annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Sternotherus carinatus

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Sternotherus carinatus

    mi sapreste dare qualche info su questa tarta?? sui vari siti e sul forum ho trovato olo l'odoratus...nn mi ricordo come si scrive...
    tipo: quanto mangia? cosa mangia? carnivora come la pelodiscus sinesis???
    quanto diveta grande???
    quali sono le condizioni ideali per allevarla??
    come dovrebbe essere allestito il terracquario...
    ect ect...
    grazie!

  • #2
    www.tartaland.it --> schede --> Sternotherus odoratus, il modo di allevamento e' piu' o meno lo stesso.
    Ad ogni modo e' difficile da trovare come animale ultimamente e necessita di molte attenzioni.

    Altrimenti www.clemmys.de (mi pare) c'e' roba interessante, www.sternotherus.de ... se non capisci il tedesco copi il link, vai su google, clicchi su strumenti per le lingue e traduci dal tedesco all' inglese...

    Commenta


    • #3
      grazie! per una cosa sola, le grandezze sono differenti??sai per caso quanto cresce???
      a longarone ci sar questa specie???ha bisogno di cites???

      Commenta


      • #4
        Le carinatus crescono un pochino di piu', ma bene o male in cattivita' arrivano entrambe sui 10 cm o poco piu'. Non hanno bisogno di CITES.
        Difficile trovarle a longarone visto che non se ne sono viste al tartarughe beach, magari qualche espositore straniero... pero' non si sa mai...

        Pero' se le trovi baby ti sconsiglio vivamente di prenderle perche' piccole sono davvero delicatissime e necessitano attenzioni piu' che giornaliere oltre che un po' di pratica nel gestirle

        Commenta


        • #5
          cio??perch sono cos delicate???che cosa hanno???

          Commenta


          • #6
            Oltre ad essere molto delicate da baby, hanno bisogno di acqua davvero bassa perche' non nuotano, va cambiata spesso ma facendo attenzione agli sbalzi di temperatura, va usata acqua preferibilmente della bottiglia, il livello basso dell' acqua non permette di inserire riscaldatori e bisogna ingegnarsi in qualche modo per far si che la temperatura non sia troppo "ballerina", cosa probabile quando la quantita' d' acqua e' poca, vanno alimentati con Artemie, chironomus, pinheads e quanto di piu' piccolo possa esserci... ecc..ecc..
            In generale e' una specie molto delicata da baby nel senso che se non si danno attenzioni costanti e si garantisce un buon allevamento crepano...

            Commenta


            • #7
              grazie mille dei mille chiarimenti!!!!!
              sono ancor pi attratto da questa specie!!!!
              anche se mi attira molto la carettochelys insculpta...questa ha bisogno di cure particolare????

              Commenta


              • #8
                carettochelys insculpta...questa ha bisogno di cure particolare
                Direi forse una delle piu' complicate... inoltre dovresti attrezzarti di una piscina perche' superano il mezzo metro e hanno bisogno di molto spazio...
                Su "Il mio acquario" nr. 65 c'e' un articolo di un mio amico (nonche' di SFN) che le alleva, e' interessante

                Commenta


                • #9
                  non che potresti riportarmi qualche info???????????????????????????
                  grazie in anticipo

                  Commenta


                  • #10
                    le carettochelys sono fantastiche, infatti sto pensando di allestirmi (sto pensando a 1000 tartarughe diverse da prendere... ... utopia...) per prendere una coppia, ma come ho scritto sopra ...... utopia...

                    le carettochelys hanno bisogno di un acqua salmastra, e passano la loro vita gran parte in acqua, si nutrono di pesciolini e vegetali, e sono originarie dell' australia (solo da li potevano venire, sono fantastiche) te le sconsiglio a meno che tu non sia disposto a costruire una vasca di almeno 2m x 2m x 1.5m, per un solo esemplare... non il massimo..
                    depongono nella sabbia uova sferiche e fanno parte della famiglia delle tartarughe a guscio molle.

                    Commenta


                    • #11
                      dunque, qui puoi scaricare l' articolo di Stefano (non io, il mio amico) e dargli una lettura. E' un pdf di reptilia inglese. Ti consiglio di salvare col tasto destro...

                      www.reptilia.net/articulos_ing/033.pdf

                      Chi l' ha scritto e' un amico e soprattutto un grande (Seba su SFN ma non scrive mai)!!! Dagli una lettura che merita... appassionato di tutto quello che e' gigante... ora tiene separato il maschio che e' diventato enorme dalle femmine che sono rimaste piccole, per un fattore di aggressivita'... Devo andare a trovarlo a giorni mi rifaro' gli occhi...

                      Commenta


                      • #12

                        Commenta


                        Sto operando...
                        X