annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

rag le tartarughe mangiano le loro stesse uova???

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • rag le tartarughe mangiano le loro stesse uova???

    nel mio cortiletto ho sotterrato delle uova e ho desso delle cose attorno per evitare che la mamma tarta vada dentro... lei fa di tutto per entrare... ha una forza pazzesca e sposta tutto.... ogni volta la trovo sempre sopra la terra tutta spostata...ho paura che rompe le uova o le mangia... è possibile??? posso farla entrare tranquillamente oppure meglio di no? credo capisca che ci sono le uova e per questo vuole entrare..o no?... è possibile che voglia stare sopra proprio perche le sente?

  • #2
    Probabilmente ha deposto nel punto da lei preferito come esposizione al sole e vuole andarci ma non per mangiare le uova, semplicemente perché gradisce il luogo.
    Solitamente le tartarughe non mangiano le loro uova, recentemente ho letto di una acquatica che lo ha fatto, ma credo sia rarissimo anche per loro.
    Non farla comunque entrare la tartaruga nel recintino delle uova più che altro per evitare che pesti troppo il terreno rendendolo durissimo o che comunque possa calpestare i piccoli quando nasceranno, rinforza il perimetro!
    Ma a quale specie appartiene la tua tarta per curiosità? Puoi postare qualche foto che mi fa sempre piacere vederle?

    Commenta


    • #3
      ImageShack - Hosting :: img080614131927fl7.jpg non so se cosi si vede.... ma ci provo... questa foto l ho scattata il primo giorno...quando l ho portata da me... ma se nascono non dovrebbero avere difficoltà a uscire dalla terra? con la pioggia la terra diventa piu dura

      Commenta


      • #4
        Barbara ha ragione, alla tarta del fatto che li ci siano le uova non gliene puo' fregar di meno
        L'interesse e' sicuramente per il luogo, non per cio che "nasconde".
        NON rispondo a messaggi privati relativi ad allevamento ecc, usate il FORUM!

        Commenta


        • #5
          da cio si capisce che è un buon luogo... quindi non la faccio entrare...

          Commenta


          • #6
            Per conoscenza, le mie acquatiche, ogni volta che hanno deposto in acqua, hanno puntualmente divorato le uova.
            Questione di gusti

            Commenta


            • #7
              Banalmente, potrebbe dover deporre nuovamente (raro, ma non così tanto) e ovviamente, in un ambiente limitato, il posto che lei trova più attraente è sempre lo stesso della volta precedente. Il rischio per la covata precedente è che le uova vengano rotte o messe allo scoperto. Le tartarughe, fatta salva una specie palustre europea, non praticano cure parentali al nido, non difendono le uova e non si curano dei piccoli.

              Simone
              Simone

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da getulus72 Visualizza il messaggio
                Banalmente, potrebbe dover deporre nuovamente (raro, ma non così tanto) e ovviamente, in un ambiente limitato, il posto che lei trova più attraente è sempre lo stesso della volta precedente. Il rischio per la covata precedente è che le uova vengano rotte o messe allo scoperto. Le tartarughe, fatta salva una specie palustre europea, non praticano cure parentali al nido, non difendono le uova e non si curano dei piccoli.

                Simone
                Simone
                Se è una terrestre neanche poi tanto raro e la tua ipotesi è davvero credibile. Ma qual'è la palustre eurpopea che pratica cure parentali al nido?

                Commenta


                • #9
                  Mauremys caspica, ho un articolo che descrive il nest guarding della femmina e, siccome mi sono incuriosito ho controllato se ci fosse qualche altra specie che praticasse cure parentali e ne ho recuperato un altro dal nostro database di ateneo...per chi fosse interessato ecco il riferimento bibliografico:
                  Iverson, J. B. (1990). "Nesting and parental care in the mud turtle,
                  Kinosternon flavescens," Canadian Journal of Zoology 68:230-33.

                  Simone

                  Commenta


                  • #10
                    Grazie Simone, adesso mi documento un pò, questa non la sapevo e mi incuriosisce! grazie anche per i riferimenti bibliografici

                    Commenta


                    Sto operando...
                    X