus

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Sphenodon punctatus

    ciao ho cercato delle informazioni sul web ma non ho trovato niente! sapreste dirmi se è detenibile! se si le dimensioni del terrario e tutto ciò che gli servirebbe?
    grazie

  • #2
    A quanto pare il nome comune sia " Il Tuatara", leggi qui L’orologiaio miope L'ultimo dei Rincocefali: il Tuatara (Sphenodon punctatus)

    Commenta


    • #3
      eh magari.... vorrebbe dire che non è in pericolo di estinzione....
      purtroppo è un animale rarissimo, legato al mito Durrel.

      Commenta


      • #4
        quindi è molto difficile da reperire?

        Commenta


        • #5
          "difficile"... forse è più appropriato "impossibile" da reperire.

          Commenta


          • #6
            Quoto

            Commenta


            • #7
              Il tuatara è assolutamente impossibile da detenere, sia per la totale irreperibilità, gli unici esemplari al di fuori dal paese d'origine sono detenuti da strutture specializzatissime e sorvegliatissime, sia per l'impossibilità di riprodurre le sue condizioni ottimali di vita..
              Un mio carissimo amico che ha avuto l'immenso onore di collaborare per due anni ad un progetto presieduto da William "Bill"Haast del Miami serpentarium laboratories, dove nel 1990 era detenuta una colonia di 8 esemplari di tuatara (in lopgo separato dalla struttura segreto e presidiato dai militari) è riuscito a vederli e fotografarli.
              Solo tre persone erano abilitate ed autorizzate a vedere e gestire gli animali stabulati in un locale climatizzato con temperatura massima di 13° C. in poche parole un immenso frigo.
              Per un immenso colpo di culo riuscì a entrare nelle grazie del responsabile del progetto, il quale al termine del lavoro a Miami non solo gli fece visitare la struttura, ma dopo adeguata sterilizzazione e aver indossato una tuta biohazard lo fece entrare nell'area dove erano stabulati gli animali.
              Ha fatto delle fotografie stupende. Ad oggi quelle foto non sono mai state pubblicate su precisa richiesta di Bill Haast per tenere l'interesse su questo tesoro mondiale più basso possibile.

              Piero

              Commenta


              • #8
                Studi recenti hanno dimostrato che se le temperature continueranno a salire le specie di Sphenodon si estingueranno fra circa venti anni; gli unici esemplari al di fuori della nuova Zelanda sono poche decine negli zoo piu' importanti del mondo dove vengono mantenuti a basse temperature con impianti di aria condizionata. Attualmente in Europa dovrebbero essercene 2 allo zoo di Basilea e 4 in quello di Berlino dove il terrario di 25mq e' mantenuto con temperature fra i 13e i 18°. Sembra che in natura la vita di questi animali oscilli fra i 90 e i 120 anni con una maturita' sessuale a 25 circa
                Ultima modifica di marconyse; 25-01-2009, 16:28.
                Attualmente allevo:Cordylus beraduccii, Cordylus tropidosternum,Ouroborus cataphractus, Xenosaurus platyceps, Platysaurus imperator, Tiliqua gigas gigas, Tiliqua gigas keyensis, Tiliqua Irian Jaya, Celestus warreni, Egernia frerei, Hemispheriodon gerrardii, Ctenosaura defensor, Lepidophyma flavimaculatum,Geoemyda spengleri
                Contro la stupidita' gli stessi dei lottano invano
                un po' di foto https://www.facebook.com/marconyse/photos_albums

                Commenta


                • #9
                  ...e come non citare a questo punto l'ennesimo "autogol" o, se preferite, "zappa sui piedi" che si sono dati aitanti conservazionisti a digiuno di analisi filogenetiche, nell'aver per anni riprodotto a loro stessa insaputaSphenodon guentherixSphenodon punctatus... Un po' come accadde negli USA con il costituire una colonia di Cyclura cychlura ssp. in realtà ibridate con Cyclura nubila ssp... In entrambi i casi il frutto di sforzi, tempo e denari impegnati è stato "distrutto" con la sterilizzazione della progenie geneticamente "contaminata". Ennesimo esempio di cosa accade quando non si antepone la tassonomia alla pratica erpetoculturale.

                  Commenta


                  • #10
                    Questa non la sapevo Get! Certo una bella perdita di tempo, denaro e animali!
                    Attualmente allevo:Cordylus beraduccii, Cordylus tropidosternum,Ouroborus cataphractus, Xenosaurus platyceps, Platysaurus imperator, Tiliqua gigas gigas, Tiliqua gigas keyensis, Tiliqua Irian Jaya, Celestus warreni, Egernia frerei, Hemispheriodon gerrardii, Ctenosaura defensor, Lepidophyma flavimaculatum,Geoemyda spengleri
                    Contro la stupidita' gli stessi dei lottano invano
                    un po' di foto https://www.facebook.com/marconyse/photos_albums

                    Commenta


                    • #11
                      giusto per capire,un progetto di riproduzione in cattività ha dato frutto per anni dei guentheri x punctatus?
                      cioè,fare delle adeguate analisi genetiche a monte del progetto no?
                      stiamo parlando del gnere erpetoculturalmente + interessante e fanno leggerezze simili...assurdo!

                      Commenta


                      • #12
                        sembra quasi una barzelletta.. comunque è un sauro dannatamente affascinante..

                        Commenta


                        • #13
                          NON e' un Sauro, e' un Rincocephalus
                          Attualmente allevo:Cordylus beraduccii, Cordylus tropidosternum,Ouroborus cataphractus, Xenosaurus platyceps, Platysaurus imperator, Tiliqua gigas gigas, Tiliqua gigas keyensis, Tiliqua Irian Jaya, Celestus warreni, Egernia frerei, Hemispheriodon gerrardii, Ctenosaura defensor, Lepidophyma flavimaculatum,Geoemyda spengleri
                          Contro la stupidita' gli stessi dei lottano invano
                          un po' di foto https://www.facebook.com/marconyse/photos_albums

                          Commenta


                          • #14
                            comunque una persona nota nell'ambiente sembra che anni fa abbia detenuto per conto dell'universita alcuni esemplari che ha poi dovuto restituire. descriveva con enfasi il fatto che dopo due anni il loro peso e le loro dimensioni erano cambiate veramente di poco. (io non ho modo di verificare ma la persona è estremamente credibile nell'ambiente). inoltre l'anno scorso girava voce che 6 esemplari sarebbero stati presenti ad hamm.....

                            Commenta


                            • #15
                              Se non vado errato, se ne e' parlato proprio oggi a TGCOM, almeno credo proprio fosse un tuatara quello del video.
                              Video Mediaset.it
                              Qui trovate il video di apertura, ma non trovo quello "completo".
                              NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

                              Commenta


                              Sto operando...
                              X